Articolo
20 giu 2012

Targhe alterne ancora in vigore: proposte

di Antony Passalacqua

A seguito delle notizie apparse su alcune testate giornalistiche, il provvedimente sulle targhe alterne è ancora in vigore così come precisato dall'Assessore alla Mobilità Tullio Giuffrè: " Il Piano del Traffico adottato dalla precedente amministrazione, ma non ancora approvato dal consiglio comunale, ha cancellato il provvedimento delle targhe alterne, introducendo le zone a traffico limitato. Non essendo tale Piano stato ancora approvato in via definitiva, resta attualmente in vigore il provvedimento che prevede le targhe alterne per i veicoli fino ad Euro 3 e nessuna limitazione per i veicoli Euro 4 e 5 e per i veicoli a metano, Gpl o ibridi" Riportiamo qui di seguito l'ordinanza e le limitazioni:   (altro…)

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
29 giu 2010

Il punk è morto, e le centraline dell’inquinamento a Palermo pure!

di sandman

http://151.1.183.204/archimedia/amia/fe_nuovo.php3?art=39&tabella=h_bacheca&livello3=36&sezione=259&livello4=39 Qualche decina di anni fa si diceva: il punk è morto. Prendiamo spunto da quella frase per dire che a Palermo la maggior parte delle centraline del monitoraggio della qualità dell'aria, anche loro sono morte, e poche altre sono in agonia. Prove alla mano: clicchiamo sul link dell'AMIA di sopra (il percorso di navigazione è www.amianet.it e poi cliccare su "servizi", quindi click su "archivio storico"). Andiamo al Bollettino del 28/06/2010, poi andiamo ad un qualsiasi bollettino di febbraio 2010, ad es. prendiamo il 26 febbraio 2010. Apriamo i due documenti pdf e vediamo le differenze. Nel bollettino più recente mancano molti dati (n.d.). In quello meno recente vengono riportati molti più dati sugli inquinanti. E se vediamo i bollettini di mezzo, notiamo un costante decremento dei dati riportati dalle centraline. E che significa? Che le centraline stanno morendo, alcune sono ancora in agonia, ma la maggior parte sono già morte, altrimenti perché non dovrebbero riportare i dati nei database quotidiani ? Desta molta meraviglia un fatto: nell'edizione del 29 giugno 2010 della trasmissione radio "ditelo a RGS" il direttore del GDS chiede al vicesindaco di Palermo di fargli pervenire nel pomeriggio i dati sull'inquinamento atmosferico per fare i confronti tra i periodi pre e post provvedimento "targhe alterne" (cioè marzo 2010), su vivido sollecito del consigliere comunale Faraone anche lui al telefono in collegamento in trasmissione. I dati dell'inquinamento atmosferico di Palermo rilevati dalle centraline sono da una vita sul sito web dell'AMIA!!! (altro…)

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
27 mag 2010

Nel silenzio, continuano le targhe alterne

di Antony Passalacqua

Nel silenzio, continua ancora ad essere vigente l'ordinanza sulle targhe alterne. Non poche sono state le polemiche nei mesi scorsi, e ad oggi il traffico nelle nostre strade non sembra affatto diminuito. Anche i controlli lasciano a desiderare. Complice anche l'enorme dispiegamento di vigili urbani allo Zen-2. Ma a questo punto, cosa c'è da fare? Facile addossare le colpe solamente ai bus, ma c'è solo da fare una buona programmazione e soprattutto "sistema". Quali potrebbero essere le proposte per il breve-medio termine? Elenchiamo le nostre... (altro…)

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
27 feb 2010

Targhe alterne: da metà Marzo nuovo provvedimento

di Antony Passalacqua

Nei giorni scorsi, ci siamo volutamente tirati fuori dal gran balletto di annunci e smentite, proprio per evitare di offrire solo confusione. Sembra che adesso le idee siano chiare (o quasi): I mezzi euro 0-1-2-3 saranno sottoposti al vincolo della circolazione a targhe alterne.Escluse le auto euro 4-4, ciclomotori e scooter e sicuramente tutta la carovana in possesso del mortificante e inglorioso "PASS". Stavolta però, il provvedimento non sarà esteso a tutta la città ma ad un perimetro molto ristretto compreso fra viale Regione Siciliana e la parte costiera.Escluse le borgate marinare. Non ci resta che attendere la pubblicazione dell'ordinanza. E ancora attendiamo: spostamento dei Pullman da via Brasa, i lavori per adeguare l'ingresso del parcheggio Basile ai bus, il PUT e la nuova Ztl che da esso nascerà, la nuova rete Amat, l'acquisto di nuovi Bus, il bike sharing, nuove corsie protette da cordoli (corso Tukory, viale Strasburgo, viale Michelangelo, via Roma, via Papireto, via L. Da Vinci e se fosse necessario pure la circonvallazione coi new jersey).Sembrerà assurdo ma dove vige anarchia e regna la legge del più indisciplinato, si rendono necessarie queste misure come i cordoli. C'è altro nell'elenco delle attese, tante altre cose da noi chieste e proposte. Attendiamo i prossimi giorni, ma la nostra pazienza ha un limite...

Leggi tutto    Commenti 15
Articolo
19 feb 2010

Smog: una spiegazione contro i luoghi comuni?

di Amico di MobilitaPalermo

Pubblichiamo un intervento inviatoci da Guido Spoto in merito il problema della qualità dell'aria in città. L'utente ci invita a riconsiderare la questione "smog" alla luce di dati prodotti dall'Ordine degli Ingegneri di Palermo: [...]vi leggo da parecchio tempo e, visti gli ultimi provvedimenti (attuati e/o "minacciati") di limitazione del traffico a Palermo, vorrei sottoporvi un documento (che vi allego) tratto dal numero 6 (giugno 2009) del Bollettino Ufficiale dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo. In tale documento viene affrontato in maniera scientifica il problema dello smog nella citta' di Palermo e ne vengono tratte delle conclusioni che, probabilmente, sono molto differenti da quelle che ciascuno di noi puo' immaginare. In particolare, in estrema sintesi, l'articolo rileva che a Palermo: - l'unico agente inquinante che supera frequentemente la concentrazione limite e' il PM10; - i superamenti della concentrazione limite solo in minima parte possono essere imputati al traffico cittadino; - i fattori che innalzano la concentrazione di PM10 sono principalmente la diffusione (ancora troppo alta) di vecchie caldaie a gasolio, le attivita' portuali e fenomeni atmosferici quali il vento di scirocco. Inoltre vorrei sottolinearvi il seguente passaggio, tratto dall'articolo in questione: <<L'articolo 16 della Costituzione afferma che 'ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità e di sicurezza'. Pertanto, il presupposto che il provvedimento sia funzionale a garantire la salute e la sanità è fondamentale non può essere genericamente citato ma piuttosto deve essere dimostrato anche tenendo conto dei risultati che il provvedimento stesso determina>>. SCARICA IL DOCUMENTO : QualitaAriaPalermo (numero 6)

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
18 feb 2010

Blocco auto 14 Febbraio: aumentano vidimazioni biglietti e le corse bus

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa dell'Amat circa i propri risultati ottenuti durante il blocco auto dello scorso 14 febbraio L’autobus è stato il vero protagonista della domenica a piedi. Dai dati elaborati dall’Amat emerge un quadro confortante che riguarda le obliterazioni e il numero di corse effettuate nel giorno del divieto di circolazione per le auto private. Rispetto alla media che si riscontra ogni domenica, il numero delle obliterazioni si è incrementato di 4.160 unità. E così anche le corse effettuate, +574, e i chilometri percorsi, +3.900.       Le differenze sono notevoli, considerato che il biglietto ordinario valeva nove ore invece di 90 minuti. Per quanto riguarda le obliterazioni, la media domenicale è di 7.400 vidimate, mentre nella giornata senza auto hanno toccato la punta di 11.560. Senza il traffico, gli autobus hanno potuto svolgere un numero maggiore di corse. Se la media domenicale si attesta a 4.800 corse, il dato delle corse effettuate domenica 14 febbraio è stato di 5.374. Tanti i chilometri in più che sono stati percorsi dalla flotta dei bus: 37.600 rispetto alla media domenicale di 33.700.     Al successo del mezzo pubblico è corrisposto quello del Car Sharing. Rispetto alla media dello scorse domeniche, nella giornata ecologica, la domanda per utilizzare l’auto condivisa ha avuto un incremento del 400%. I chilometri percorsi sono stati il 500% in più. Boom di contatti al sito carsharingpalermo.it (+250%) e di pagine visitate (+300%).     “Chi si è mosso in autobus domenica scorsa ha potuto vedere un servizio efficiente e puntuale – afferma Mario Bellavista, presidente dell’Amat -. La partecipazione dell’azienda all’iniziativa è stata affrontata da tutti i dipendenti con grande professionalità. Sono certo – continua il presidente – che i cittadini cominciano ad apprezzare il trasporto pubblico di massa come strumento alternativo all’auto. Anche sul fronte della rete vendita – conclude Bellavista -, da domani sarà possibile abbonarsi anche in piazza Alcide De Gasperi, al chiosco Amat. Un altro punto vendita, che si aggiunge a quelli di via Borrelli, via Giusti e piazza Sant’Antonino, per agevolare i nostri clienti”.    (altro…)

Leggi tutto    Commenti 4

Ultimi commenti