Articolo
13 giu 2018

Rinascono lo stand Florio e il Faro di Capo Gallo

di Mobilita Palermo

Proseguono le attività di recupero delle strutture costiere siciliane di proprietà dello Stato, immobili situati in contesti paesaggistici unici e affascinanti che possono rinascere ospitando nuove funzioni ed attività, creando così concrete opportunità di sviluppo per l’economia locale. Ieri, all’interno dello Stand Florio di Palermo, il Direttore Generale dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi e il Sindaco Leoluca Orlando, insieme al Soprintendente dei Beni Culturali Lina Bellanca e all‘Amministratore Unico della «Stand Florio Unipersonale s.r.l. » Fabio Vajana, hanno presentato il restauro di questo edificio, costruito nel 1905 su progetto di Ernesto Basile. I lavori di riqualificazione, iniziati nel dicembre 2017, sono stati completati per la sala principale dello Stand Florio, la cosiddetta «Tavernetta del Tiro», dove ieri si è tenuta la presentazione del progetto. Nel corso dell’anno proseguiranno gli interventi per portare a termine il recupero completo dell’edificio e della sua area esterna. Affacciato sul lungomare meridionale di Palermo e per molti anni inutilizzato e oggetto di attività e occupazioni abusive, lo Stand Florio, a restauro concluso, sarà un contemporary hub, con un caffè letterario e una sala lettura nell’edificio principale. Il primo piano sarà adibito ad area espositiva temporanea, utilizzabile anche per set fotografici e piccoli eventi. Nel giardino storico ospiterà un’arena per 300 posti e spazi per mostre temporanee, fiere e presentazioni. L’edificio secondario sarà invece dedicato alla ristorazione e alle cucine. Il percorso di riqualificazione di questa splendida struttura, caratterizzata da una connotazione architettonica moresca, s’inserisce nell’ambito del progetto Valore Paese-FARI, l’iniziativa dell’Agenzia del Demanio e Difesa Servizi SpA, arrivata alla terza edizione, che promuove la rinascita delle strutture costiere italiane attraverso progetti di recupero e valorizzazione in partneship con i privati. Lo Stand Florio, inserito nel bando 2016, è stato aggiudicato per 50 anni alla «Servizi Italia s.r.l.» che ha costituito la società di scopo «Stand Florio Unipersonale s.r.l.» per la gestione e pagherà un canone annuo di 14.400 euro, a fronte di un investimento complessivo di 600.000 euro. “La Sicilia è la protagonista assoluta del progetto Valore Paese - Fari: l’Agenzia del Demanio ha già assegnato 8 strutture che sono in corso di riqualificazione - dichiara Roberto Reggi, il Direttore dell’Agenzia del Demanio - Lo Stand Florio rappresenta un importante pezzo di storia di Palermo e dopo anni di abbandono, oggi è quasi pronto per tornare ad essere un luogo d’incontro e di socialità con spazi dedicati alla lettura, alla cultura e all’arte. Il suo recupero sarà uno spunto importante per ispirare altre operazione di rigenerazione su tutto il lungomare. Per l’Agenzia del Demanio – continua Reggi - è una grande soddisfazione riuscire a realizzare iniziative di riuso che abbiano un impatto reale sulla quotidianità dei cittadini e, come in questo caso, che siano capaci di accrescere la straordinaria ricchezza di questo posto. Operazioni possibili grazie anche alla collaborazione degli enti locali che governano il territorio: non a caso più tardi saremo, sempre con la Città di Palermo, al Faro di Capo Gallo per formalizzare la concessione del bene all’amministrazione comunale, che lo prenderà in gestione per valorizzarlo e renderlo nuovamente fruibile.” La concessione del Faro di Capo Gallo alla Città di Palermo avrà una durata di 19 anni ed è finalizzata ad affidare la struttura, in passato alloggio dei faristi, al Comune che ne avvierà il recupero occupandosi anche del consolidamento del costone roccioso circostante, per renderlo nuovamente accessibile. Il progetto del Comune prevede di trasformare il Faro in centro di accoglienza e di educazione ambientale permanente, con un piccolo centro acquariologico e un osservatorio marino locale per l’avvio di percorsi didattici ed iniziative legate alla gestione dell’Area Marina Protetta. "Due luoghi simbolo del rapporto tra Palermo e il suo mare - sottolinea il Sindaco Leoluca Orlando - due luoghi simbolo del rapporto che troppo a lungo Palermo ha dimenticato e ha negato con una delle sue risorse principali. Oggi grazie alla collaborazione con il Demanio parte un percorso importante che restituirà ai cittadini e alla comunità questi spazi. Che questo avvenga nell'anno di Palermo capitale della cultura non è un caso perché cultura e anche riscoperta del nostro patrimonio, è anche cultura del mare e della sua tutela, è anche cultura della valorizzazione dei nostri beni che possonodivenire volano di nuova socialità e nuovo sviluppo". La scheda della riqualificazione del faro di Capo Gallo: La scheda della riqualificazione dello stand Florio:

Leggi tutto    Commenti 18
Articolo
15 dic 2017

Stand Florio: al via i lavori di riqualificazione

di Mobilita Palermo

Sono iniziati ieri i lavori di riqualificazione dello “Stand Florio” di Palermo, una delle strutture del bando “Fari, torri ed edifici costieri 2016”. Dopo i lavori nasceranno un caffè letterario, una sala lettura (che sarà utilizzata anche per eventi mostre temporanee e con un piccolo spazio libreria) e un’area divulgativa/culturale per presentazioni, lectio, giornate formative. Il progetto di valorizzazione prevede anche il recupero del giardino e delle aree esterne che diventeranno un’area ristorazione, uno spazio per eventi culturali e sociali, un palco e un’arena per 300 posti, una concert hall per 300 posti e una grande agorà per mostre temporanee, esposizioni, fiere e presentazioni. La società Servizitalia srl, palermitana, si è aggiudicato il bando. Il contratto è stato firmato lo scorso 14 luglio. L'edificio faceva parte di un più ampio complesso immobiliare, che comprendeva anche il Kursal sul mare, ed è uno bellissimo esempio di palazzina in stile liberty mediterraneo era stato sequestrato dai vigili urbani del nucleo patrimonio artistico su ordine della magistratura. Adesso la nuova società, amministrata da Fabio Vajana, sul progetto approvato dalla Soprintendenza farà rifiorire circa 4000 mila metri quadrati di spazi che saranno destinati alla cultura, al turismo e all'ospitalità grazie alla concessione di valorizzazione fino a 50 anni prevista dal bando di gara. Lo Stand Florio è dotato di un chiostro in stile islamico moresco a pianta ottogonale e viene anche chiamato dai palermitani "Taverna del Tiro" perché per molti anni è stato utilizzato per le gare di tiro della nobiltà cittadina, prima di divenire un magazzino merci durante la seconda guerra mondiale. "Certo è una scommessa, ma abbiamo bisogno che anche la pubblica amministrazione sia la Regione che il Comune credano nel rilancio della fascia costiera orientale", ha detto Fabio Vajana amministratore della società Servizitalia". Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 6
Segnalazione
21 giu 2017

Risorgono lo stand florio e il faro di capo zafferano?

di belfagor

Buone notizie per lo Stand Florio di Via Messina Marine e il Faro di Capo Zafferano a Santa Flavia. I due monumenti ,di proprietà del demanio, saranno affidati per un periodo di circa 50 anni a dei privati per recuperarli e trasformarli in strutture produttive e culturali, Lo Stand Florio si trova nella zona della “Colonnetta” ( di fronte all’ospedale Buccheri La Ferla) e fu realizzato da Giovan Battista Basile, su progetto di Ernesto Basile,  nel 1905, in uno dei tratti più suggestivi del litorale palermitano, per la famiglia Florio. E’ ritenuto uno dei gioielli del liberty palermitano. Da anni era in uno stato pietoso, in balia dei vandali e dei ROM . La Servizi Italia soc. Coop a.r.l. la trasformerà in uno spazio per incontri, mostre, concerti all’aperto e..... coking area(?). Il Faro di Capo Zafferano invece sarà affidato alla Top Cucina Eventi Srl che la trasformerà in una struttura multifunzionale con bottega del gusto, ristorante, tre suite e un..... museo del mare ( un altro?). Una volta ultimate le verifiche amministrative previste dalla gara si dovrebbe procedere alla stipula dei contratti di concessione. Subito dopo dovrebbero iniziare i lavori di recupero e di qualificazione delle opere, chiaramente a spese dei privati . P.S. Speriamo che tali progetti siano fattibili e soprattutto economicamente sostenibili. Qualche dubbio , nonostante tutto , rimane. Lo Stand Florio si trova in un contesto ambientale fortemente degradato. Nell’ottobre 2012  venne sequestrato dalla polizia municipale su provvedimento della magistratura. Il provvedimento di sequestro si era reso necessario a causa del grave stato di abbandono, di degrado e rovina del monumento e delle aree circostanti ricolme di rifiuti pericolosi. Stessa sorte era stata riservata per l'adiacente ex istituto di puericultura Solarium e per le casupole realizzati abusivamente nell’area pubblica circostante gravemente degradata ed estesa per circa 1000 metri quadrati. Come si vede si tratta di un intervento “impegnativo” , che non può limitarsi semplicemente al recupero strutturale dell’opera. Prima dell’intervento sarebbe utile che si intervenisse per “bonificare” l’area , abbattendo le case abusive e rendendo l’area circostante fruibile. Chiaramente ciò non può essere fatto dal privato ma dalla pubblica amministrazione.

Leggi tutto    Commenti 2    Proposte 0
Articolo
06 giu 2016

Lo Stand Florio, un monumento abbandonato che nessuno vuole

di belfagor

Il pomeriggio del 1/06/16 , un violento incendio ha devastato l’area adiacente lo Stand Florio. La struttura è abbandonata da anni ed è spesso luogo di bivacco di nomadi e senzatetto che la utilizzano come rifugio e come deposito di spazzatura . L’area circostante è diventata una discarica a cielo aperto di rifiuti di ogni genere compreso l’eternit e rappresentano una grave minaccia per la salute pubblica. Spesso, durante la notte i “ladri di rame” accendono roghi rendendo altamente insalubre l’aria della zona.. Ricordiamo inoltre che difronte l’edificio  sorge il San Paolo Palace el’Ospedale “ Buccheri La Ferla”. Lo stand Florio si trova nella zona della Colonnetta” e fu realizzato da Giovan Battista Basile, su progetto di Ernesto Basile,  nel 1905, in uno dei tratti più suggestivi del litorale palermitano, per la famiglia Florio. E' ritenuto uno dei gioielli del liberty palermitano.  Lo stile pero è profondamente influenzato dalla cultura islamica, inoltre è una delle prime strutture siciliane di età moderna costruite utilizzando il ferro. Al centro presenta una cupola rossa  molto caratteristica. Venne utilizzato a lungo per gare di tiro al piccione ( da qui anche il nome di TAVERNETTA PER IL TIRO AL PICCIONE) e di sport acquatici da parte della nobiltà palermitana. Tra le due guerre subì un lento declassamento anche se mantenne un certa dignità.  Durante la 2° guerra mondiale venne utilizzato come magazzino per le truppe . Dopo la guerra  divenne un solarium per il vicino ospedale “Buccheri La Ferla”, successivamente fu trasformato in un ristorante ed infine sala per bigliardini e ritrovo di gente malfamata. Dal 1985 sono stati effettuati diversi interventi di restauro, però  al restauro, tuttavia, non ha fatto seguito alcun utilizzo , pertanto l’edificio è stato lasciato in stato di abbandono. Nell’ottobre 2012  venne sequestrato dalla polizia municipale su provvedimento della magistratura. Il provvedimento di sequestro si era reso necessario a causa del grave stato di abbandono, di degrado e rovina del monumento e delle aree circostanti ricolme di rifiuti pericolosi. Stessa sorte era stata riservata per adiacente ex istituto di puericultura Solarium e per le casupole realizzati abusivamente nell’area pubblica circostante gravemente degradata ed estesa per circa 1000 metri quadrati. Ma nonostante il sequestro, nulla si è fatto per recuperare l’edificio e la zona circostante. Come capita spesso su questo edificio da decenni è in atto il classico gioco dello scaricabarile. In sostanza, l’edificio sarebbe di proprietà della Capitaneria di porto che vorrebbe cederlo alla Regione o al Comune, ma a quanto sembra tali enti non sono particolarmente interessati all’acquisizione.  Finché il bene non passerà all’assessorato regionale o comunale competente, l’incuria e il degrado la faranno da padrona. Il problema è capire quando questo passaggio avverrà e se avverrà in tempo per sottrarre un’opera di enorme importanza artistica ed architettonica alla completa distruzione. L’incendio di qualche giorno fa  ci fa sospettare che presto il  “problema scomparirà definitivamente”.

Leggi tutto    Commenti 74