Articolo
17 set 2020

ANELLO FERROVIARIO | Completato il solettone in area 7.2A

di Fabio Nicolosi

E' sicuramente uno dei cantieri che più importanti dell'intero appalto della chiusura dell'anello ferroviario. Ci troviamo infatti in pieno centro a Palermo, piazza Castelnuovo conosciuta anche come Politeama. Le foto che oggi vi proponiamo mostrano l'avanzamento dei lavori. Nei giorni scorsi è stato completato il getto di calcestruzzo in area 7.2B. L’operazione è iniziata il pomeriggio del 09 Settembre e si è protratta fino alla prima mattina di Giovedi 10 Settembre. Adesso i lavori si stanno concentrando sulla restante parte della piazza, l'area 7.2B e 7.2C, sicuramente le aree più impegnative viste le dimensioni e visto che la 7.2C sarà anche l'area da cui si accenderà al cantiere una volta liberate le aree in superficie. A piazza Sant'Oliva sarà realizzata la nuova rampa di accesso al cantiere sotterraneo che consentirà di rimuovere tutta la terra per la realizzazione della fermata. Tornando alla piazza, ultimati i lavori in superficie entro fine anno, la piazza sarà totalmente riaperta al transito veicolare. La riapertura segnerà la fine dei lavori in superficie, ma darà inizio alla vera e propria realizzazione della fermata e della galleria che collegherà la fermata Politeama alla fermata Porto.

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
16 set 2020

Passante Ferroviario | Abbattute le prime due palazzine su vicolo Bernava

di Fabio Nicolosi

Vi avevamo raccontato la passerella politica di fine luglio che aveva dato il via alle demolizioni. Si è trattato di una passerella perché in realtà le demolizioni sono entrate nel vivo solo qualche giorno fa. Problemi burocratici hanno infatti tardato l’inizio effettivo delle demolizioni su Vicolo Bernava. Nei giorni scorsi sono stati abbattuti gli edifici 31 e 32. A seguire saranno abbattute le palazzine 33 e parzialmente la 34A e la 31bis La demolizione è stata effettuata utilizzando la demolitrice con pinza idraulica con l’ausilio di un cannone ad acqua per limitare le polveri che inevitabilmente si producono. Come visibile dalle foto l’abbattimento degli edifici produce un’elevata mole di detriti che dovranno essere rimossi con escavatori e portati in discarica. La fine dei lavori è prevista per la fine del 2020.

Leggi tutto    Commenti 12
Articolo
15 set 2020

ANELLO FERROVIARIO | Si lavora al completamento del solettone in area 6.3C

di Fabio Nicolosi

Procedono a ritmi serrati i lavori lungo via Amari, in particolare in area 6.3C, l’area comprea tra il teatro Politeama e via Ruggero Settimo. La D’Agostino Costruzioni sta mettendo in campo tutte le maestranze per permettere la restituzione delle aree superficiali di via Amari cosí come concordato con RFI e con il Comune di Palermo. L’area 6.3B, terminata la messa in opera del solettone e il ricoprimento con strati di terreno, è stata parzialmente restituita e verrà a breve totalmente riconsegnata. L'impresa al momento ha riaperto le aree superficiali stendendo uno strato di calcestruzzo consentendo solo il transito di pedoni, una volta terminati i lavori sull’intera via Amari stenderà il tappetino bituminoso e riparirà la strada anche al transito veicolare.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
14 set 2020

Passante Ferroviario | La nuova bretella su viale Francia prende forma

di Fabio Nicolosi

Dopo due mesi dall'ultimo aggiornamento torniamo ad aggiornarvi sui lavori del passante ferroviario che riguardano la nuova viabilità di viale Francia. I lavori procedono su due fronti. Lato fermata sono stati completati i muretti che delimitano l’area tra la fermata e la nuova viabilità. Si è iniziato anche a lavorare all'interno del terreno della villetta che è stato espropriato e che diventerà strada. Lato via Nenni (ex Ugo La Malfa) si sta operando per la sistemazione dei sottoservizi. Purtroppo non siamo in grado di fornirvi la data di apertura, ma ci auguriamo possa avvenire entro fine anno. L'asse stradale sarà utile per alleggerire la viabilità su viale Strasburgo e su via Belgio.

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
09 set 2020

Pista ciclabile su piazza Unità d’Italia: uno zig-zag improprio

di Mobilita Palermo

Sta destando non poche critiche e perplessità il nuovo tratto della ciclabile  via Dante-viale Piemonte e in particolare il tratto di piazza Unità d'italia. Pur evidenziando che i lavori non sono conclusi, è discutibile la soluzione adottata lungo il marciapiede di villa Sperlinga. Nella foto di M.Caminita che riportiamo qui, sembra che siano state eseguite ben 2 deviazioni della pista verso il centro strada al fine di evitare gli avvallamenti creati dalle radici degli alberi. Soluzione però non molto sicura per i ciclisti. Ma non volendoci limitare alle sole critiche, possiamo ipotizzare delle altre soluzioni al fine di rendere più "agevole" questo tratto. - Livellare la pavimentazione stradale in corrispondenza del manto dissestato mediante la creazione di dossi. La soluzione sarebbe ovviamente una soluzione tampone, giacché le radici danneggerebbero anche la nuova pavimentazione, su cui bisognerebbe quindi intervenire frequentemente. Seconda soluzione a medio/lungo termine. - Si realizzi una superficie sopraelevata che scavalchi le aree dissestate. Una passerella che non sarebbe quindi vincolata alla superficie e non soggetta ai movimenti delle radici. Soluzione chiaramente più costosa della prima, ma certamente duratura. - Ci sarebbe anche una terza soluzione, forse la più semplice. Deviare la pista ciclabile lungo la via interna di piazza Unità d'Italia, anziché su via Leopardi. Anche se difficilmente praticabile dai ciclisti che in questo caso specifico preferiranno immettersi su strada pur di non allungare il proprio tragitto. Eppure dalle planimetrie riportate nell'ordinanza (e che riportiamo qui per completezza) non era previsto questo "zig-zag", bensì uno scostamento della ciclabile dal marciapiede ma in maniera più lineare, senza rientranze. A meno che non siano previsti ulteriori stalli di sosta per le auto. E in questo caso andrebbero eliminati, ergo più coraggio nel rinunciare a dello spazio per auto. Il rischio inoltre è di rendere vana un'opportunità che ha la città. Da sottolineare che comunque la soluzione adottata toglie lo stesso spazio alla viabilità del tratto successivo con la pista lungo il marciapiedi, visto che si tratta dello spazio che altrimenti sarebbe stato usato per i posti auto. Resta il fatto che subito dopo via Scaduto la deviazione della pista verso il centro della strada è pericolosa, nel caso ci sia qualche automobilista "distratto" proveniente da via Leopardi. La soluzione adottata sta creando un tam tam sui social  e l'auspicio è che si possa trovare rimedio o una soluzione alternativa diversa da questa. Meglio se prima dell'installazione dei cordoli già previsti da progetto.

Leggi tutto    Commenti 27
Articolo
07 set 2020

ANELLO FERROVIARIO | Il punto dei lavori in corso in via Amari

di Fabio Nicolosi

Terminate le ferie estive anche i cantieri dell'anello ferroviario sono ripresi a pieno ritmo. Se nell'area portuale i lavori sono stati temporaneamente sospesi in attesa del disinnesco dell'ordigno bellico rinvenuto, su via E Amari si avanza velocemente. Vi mostriamo tramite l'ausilio di queste foto dall'alto le aree attualmente occupate dalla D'Agostino Costruzioni. Il primo aggiornamento ve lo forniamo in area 6.4 tra via Amari e via Ruggero Settimo. Tramite una trivella si stanno realizzando le paratie di micropali che sosterranno il solettone di copertura della galleria. Ci spostiamo in area 6.3C, il primo tratto di via Amari verso mare. Terminata la realizzazione dei pali lo si procederà alla scapitozzatura dei pali per procedere successivamente alla realizzazione del solettone In area 6.3B è stato realizzato il primo tratto di solettone e si procedendo da valle a monte con il secondo tratto L'area 6.3A è stata temporaneamente riaperta al transito pedonale, terminati tutti i i lavori su via Amari sarà necessario chiuderla nuovamente per la sistemazione definita con la stesura dell'asfalto e la riapertura al transito veicolare In area 6.2A e 6.2B si stanno portando avanti le operazioni di realizzazione dei pali di fondazione. Queste due aree saranno le ultime ad essere restituite e liberando via Amari da tutti i lavori in superficie.

Leggi tutto    Commenti 7
Articolo
04 set 2020

Anello Ferroviario | Chiude per una notte viale Lazio

di Fabio Nicolosi

L'ordinanza n°659 del 1 Settembre autorizza l'azienda D'Agostino Costruzioni a chiudere dalle ore 21 del 09/09/2020 alle ore 06 del 10/09/2020 il tratto di viale Lazio compreso tra via della Libertà e viale Campania. Tale chiusura si ritiene necessaria per consentire il collaudo del solettone superiore in corrispondenza della futura fermata Libertà, nell'ambito dei lavori dell'anello ferroviario di Palermo. La D’AGOSTINO COSTRUZIONI GENERALI s.r.l., durante tutta la durata dei lavori, dovrà: - Collocare oltre alle opportune transenne a delimitazione dell’area di cantiere anche la necessaria segnaletica stradale d’inibizione e deviazione del traffico veicolare con l’indicazione, su strada, della presenza dei cantieri mediante l’apposizione di cartelli stradali indicanti i lavori in corso e la relativa durata degli stessi; - Garantire, durante le lavorazioni sopra indicate, la circolazione stradale, nel tratto non interessato dai lavori, mediante l’ eventuale presenza di movieri destinati alla circolazione e deviazione dei flussi veicolari passanti per lo stesso tratto; - Osservare tutte le disposizioni di legge, dei regolamenti e prescrizioni tecniche riguardanti i lavori sulla sede stradale, l’incolumità pubblica e la normativa del Codice sulla disciplina della circolazione stradale e pedonale della cui inadempienza l’ Impresa esecutrice dee lavori sarà direttamente responsabile; - Attenersi, in particolare, agli artt. 2 e 21 del Decreto Legislativo 30.04.1992 n. 285 – Nuovo Codice della Strada – e successive modificazioni, all’art. 30 del D.P.R. 16.12.1992 n. 495 – Regolamento di Esecuzione e di Attuazione del Nuovo codice della Strada – e successive modificazioni, al Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 10.07.2002 con il quale viene approvato il Disciplinare Tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo diurno e notturno; - L’ eventuale collocazione di pozzetti sia su sede stradale che sui marciapiedi, dovrà avvenire alla stessa quota della pavimentazione esistente in modo tale da mantenere sempre la continuità della stessa pavimentazione; - Ad ultimazione dei lavori, la D’ AGOSTINO COSTRUZIONI GENERALI s.r.l. dovrà ripristinare a perfetta regola d’arte la continuità del manto stradale, la pavimentazione dei marciapiedi, i cordoli eventualmente dimessi, la segnaletica verticale ed orizzontale manomessa a causa dei lavori.

Leggi tutto    Commenti 1