Articolo
28 apr 2010

Inaugurato nuovo Polo Oncologico San Raffaele Giglio di Cefalù

di Lele

E' stato inaugurato nell'Istituto San Raffaele G. Giglio di Cefalu', il polo oncologico per la diagnosi e la terapia mirata dei tumori. Il centro combinera' tecnologie all'avanguardia per la diagnosi e la terapia mirata dei tumori. Il progetto annovera anche un centro di ricerca e di assistenza in proteogenomica. Le nuove tecnologie del Polo oncologico vengono gia' impiegate nella ''breast unit'', unita' di senologia, per la quale sono state installate e messe in rete le tecnologie necessarie per caratterizzare l'aggressivita' del tumore e per la radioterapia intraoperatoria con Iort che permette di risparmiare alla paziente quasi due mesi di radioterapia post-chirurgica. Presso l’Istituto “Fondazione San Raffaele G. Giglio” di Cefalù, nel Dipartimento Diagnostica per Immagini (Direttore Dr. Domenico Messana) in collaborazione con il Laboratorio di Tecnologie Oncologiche HSR G. Giglio è stato installato uno tra i primi sistema in Italia di chirurgia con ultrasuoni focalizzati guidato tramite Risonanza Magnetica (MRgFUS). (altro…)

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
18 apr 2010

PIST Madonie. Sistema Ambientale

di Lele

PIST Madonie – Piano Integrato di sviluppo Territoriale... Un Piano d’Azione articolato in 80 interventi, obiettivi strategici che spaziano dal sistema ambientale a quello culturale, dal sistema dei servizi alla comunità a quello infrastrutturale e della rete dei trasporti. Muove i primi passi il PIST “Città a rete Madonie-Termini”che coinvolge 28 comuni del palermitano: Alimena, Aliminusa, Blufi, Bompietro, Caccamo, Caltavuturo, Campofelice di Roccella, Castelbuono, Castellana Sicula, Cefalù, Cerda, Collesano, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Lascari, Montemaggiore Belsito, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde, Sciara, Scillato, Sclafani Bagni, Termini Imerese e Valledolmo. Si va verso la costruzione di una città a rete policentrica Madonie Termini Imerese con una idea di sviluppo che comprende i comprensori delle Madonie e della Valle del Torto. Nei gironi scorsi si è tenuta a Termini Imerese l’Assemblea dell’Organo decisionale del PIST Madonie – Termini Imerese alla presenza dei rappresentanti istituzionali dei Comuni, Provincia Regionale di Palermo, Sosvima, Gal Isc Madonie e Ente Parco delle Madonie. Tra le priorità individuate nel piano d'azione: la garanzia di standard di servizi collettivi per la popolazione e per le imprese, mediante la creazione di centri servizi, che per la stragrande maggioranza saranno gestiti da operatori privati. Si va dalla gestione dell’offerta museale e ambientale, al potenziamento dell’offerta nel campo socio-sanitario per sviluppare un moderno sistema di servizi centrato sulla persona e sulla famiglia. IL piano d'azione prevede anche di attrarre nuove imprese e nuove risorse per porre freno all’emigrazione con una forte e sinergica azione di promozione della ricerca, dell’innovazione e migliorare l’accesso ai servizi esistenti puntando all’attivazione di interventi a supporto dell’offerta turistica territoriale basata sulla valorizzazione del grande patrimonio naturale, culturale e enogastronomico con la realizzazione di nuovi servizi grazie ai principi sviluppati con il PIR Sviluppo Locale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 apr 2009

Ferrovie: confronto Regione e RFI per investimenti su rete

di Giulio Di Chiara

(Adnkronos) - Si e' svolta il 28 Aprile a Palermo, nella Sala Paolo Borsellino  dell'assessorato regionale Turismo e trasporti della Sicilia, la riunione tra funzionari del dipartimento regionale dei Trasporti e di Rfi Italia. Hanno partecipato anche le delegazioni delle societa' di gestione aeroportuale di Palermo e Catania, per verificare le ipotesi progettuali relative alle connessioni funzionali 'trasporto aereo-ferroviario' da realizzare in quegli scali. Tra gli obiettivi della riunione c'e' la verifica dei costi reali per il miglioramento delle tratte ferroviarie sulle quali si puo' immediatamente intervenire (con una disponibilita' di fondi pari a circa 15 milioni di euro) per ottenere degli immediati miglioramenti sulla qualita' dei servizi e sui tempi di collegamento. Nei prossimi giorni, sulla base delle indicazioni fornite da Rfi, il dipartimento regionale dei Trasporti avviera' una ricognizione per individuare le opere immediatamente realizzabili, per poi avviare le procedure di un nuovo Apq per il settore.

Leggi tutto    Commenti 10