Articolo
26 gen 2016

Ordigno bellico, domenica 31 il disinnesco. Evacuazione per 3.200 abitanti

di Antony Passalacqua

Si svolgeranno domenica 31 gennaio a partire dalle 7 del mattino le operazioni di evacuazione dell'area che sarà interdetta per permettere ai militari dell'Esercito il disinnesco di una bomba di circa 270 kg, residuato della II guerra mondiale, rinvenuta il 5 gennaio nell'area del "Castello a Mare" lungo la via Francesco Crispi. Ad illustrare il piano delle operazioni è stata oggi Antonella De Miro, Prefetto del Capoluogo, insieme al sindaco Leoluca Orlando nel corso di una conferenza stampa cui hanno preso parte anche il Vicesindaco ed assessore alla Protezione Civile Emilio Arcuri, il colonnello Antonello Richetti, del quarto Genio Guastatori dell'Esercito, il Questore Guido Longo, il comandante provinciale dei Carabinieri, Giuseppe De Riggi, il comandante della Polizia Municipale Vincenzo Messina e il Direttore dell'ASP Antonino Candela, direttore dell'Asp. A partire dalle 6 di domenica, i circa 3.200 residenti dell'area interessata (compresa in un raggio di circa 400 metri attorno all'ordigno - si veda la mappa allegata) dovranno lasciare le proprie abitazioni, così come dovranno essere sgomberate dalle persone tutte le attività commerciali e gli uffici. L'avvio delle operazioni di disinnesco sarà annunciato da un suono di sirena, così come la fine che si ipotizza possa avvenire entro le ore 15. Il piano di protezione civile messo a punto nel corso di diversi incontri coordinati dalla Prefettura, prevede che i cittadini possano usufruire di due centri di accoglienza temporanea presso la Scuola Federico II dell’I.C. Politeama e presso il plesso Oreto dell’I.C. Silvio Bocconi. I mezzi dell'AMAT assicureranno il trasporto di quanti non potessero allontanarsi dall'area con un mezzo proprio. I servizi di assistenza potranno essere richiesti a partire dal 26 ai numeri 091.7407793 -091.7407803 - 091.6951111. Tutti i residenti nell'area riceveranno nelle prossime ore la copia di una Ordinanza sindacale di evacuazione, accompagnata da informazioni tecniche e suggerimenti sulle norme di comportamento da osservare, mentre a partire da giorno 26 un camper della Protezione civile comunale fornirà ai cittadini informazioni e sarà distribuito nell'area anche un volantino multilingue, in considerazione della presenza di turisti. L'area interdetta, che avrà 20 varchi di accesso, sarà presidiata dalla Forze dell'Ordine e in tal senso si svolgerà nei prossimi giorni un incontro di coordinamento presso la Questura.

Leggi tutto    Commenti 7
Articolo
30 mag 2010

Il vero probbrema di Palemmo è il “ciaffico”!

di Andrea Baio

D'altronde si sa...Palermo è una città con pochi problemi. Quasi ci si annoia. E' per questo che per passare il tempo cerchiamo di demolire quel poco che di buono resta in questa città. Un esempio tra questi? La musica. Negli ultimi dieci anni la nostra città è rinata, grazie anche a tutti quei musicisti e quei locali che mettono loro spazio a disposizione, che animano le nostre serate. La movida palermitana è cresciuta costantemente, sino ad eguagliare (se non superare) quella di città storicamente vivaci come Catania. Chi vive a Palermo sa benissimo quanto stressante possa essere la vita qui, e a fine settimana hai solo voglia di sprofondare sul divanetto di un locale, berti in pace la tua birra e rilassarti. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 18
Articolo
09 lug 2009

Nuova retata contro i parcheggiatori abusivi

di Comitato

Apprendiamo sempre con piacere queste "sporadiche" notizie di repressione della malavita e confidiamo maggiormente sulla collaborazione dei cittadini nell'immediato futuro. (Adnkronos) - E' in corso nella zona centrale di Palermo una retata della Polizia  di Stato contro i parcheggiatori abusivi. Gli agenti in moto, con l'ausilio di un elicottero, stanno scandagliando le strade principale dell'asse viario lungo la via Liberta' per controllare i posteggiatori, molti dei quali extracomunitari. Alcuni di loro, senza il permesso di soggiorno, sono stati fermati e portati in Questura per provvedere all'immediata espulsione.

Leggi tutto    Commenti 12

Ultimi commenti