Articolo
07 mag 2019

Gli #Hashtag che “tengono” pulita la città e gli “interventi straordinari” non fanno al caso nostro

di Mobilita Palermo

Buongiorno cari amici e lettori di Mobilita Palermo. Come avete potuto leggere da altre testate giornalistiche, il Comune di Palermo ha avviato una campagna di pulizia straordinaria della nostra amata città. Chiedendo aiuto ai nostri concittadini nel collaborare mostrando comportamenti virtuosi che favorisca anche un effetto emulativo..... facciamo una riflessione. Come abbiamo scritto sopra, il Comune ha lanciato gli HASHTAG #FACCIAMOUNPATTO e #TENIAMOPULITO, che consentirà a chi li utilizzerà nei social di pubblicare una foto "positiva", per rappresentare un bel gesto. Si potrà inviare lo scatto anche tramite whatsapp al seguente numero: 3347177829 o consultando il sito. Contestualmente il comune ha annunciato la pulizia straordinaria di tutta la città che dovrebbe durare circa 2 mesi dal 6 maggio al 17 luglio, ad opera della aziende partecipate del comune. La nostra riflessione sulla pulizia straordinaria: Questa benedetta pulizia straordinaria "torna" ad essere diffusa in pompa magna, come l'ultima incominciata nel 2017. Si, la pulizia viene effettuata in modo egregiamente, ma dopo pochi giorni la città ritorna sporca come prima, come d'altronde è normale che sia. Perchè da un lato tanti palermitani vivono gettando cicche e rifiuti per terra da buoni maleducati. Ma in generale il tempo porta sporcizia, come a casa quando siamo costretti periodicamente a effettuare le pulizie. La città deve essere pulita sempre e per fare ciò necessita di un servizio efficiente e funzionante. Non possiamo permetterci di prendere straccio e secchio solo quando arrivano gli ospiti, perchè milioni di palermitani in questa città ci vivono ogni giorno. Nel merito dell'iniziativa, troviamo simpatica l'idea di coinvolgere anche personaggi famosi e figli di questa città (come negli anni '90 l'Amia con Pino Caruso,  Pippo Baudo,  Frassica), chiedendo a tutti i palermitani di tenere pulito, sensibilizzarli al rispetto del bene pubblico. Nell'annoso problema del degrado urbano i cittadini hanno le loro colpe, quindi necessita una convergenza di comportamenti virtuosi, da parte dell'amministrazione e della cittadinanza, per contenere il problema. Ciò che non condividiamo è la politica del celebrare pubblicamente qualcosa che ogni palermitano dovrebbe giornalmente ricevere per normalità, per il semplice fatto che paga le tasse ed ha diritto a dei servizi di base. La pulizia straordinaria è di per sè un'ammissione di colpevolezza, perchè nella teoria la pulizia è qualcosa che va effettuata giornalmente. In altre parole, l'impegno che il Sindaco ha preso davanti le telecamere, cioè quello di mantenere la città anche dopo l'intervento straordinario, non fa che confermare ciò. Associare la straordinarietà a iniziative del genere ci sembra più un modo per indorare la pillola. Non crediamo che in tal senso si possa contribuire a creare un rapporto di fiducia con i cittadini, perchè sembrerebbe che essi dovrebbero tenere pulita la città in cambio di una pulizia straordinaria che il Comune si impegna a fare. Un patto, appunto. Il patto vero, intrinseco a qualsiasi comunità amministrata bene, esiste già e prevede semplicemente il rispetto degli impegni reciproci: da una parte i servizi resi, dall'altra il rispetto delle regole. Solo in un contesto dove nessuna delle parti attiene ai propri compiti si ricorre a espedienti del genere. Palermo, oggi. Anche perchè, il vero campo su cui si misurerà l'amministrazione sarà sempre quell'ordinario che è previsto dopo l'imminente straordinario. Quell'ordinario di tutti i giorni di cui parliamo che non è mai stato garantito e su cui va riposta tutta l'attenzione. Perchè è abbastanza semplice comprendere che annunciare qualcosa di episodico implica una cosciente capacità di poterlo attuare, mentre sul resto della quotidianità non abbiamo riferimenti, se non un impegno a parole come tanti ne abbiamo sentiti. Sarebbe stato più interessante attivare campagne per combattere il fenomeno dei "fannulloni" all'interno delle partecipate, dove oggettivamente l'occhio del cittadino può tornare utile alle aziende. Oppure ascoltare la voce del Comune in merito ai comportamenti discutibili da parte di alcuni impiegati delle partecipate così come riportato dalle cronache, nel silenzio e nell'indifferenza di alcune sigle sindacali. A tal proposito sono invece lodevoli le visite a sorpresa sui punti RAP volute dalla dirigenza aziendale, che hanno contribuito a scovare dipendenti già in procinto di uscita durante l'orario di lavoro (come avvenuto nel punto di Bellolampo). Insomma, ci sembra che al Comune anzichè lavorare a fari spenti per ridonare normalità a questa città (cosa sacrosanta e dovuta), si ricorra sempre a qualcosa di eccezionale, di visibile e straordinario per comunicarlo e  annunciarlo ai quattro venti, nella speranza che ancora una volta si possa applaudire gli autori come coloro che ci stanno regalando qualcosa che altrimenti non potremmo avere. Questa riflessione fa il paio con quanto avevamo scritto in questo articolo, relativamente all'inaugurazione di un impianto luce in Piazza Indipendenza. Ci piacerebbe che un patto con la città si facesse semplicemente con la constatazione dei fatti, senza proclami: quella sarebbe la normalità tanto auspicata.  

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
04 nov 2016

FOTO | Piazza Vittorio Veneto: iniziata la pulizia del monumento ai caduti

di Fabio Nicolosi

E' iniziata questa mattina la pulizia del monumento ai caduti di Piazza Vittorio Veneto, comunemente chiamato "La Statua". La pulizia sarà effettuata da operai Reset. Purtroppo il monumento risulta fortemente danneggiato, tra numerose scritte di writers e smog visto il grosso numero di mezzi, anche pesanti, che giornalmente percorrono quella rotonda. Vi lasciamo alla galleria fotografia, si ringrazia Antonino S. per le foto:

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
27 ott 2016

FOTO | Interventi di diserbo e spazzamento a Baida

di Fabio Nicolosi

Squadre di Rap coadiuvate da Reset a Baida per interventi contro il verde anomalo e con attività di spazzamento. Riportiamo il seguente comunicato stampa del comune che informa i cittadini circa l'attività di diserbo che interesserà la zona di Baida: Il quartiere di Baida ricadente nella quarta circoscrizione, da oggi per una decina di giorni, vedrà maestranze delle partecipate del Comune a lavoro per bonificare importanti assi del quartiere. Le vie coinvolte sono la via Alla Falconara, dove è prevista l'eliminazione del verde anomalo per oltre tre km, e via Andrea Da Burgio per una lunghezza di circa due km. Nove gli operai in campo con al seguito un mezzo per il ritiro dell'erba, un furgone; a seguire le maestranze della Rap interverranno con attività di spazzamento manuale e meccanizzato. L'obiettivo è di riqualificare e riconsegnare ai cittadini una parte della città. Nei giorni scorsi proprio a Baida sono stati sostituiti da Rap i vecchi cassonetti con dei nuovi da 1100 Lt. La Rap continuerà questa attività di diserbo e spazzamento anche nelle altre circoscrizione dove si riscontrano particolari situazione di verde anomalo. Apprezzamento è stato espresso per l'intervento da parte del sindaco Leoluca Orlando che ha anche sottolineato 'l'importante attività di stimolo e attenzione da parte dei cittadini della zona che sarà indispensabile per mantenere il decoro delle zone ripulite.'

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 apr 2016

Sovrappasso di Via N. Sauro perennemente sporco

di Fabio Nicolosi

Ci troviamo all'interno del sovrappasso realizzato grazie ai lavori del tram nei pressi di Via N. Sauro e Via Di Giorgi Se da un lato questi sovrappassi, rispetto ai sottopassi, dovevano garantire maggiore sicurezza e sono stati molto utili per abolire gli impianti semaforici e di conseguenza le lunghe code su Viale Regione Siciliana, dall'altro la sporcizia e la puzza sono gli stessi. Ecco come si presenta oggi. Purtroppo se da un lato c'è l'incivilità di chi, al riparo da occhi indiscreti, si permette il lusso di sporcare e gettare a terra qualsiasi tipo di rifiuto, dall'altro c'è chi dovrebbe pulire con una certa cadenza ma viste le immagini non opera con costanza. Il risultato è che chi vede sporco non prova alcun senso di colpa ad incrementare la sporcizia e questo peggiora le condizioni con cui giornalmente gran parte degli utilizzatori si scontra, sporcizia e cattivo odore ne fanno da padroni. Ecco invece il risultato dopo l'intervento di una squadra di Amat o Rap. Anche se ancora non abbiamo ben capito di chi sia la competenza, perchè? Abbiamo chiesto a Rap di intervenire e ci hanno detto che è competenza di Amat. Fatto sta che dal sovrappasso è stato levato il "grosso", ma andrebbe fatta una pulizia più meticolosa per recuperare lo stato dei luoghi come ai tempi dell'inaugurazione   L'ultimo dubbio che chiediamo è come mai, visto che i sovrappassi sono dotati di apposito impianto di video-sorveglianza, non vengano presi dei provvedimenti affinché chi sporca venga multato o quanto meno "cazziato". E se ciò non fosse possibile, visto che le telecamere funzionano 24 ore su 24 è davvero così difficile monitorare la sporcizia e mandare una squadra a pulire non appena si vedono i primi cestini pieni o troppe cartacce a terra?    

Leggi tutto    Commenti 16
Articolo
22 feb 2016

FOTO | La forte bonifica del Bastione dello Spasimo

di amopalermo

Il cinquecentesco 'orecchione' del bastione dello Spasimo è un luogo conosciuto da pochi eppure molto, molto suggestivo. Siamo in Cortile del Pallone, in linea d'aria tra lo Spasimo e via Lincoln. Uno dei tratti murari di Palermo più integri ma anche tra i più dimenticati e sottovalutati... fino a ieri. Da qualche giorno gli operai del Comune lavorano ad una vera e propria deforestazione e bonifica. Per anni (parecchi decenni) sono stati accumulati rifiuti di ogni genere ed è cresciuto di tutto, indisturbato. Oggi tornano alla luce brani delle mura suggestivi e si restituisce la corretta dimensione di questi spazi meravigliosi. L'intervento è straordinario e ottimo. I luoghi sono potenzialmente eccezionali. A ciò dovrebbe seguire la piantumazione di altre piante con ordine e, ce lo auguriamo di cuore, l'illuminazione notturna del bastione e delle mura a seguire.

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
15 gen 2016

Sabato 16 dalle 11 pulizia della Zisa da parte di Tramiamociviltà

di Fabio Nicolosi

Siamo lieti di condividere questo bellissimo evento messo in atto da un gruppo di ragazzi che hanno a cuore la nostra città e che organizzano un azione di civiltà. E’ organizzata per Sabato 16 Gennaio un’azione di pulizia dei giardini della Zisa danneggiati dai soliti incivili che amano tanto condividere con l’intera comunità il loro amore verso terzi. Uno dei tanti atti dei PANORMOSAURI nei confronti dei nostri splendidi monumenti Appuntamento per sabato 16 gennaio alle ore 11 ai giardini della Zisa da poco entrata a far parte del patrimonio UNESCO e di cui i soliti incivili sconoscono il valore storico, artistico e culturale per tramare civiltà. Visto l'alto numero di adesioni consigliamo di portare con voi un rullo per dipingere, noi ne porteremo alcuni insieme a tutto il materiale donatoci da Leroy Merlin Palermo Forum che ringraziamo ancora una volta.

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
23 ott 2015

FOTO | Rap: Ecco i nuovi compattatori

di Fabio Nicolosi

Sono arrivati in città già da qualche giorno, ma tra collaudi, procedure di immatricolazione e assicurazione non entreranno in servizio prima di domenica prossima. Saranno 10 i nuovi mezzi che verranno utilizzati in città, i primi sono già pronti, gli altri entro fine mese. I nuovi compattatori ci auguriamo possano dare una grossa mano ad evitare l’accumulo di rifiuti e l’emergenza che spesso ha caratterizzato la città specialmente nel periodo delle festività natalizie. Ricordiamo che in città è presente il servizio gratuito di raccolta degli ingombranti e che presto (almeno così ci hanno detto) partirà anche il secondo step di Palermo Differenzia che consentirà a 130.000 abitanti di usufruire del servizio di raccolta porta a porta migliorando la raccolta differenziata e diminuendo i rifiuti che giornalmente vengono scaricati nella discarica di Bellolampo.

Leggi tutto    Commenti 2