Articolo
21 dic 2017

Lo strano caso dei nostri palasport

di marfer

È sicuramente un destino travagliato quello che accomuna i due maggiori Palazzetti dello Sport della nostra provincia, il Palasport di Fondo Patti a Palermo e il Palazzetto "Marzio Tricoli" di Cefalù. Entrambi attesi per anni dai cittadini ma abbandonati e dimenticati dalle istituzioni. La storia della struttura di Fondo Patti è ormai ultradecennale. Costata circa venti miliardi di lire, inaugurata nel 1999, ha ospitato le attività di varie squadre di pallavolo, pallacanestro e arti marziali del panorama cittadino, oltre a decine di concerti di artisti italiani ed internazionali. Nell'aprile del 2008 l'inizio del calvario: una forte ondata di maltempo rovina il tetto, causando danni per circa 200 mila euro. Ma nessuno fa nulla. Il Palazzetto resta abbandonato a se stesso. Se il maltempo aveva causato danni contenuti, l'incuria e i vandali devastano la struttura in modo irrimediabile. Mancando parte del tetto, gli interni restano esposti alle intemperie; priva di sorveglianza, la struttura diviene casa per senzatetto e facile bersaglio dei ladri, che smontano bagni, impianti elettrici ed idraulici, sedili. Nel 2016 qualcosa si muove: viene presentato infatti, di concerto fra governo nazionale, Comune e CONI, il progetto di 5 milioni per il recupero del Palazzetto. Viene aggiudicato l'appalto e a febbraio 2017 finalmente parte il cantiere. Dopo meno di un mese, un colpo di scena: una delle ditte coinvolte nei lavori riceve un'interdittiva antimafia, quindi si blocca tutto. I lavori vengono affidati alla ditta seconda classificata nella gara d'appalto e il cantiere riparte ad aprile 2017. Si parla di sei mesi di lavori, ne sono passati otto. Aspettiamo e speriamo. A lieto fine invece la storia del PalaTricoli di Cefalù: costato circa 8 milioni di euro, viene inaugurato nel 2011. A gennaio 2014 il maltempo danneggia il tetto, che viene riparato con un intervento provvisorio. Nel gennaio 2015 la cosa si ripete, ma stavolta i danni al tetto rendono la struttura inagibile. Nel marzo 2016, un'ondata di scirocco aggrava ulteriormente i danni alla copertura, al punto che il parquet resta scoperto ed esposto al maltempo. Il PalaTricoli sembra destinato a seguire la sorte del "fratello maggiore" di Palermo, anche perché l'ente proprietario della struttura, cioè la Provincia Regionale di Palermo, dopo la riforma delle Province vive una fase di transizione che, in pratica, non consente di progettare ed eseguire i lavori che servirebbero al Palazzetto. Le società sportive che utilizzavano la struttura sono costrette a cercare altre sistemazioni in giro per la provincia. Fra queste il Real Cefalù, che gioca nella serie B di calcio a 5, che emigra a Termini Imerese per allenamenti e partite. Ma i suoi giovani dirigenti non si arrendono: bussano a tutte le porte dell'ormai ex Provincia, tormentano funzionari e segretari, portano il caso del PalaTricoli all'attenzione della stampa nazionale. Dopo mesi di tentativi, la loro passione e la loro perseveranza pagano: miracolosamente si trovano i fondi per riparare almeno il tetto. Per sistemare il parquet, sono proprio i ragazzi della dirigenza del Real Cefalù a mettere mano a chiodi, martelli, listelli e vernice. A novembre 2016 il lieto fine: il PalaTricoli torna parzialmente agibile e a disposizione delle società sportive della cittadina normanna. Sperando che il 2018 ci porti novità per il Palasport di Fondo Patti, non resta che augurarci che in futuro il maltempo risparmi queste strutture che sembrano estremamente delicate... Scherzi a parte, speriamo in una maggiore attenzione da parte delle Amministrazioni responsabili di queste strutture, che rappresentano delle oasi nel deserto della nostra impiantistica sportiva.

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
19 dic 2017

Viabilità | Chiusa temporaneamente Via Monti Iblei

di Fabio Nicolosi

Per consentire l'accesso migliore ai veicoli piú ingombranti verrà chiusa al transito veicolare, ad eccezione dei residenti, via Monti Iblei. Il tratto interessato sará quello compreso tra la via Monte S. Calogero e il viale Francia. Il provvedimento regolato dall'ordinanza dell'ufficio traffico n°1818 del 15 Dicembre 2017 sará valido il 20 e il 21 Dicembre 2017. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Segnalazione
15 dic 2017

Quando l’ultima disinfestazione della piscina comunale?

di istepa

Salve, Oggi e' successo un fatto increscioso che volevo condividere. Premesso che mia figlia di anni 7 e' iscritta alla scuola nuoto e paga regolarmente gli ingressi in piscina oltre la retta annuale alla societa', mentre faceva la doccia, dalle condutture dell'acqua fuoriusciva uno scarafaggio di considerevole dimensione che circolava comodamente nelle doccie. Tra lo stupore e lo sconcerto mi son chiesta ma l'ultima disinfestazione a quando risale? Esistono dei controlli per evidenziare lo stato igienico sanitario. Ci ritroviamo a pulire i nostri bambini in mezzo a ciuffi di capelli e peli. Per non parlare dei bagni senza serrature e carta igienica. E noi contribuenti continuiamo a pagare infrastrutture che meriterebbero di essere ambite e invece sono sempre piu' abbandonate la nuova generazione ha tanto bisogno di essere educata ed indirizzata verso lo sport ma a condizioni piu' igienica.

Leggi tutto    Commenti 1    Proposte 0
Articolo
07 dic 2017

AMAT | “Street Food Fest”: modifica temporanea del percorso delle linee: 103 – 107 – Navetta Free Centro Storico

di Mobilita Palermo

In conseguenza alle limitazioni alla circolazione veicolare stabilite dall’Amministrazione Comunale in occasione della manifestazione ‘‘Street Food Fest”, che si svolgerà a Palermo in via Vittorio Emanuele, nel tratto compreso tra P.zza Santo Spirito e via Roma, le linee sotto riportate modificheranno i percorsi nel modo appresso stabilito: Linea 103 da J. Lennon verso Porta Felice – normale percorso fino in V. cala –  segue per Foro Umberto I – inversione di marcia sul primo varco dopo Porta Felice – Foro Umberto I – V. Cala – V. Crispi (lato valle) – P.zza XIII Vittime –  V. Cavour – V. Roma – segue normale percorso verso J. Lennon. Linea 107 – da Stadio  verso Stazione C.le – normale percorso fino in V. Cala – segue per Foro Umberto I  senza transitare da V. Porto Salvo e V. Vittorio Emanuele. Navetta Free Centro Storico – diretta a P.zza Santo Spirito: – normale percorso fino in V. Cala –  segue per Foro Umberto I  – a dx per Porta Felice – V. Vittorio Emanuele  – P.zza Santo Spirito (Cap.). Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 dic 2017

I ragazzi di Parco Uditore controbattono alle accuse

di Antony Passalacqua

La nota di ragazzi di Parco Uditore a Giovanni Callea, fra gli ideatori e promotori della petizione online per l’abbattimento di un muro perimetrale di Parco Uditore.   Leggiamo con molta perplessità la nota dell'attivista 5 stelle Giovanni Callea. Potremmo star qui ore ed ore ad illustrargli il nostro progetto per l'illuminazione del parco, realizzato con il nostro sponsor Terna Group e con il supporto scientifico dell'Università di Palermo, che ha già ottenuto il sì a livello regionale e che in questi mesi è in fase di valutazione a Roma. Dell'inizio di questo iter ne fornimmo comunicazione ai nostri sostenitori attraverso un post del 3 dicembre 2015. Si tratta di un progetto del valore complessivo di oltre 200.000 euro ed è naturale che ci vogliano dei tempi tecnici per avere delle risposte. Potremmo raccontare al signor Callea che grazie al nostro sponsor Motorvillage a breve verranno installati i bagni pubblici fissi per i fruitori del parco in maniera da non dover più noleggiare il bagno chimico, che, lo ricordiamo, per ora paghiamo grazie alle nostre risorse. E sempre con le nostre risorse provvediamo alla manutenzione ordinaria e straordinaria e alla gestione quotidiana del parco. Potremmo raccontare al Signor Callea che fin da quando il parco è aperto ossia dal 15 ottobre 2012 organizziamo turni per far sì che il parco possa rimanere aperto anche il 25 dicembre fino alle 13.00. Potremmo raccontare di tutti i progetti sociali e le iniziative di sostegno all'infanzia e all'accoglienza che stiamo portando avanti insieme ad altre realtà del Terzo settore. Potremmo dirgli che grazie ai nostri sponsor tra qualche settimana inizieranno i lavori per l'adeguamento dell'area cani che a suo tempo fu progettata da maestranze regionali in maniera totalmente inadeguata alla sua funzione. Riguardo alla vicenda dell'apertura di un varco da via Uditore potremmo dirgli che la scorsa settimana abbiamo pubblicato un post sull'avvio dei rilievi architettonici per riqualificare e far diventare parte integrante del Parco un'area del fondo che attualmente non è ancora accessibile al pubblico, e che diventerà un centro didattico e ricreativo per bimbi, ragazzi ed anziani grazie a delle realtà nazionali che hanno deciso di donarci le risorse per farlo, puntando su di noi e sulle capacità di gestione che abbiamo dimostrato in questi anni. Possiamo dire che in questi anni Parco Uditore ha dato vita ad una bellissima Impresa sociale e andiamo fieri del fatto di aver sempre tenuto lontani simboli di partito e bandierine, pur avendo continuato a mantenere un rapporto costante e collaborativo con le Istituzioni per le quali nutriamo un rispetto profondo. Grazie ad un lungo processo di dialogo e di ragionamenti che abbiamo portato avanti in questi anni con le Istituzioni il varco da via Uditore sarà realizzato perchè come da tempo sosteniamo è un'esigenza comune a tutti fruitori, ai cittadini, ai commercianti. In questi anni però abbiamo imparato che le cose si ottengono ragionando e dialogando con le parti interessate. E non come è stato fatto, dall'attivista 5 stelle, lanciando rivoluzioni qualunquiste utili solo a ricevere qualche like e qualche voto in più alla prossima campagna elettorale. Alla fine si scoprirà che questa petizione in realtà è solo una delle promesse elettorali fatte dal partito 5 stelle ai propri elettori di quartiere? Noi ne rimaniamo convinti e questo post pubblicato dal Movimento 5 stelle non ci lascia alcun dubbio.  

Leggi tutto    Commenti 16
Proposta
23 ott 2017

Estendere la ZTL? Si, ma si attivino i parcheggi nei pressi dei capolinea della linea 101

di laura1

Buongiorno, Sto leggendo del progetto di estendere la ztl alla Statua, prevedendo un incremento del 10% dei passeggeri del 101. Come utente regolare residente a San Lorenzo, vorrei sottolineare la necessità di accompagnare a questo provvedimento il potenziamento dei parcheggi in corrispondenza del capolinea del bus allo stadio. Recentemente infatti, è sempre più difficile parcheggiare per poter prendere il 101 al capolinea ed un aumento dell'utenza in questo senso non sarebbe sostenibile. La presenza di parcheggi in prossimità degli hub di mobilità all'ingresso della città, come appunto il capolinea del 101, o le future stazioni metropolitane come san lorenzo, è condizione essenziale per il successo di operazioni di potenziamento dell'uso dei mezzi pubblici a sfavore dell'auto da parte dei cittadini, come insegnano i piani di mobilità delle grandi capitali europee. Spero che i futuri piani mobilità terranno in giusto conto questo aspetto per favorire gli spostamenti dalle periferie al centro cittadino, senza dimenticare un'adeguata sorveglianza dei nuovi parcheggi, per evitare che divengano dominio dei parcheggiatori abusivi, come accade oggi con i pochi disponibili. Grazie Laura

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
03 ott 2017

Il Sistema Portuale del Mar di Sicilia Occidentale aderisce ad Alis

di Mobilita Palermo

Il Sistema Portuale del Mar di Sicilia Occidentale entra a far parte di ALIS – Associazione Logistica dell’Intermodalità Sostenibile in qualità di socio onorario, con l’obiettivo di creare forti sinergie per lo sviluppo dei traffici intermodali nei portiisolani di Palermo, Trapani, Porto Empedocle e Termini Imerese. “L’adesione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar di Sicilia Occidentale è una pietra miliare nella storia della nostra Associazione – ha dichiarato il Presidente di A.L.I.S. Guido Grimaldi – Il porto di Palermo ha infatti un ruolo determinante per lo sviluppo dell’intermodalità. Da questi porti, in particolare da quello di Palermo, vogliamo partire per lavorare insieme a un serio rilancio del Mezzogiorno d’Italia, che da sempre è il nostro obiettivo primario”. Ed ha aggiunto: “Daremo vita a forti sinergie tra le oltre 1.200 imprese associate, tutte operanti nel settore del trasporto intermodale, e un’Autorità di Sistema Portuale che, da sempre in prima linea nello sviluppo delle Autostrade del Mare, è oggi uno snodo intermodale d’eccellenza. L’obiettivo comune è una sempre maggiore efficienza e capillarità dei collegamenti intermodali su strada e via mare, con particolare attenzione allo sviluppo della logistica dell'ultimo miglio, che rappresenta un’esigenza reale e urgente per un numero sempre maggiore di aziende”. La possibilità di sinergie con tutti gli attori che compongono la catena logistica e le forte rappresentatività dell’Associazione presso le Istituzioni Italiane - si legge in una nota - hanno spinto l’Autorità di Sistema Portuale del Mar di Sicilia Occidentale ad aderire ad ALIS, associazione che conta oltre 1.200 aziende associate tra autotrasportatori, aziende armatoriali e ferroviarie, terminal, agenzie e spedizionieri di tutta Italia, per un totale di oltre 120.000 unità di forza lavoro e un parco veicolare di 80.000 mezzi con 2.700 collegamenti marittimi settimanali solo per le isole e più di 120 linee di Autostrade del Mare. Oltre al recente ingresso dell’Autorità Portuale del Mar di Sicilia Occidentale, all'interno di ALIS sono presenti le Autorità del Mar Tirreno Centrale (Porti Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia), Mar di Sicilia Orientale (Porti di Catania ed Augusta), Mar Adriatico Settentrionale (Porti di Venezia e Chioggia) Mar Ionio (Porto di Taranto), l’Autorità Portuale di Messina, l’Autorità Portuale di Barcellona e l’Autorità Portuale di Valencia. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0