Articolo
12 apr 2019

Riders e aree pedonali, un rapporto platonico

di Antony Passalacqua

Palermo - Il mantenimento del decoro urbano è un tema abbastanza importante e sensibile per una città che vuol proiettare un'immagine più elegante in ambito internazionale: turismo, promozione culturale. Uno fra gli elementi che oggi andiamo a focalizzare riguarda proprio il mantenimento del concetto di "pedonalizzazione" nelle aree pedonali e la loro costante "invasione". A quanti di voi sarà capitato di vedere sfrecciare scooter all'interno di aree pedonali, o anche contromano, durante le operazioni di "food delivery"? Ne sono un esempio le immagini che ci inviano da piazza Olivella con scene che si presentano quasi con cadenza giornaliera. Ma non solo qui, ed altre segnalazioni ci giungono da piazza San Domenico, corso Vittorio Emanuele e persino via Maqueda. Tutte aree pedonali dove bisognerebbe salvaguardare la sicurezza e il decoro. Tralasciamo la questione igiene a chi di competenza e senza volerne fare di tutta l'erba un fascio (c'è già chi effettua questo lavoro in bici), riteniamo che siano necessari dei provvedimenti quali telecamere e presidi affinché si possano evitare scene come in foto e salvaguardare anche la sicurezza dei pedoni. Foto: F.C.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
19 set 2016

Isole pedonali di serie A e Isole pedonali di serie B

di raffino

Nonostante i bei sforzi della nostra amministrazione comunale di creare nuove isole pedonali (vedi per ultimo la Piazza Nascè zona Borgo Vecchio) si ci dimentica delle vecchie isole pedonali.  Ogni giorno assistiamo a uno scempio nella zona dell'Olivella. La presenza di tanti pub che ci sono in questo antico quartiere palermitano purtroppo diventano la causa di molta sporcizia e non sempre passano gli spazzini. Una circostanza davvero indecorosa per questa zona che tra l'altro è meta di tanti turisti per gli importanti monumenti che ci sono, tra il Museo Salinas, la Chiesa di Sant'Ignazio, l'Oratorio San Filippo Neri e l'Oratorio Santa Caterina. La musica dei pub viene passata a volume troppo alto fino alle 3-4 di notte. Diverse volte ho segnalato tutto ciò alle autorità competenti, ma non ho ottenuto risultati per il rispetto degli orari. E nonostante piazza Olivella sia anche isola pedonale, le macchine circolano tranquillamente.  Ogni giorno ci armiamo di scopa e paletta e insieme ad alcuni fedeli della Chiesa di Sant'Ignazio e i Padri Filippini ripuliamo l'area antistante la Chiesa e il marciapiede vicino al Museo Salinas.  Perchè non fare come altre aree pedonali dove la chiusura al traffico è off limits 24 ore su 24? Creare delle panchine mettere qualche pianta in più e soprattutto pulire le strade come si deve?

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
19 gen 2016

Da domani inizierà la collocazione di ventidue nuove rastrelliere in città

di Fabio Nicolosi

EDIT: Aggiunta la mappa dell’esatta ubicazione delle rastrelliere A partire da Mercoledì, ventidue nuove rastrelliere saranno posizionate in città per incentivare l’uso della bicicletta. Secondo quanto stabilito da un’ordinanza dell’Ufficio del Piano Tecnico del Traffico del Comune di Palermo, gli stalli per la sosta delle biciclette saranno ubicati principalmente all’interno delle aree pedonali del Centro storico. In particolare, i nuovi stalli si troveranno in piazza Bologni, via Discesa dei Giudici/piazza Bellini, nelle piazze Cassa di Risparmio, Verdi, Olivella, Croce dei Vespri, Rivoluzione, Marina, Magione, via dello Spasimo, e nelle piazze del Parlamento, Indipendenza e della Vittoria. “Il provvedimento – dichiarano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania – rientra tra quelli previsti dal Piano di Mobilità dolce, approvato dalla Giunta lo scorso aprile, e mira all’alleggerimento del traffico veicolare cittadino e alla riqualificazione degli ambiti urbani di maggiore frequentazione e pregio artistico, presenti nel Centro storico, attraverso l’uso della bicicletta. Un altro passo avanti – hanno continuato Orlando e Catania – per promuovere la ciclabilità a Palermo, in connessione con gli altri sistemi di mobilità già esistenti e i nodi di interscambio, come sinonimo di città vivibile e all’insegna della sostenibilità”. Per conoscere l’esatta ubicazione delle rastrelliere vi alleghiamo l’ordinanza: Ordinanza Auspichiamo che le rastrelliere siano tali da poter fissare contemporaneamente telaio e ruota, proprio per una maggiore sicurezza. Ecco anche una mappa realizzata da Daniele Panzarella:

Leggi tutto    Commenti 13