Articolo
14 ott 2015

Il nuovo Stadio? Facciamo chiarezza sulla vicenda

di Fabio Nicolosi

E’ di quattro giorni fa la lettera che il vicesindaco Arcuri ha fatto pervenire alla dirigenza di Zamparini chiudendo definitivamente le porte alla realizzazione del nuovo stadio del Palermo Calcio. Cosa prevedeva il progetto? Come mai è stata rifiutata la proposta? Lo stadio che Zamparini voleva realizzare, il cui progetto risale a circa sette anni fa, prevedeva l’abbattimento del velodromo e la realizzazione del nuovo stadio al suo posto. Lo stadio sarebbe costato 75.000.000€ e avrebbe avuto una capacità di 35.000 posti. Abbiamo chiesto maggiori dettagli al giornalista R. Immesi che ci ha descritto con dovizia tutti i particolari di questa vicenda. Il patron Zamparini, per rendere l'operazione economicamente sostenibile,voleva anche costruire delle case con una variante urbanistica e potersele così rivendere.Il problema è che la compensazione urbanistica nel frattempo è stata vietata per legge e Orlando, appena insediato, ha chiesto di evitare di costruire nuove case perché bisogna puntare a riqualificare l'esistente, anziché consumare nuovo verde. Il sindaco e Zamparini sono arrivati così a un accordo: accantonare il vecchio progetto e presentarne uno nuovo che non preveda nuove case ma esercizi commerciali. Ad oggi il Comune aspetta ancora la presentazione del nuovo progetto. Perché allora oggi è successo un casino? Il Comune ha inviato qualche giorno fa una lettera a Zamparini per dirgli ufficialmente (visto che non lo aveva ancora fatto con una nota scritta) che il progetto vecchio andava cassato e quindi aspettavano il nuovo. Praticamente l'ufficializzazione di quello che già si sapeva. Da questo chiarimento, arriva anche il comunicato stampa del Comune di Palermo che sostanzialmente conferma i dettagli che ci ha fornito R. Immesi: Nessuna chiusura alla realizzazione di un nuovo stadio da parte dell'Amministrazione, ma anzi un esplicito invito al confronto "che possa portare a condividere l'ipotesi di un nuovo stadio di calcio". E' questo il senso integrale della lettera oggi riportata solo in parte dalla stampa, con la quale il vice sindaco, Emilio Arcuri, ha risposto ad un precedente carteggio avuto con la società U.S. Città di Palermo. "L'Amministrazione comunale - sottolinea il sindaco - ha tutto l'interesse a che la città sia dotata di impiantistica sportiva adeguata alle aspettative delle nostre squadre di eccellenza e dei tifosi, che possono per altro essere volano di nuova economia e sviluppo". "Ci siamo purtroppo trovati - sottolinea l'assessore allo Sport, Cesare Lapiana - di fronte ad una proposta elaborata in un periodo in cui era diverso il contesto normativo e che per questo non può essere presa in considerazione, ma certamente resta, come già detto e ribadito più volte, l'interesse dell'Amministrazione ad avviare un dialogo con quanti vogliono investire per questa importante opera nella nostra città".   Ma è davvero necessario un nuovo stadio? Ecco qualche dato sul Renzo Barbera: Lo stadio comunale Renzo Barbera, noto anche con il vecchio nome de La Favorita, dall'omonimo parco in cui si trova, è il più grande stadio, nonché impianto sportivo, di Palermo. Inaugurato il 24 gennaio del 1932, su progetto dell'architetto Giovan Battista Santangelo, ma completato nel 1948, è stato sottoposto a diverse ristrutturazioni, le più importanti delle quali nel 1984 e nel 1988. L'impianto è di proprietà del comune di Palermo e viene utilizzato, dalla sua inaugurazione, per gli incontri casalinghi della squadra di calcio del Palermo, a parte brevi periodi dovuti a ristrutturazioni. L'impianto venne ristrutturato nel 1988 per essere utilizzato per ospitare tre incontri del gruppo F del campionato mondiale del 1990. Tra gli anni ottanta e gli anni novanta ha ospitato anche concerti, tra i più importanti quello di Frank Sinatra, l'apertura della tournée italiana dei Duran Duran e il concerto degli Spandau Ballet; tutti e tre svoltisi nel 1987. Dal 2010 l'impianto può ospitare 36 349 spettatori su due anelli, di questi posti 5 934 sono coperti e 2 233 sono destinati alle tifoserie ospiti. Da Settembre 2014, lo stadio viene interamente gestito gratuitamente dalla società del Palermo Calcio, che non paga più alcun canone al comune di Palermo a patto che realizzi alcuni interventi (numerosi già completati) per migliorare lo standard di sicurezza (ricordiamo che il Renzo Barbera è stato uno tra i primi impianti a dotarsi di tornelli all’ingresso), l’ospitalità e le condizioni strutturali dell’edificio.

Leggi tutto    Commenti 13
Articolo
18 lug 2011

Nuovo stadio di Palermo: Zamparini getta fumo negli occhi?

di Giulio Di Chiara

A distanza di qualche mese, il Presidente del Palermo Calcio, Maurizio Zamparini, è tornato a parlare del nuovo stadio di Palermo. Chi scrive è anche un appassionato di calcio, pertanto mi sembra opportuno fare qualche riflessione in merito la vicenda, che riguarda Palermo sia dal lato sportivo che da quello infrastrutturale e urbanistico. Di questo stadio si fa un gran parlare praticamente dall'arrivo di Zamparini in città, ovvero quasi 10 anni fa. Si sono rincorsi scoop, segreti e rivelazioni su questa nuova struttura, ma ad oggi nessun fatto concreto. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 19