Articolo
13 gen 2021

Collettore Fognario | I lavori ripartiti il 7 Gennaio sono nuovamente fermi

di Fabio Nicolosi

Purtroppo questo appalto non gode di grande sorte. Francesco Raffa segnala che il 12 Gennaio, iniziati i lavori con un ritardo di 4 giorni rispetto alla data di inizio prevista, dopo qualche ora è stato ritrovato quello che sembra il resto di una pavimentazione antica. Il fatto ha comportato lo stop temporaneo dei lavori in attesa del sopralluogo della soprintendenza dei beni culturali. Il ritrovamento non sembra essere nulla di preoccupante. Secondo i sindacati le altre aree del cantiere andranno avanti come previsto. Ma come mai i lavori non sono iniziati il 7 Gennaio? Da Repubblica leggiamo che i lavori sono iniziati in ritardo causa maltempo. Vorremmo capire come mai questi lavori subiscano il maltempo e l'appalto dell'anello ferroviario, a poche centinaia di metri, invece no. Forse la nuova azienda ha ereditato la nuvola di Fantozzi che fino a qualche mese fa era anche sull'appalto dell'anello ferroviario?

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
30 dic 2020

Collettore Fognario | Dal 7 Gennaio riprendono i lavori, prevista la chiusura di Via Roma, ma non solo

di Fabio Nicolosi

Da Gennaio la AMEC S.r.l. procederà all'ultimazione dei lavori di disinquinamento della fascia costiera dall’ Acquasanta al fiume Oreto – Adduzione delle acque al depuratore di Acqua dei Corsari mediante il potenziamento del “Sistema Cala”. Per consentire il completamento di tali opere saranno necessari provvedimento di chiusura strada e di deviazioni stradali. Sono tre le ordinanze dell'ufficio traffico emesse in questi giorni e che vi ricapitoliamo: - ORDINANZA N° 1122 del 23 dicembre 2020 PROVVEDIMENTO VALIDO NON OLTRE IL 26 FEBBRAIO 2021, O SINO ALL’ ULTIMAZIONE DEI LAVORI, SE PRECEDENTE TALE DATA VIA STEFANO CANZIO Tratto compreso tra piazzale Anita Garibaldi e viale Amedeo d’ Aosta: Chiusura al transito veicolare e strada senza uscita per la realizzazione di un pozzo. Istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. VIALE AMEDEO D’ AOSTA Chiusura del varco di uscita, ubicato nello slargo antistan- te la scuola Franchetti, con occupazione dell’ area ove sa- rà realizzato il pozzo. Istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. - ORDINANZA N° 1118 del 23 dicembre 2020 PROVVEDIMENTO VALIDO DAL 7/1/2021 AL 13/3/2021 O SINO ALL’ ULTIMAZIONE DEI LAVORI SE PRECEDENTE TALE DATA VIA ROMA Tratto compreso tra via Cavour e via F. Bentivegna, escluse Chiusura al transito veicolare e pedonale, ad eccezione di un camminamento protetto almeno su uno dei marciapiedi. VIA ROMA Sospensione della corsia riservata direzione Stazione Centrale nel tratto Amari – Cavour, con chiusura della stessa. VIA F. GUARDIONE Tratto compreso tra via Carella e via Roma: Strada senza uscita con istituzione del doppio senso di marcia sino al civ. 78. Chiusura al transito veicolare e pedonale tra il civ. 78 e via Roma, con istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. Su almeno un lato di marciapiede sarà lasciato un passaggio non inferiore a m. 1. VIA F. GUARDIONE (FASE 2) Tratto compreso tra via Villaermosa e via Roma: Strada senza uscita con istituzione del doppio senso di marcia sino al civ. 93. Chiusura al transito veicolare e pedonale tra il civ. 93 e via Roma, con istituzione del divieto di sosta con rimozione coatta 0-24 sui due lati della carreggiata. Su almeno un lato di marciapiede sarà lasciato un passaggio non inferiore a m. 1. VIA CAVOUR Tratto compreso tra via Roma e via Villaermosa: Mantenimento del doppio senso di marcia. VIA VILLAERMOSA Intero tratto: Sosta regolamentata in senso parallelo sul lato destro nel senso di marcia, laddove prevista. ► Per metri 15 prima della via Stabile, sui due lati della carreg- giata, vigerà il divieto di sosta con rimozione 0-24. ► Istituzione temporanea di fermata bus AMAT tra il civ. 39 ed il civ. 41 VIA M. STABILE Tratto compreso tra via Villaermosa e via Roma: Istituzione del senso unico di marcia in direzione mare. Per metri 15 dopo la via Wagner, sul lato sinistro nel senso di marcia, vigerà il divieto di sosta con rimozione 0-24. Fermarsi e dare la precedenza ai veicoli che percorrono via Roma. VIA M. STABILE Tratto compreso tra via Michele Amari e via Roma: Istituzione del senso unico di marcia in direzione monte. Fermarsi e dare la precedenza ai veicoli che percorrono via Roma. All'interno dell'ordinanza è contenuta anche l'indicazione dei percorsi alternativi che riportiamo integralmente: - ORDINANZA N° 1119 del 23 dicembre 2020 PROVVEDIMENTO VALIDO SINO DAL 7/1/2021 AL 28/2/2021 O SINO ALLA CONCLUSIONE DEI LAVORI SE PRECEDENTE TALE DATA VIA FRANCESCO CRISPI Sulle due carreggiate, in attraversamento, all’ altezza di via Domenico Scinà, in più fasi distinte, per consentire tutti i collegamenti, interessando solo parzialmente la carreggiata. Chiusura al transito veicolare e pedonale, prevedendo un camminamento protetto da monte a valle e viceversa.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 ago 2020

Al via demolizione immobile in stato di abbandono in via Messina Marine

di Fabio Nicolosi

Sono partite lunedì mattina le operazioni di abbattimento di un immobile abusivo, sito in via Messina Marine, costruito negli anni 60 e in stato di abbandono da circa 20 anni. La demolizione, a cura dei COIME, propedeutica al piano di recupero dell'area per consentirne la fruibilità, è coordinata dagli uffici dell'assessorato al Decoro, guidato dal vicesindaco Fabio Giambrone. "Nei prossimi giorni, dopo la messa in sicurezza e la bonifica dell'area - hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e il vicesindaco Fabio Giambrone - interverremo anche in collaborazione con alcuni privati per abbellire l'area, dotarla di elementi di arredo e decoro, rendendola più attraente e utilizzabile per i cittadini e proseguendo così con gli interventi per la fruibilità della zona sud della città".

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
29 lug 2020

Collettore Fognario | Ripartono i lavori di scavo in via Roma

di Fabio Nicolosi

Dopo un lungo stop dovuto al fallimento della Tecnis e al subentro della nuova azienda AMEC S.r.l. di Catania, i lavori del collettore fognario lungo Via Roma sono ripresi da qualche giorno Vi mostriamo le foto della talpa che da qualche giorno ha iniziato a scavare in Via Roma (angolo via Amari). Le piccole dimensioni dello scavo producono ridotti quantitativi di materiale che é possibile asportare dal pozzo verticale tramite l'utilizzo di una gru e di un cestello metallico. L’attrezzatura di spinta che viene collocata nel relativo “pozzo di spinta” agisce sui tubi lunghi 3,00 metri (diametro 1.600 mm) che sono via via calati all’interno del pozzo. In questo modo si costruisce progressivamente il tratto di condotta, che va avanzando con in testa la fresa che scava. La spinta quindi è esercitata direttamente sui tubi e l'unico macchinario che avanza è la fresa, che uscirà dal “pozzo di uscita”. La necessità di prevedere più pozzi di spinta e di uscita è determinata dal fatto che esistono limiti tecnici alla lunghezza della tratta di spinta e in ogni caso si deve prevedere un pozzo in corrispondenza delle deviazioni planimetriche. Poiché i tubi sono stati già tutti stoccati presso il cantiere, è facile conoscere l'avanzamento del tunnel verificando il numero di tubi ancora presenti in superficie. I lavori prevedono lo scavo di un tunnel per circa 400 m fino a via F. Guardione. Il collegamento con l’esistente “collettore Cala” è previsto in via Crispi angolo via Castello, in corrispondenza del pozzetto di testata appositamente predisposto. Purtroppo non siamo in grado di fornirvi la stima dei tempi previsti per la fine dei lavori, ma ci auguriamo possano terminare nel giro di un paio di mesi. Concluso lo scavo l'area in superficie sarà ripristinata allo stato precedente l'inizio dei lavori e via Roma potrà essere riaperta al traffico veicolare

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
06 feb 2020

Collettore fognario | Estratta la talpa che ha scavato il tratto tra via Guardione e via Roma

di Fabio Nicolosi

Ne avevamo dato annuncio con un post nel canale Telegram (iscrivetevi per rimanere aggiornati con gli ultimi articoli) giorno 23 Gennaio. Nei giorni 4 e 5 febbraio si chiudeva Via Roma nel tratto tra via Cavour e via F. Bentivegna per l'estrazione della mini-talpa utilizzata dal consorzio Sikelia per lo scavo del tunnel del collettore fognario. Le attività come da programma si sono concluse entro gli orari stabiliti. Ecco alcuni scatti: Non é ancora noto dove sará portata la talpa per procedere con gli scavi. Vi terremo aggiornati

Leggi tutto    Commenti 12
Segnalazione
11 giu 2019

Il mare negato di Palermo

di belfagor

Il Comune di Palermo, come ogni anno, ha pubblicato i punti della costa in cui è vietato la balneazione. Un vero bollettino di guerra. Nell’ ordinanza firmata dal sindaco Leoluca Orlando si legge: “ Per il 2019 a Palermo sono ben otto i chilometri non balneabili per inquinamento: 400 metri di litorale a Vergine Maria, 500 a Barcarello, 200 a Mondello (all’altezza dello sbocco del Ferro di Cavallo), 3.700 dal porticciolo di Sant’Erasmo all’inizio di quello alla Bandita, altri 2500 metri dalla Bandita al lido Olimpo e poi altri 760 verso Messina”  A questi otto chilometri, bisogna aggiungerne quasi altri nove di costa non balneabile per “altri motivi”, ossia “ perché si tratta di punti troppo vicini ai porticcioli e quindi poco sicuri: 700 metri a Sferracavallo, 210 alla Fossa del gallo, 300 a Mondello, 500 all’Addaura, 200 alla Bandita e quasi sette chilometri dal porticciolo di Vergine Maria a Sant’Erasmo, ossia la parte che comprende il porto principale e tutto il Foro Italico” Ben 17 chilometri di costa, Rispetto all’anno scorso non è cambiato niente. Eppure nel 2016  il Prof Silvano Riggio – professore ordinario di Ecologia presso la Facoltà di Biologia dell’Università degli Studi di Palermo, alle domanda: Qual è il livello di balneabilità del mare lungo la costa di Palermo in questo momento? Rispose: “ Togliendo gli scarichi rimanenti la situazione si sistemerebbe molto rapidamente. Se si eliminano gli scarichi residui l’acqua ritorna buona, limpida. Cioè ritorna balneabile. Quindi si potrebbe aprire tutta questa costa che è fatta da almeno otto o dieci chilometri di spiagge alla balneazione, allo sport, al turismo. Si potrebbero fare tante cose ma la premessa è quello di risolvere questo stato di degrado assoluto che impedisce l’utilizzazione, la frequentazione della costa. Il degrado è dato anche da una situazione di abusivismo incredibile. Con l’abusivismo sono cavoli . In parole povere , il Prof. Riggio disse che era tutto un problema di volontà politica Il 30 maggio 2017, prima delle ultime elezioni amministrative il sindaco Orlando , in una intervista a “il Sicilia,it” annunciava trionfalmente : “Costa Sud balneabile entro l’anno”  “stiamo mettendo in sicurezza il mare di via Messina Marine: entro dicembre avremo completamente balneabile la Costa Sud, ben 7 km di costa per il quale abbiamo approvato il Pudm (Piano di utilizzo del Demanio marittimo, ndr), prevedendo che 4,4 km saranno concessi ai privati con benefici e investimenti di lavoro”  Sono passati quasi due anni e nonostante i proclami , le promesse e gli “annunci”  roboanti a Palermo il mare è e continua ad essere negato ai cittadini .  

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Articolo
18 dic 2018

Collettore fognario | Stanziati 12 milioni di euro per via Messina Marine

di Salvatore Galati

Si è concluso l'iter per l'assegnazione dei fondi per la conclusione del collettore fognario di via Messina Marine, una cifra di 12 milioni di euro. Questo consentirebbe il disinquinamento della costa sud e della foce dell'Oreto. Infatti il sistema fognario avrà doppia funzione, uno quello di raccogliere le acque nere e portarle al depuratore di Acqua dei Corsari e il secondo di accumulare le acque piovane e riversarle a mare tramite i canali esistenti. Tutto questo verrà fatto sull'asse viario di via Messina Marine, nel tratto compreso tra la foce Oreto e Piazza Sperone. Inoltre nel progetto è compreso la costruzione dell'impianto di sollevamento per l'accumulo di acque nere a Romagnolo. La ditta che conseguirà i lavori è l'associazione di imprese Necos e Viastra da Sas, di Borgomanero della provincia di Novara. Ora la palla è balzata alla ditta, che dovrà produrre tutti i documenti relativi ai lavori e passeranno circa 3/4 mesi, tempi tecnici normali, salvo imprevisti. Solo dopo questa prassi l'aggiudicazione diventerà definitiva.

Leggi tutto    Commenti 8