Articolo
18 nov 2018

FOTO | La giungla del tram lungo la linea 1

di Fabio Nicolosi

Doveva essere la svolta, il rilancio, il riscatto. Il tram che dalla stazione centrale conduce fino al centro commerciale "Forum Palermo" attraversa quartieri "delicati", quartieri che per anni hanno chiesto un servizio di trasporto pubblico efficace, puntuale, pulito. Un servizio che adesso è presente, ma che viene trascurato, viene denigrato, viene vandalizzato, viene umiliato e viene anche messo a rischio. Di cosa stiamo parlando? Lasciamo le immagini parlare: Pietre appositamente posizionate sui binari, sassi lanciati contro le vetrate, bancarelle a ridosso della linea, gente che passeggia sui binari incurante del pericolo, macchine parcheggiate all'interno della sede. Ma con questi episodi, i conducenti della linea 1 potrebbero scriverci una catena di libri, una serie di romanzi horror. Gli autisti dell'Amat dicono "Basta" Dopo l'ultimo episodio di ieri allo Sperone, dove ignoti hanno lanciato un sasso contro un tram della linea 1 mandando in frantumi un vetro e ferendo un passeggero, monta la protesta per chiedere più sicurezza e tutela da parte dell'azienda, comune e forze dell'ordine. Domani si terrà un incontro tra Amat e sindacati proprio sul tema sicurezza. Volete che la linea 1 venga soppressa? Ditelo! Volete rimanere senza un mezzo pubblico in grado di portarvi in pochi minuti da Centrale a Roccella? Ditelo! Volete tornare ai mezzi di 40 anni fa, piccoli, sudici, cigolanti e maleodoranti? Ditelo! Altrimenti denunciate, denunciate e denunciate! Perché l'unico modo per ridurre questi episodi e non costringere l'azienda a sopprimere il servizio per problemi di ordine pubblico è condannare episodi sporadici che accadono, ma che rischiano di combinare stragi e che mettono a repentaglio la vita di chi utilizza i mezzi. Sappiamo infatti che il tram è molto utilizzato dagli studenti, dai professori, da lavoratori, gente per bene, educata, rispettosa che ogni mattina paga il biglietto o che ha un regolare abbonamento e che utilizza civilmente il mezzo per recarsi a lavoro, a scuola o per fare shopping nel centro commerciale a ridosso di Palermo. Sperando che questo sia l'ultimo di una lunga serie di brutti episodi, lanciamo l'hastag: #PalermoAmaIlTram

Leggi tutto    Commenti 32
Articolo
06 set 2018

Illuminazione pubblica | Approvato progetto da 5 milioni di € per la zona sud di Palermo

di Salvatore Galati

Con un comunicato che ci arriva da parte del Comune di Palermo, vi informiamo per l'illuminazione della parte sud della città di Palermo, ecco le novità: Con delibera del 29 agosto scorso, la Giunta comunale ha approvato in linea amministrativa il progetto di fattibilità tecnica ed economica denominato “Efficientamento degli impianti di pubblica illuminazione della costa SUD di Palermo” dell’importo complessivo di 5 milioni di euro.Con la medesima delibera è stato dato mandato all’Ufficio Infrastrutture e Servizi a Rete dell’Area Tecnica di partecipare al Bando regionale emesso dal Dipartimento Energia per l’adozione di soluzioni tecnologiche per la riduzione dei consumi energetici delle reti di illuminazione pubblica. Il progetto è stato redatto da tecnici dell’Amministrazione Comunale, consentendo di ampliare l’area di intervento prevista nel progetto “Luci sul mare. Valorizzazione del Porto Fenicio” finanziato nell’ambito PON Metro che prevede il rifacimento degli impianti di pubblica illuminazione lungo l’asse viario che da Piazza Tredici Vittime, antistante al Mercato Ittico, attraversa piazza Fonderia, la “Cala”, il Foro Italico, fino a Villa Giulia. Il nuovo impianto previsto dal progetto approvato dalla Giunta prevede in totale circa 18 km di circuiti elettrici per l’alimentazione di 730 punti luce nelle seguenti strade: via Messina Marine, via Pecori Giraldi via Amedeo D’Aosta, via XXVII Maggio, viale Dei Picciotti, via Laudicina, corso dei Mille, bretella laterale monte viale Regione Siciliana, via Salvatore Cappello. E’ prevista la sostituzione delle attuali lampade a vapori di mercurio con apparecchi di illuminazione a LED, al fine di garantire la corretta illuminazione per i conducenti di veicoli e per i pedoni, migliorando la qualità della luce e nel contempo ottenendo significativi risparmi energetici, pari a circa il 65% degli attuali consumi. Inoltre, la sostituzione di sostegni, cavidotti, conduttori e quadri di comando garantirà una riqualificazione in termini di sicurezza elettrica e meccanica."Questo progetto interamente redatto e seguito dagli Uffici comunali - affermano il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore Emilio Arcuri - conferma da un lato la grande attenzione rivolta al tema della riduzione dei consumi e dall'altro a quello del miglioramento complessivo dell'illuminazione pubblica in città. Allo stesso tempo mostra la capacità dell'Amministrazione di progettare sia in termini tecnici sia in termini amministrativi, per reperire gli indispensabili fondi extra-comunali che sono necessari per questo tipo di interventi infrastrutturali".

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
10 mag 2018

Cose molto, ma molto strane…

di Salvatore Galati

Avete notato in giro per le strade di Palermo che manca qualcosa? In via Messina Marine hanno rubato i cestini getta-carta installati un anno fa utilizzati dai residenti. Sempre in zona corso dei Mille, lungo la linea tranviaria, hanno rubato vari tombini. Infine hanno rubato i tabelloni delle fermate della linea 212 di Amat. Ma che sta succedendo in città? E' un nuovo fenomeno? Che cosa ne fanno? Ringraziamo per le foto Giovanni Restivo e Paolo Conti

Leggi tutto    Commenti 8
Segnalazione
12 ott 2015

Semaforo tramviario via Balsamo – C.so dei Mille

di r302

Nei giorni scorsi mi trovavo al capolinea tranviario di via Balsamo ed ho notato in fondo alla via, all'angolo con il corso dei Mille, il semaforo in funzione, benchè quel giorno non vi fossero tram in circolazione, nemmeno come corsa prova. Il problema che voglio segnalare è la mancanza della svolta continua a destra per i veicoli che si immettono da via Balsamo a destra verso corso dei Mille - ponte dell'Ammiraglio. Non si vede infatti nessun motivo per cui tali veicoli debbano fermarsi al rosso considerato che chi svolta a destra non interferisce con il traffico tramviario e non incrocia altri flussi di traffico veicolare.

Leggi tutto    Commenti 2    Proposte 0
Articolo
28 set 2015

Rifiuti e pulizia sede tranviaria: a chi compete?

di Antony Passalacqua

Cartacce ed altri rifiuti che continuano a cumularsi in alcuni tratti della sede tranviaria. Qualcuno dirà che è tutto nella norma, almeno qui a Palermo. Le foto ritraggono un tratto della linea 1 lungo corso dei Mille. A chi spetta la pulizia? Di certo non si tratterà di un lavoro da andare a fare manualmente con scopa e paletta. Questo però è stato fatto, a cura della ditta costruttrice. Ma in futuro, viste le vaste superfici ma soprattutto per una questione di sicurezza saranno necessari altri mezzi. Spazzatrici meccanizzate che periodicamente dovranno passare, prima dell'avvio mattutino dell'esercizio, e pulire la sede tranviaria. L'Amat sicuramente non ha le competenze dato che si occupa di trasporti. La Rap? E' previsto nel contratto di servizio? Rivolgeremo questa domanda direttamente all'azienda di igiene ambientale di Palermo.

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
04 set 2015

In Corso dei Mille la tranvia come festa rionale

di Mobilita Palermo

In questo momento lungo corso dei Mille è in corso una festa rionale. Le immagini che ci invia A.G. mostrano un modo disprezzate di utilizzo degli spazi pubblici. Bancarelle e auto poste sui binari, quantità di spazzatura prodotta sparsa per tutta l'area ma soprattutto le luminarie montate pericolosamente a pochi metri dalla linea elettrica di contatto. Ma chi concede queste autorizzazioni, è consapevole del pericolo? Altrettanto scandaloso è il non intervento delle autorità pubbliche, dato che questa manifestazione è giunta alla seconda serata consecutiva. Provate a immaginare i quintali di spazzatura lasciata lì... Attendiamo di sapere nomi e cognomi di chi ha autorizzato questa presunta festa.  

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
04 ago 2015

Mantenuti i vecchi sensi di marcia in piazza Ponte Ammiraglio, ecco il perché

di Antony Passalacqua

Sono in molti che ci hanno domandato il perché, a seguito dell'apertura del nuovo ponte di piazza Ponte Ammiraglio, sono stati mantenuti i vecchi sensi di marcia sull'intera area. Qualcuno ipotizzava l'attraversamento del nuovo ponte (provenendo dalla Stazione Centrale) con prosecuzione dritto verso Brancaccio,  senza dover fare tutto il giro dell'intera piazza come avviene adesso. La risposta-come spiega una nota dell'Ufficio Traffico-si evince dal raffronto delle due configurazioni, che riportiamo qui di seguito, riprese all'altezza di piazza Scaffa (molti ancora confondono piazza Scaffa, piazza Ponte dell' Ammiraglio e corso dei Mille, che sono tre differenti strade che circondano lo storico ponte). Il doppio senso sul lato mare di corso dei Mille avrebbe causato criticità non da poco a causa di una corrente secante. Corrente che invece è stata trasformata in tangente, effettuando la rotatoria. Si è anche tenuto conto di chi, provenendo da via Bennici, vuole dirigersi verso via Buonriposo, piazza Guadagna e via Oreto (col doppio senso la manovra di svolta a sinistra non era possibile).  

Leggi tutto    Commenti 4

Ultimi commenti