Articolo
22 mar 2016

Passate Ferroviario | Installata la pensilina alla fermata Torre Ciachea

di Fabio Nicolosi

I lavori del raddoppio del passante ferroviario proseguono anche in provincia, in particolare ci troviamo alla nuova fermata Torre Ciachea Ringraziamo la ditta Edilstrade GSB per averci invitato e averci permesso di effettuare questi scatti e per aver risposto alle nostre domande. La fermata Torre Ciachea è situata nel territorio di Carini nei pressi di Via Don Luigi Sturzo. Precedentemente ai lavori vi era solo una banchina lato mare e un singolo binario, a lavori conclusi invece ci sarà un doppio binario e un sottopasso che permetterà la fruizione di entrambe le banchine anche ai diversamente abili visto che sono stati realizzati degli scivoli. La grossa struttura in marmo sarà la sede dei locali tecnici dedicati alla fermata e alla linea. Non sarà quindi consentito l'accesso ai viaggiatori, ma solo agli addetti ai lavori per manutenzioni. Al momento è stata installata solo la pensilina lato monte e nei prossimi giorni verrà installata la pensilina lato mare. Pensilina del tutto simile a quella già installata dall'altro lato e a quella vista nelle altre fermate del passante tra cui Isola Delle Femmine. E' inoltre in corso la posa della pavimentazione e si stanno ultimando le ultime rifiniture. Ultimo atto dei lavori sarà la tinteggiatura delle pareti di ingresso e uscita del sottopasso al momento lasciate allo stato grezzo. Sappiamo che la fermata sarà dotata di tornelli all'ingresso che ne impediranno l'accesso a chi sarà sprovvisto di biglietto. Durante la visita ci è stato comunicato che la fermata non sarà dotata di bagni pubblici. Vi lasciamo ad un'ampia galleria dove potete guardare voi stessi ed immaginare la fermata a lavori conclusi Ti potrebbero interessare anche: Passante Ferroviario | La nuova galleria artificiale sotto Via Belgio A Torre Ciachea (Carini) si realizza il sottopasso pedonale della nuova fermata Passante Ferroviario di Palermo

Leggi tutto    Commenti 10
Articolo
10 dic 2015

Passeggiando dentro la Fontana Pretoria

di MAQVEDA

Chi di voi è entrato alla Fontana Pretoria? Splendida, questa fontana è assolutamente splendida, credo a ragione di poter dire, tra le più belle d'Italia in assoluto. Da qualche tempo questo altro importantissimo bene è stato reso fruibile alla collettività. Ma appare subito chiaro che a Palazzo delle Aquile non vogliono che nulla accada alla nostra preziosa fontana, visto il numero di sorveglianti in giro per i suoi livelli. Annoverata tra le più belle d'Europa, decantata e descritta da molti scrittori, la magnifica fontana venne realizzata intorno al 1552 da Francesco Camilliani e Michelangelo Naccherino per la villa fiorentina di Don Luigi di Toledo. Le sue sculture vennero elogiate dal Vasari nel 1568 nelle sue Vite. Nel gennaio del 1573 venne acquistata dal Senato palermitano per abbellire la piazza prospiciente il palazzo Senatorio, alla non indifferente cifra per allora di 8.000 once, circa 30.000 scudi. I 644 pezzi vennero spediti per mare e vennero a Palermo ricomposti sotto la supervisione del figlio del Camilliani, Camillo. Altre fonti asseriscono che invece il trasporto avvenne per terra, e che a causa delle strade dissestate di allora alcuni pezzi si ruppero e dovettero essere rifatti. La disposizione delle statue si fece secondo le direttive di Antonio Veneziano, famoso poeta palermitano, che assegnò ad ognuna di esse una collocazione ben precisa in base alla storia o alla leggenda del personaggio che la statua raffigurava. Egli ebbe anche il compito di "adattare" alla città la simbologia di alcune di queste. Nella fattispecie, le quattro grandi statue sdraiate che raffigurano quattro fiumi. Ecco, ad esempio, che la personificazione del Tevere diventa quella del Papireto. Già nel 1737, a maggiore tutela del monumento, il Senato palermitano fece recintare la fontana con una cancellata in ferro con quattro porte in corrispondenza delle scalinate d'accesso. Questa venne sostituita nel 1858 da una di disegno più curato (quella attuale) opera di Giovan Battista Filippo Basile. La fontana, larga 120 mt si staglia per 12 metri d'altezza al centro della raccolta piazza Pretoria. La personificazione dell'Oreto. Il Mar Dolce Il Gabriele o Caropiele Il Papireto Raffigurazione di Venere

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
23 nov 2015

RAP |Raccolta differenziata “Palermo Differenzia 2″: Ecco la mappa

di Fabio Nicolosi

Doveva essere già a regime il nuove step della raccolta differenziata a Palermo, ma tra ritardi burocratici e ostacoli sembra che ormai manchi veramente poco all’espansione del servizio già attivo in una parte della città. Ecco la mappa che comprenderà i vari step e che permetterà ad altri 130.000 abitanti di usufruire di questo servizio. Ricordiamo che è stato richiesto ai vari comuni d’Italia di aumentare le percentuali di raccolta differenziata per evitare multe salate da parte prima del governo nazionale e successivamente dalla commissione europea. Il Comune, nel 2012, ha deciso di affidare l’espletamento delle gare all’allora struttura commissariale regionale per velocizzare le procedure, evitando di rivolgersi all’Amia; al termine del commissariamento, il compito è stato “ereditato” dal Dipartimento Rifiuti. Il progetto prevede la fornitura di 5 autocompattatori da 23 metri cubi; 6 autocompattatori da 25 metri cubi; 3 autocompattatori da 27 metri cubi; 3 autocompattatori da 30 metri cubi; 4 autocompattatori da 15 metri cubi; un auto compattatore da 10 metri cubi; 3 autocompattatori con allestimento combinato; 1 autotelaio da 30 tonnellate; una spazzatrice stradale; 37 autoveicoli con allestimento a vasca; 2 veicolai con sponda caricatrice da 600 chilogrammi; 4 cassoni scarrabili. A questi si aggiungono 13 mila bidoni carrellati per la raccolta differenziata da 360 litri; 13 mila bidoni carrellati per la raccolta differenziata da 240 litri; 198 mila secchielli per la raccolta differenziata da 30 litri; 50 mila secchielli da 20 litri; 50 mila secchielli da 10 litri; 100 campagne per il vetro; 630 mila sacchi in plastica da 80 litri e 1.080.000 sacchi in Mater Bi da 18 litri. La forniture totale è stata finanziata con quasi 12 milioni di euro. “Palermo Differenzia 2” riguarderà le aree Settecannoli-Brancaccio, centro storico, Politeama-Massimo, Borgo Vecchio e Strasburgo per un totale di quasi 50 mila nuclei familiari e 5.515 esercizi commerciali. Vogliamo inoltre ricordare che se a questo link potete visionare dove vengono inviati i vari rifiuti che giornalmente vengono raccolti nelle zone in cui si effettua la raccolta differenziata.

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
03 lug 2015

Passante Ferroviario | La pensilina alla stazione di Carini

di Fabio Nicolosi

Dopo lo stop dei treni lungo buona parte del passante ferroviario avvenuto lunedì 29 Giugno, vi documentiamo quelli che invece sono i lavori nei pressi dell’ultima fermata del passante ferroviario interessata dai lavori e cioè la fermata Carini. In questi scatti è ripresa la pensilina che prende  forma e che è del tutto simile a quella già presente presso le fermate Roccella e Policlinico-Vespri Ringraziamo Marcello B. per le foto:

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mag 2015

Passante Ferroviario | Prende forma la nuova fermata Ciachea

di Fabio Nicolosi

Dopo parecchi mesi, torniamo a parlare dei lavori nei pressi di Carini. Ricordiamo infatti che proprio Carini è l’ultima stazione ferroviaria ad essere interessata dai lavori del raddoppio del passante ferroviario. Vi documentiamo quindi i lavori di definizione della fermata Ciachea e i lavori alla nuova viabilità che prevedono l’eliminazione di due passaggi a livello migliorando quindi la situazione attuale. Ringraziamo Brianpa per le foto:

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
13 mar 2015

Si insedia la Commissione sulla Mobilità| Prossimo tema: la ZTL, date il vostro contributo

di Giulio Di Chiara

Oggi si è insediata la Commissione Tecnico-Consultiva sulla mobilità urbana istituita dal Comune di Palermo, alla quale sono stati invitati diversi soggetti, enti e istituzioni, tra cui noi (Determinazione Dirigenziale n.18 del 19/02/2015). L'obiettivo dichiarato dall'assessore Catania è quello di costituire un gruppo di lavoro costante nel tempo che funga da laboratorio per sviluppare valutazioni generali a supporto delle decisioni. La commissione è così composta: Giusto Catania (assessore al ramo), Salvatore Amoroso (professore di Teoria e tecnica della Circolazione dell'università di Palermo), Giuseppe Salvo (professore di tecnica ed economia dei trasporti all'università di Palermo), Domenico Caminiti (dirigente dell'Amat), Luigi Galatioto (vice-comandante della Polizia municipale), (altro…)

Leggi tutto    Commenti 16