Articolo
07 mag 2019

Gli #Hashtag che “tengono” pulita la città e gli “interventi straordinari” non fanno al caso nostro

di Mobilita Palermo

Buongiorno cari amici e lettori di Mobilita Palermo. Come avete potuto leggere da altre testate giornalistiche, il Comune di Palermo ha avviato una campagna di pulizia straordinaria della nostra amata città. Chiedendo aiuto ai nostri concittadini nel collaborare mostrando comportamenti virtuosi che favorisca anche un effetto emulativo..... facciamo una riflessione. Come abbiamo scritto sopra, il Comune ha lanciato gli HASHTAG #FACCIAMOUNPATTO e #TENIAMOPULITO, che consentirà a chi li utilizzerà nei social di pubblicare una foto "positiva", per rappresentare un bel gesto. Si potrà inviare lo scatto anche tramite whatsapp al seguente numero: 3347177829 o consultando il sito. Contestualmente il comune ha annunciato la pulizia straordinaria di tutta la città che dovrebbe durare circa 2 mesi dal 6 maggio al 17 luglio, ad opera della aziende partecipate del comune. La nostra riflessione sulla pulizia straordinaria: Questa benedetta pulizia straordinaria "torna" ad essere diffusa in pompa magna, come l'ultima incominciata nel 2017. Si, la pulizia viene effettuata in modo egregiamente, ma dopo pochi giorni la città ritorna sporca come prima, come d'altronde è normale che sia. Perchè da un lato tanti palermitani vivono gettando cicche e rifiuti per terra da buoni maleducati. Ma in generale il tempo porta sporcizia, come a casa quando siamo costretti periodicamente a effettuare le pulizie. La città deve essere pulita sempre e per fare ciò necessita di un servizio efficiente e funzionante. Non possiamo permetterci di prendere straccio e secchio solo quando arrivano gli ospiti, perchè milioni di palermitani in questa città ci vivono ogni giorno. Nel merito dell'iniziativa, troviamo simpatica l'idea di coinvolgere anche personaggi famosi e figli di questa città (come negli anni '90 l'Amia con Pino Caruso,  Pippo Baudo,  Frassica), chiedendo a tutti i palermitani di tenere pulito, sensibilizzarli al rispetto del bene pubblico. Nell'annoso problema del degrado urbano i cittadini hanno le loro colpe, quindi necessita una convergenza di comportamenti virtuosi, da parte dell'amministrazione e della cittadinanza, per contenere il problema. Ciò che non condividiamo è la politica del celebrare pubblicamente qualcosa che ogni palermitano dovrebbe giornalmente ricevere per normalità, per il semplice fatto che paga le tasse ed ha diritto a dei servizi di base. La pulizia straordinaria è di per sè un'ammissione di colpevolezza, perchè nella teoria la pulizia è qualcosa che va effettuata giornalmente. In altre parole, l'impegno che il Sindaco ha preso davanti le telecamere, cioè quello di mantenere la città anche dopo l'intervento straordinario, non fa che confermare ciò. Associare la straordinarietà a iniziative del genere ci sembra più un modo per indorare la pillola. Non crediamo che in tal senso si possa contribuire a creare un rapporto di fiducia con i cittadini, perchè sembrerebbe che essi dovrebbero tenere pulita la città in cambio di una pulizia straordinaria che il Comune si impegna a fare. Un patto, appunto. Il patto vero, intrinseco a qualsiasi comunità amministrata bene, esiste già e prevede semplicemente il rispetto degli impegni reciproci: da una parte i servizi resi, dall'altra il rispetto delle regole. Solo in un contesto dove nessuna delle parti attiene ai propri compiti si ricorre a espedienti del genere. Palermo, oggi. Anche perchè, il vero campo su cui si misurerà l'amministrazione sarà sempre quell'ordinario che è previsto dopo l'imminente straordinario. Quell'ordinario di tutti i giorni di cui parliamo che non è mai stato garantito e su cui va riposta tutta l'attenzione. Perchè è abbastanza semplice comprendere che annunciare qualcosa di episodico implica una cosciente capacità di poterlo attuare, mentre sul resto della quotidianità non abbiamo riferimenti, se non un impegno a parole come tanti ne abbiamo sentiti. Sarebbe stato più interessante attivare campagne per combattere il fenomeno dei "fannulloni" all'interno delle partecipate, dove oggettivamente l'occhio del cittadino può tornare utile alle aziende. Oppure ascoltare la voce del Comune in merito ai comportamenti discutibili da parte di alcuni impiegati delle partecipate così come riportato dalle cronache, nel silenzio e nell'indifferenza di alcune sigle sindacali. A tal proposito sono invece lodevoli le visite a sorpresa sui punti RAP volute dalla dirigenza aziendale, che hanno contribuito a scovare dipendenti già in procinto di uscita durante l'orario di lavoro (come avvenuto nel punto di Bellolampo). Insomma, ci sembra che al Comune anzichè lavorare a fari spenti per ridonare normalità a questa città (cosa sacrosanta e dovuta), si ricorra sempre a qualcosa di eccezionale, di visibile e straordinario per comunicarlo e  annunciarlo ai quattro venti, nella speranza che ancora una volta si possa applaudire gli autori come coloro che ci stanno regalando qualcosa che altrimenti non potremmo avere. Questa riflessione fa il paio con quanto avevamo scritto in questo articolo, relativamente all'inaugurazione di un impianto luce in Piazza Indipendenza. Ci piacerebbe che un patto con la città si facesse semplicemente con la constatazione dei fatti, senza proclami: quella sarebbe la normalità tanto auspicata.  

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
12 apr 2019

Piano Urbano Mobilità Sostenibile | E’ online il questionario

di Giulio Di Chiara

Mentre vanno avanti gli incontri presso le circoscrizioni relativamente al processo partecipativo avviato dal Comune di Palermo, è possibile compilare online l'apposito questionario sulla mobilità sostenibile. Anche se ci preme sottolineare che si tratta dello stesso questionario che venne lanciato lo scorso anno a Settembre  in occasione della Settimana Europea della Mobilità. Sarebbe utile poter conoscere il totale complessivo degli utenti che hanno partecipato. I cittadini possono compilarlo accedendo al seguente link https://mobilitasostenibile.comune.palermo.it/questionario-pums.php Gli esiti, secondo quanto riportato dal Comune di Palermo, saranno successivamente resi noti sul sito istituzionale. Nel frattempo rendiamo noto il prossimo incontro con i cittadini, quello di giorno 19 aprile 2019 alle ore 9,30 presso i locali della VII Circoscrizione siti in via Eleonora Duse civ. 31.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
12 feb 2019

RAP | Ma che fa diamo una “asfaltatina” alle nostre strade?

di Salvatore Galati

Palermo - Strade e marciapiedi dissestati da anni, poca manutenzione alle strade e ai marciapiedi. Inoltre le piogge degli ultimi mesi hanno peggiorato lo stato del manto stradale, rendendolo fragile e pieno di buche anche pericolose. Per non parlare dei marciapiedi che sono lisci con il rischio di scivolare quando sono bagnati e molte volte sono dissestati. Qui di seguito abbiamo riportato le proposte che Rap nel suo sito ha pubblicato. Ma non vediamo nessuna manutenzione. Le cose sono chiare, non abbiamo bisogno di scrivere un romanzo, perché lo vediamo ogni giorno come sono le nostre strade. Ma quanto dobbiamo aspettare per avere e per vedere le strade belle asfaltate e marciapiedi belli ruvidi? Proposta manutenzione marciapiedi 2018. Proposta manutenzione strade 2018. Da notare l'immagine di copertina della sezione "manutenzione strade" del sito della RAP, caricata nel 2016, quella strada come sarà adesso? Da notare inoltre che la manutenzione fatta di giorno per recare ovvi disagi ai cittadini! Foto di copertina presa dal web

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
01 feb 2017

Riasfaltatura di Corso Tukory, traffico elevato nelle ore di punta

di Fabio Nicolosi

Sono iniziati Lunedì i lavori di manutenzione delle superfici viarie di Corso Tukory, l'intervento riguarderà una superficie di 12.000 mq di asfalto e l'intervento rientra nel piano di riqualificazione urbana delle circoscrizioni Ovviamente i lavori svolti dalle prime ore del mattina al primo pomeriggio, causano lunghe file di auto e numerosi disagi, ma diciamo che non vi raccontiamo nulla di nuovo. Il nostro consiglio è quindi di utilizzare percorsi alternativi per non sovraccaricare una viabilità già critica nella zona per via di numerosi flussi di mezzi provenienti da più direzioni e che confluiscono nella stessa intersezione. Ecco il comunicato stampa: Rap informa che da Lunedì le squadre di manutenzione ordinarie delle superfici viarie con operai e mezzi d'opera apriranno il cantiere in Corso Tukory per il ripristino di circa 12.000 mq di asfalto. Contestualmente un'altra squadra sta ultimando le attività manutentive su via Gaetano Costa per poi sempre lunedì prossimo iniziare le attività su via Olio di Lino ( 13.000 mq) , Molara ( 8.300 mq) e Aquino Molara ( 7.000 mq) . Le operazioni di manutenzione sono supportate dall'ausilio del settore mobilità e dai vigili urbani per regolare il traffico veicolare/pedonale. Ulteriori interventi di manutenzione sono stati già programmati e riguardano la via Abramo Lincoln( 11.400 mq) e via Luigi Sarullo ( mezza carreggiata di valle 5.000 mq) . Per quanto attiene Corso Tukory e via Abramo Lincoln questi lavori rientrano nell'intervento coordinato dall'Amministrazione con le partecipate che stanno interessando la seconda circoscrizione

Leggi tutto    Commenti 5

Ultimi commenti