Articolo
26 apr 2017

Rap | Riprende la distribuzione dei kit per differenziata Palermo Differenzia 2

di Fabio Nicolosi

Lo scorso Venerdì 21 Aprile è stato reso esecutivo il dissequestro del piazzale superiore e del capannone ex Amia sito all’interno dell’autoparco di Partanna che lo scorso dicembre era stato oggetto di requisizione. Il sequestro era scaturito da alcune verifiche effettuate da parte dei vigili del fuoco sugli impianti anti incendio e le relative normative connesse. L’azienda ha ottemperato alle prescrizioni richieste chiarendo anche le destinazioni dei mezzi, degli scarrabili e dei kit in plastica presenti in loco. Già dal fine settimana si sta procedendo allo svuotamento del capannone oggetto del sequestro, con la consegna a Palermo Ambiente dei Kit e dei carrellati per le relative attività di distribuzione alle famiglie. Palermo differenzia 2 secondo step, abbraccerà altri 20.000 (19.333 per precisione) cittadini ricadenti nel quartiere Politeama Massimo. Le attività da parte di Palermo Ambiente d’accordo con il Conai riprenderanno a pieni ritmi già dalla prossima settimana al fine di consegnare alle famiglie entro il mese di maggio la restante parte dei kit . Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Proposta
30 mar 2017

Piazza Borsa, com’è e come potrebbe essere

di Fabio Nicolosi

Si parla di pedonalizzazioni, ed ecco che qualche giorno fa, girovagando tra i gruppi di Facebook mi sono imbattuto in questo bellissimo rendering che mi ha subito fatto venir voglia di mettere in atto la proposta. Rendering realizzato da Alessio Trapani. Si, perché Piazza Borsa per anni è stata l'area del parcheggiatore abusivo per eccellenza con numerosi raid compiuti dalla polizia municipale. In realtà il grosso spazio potrebbe essere riqualificato creando una piazza rialzata centrale e lasciando una singola corsia di marcia a quota leggermente inferiore. Per evitare che l'enorme spazio possa essere invaso basterebbe o realizzare un gradino molto elevato tra sede stradale e sede pedonale, oppure una ringhiera anche discontinua che blocchi il transito alle auto, perché si sa, noi palermitani siamo capaci di tutto, ad ora di posto auto. Pensate per esempio a tutte le attività commerciali che potrebbero sfruttare quello spazio per ampliare la proprio area espositiva, oppure alle varie manifestazioni ludiche che potrebbero essere realizzate. Ecco un perfetto assist per i futuri candidati a sindaco...

Leggi tutto    Commenti 8
Segnalazione
25 gen 2017

Via Sedie Volanti: la strada “paranormale”

di belfagor

Tra le vie di Palermo, certamente Via Sedie volanti è una di quelle che, a causa dello strano nome, è ammantata da un alone misterioso. Qualcuno, soprattutto gli “ stranieri”, possono  pensare che in questa via avvenivano fatti e avvenimenti che normalmente rientrano nella sfera dei “fenomeni  paranormali”. Sedie che volano come nelle “migliori” sedute spiritiche . Purtroppo , o meno male, non è così.   La via delle sedie volanti si trova tra via Spirito Santo e piazza Beati Paoli, cioè in pieno quartiere Capo .  Il quartiere è certamente “ pieno di misteri” ma tra tali misteri non rientrano quelli legati a tale strada.  Purtroppo la strada, al di là del nome “inquietante”, non ha nulla di eccezionale. Le “sedie volanti” altro non  sono che le portantine, che fino al XIX secolo, venivano  utilizzate dagli aristocratici, e non solo, per i brevi spostamenti e che venivano costruite da alcuni artigiani che avevano le loro botteghe situate proprio su questa via. Queste portantine, dotate di due robuste aste di legno, venivano portate a spalla dai loro servitori, o alle volte da cavalli, per le vie cittadine ( ma anche per brevi percorsi “fuori porta”)  ed erano riccamente addobbate in relazione al grado e all’importanza del personaggio ( e soprattutto della disponibilità economica).  Erano usate principalmente quando non era possibile usare le carrozze, o dalle nobildonne quando la carrozza  era” impegnata”, una specie di  “seconda auto”.         Erano dette “volanti” perché, stando sulle spalle dei servitori,  il passeggero era posizionato sopra le teste dei comuni mortali o dei normali passanti. Ma esisteva anche una specie di “servizio pubblico”. Un cittadino/a “borghese” poteva noleggiarle per spostarsi nelle strade e stradine della città , evitando di sporcarsi le scarpe o le scarpine. Una specie di sevizio taxi. Furono costruite fino all’inizio del XIX secolo, quando se ne perse l’usanza, anche a causa della “crisi economica” dei nobili e della comparsa di servizi pubblici “ alternativi” , per esempio gli Omnibus a cavalli. Alcuni esemplari si possono ancora ammirarei presso il museo etnografico Giuseppe Pitrè e a Villa Niscemi. P.S. Considerando che va di moda parlare di “mobilità  sostenibile”, non ci meraviglieremo che a qualcuno non  venga l’idea di riproporre  le “ sedie volanti”.   Sono certamente “ecologiche”, non pagano la tassa ZTL  e potrebbero inoltre creare nuovi posti di lavoro.  

Leggi tutto    Commenti 1    Proposte 0
Articolo
11 nov 2016

RAP | Dal 15 Novembre parte la raccolta differenziata nei quartieri Strasburgo – Resuttana

di Fabio Nicolosi

Dal 15 novembre si darà ufficialmente il via alla raccolta differenziata porta a porta che coinvolgerà i cittadini dei quartieri 'Strasburgo - Resuttana'. Dalle strade saranno rimossi i cassonetti. Palermo Ambiente e la Rap hanno infatti terminato la consegna dei kit e dei carrellati ed hanno svolto una capillare attività di informazione. Adesso verranno ritirati tutti i cassonetti dalle strade. Sugli stessi cassonetti sono da oggi posizionati dei grandi adesivi che informano i cittadini della imminente rimozione. Il progetto, denominato 'Palermo Differenzia 2', cosi come è stato annunciato lo scorso giugno nel corso di una conferenza stampa a Villa Niscemi è stato redatto in conformità all'Accordo di Programma in applicazione della legge n. 244/2007, con l'obiettivo di estendere il sistema porta a porta già attivato (Palermo Differenzia 1), in una zona semicentrale della città. Nelle due zone Strasburgo e Resuttana sono servite 8600 famiglie (poco più di 20 mila abitanti). Sono stati consegnati 6991 kit a fronte di 1635 assenti che hanno ritirato e ritireranno le attrezzature presso l'ufficio di coordinamento centrale, sito in Via Resuttana 360, c/o Palermo Ambiente. Nel frattempo Palermo Ambiente e Conai hanno già iniziato da settimane la consegna dei kit ai cittadini dei quartieri 'Politeama - Massimo'. Sono state già servite il 30% delle utenze. Alla fine di questo secondo step, saranno coinvolti altri 20-30 mila cittadini. A seguire Borgo Vecchio e Centro Storico. Oltre a Strasburgo/Resuttana, le altre quattro aree interessate copriranno infatti la gestione dei rifiuti di 13.834 famiglie nell'area di Settecannoli (39.276 abitanti), 13.678 famiglie nell'area del Centro Storico (28.682 abitanti), 10.338 famiglie nell'area Politeama/Massimo (23.147 abitanti) e 3.221 famiglie a Borgo Vecchio (7.628 abitanti) Alcune informazioni: Martedì 15 (giorno della partenza del servizio) si inizierà con il ritiro di residuo e carta. Orario di conferimento: 20-22. Orario di raccolta: dalle 22 in poi (notte). Mercoledì: plastica e metalli Giovedì: umido Venerdì: residuo Sabato: vetro e umido Lunedì: umido È importante ricordare che nella zona di Palermo Differenzia 2 spariranno anche le campane del vetro (cosa non prevista nella zona di Palermo Differenzia 1) 'Con Palermo differenzia 2 - sottolinea il Sindaco Leoluca Orlando - una ampia parte della città vedrà finalmente sparire i cassonetti per strada, ulteriore segno di una città che cambia in meglio sia dal punto di vista del decoro, sia sotto il piano culturale. Grazie alla sinergia fra RAP, Palermo Ambiente e Conai oggi diamo una ulteriore dimostrazione del fatto che si può far funzionare il settore pubblico nella gestione dei rifiuti. Invito tutti i cittadini a collaborare per contribuire a rendere Palermo più pulita - ha aggiunto il sindaco -. Il controllo sociale è molto importante e per questo istituiremo anche per la raccolta differenziata una speciale task force di controllo e vigilanza per evitare abbandoni e conferimento improprio.' In vista del radicale cambio organizzativo e culturale che interessa migliaia di famiglie e cittadini, Palermo Ambiente offrirà informazioni ed assistenza tramite il call center dell'ufficio di coordinamento (Palermo Ambiente, Via Resuttana 360) che sarà a disposizione di tutti i cittadini, con cinque postazioni, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30 (numero di telefono: 091/7601515). Nel caso in cui alcuni cittadini fossero impossibilitati a recarsi presso il suddetto ufficio (problemi di salute, disabilità, anzianità etc..), il personale di Palermo Ambiente e del Conai concorderà una nuova data di consegna dei kit direttamente a casa.

Leggi tutto    Commenti 7
Articolo
13 set 2016

FOTO |Prima – Dopo: Ecco come dar lustro a Piazza Nascè

di Fabio Nicolosi

Oggi vogliamo portarvi l'esempio di come una pedonalizzazione possa far migliorare la vivibilità di una piazza. Ci troviamo a Piazza Niscè a due passi dalla zona centrale della movida palermitana. La piazza da sempre utilizzata come posteggio e luogo di abbandono dei rifiuti, vista la presenza dei cassonetti, grazie alla pedonalizzazione decisa dal comune assume un nuovo aspetto estetico. Sono bastate 20 piante, 12 panchine e 20 dissuasori per dar lustro ad una piazza storica da molti dimenticata e sopratutto trascurata, in primis proprio dall'amministrazione comunale. Vi lasciamo a questa galleria:

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
04 lug 2016

RAP | Palermo Differenzia 2: In distribuzione i primi kit per la raccolta differenziata

di Fabio Nicolosi

Sono già stati distribuiti oltre 1000 kit per la raccolta differenziata nella zona di Viale Strasburgo in cinque giorni. Finalmente lo possiamo dire, è partita Palermo Differenzia 2! Dopo anni di attese e rinvii è partita la distribuzione di tutti i kit contenenti i piccoli contenitori domestici e i grandi cassonetti condominiali che permetteranno l'aumento, almeno così si spera, dei materiali riciclati in città. La distribuzione dei kit è iniziata dai quartieri Resuttana-Strasburgo, dove entro l’estate andrà a regime la raccolta. Chi non è in casa può andare a ritirare il necessario nella sede della società in via Resuttana o chiamare lo 091 7601515 per avere maggiori informazioni.

Leggi tutto    Commenti 22
Articolo
15 giu 2016

RAP | Parte il secondo step di Palermo Differenzia, si inizia dal quartiere Strasburgo

di Fabio Nicolosi

Un progetto che doveva essere avviato nel 2012, vede la luce finalmente dopo tre anni tra ritardi burocratici e fallimenti. Il nuovo STEP della raccolta differenziata coinvolgerà altre 50.000 famiglie e permetterà di aumentare (si spera) la quantità di nettezza urbana riciclabile migliorando anche la raccolta dell'immondizia e sopratutto evitando le cataste di sacchetti nei pressi dei cassonetti Al via la seconda fase della differenziata 'Porta a Porta' che coinvolgerà circa 50.000 famiglie (130 mila abitanti), che si sommano a quelli già serviti da Palermo Differenzia 1. Ad annunciarlo questa mattina, nel corso della conferenza stampa che si è svolta a Villa Niscemi, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Presenti anche l'assessore all'Ambiente, Sergio Marino, il presidente del Consiglio comunale, Salvatore Orlando, il presidente della Rap, Roberto Dolce e il rappresentante legale di 'Palermo Ambiente', Marcello Capetta. Il nuovo progetto, denominato 'Palermo Differenzia 2', è stato redatto in conformità all'Accordo di Programma in applicazione della legge n. 244/2007, con l'obiettivo di estendere il sistema porta a porta già attivato nel 2010 (Palermo Differenzia 1), in una zona semicentrale della città. La prima area di intervento sarà il quartiere Strasburgo dove da domani comincerà la distribuzione dei kit alle famiglie e alle utenze non domestiche e dove l'effettiva raccolta comincerà a luglio con la dismissione contemporanea dei cassonetti dell'indifferenziata stradale. Seguiranno poi, a step da circa 20.000 cittadini per volta, i quartieri Politeama, Massimo, Borgo Vecchio, Centro storico, Settecannoli e Brancaccio. Tutte le aree saranno attive entro la fine di ottobre. Rispetto a Palermo Differenzia 1, si effettuerà anche la raccolta porta a porta del vetro per rendere più omogenea la tipologia di raccolta e contrastare il fenomeno dell'abbandono di rifiuti indifferenziati attorno alle campane stradali. Da dopodomani si avvierà una campagna di comunicazione/informazione curata da Palermo Ambiente agli utenti, con la consegna dei Kit informativi. Ogni famiglia riceverà un vademecum, facile da consultare e da conservare come promemoria, all'interno del quale saranno riportate in maniera sintetica e semplice tutte le informazioni sui materiali da raccogliere e sulle modalità di conferimento. È, inoltre, prevista la distribuzione di flyers per una comunicazione rapida e diretta relativamente all'avvio del servizio di raccolta. Ad accompagnare il materiale, è una lettera del sindaco e del presidente della RAP con un vero e proprio appello ai cittadini. 'Oggi stiamo consegnando ai palermitani un pallone e ed una porta vuota. Spetta a loro, e non è difficile, fare il gol per una nuova qualità della vita a Palermo'. A conclusione di ogni step di avvio che durerà circa un mese e mezzo, si procederà al monitoraggio e al controllo delle modalità di conferimento delle utenze, nonché all'avvio del servizio di ritiro da parte di RAP. Ogni intervento sarà costantemente supportato da informazione e sensibilizzazione delle utenze. 'L'esperienza della RAP, nata dalla fallita AMIA, ci insegna che si può far funzionare il settore pubblico nel settore dei rifiuti. A Palermo, in questo campo non c'è un solo appalto privato - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - e non ci sarà un appalto privato neppure nella città metropolitana, poiché siamo convinti che bisogna liberare questo settore dall'ipoteca affaristica mafiosa. Non è una novità - ha spiegato il sindaco - l'esperienza siciliana ci insegna, che i settori a più forte infiltrazione criminale sono proprio quelli dell'acqua, dei rifiuti e ora anche quello dell'energia. Vorrei ricordare a qualche assessore regionale che la condizione dei rifiuti in cui si trova la città di Palermo è unica in Sicilia perché abbiamo la discarica pubblica e perché non abbiamo mafiosi o amici di mafiosi in mezzo ai piedi. Forse questo da' fastidio a qualcuno? Invito tutti i cittadini a collaborare per contribuire a rendere Palermo più pulita - ha aggiunto il sindaco -. Il controllo sociale è molto importante e per questo istituiremo anche per la raccolta differenziata una speciale task force. Ci sarà, infatti, una squadra in borghese, con ispettori ambientali di Palermo Ambiente e Polizia municipale che accerteranno l'eventuale conferimento improprio. E verranno irrogate sanzioni come per gli ingombranti'. Grande soddisfazione per l'avvio del nuovo step della raccolta differenziata è stata espressa anche dal presidente del Consiglio comunale, Salvatore Orlando. 'Siamo riusciti a riconvertire un'azienda fallita, grazie al nostro impegno e alla buona volontà dei dipendenti - ha dichiarato il presidente Orlando - e abbiamo avviato un servizio che comincia a dare i suoi risultati, mentre in tutta la Sicilia ci sono comuni che non riescono a smaltire i rifiuti'. 'Palermo differenzia 2 - spiega l'assessore all'Ambiente Sergio Marino - giunge finalmente al suo traguardo in concomitanza con l'ordinanza della Regione per cui la città di Palermo sarà pronta per raggiungere una percentuale di raccolta differenziata a due cifre. Essere virtuosi, nel rispetto dell'ambiente è un obiettivo che ci siamo prefissati ed è il termometro di civiltà di una comunità. Il Comune farà la sua parte. Oramai la raccolta differenziata è un percorso obbligato necessario per attivare il giusto ciclo di rifiuti con l'obiettivo di diminuire sempre più la quantità di spazzatura conferita in discarica e creare un sistema di gestione che consenta di trasformare i rifiuti da costo a risorsa'. 'Importante é - dichiara il presidente della Rap Roberto Dolce - ricordare che la raccolta differenziata va effettuata per sostenere la gestione del ciclo integrato di rifiuti finalizzato al rispetto dell'ambiente. Con l'estensione del 'Porta a Porta ' gli utenti serviti passano da 130.000 abitanti a 260.000 circa, un passaggio significativo che consentirà il raggiungimento di nuovi risultati percentuali nella raccolta differenziata. Le nuove percentuali da raggiungere, rappresentano la nuova sfida per la Rap, per i cittadini e per la città. I recenti provvedimenti regionali in materia di rifiuti - conclude Dolce - impongono nuovi obiettivi alla nostra comunità amministrata con un aumento di 3 punti percentuale entro il 30 agosto 2016 e un ulteriore aumento di 3 punti percentuali entro il 30 novembre 2016, rispetto ai dati del 2015.Questa nuova azione vedrà coinvolti, con uomini e mezzi, la Rap e Palermo Ambiente coordinati dall'amministrazione comunale dall'assessorato all'Ambiente. Il raggiungimento di maggiori percentuali di differenziata a Palermo assumono una notevole rilevanza anche avuto riguardo all'impianto di Bellolampo per il Trattamento meccanico Biologico dei rifiuti urbani (TMB); infatti la riduzione della percentuale di indifferenziata potrà consentire il prolungamento della vita della discarica e la realizzazione del compost attraverso l'organico. La sfida é per tutti, cittadini e amministrazione, affinché si trasformi l'attuale criticità in materia di rifiuti in una opportunità legata al nostro futuro ambientale ed alla sua sostenibilità'. 'Soddisfazione esprime il presidente del Conai Roberto De Santis per l'avvio di Palermo Differenzia 2 nella consapevolezza che separare, recuperare e riciclare sia l'unico percorso che permetta di aumentare il tasso di avvio a riciclo dei rifiuti conferiti. Una corretta separazione dei rifiuti é anche assunzione di responsabilità dei cittadini a salvaguardia dell'ambiente. Anche questa volta, si riafferma l'impegno di Conai nel promuovere lo sviluppo della raccolta differenziata a Palermo e in particolare modo l'avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio'. Ulteriori informazioni le potete trovare: Presentazione Palermo Differenzia 2 - Parte 1 Presentazione Palermo Differenzia 2 - Parte 2

Leggi tutto    Commenti 15