Articolo
19 giu 2020

Si allarga la ZTL del centro storico: anche lo storico mercato “Vucciria” è zona a traffico limitato

di Fabio Nicolosi

Il Servizio Mobilità Urbana ha emesso oggi (ieri per chi legge) due importanti ordinanze: la 422 e la 423, inerenti rispettivamente all'istituzione di Zona a Traffico Limitato nel Mercato Storico “Vucciria” ed alla nuova regolamentazione della circolazione veicolare delle area perimetrale dello stesso mercato. "Un atto formale – dichiara il sindaco Leoluca Orlando - che segna un momento importantissimo e che conclude un lungo percorso condiviso con la Circoscrizione, i residenti e i commercianti. Una mini pedonalizzazione che restituirà vivibilità e fruibilità a tutta la zona della Vucciria e delle aree limitrofe, dando anche ossigeno alle loro attività commerciali". "Un ulteriore intervento di limitazione del traffico – sottolinea l’assessore Giusto Catania - che assume un altissimo valore non solo simbolico per il ruolo e la storia del mercato della Vucciria. Un ulteriore passo di restituzione ai cittadini del cuore storico della nostra città." L'Ordinanza Dirigenziale n.422 del 18/06/20200 ha per oggetto l'istituzione di Zona a Traffico Limitato nel Mercato Storico “Vucciria”, riguardante le vie: discesa Maccheroni, piazza Caracciolo, discesa Caracciolo Viceré, via Pannieri e via Argenteria. Nel dettaglio: Piazza S. Domenico Area pedonale compresa tra il prolungamento della via G. Meli e la Discesa Maccheronai: Lato destro del tratto, incrocio con la discesa S. Domenico: - Istituzione di direzione obbligatoria a sinistra (fig. II 80/b art. 122 - DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli commerciali autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati. 1) Discesa Maccheronai Tratto compreso tra Piazza S. Domenico e Piazza Caracciolo: - Istituzione di Zona a Traffico Limitato eccetto i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati; - Istituzione del senso unico di marcia nel verso e nel tratto; - Istituzione del divieto di fermata ambo i lati. Lato destro del tratto, incrocio con Piazza Caracciolo: - Istituzione di direzioni consentite diritto (fig. II 80/a art. 122 – DPR 495/92). 2) Piazza Caracciolo Tratto compreso tra Discesa Maccheroni, Discesa Caracciolo Viceré, via Pannieri, vicolo Mezzani, via dei Frangiai e via Argenteria: - Istituzione di Zona a Traffico Limitato eccetto i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati; - Istituzione del senso unico di marcia nel verso e nel tratto; - Istituzione del divieto di fermata ambo i lati; Lato destro del tratto, incrocio con la discesa Caracciolo Vicerè: - Istituzione di direzione obbligatoria diritto (fig. II 80/a art. 122 – DPR 495/92). 3) Discesa Caracciolo Viceré Tratto compreso tra Piazza Caracciolo e Via Roma: - Istituzione di Zona a Traffico Limitato; - Istituzione di strada senza uscita (fig. II 309 art. 135 - DPR 495/92); - Istituzione del divieto di fermata ambo i lati. 4) Via Pannieri Tratto compreso tra Piazza Caracciolo e Via Vittorio Emanuele: - Istituzione di Zona a Traffico Limitato eccetto i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati; - Istituzione del senso unico di marcia nel verso e nel tratto; - Istituzione del divieto fermata ambo i lati. 5) Via Argenteria Tratto compreso tra Piazza Garraffello e Piazza Caracciolo: - Istituzione di Zona a Traffico Limitato eccetto i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati; - Istituzione del senso unico di marcia nel verso e nel tratto; - Istituzione del divieto di fermata ambo i lati; Lato destro del tratto, incrocio con Piazza Caracciolo: - Istituzione del fermarsi e dare precedenza (fig. II 37 art. 37 - DPR 495/92); - Istituzione di direzione obbligatoria a sinistra (fig. II 80/b art. 122 - DPR 495/92). I residenti e dimoranti che potranno richiedere il pass che consentirà il transito nell’area interessata dalla ZTL Mercato Vucciria sono coloro che risiedono nelle vie e piazze appresso indicate: · Via Materassai (intero tratto); · Piazza Caracciolo (intero tratto); · Via Coltellieri (intero tratto); · vicolo Madonna dei Travicelli (intero tratto); · vicolo S.Andrea (intero tratto); · vicolo Rosa Bianca (tratto compreso tra via Coltellieri e il civ. 12); · discesa Caracciolo Viceré (intero tratto); · via Pannieri (intero tratto); · vicolo Mezzani (tratto compreso tra il vicolo S. Sofia e piazza Caracciolo); · via Frangiai (tratto compreso tra piazza Caracciolo e piazzetta Garraffo); · piazzetta Garraffo (intero tratto); · via Argenteria (intero tratto). LA CIRCOLAZIONE VEICOLARE NELL'AREA ZTL MERCATO VUCCIRIA E’ CONSENTITA PREVIA DOTAZIONE DI PASS (GRATUITO E DI VALIDITÀ ANNUALE) CHE: · CONSENTIRA’ DI PERCORRERE L'AREA MERCATALE ACCEDENDO DALLE VIE MATERASSAI, COLTELLIERI E ARGENTERIA E USCENDO DALLA STESSA AREA IMPEGNANDO LA VIA PANNIERI IN DIREZIONE VIA DEI TORNIERI: · SARA’ RICHIESTO, ALLA POSTAZIONE DECENTRATA SITA A PIAZZA MARINA DAGLI AVENTI DIRITTO CHE RISIEDONO NEI TRATTI STRADALI SOPRA INDICATI; · SARA’ RITIRATO PRESSO GLI UFFICI DELLA POSTAZIONE DECENTRATA SITA A PIAZZA MARINA; · DOVRA’ ESSERE ESPOSTO IN MANIERA VISIBILE E IN ORIGINALE SUI MEZZI AUTORIZZATI: Contestualmente, l’OD 423 dispone la nuova regolamentazione della circolazione veicolare delle area perimetrale della “ZTL Mercato Storico Vucciria”, riguardante le vie: Discesa S.Domenico, Coltellieri, vicolo Madonna dei Travicelli, vicolo S.Andrea, vicolo Rosa Bianca e via dei Frangiai; la modifica ed integrazione delle OO.DD. n. 958 e n. 959 del 25.07.2019 e s.m.i. (“ZTL Cassaro Basso”), riguardante la regolamentazione della circolazione veicolare delle vie: Via Paterna, piazzetta del Garraffo e piazza Garraffello, Materassai, Argenteria Vecchia, Terre delle Mosche, Calzonai, Chiavettieri (tratto da via Terre delle Mosche a via Cassari), Cassari, vicolo Tarzanà, via Tintori, via Vittorio Emanuele (tratto da via Porto Salvo e via Tintori) e Porto Salvo; infine, la revoca dell’O.D. n.1004 del 09.08.2018. Nel dettaglio, in via sperimentale, si dispone un nuovo piano di circolazione delle vie perimetrali interessate dalla “ZTL Mercato Vucciria”- Discesa S. Domenico Tratto compreso tra Piazza S.Domenico e Piazza S.Andrea Lato destro del tratto, incrocio con piazza S.Andrea/via Coltellieri: - Istituzione di direzione obbligatoria diritto (fig. II 80/a art. 122 – DPR 495/92) eccetto i veicoli autorizzati dall’O.D. 422/2020 (ZTL Mercato Vucciria). Via Coltellieri Tratto compreso tra Piazza S. Andrea e Piazza Caracciolo: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92) eccetto i veicoli autorizzati dall’O.D. 422/2020 (ZTL Mercato Vucciria), con accesso esclusivo da Piazza S.Andrea; Lato destro del tratto, incrocio con Piazza Caracciolo: - Istituzione di direzione obbligatoria diritto (fig. II 80/a art. 122 – DPR 495/92). Vicolo Madonna dei Travicelli Tratto compreso tra Via Coltellieri e la Discesa Maccheronai: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92). Vicolo S. Andrea Tratto compreso tra Via Coltellieri e Piazza S.Andrea: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92). Vicolo Rosa Bianca Tratto compreso tra Via Coltellieri e il civ.12: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92). Tratto compreso tra il civ.12 e il Vicolo 1° Appalto: - Istituzione del doppio senso di marcia alternato con diritto di precedenza per chi esce dal vicolo in direzione del Vicolo 1° Appalto; Lato destro del tratto, incrocio con il Vicolo 1° Appalto: - Istituzione di strada senza uscita. Via Frangiai Tratto compreso tra Piazza Caracciolo e Piazzetta Garraffo/Vicolo Paterna: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92). Vicolo Mezzani Tratto compreso tra il vicolo S. Sofia e piazza Caracciolo/via Frangiai: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92). Via Paterna Tratto stradale intersezione con Via Frangiai: - Istituzione di direzione obbligatoria destra (fig. II 80/c art. 122 - DPR 495/92). Piazzetta Garraffo Tratto compreso tra Via Argenteria e Via Frangiai: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92) eccetto i veicoli autorizzati dall’O.D. 422/2020 (ZTL Mercato Vucciria), con accesso esclusivo da Via Argenteria. Piazza Garraffello Area compreso tra Via della Loggia, Via Argenteria, Via Materassai, Via Cassari e Via Garraffello: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92) fatta eccezione per le corsie di marcia appresso indicate: · Tratto stradale sul prolungamento della Via della Loggia in direzione Via Materassai: - Istituzione di una corsia veicolare, di larghezza non inferiore a metri 3,00, regolamentata in senso unico di marcia nel verso e nel tratto, in cui è garantita la libera circolazione; - Istituzione del divieto di fermata ambo i lati; Lato destro del tratto, incrocio con Via Cassari: - Istituzione di direzione obbligatoria a sinistra (fig. II 80/b art. 122 - DPR 495/92) eccetto i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati; Lato destro del tratto, incrocio con via Argenteria: - Istituzione di direzione obbligatoria a destra (fig. II 80/c art. 122 - DPR 495/92) eccetto i veicoli autorizzati dall’O.D. 422/2020 (ZTL Mercato Vucciria). · Tratto stradale sul prolungamento della Via Materassai/Via Cassari in direzione Via Garraffello: - Istituzione di una corsia veicolare, di larghezza non inferiore a metri 3,00, regolamentata in senso unico di marcia nel verso e nel tratto; - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati, con accesso esclusivo dalle Vie Cassari/della Loggia. Via Materassai Tratto compreso tra Piazza Garraffello e Via Meli: - Istituzione del senso unico di marcia; - Istituzione del divieto di fermata ambo i lati. Via Argenteria Vecchia Lato destro del tratto, incrocio con via Materassai: - Istituzione di direzione obbligatoria sinistra (fig. II 80/b art. 122 - DPR 495/92); - Istituzione di segnale dare precedenza (fig. II art. 36 - DPR 495/92) ai veicoli in transito su via Materassai. Via Terra delle Mosche Tratto compreso tra Via della Loggia e Via dei Chiavettieri: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92) eccetto i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati, con accesso esclusivo dalle Vie della Loggia/Garraffello. Lato destro del tratto, incrocio con via Chiavettieri: - Istituzione di direzione obbligatoria a sinistra (fig. II 80/b art. 122 - DPR 495/92). Via Calzonai Tratto compreso tra Via Vittorio Emanuele e Via Terra delle Mosche: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92), eccetto i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati, con accesso esclusivo da Via Vittorio Emanuele. Lato destro del tratto, incrocio con via Terre delle Mosche: - Istituzione di direzione obbligatoria a destra (fig. II 80/c art. 122 - DPR 495/92). Via Chiavettieri Tratto compreso tra Via Terra delle Mosche (altezza civici n. 36/n. 45) e Via Cassari: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati, con accesso esclusivo da Via Terre delle Mosche. Lato destro del tratto, incrocio con via Cassari: - Istituzione di direzione obbligatoria a sinistra (fig. II 80/b art. 122 - DPR 495/92). Via Cassari Tratto compreso tra Via dei Tintori e Piazza Garraffello: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati, con accesso esclusivo da Via Tintori/Via Vittorio Emanuele. Lato destro del tratto, incrocio con piazza Garraffello: - Istituzione di direzione obbligatoria a destra (fig. II 80/c art. 122 - DPR 495/92), eccetto i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati. Tratto compreso tra Via dei Tintori e Via Cala - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati, con accesso esclusivo da Via Tintori/Via Vittorio Emanuele. Via dei Tintori Tratto compreso tra Via Vittorio Emanuele e via Cassari: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati, con accesso esclusivo da Via Vittorio Emanuele. Vicolo Tarzanà Tratto compreso tra Piazza Tarzanà e Via Cassari: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati, con accesso esclusivo da Piazza Tarzanà. Lato destro del tratto, incrocio con via Cassari: - Istituzione di direzione obbligatoria a destra (fig. II 80/c art. 122 – DPR 495/92). Via Vittorio Emanuele Tratto compreso tra Via Porto Salvo e Via dei Tintori: - Istituzione del divieto di transito (fig. II art. 116 - DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dall’O.D. n.958/2019 e s.m.i. e da quelli indicati nel presente provvedimento, con accesso esclusivo da Via Porto Salvo/Piazza Marina. Lato destro del tratto, incrocio con Via della Loggia: - Istituzione di direzione obbligatoria a destra (fig. II 80/c art. 122 – DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dall’O.D. n. 958/2019 e s.m.i. e da quelli indicati nel presente provvedimento. Via Porto Salvo Lato destro del tratto, incrocio con Via Vittorio Emanuele: - Istituzione di direzione obbligatoria a sinistra (fig. II 80/b art. 122 - DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dall’O.D. n.958/2019 e s.m.i. e da quelli indicati nel presente provvedimento, con accesso esclusivo da Via Porto Salvo/Piazza Marina. Via Alessandro Paternostro Lato destro del tratto, incrocio con Via Vittorio Emanuele: - Istituzione di direzione obbligatoria diritto (fig. II 80/a art. 122 – DPR 495/92), fatta eccezione per i veicoli autorizzati dal presente provvedimento e di seguito indicati. I residenti e dimoranti che potranno richiedere il pass che consentirà il transito all’interno delle aree interdette alla circolazione veicolare sono coloro che risiedono nelle vie e piazze appresso indicate: · via Cassari (intero tratto); · via dei Tintori (intero tratto); · vicolo Tarzanà (intero tratto); · via Chiavettieri (intero tratto); · via Garraffello (intero tratto); · piazza Garraffello (intero tratto); · cortile Vecchio (intero tratto); · via Materassai (intero tratto); · via della Loggia (intero tratto); · via Terre delle Mosche (intero tratto); · vicolo Calzonai (intero tratto); · via della Loggia (intero tratto); · via Frangiai (intero tratto); · vicolo Paterna (intero tratto). LA CIRCOLAZIONE VEICOLARE NELLE VIE INTERDETTE ALLA CIRCOLAZIONE E’ CONSENTITA PREVIA DOTAZIONE DI PASS (GRATUITO E DI VALIDITÀ ANNUALE) CHE: · CONSENTIRA’ DI PERCORRERE LE VIE INTERESSATE DAL PRESENTE PROVVEDIMENTO IMPEGNANDO LE STESSE SECONDO IL SENSO DI MARCIA PREVISTO: · SARA’ RICHIESTO, ALLA POSTAZIONE DECENTRATA SITA A PIAZZA MARINA DAGLI AVENTI DIRITTO CHE RISIEDONO NEI TRATTI STRADALI SOPRA INDICATI; · SARA’ RITIRATO PRESSO GLI UFFICI DELLA POSTAZIONE DECENTRATA SITA A PIAZZA MARINA; · DOVRA’ ESSERE ESPOSTO IN MANIERA VISIBILE E IN ORIGINALE SUI MEZZI AUTORIZZATI.

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
09 giu 2020

FOTO | Completata la riqualificazione di piazza Papireto

di Fabio Nicolosi

A gennaio 2018 annunciavamo la pubblicazione del bando per la riqualificazione della Piazza Papireto. Oggi, a distanza di 2 anni e 6 mesi possiamo mostrarvi i lavori conclusi. A voi i giudizi Il progetto costato circa € 580.000,00 e finanziato con fondi della L.R. 25/90 ha previsto la sistemazione della pavimentazione, una nuova illuminazione pubblica, la revisione e la razionalizzazione del sistema di smaltimento fognario. Si è anche provveduto alla piantumazione di nuovi alberi proprio al bordo tra la piazza e la strada. Foto di Simone F. Ecco come si presentava prima dell'intervento di riqualificazione E' chiaro che adesso bisognerà monitorare che la piazza venga mantenuta in ottime condizioni e affidiamo a voi cittadini il controllo civico

Leggi tutto    Commenti 24
Articolo
01 mag 2020

Che fine hanno fatto i 90 milioni di euro per riqualificare il centro storico?

di Fabio Nicolosi

Era il 2 Luglio 2019 quando il comune di Palermo annunciava un programma di interventi per circa 90 milioni di euro in tre anni, da destinare a progetti materiali di “riqualificazione e sicurezza urbana” tramite il recupero di edifici e spazi pubblici di particolare interesse o di valore storico-artistico ed interventi immateriali per l’incremento ed il miglioramento dell’offerta culturale e turistica. Siamo ormai agli inizi di Maggio e di questi interventi annunciati, non si é ancora visto nulla. Parliamo di 39 interventi per il restauro di importanti palazzi del Centro storico (figurano fra gli altri il completamento del restauro dello Spasimo, quello dell’ex Collegio San Rocco, diversi interventi a Palazzo Riso e ancora l’ex Convento di San Basilio destinato a diventare la Casa delle culture, Palazzo Gulì, il Monastero delle suore Carmelitane e quello del Collegio della Sapienza, l’ex Convento della Gancia), ma anche di Piazza Kalsa, piazza Marina, via Divisi, via Garibaldi, piazza Rivoluzione). Consultando il sito OpenCoesione possiamo notare come nessun interventi risulti ancora inserito. Anche se da un'analisi veloce sembra che l'ultimo aggiornamento riguardi i dati fino a Dicembre 2019. Continueremo a monitorare dunque il sito. Ma la domanda rimane comunque valida: Che fine hanno fatto i 90 milioni di euro per riqualificare il centro storico? Sono somme che ci dobbiamo ancora aspettare? Sono stati approvati i progetti? Quando partiranno i vari interventi?

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
12 gen 2020

Dissuasori in via Maqueda, da lunedì riprendono i lavori

di Fabio Nicolosi

Il cantiere per i dissuasori mobili - o a scomparsa - che dovrebbero essere installati in via Maqueda di fronte al Teatro Massimo di Palermo, é fermo da qualche settimana. I lavori iniziati a Novembre sono stati rallentati prima da oltre quattordici sotto-servizi di vario tipo che passano proprio da lì (tra Enel, Amap, Fibbra ottica, etc etc), successivamente dal rinvenuto canalone la cui costruzione è datata attorno al 1600, subito dopo il medioevo per intenderci. Si tratta dell'antica fognatura della città costruita insieme alla via Maqueda. La soprintendenza ha dunque effettuato tutti i controlli del caso e da lunedì i lavori, dopo aver ricevuto il via libera, dovrebbero ripartire e si prevede il completamento entro una ventina di giorni. Sará cosí? Vi terremo aggiornati Ti potrebbe interessare anche: Aree pedonali, al via i lavori per l’installazione dei dissuasori automatici

Leggi tutto    Commenti 9
Articolo
26 lug 2019

Dal 1 Agosto al via doppio senso di marcia su via Roma e pedonalizzazione via Maqueda

di Antony Passalacqua

Palermo - Scatteranno fra una settimana circa i nuovi provvedimenti sulla viabilità e pedonalizzazione all'interno del Centro Storico. Il nuovo piano di circolazione delle vie interessate partirà in via sperimentale il 1° agosto.  L'attuazione dei singoli provvedimenti avverrà graduatamene nell'arco di 4 giorni, con la Polizia Municipale sul posto per irregimentare i flussi veicolari. La prima ordinanza riguarda la regolamentazione della circolazione nella “ZTL Maqueda SUD”, istituita in via Maqueda, tratto piazza G. Cesare/corso Tuköry e piazza Villena compresa,  la regolamentazione della circolazione veicolare interna ed esterna al tratto stradale interessato dalla ZTL, l’individuazione di alcune aree di sosta e la modifica dell’ordinanza inerente all’istituzione di Zona a Traffico Limitato del Mercato Storico “Ballarò”. Note salienti dell’ordinanza sono: il cambio del senso di marcia in via Maqueda - da Piazza Giulio Cesare ai Quattro Canti (Piazza Villena) dove - fra le 7 e le 10 di mattina - si andrà appunto in questa direzione; cambia la direzione di marcia anche via Calderai, che sarà ora da via Roma verso via Maqueda. Di fatto diventa la via di accesso al mercato di via Ballarò (da via Roma, via Calderai, via Ponticello, Piazza Casa Professa); cambia la direzione di marcia interna al parcheggio di via Spinuzza, che resta esterno alla ZTL, con ingresso da via Roma ed uscita su via Cavour.  La seconda ordinanza riguarda la nuova regolamentazione della circolazione veicolare di via Roma, tratto compreso tra piazza Giulio Cesare e via Cavour, e delle vie Trento, Gorizia, S. Rosalia, Parrocchia dei Tartari, Fiume, Pola, Grande Lattarini, Seminario Italo Albanese, Padre Giorgio Guzzetta, del Poeta, Monte S.Rosalia, Bara all’Olivella, Eliodoro Lombardi, Salvatore Spinuzza, Valenti e le piazzette della Messinese e Due Palme. Sostanzialmente, in Via Roma, nel tratto compreso tra piazza Giulio Cesare e via Cavour, viene istituito il doppio senso di marcia. I veicoli che transitano in via Roma, in direzione via Cavour, potranno svoltare a sinistra in corrispondenza delle seguenti intersezioni stradali: Via Torino, Via Santa Rosalia, Via Divisi, Via Livorno, Via Genova, Via Napoli, Via Epicarmo, Ingresso Posta Centrale (altezza via Seminario Italo Albanese), Via Bara all’Olivella, Via Spinuzza. I veicoli che transitano in via Roma, in direzione piazza Giulio Cesare, potranno svoltare a sinistra in corrispondenza delle seguenti intersezioni stradali: Via Bara all’Olivella, Via Zara (riservata ai soli mezzi di tutela e di scorta), Via Montesanto. Lungo tutto il tratto di via Roma, compreso tra piazza Giulio Cesare e via Cavour, in entrambi i sensi di marcia, sono confermati i DIVIETI DI TRANSITO ai mezzi con massa superiori ai 35 quintali e delle linee di Trasporto Extraurbano. Infine, una terza ordinanza riguarda l’istituzione di una Zona a Traffico Limitato in via Vittorio Emanuele, denominata “ZTL Cassaro Centrale”, tratto compreso tra piazza Villena/Via Maqueda e Piazzetta Marchese Arezzo/Via degli Schioppettieri, la regolamentazione della ZTL di via Vittorio Emanuele, l’individuazione dei varchi di accesso all’area ZTL e degli aventi titolo al rilascio PASS per il transito in via Vittorio Emanuele. In particolare, viene disposta l’istituzione della “ZTL CASSARO CENTRALE”in Via Vittorio Emanuele, nel tratto compreso tra piazza Villena/via Maqueda e piazzetta Marchese Arezzo/via degli Schioppettieri, fatta eccezione  per una corsia di marcia centrale, in senso unico, per il transito dei veicoli autorizzati, con limite di velocità fissato a 10 Km/h. NEL RISPETTO DELLE NORME DELLA ZTL CENTRALE LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI IN VIA VITTORIO EMANUELE, IN DIREZIONE VIA ROMA, E’ REGOLAMENTATA SECONDO LE SEGUENTI MODALITA’: A) Nei  giorni feriali -  dalle ore 7.00 alle ore 10.00, libera circolazione di tutti i mezzi, lungo tutto il tratto stradale da piazza Villena a Via Roma. B) Nei giorni feriali - dalle ore 10.00 alle ore 07.00 del giorno successivo,  chiusura al transito veicolare. C) Nei giorni festivi -  nel tratto da piazza Giulio Cesare a via Calderai/via del Ponticello - dalle ore 0.00 alle ore 24.00, - chiusura al transito veicolare. Viene individuato un varco di accesso, da realizzarsi in Piazza Villena, da cui gli autorizzati potranno accedere e transitare nell’area “ZTL. Cassaro Centrale”.  

Leggi tutto    Commenti 13
Articolo
19 lug 2019

Movida | Nuove sanzioni per chi viola regole e sporca

di Salvatore Galati

Ci perviene un comunicato stampa da parte del comune di Palermo circa nuove sanzioni per chi viola regole e sporca. Dal giorno 18 di luglio, sarà operativa la nuova Ordinanza firmata dal Sindaco Leoluca Orlando, che è stata preparata dagli uffici del Suap e della Polizia Municipale, è frutto è frutto della strategia d’azione decisa e condivisa in seno al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dalla Prefetta De Miro, in merito alla cosiddetta “movida” notturna. Questo provvedimento avrà una durata di 60 giorni in attesa della revisione complessiva dei regolamenti di settore del Consiglio Comunale, prevede in particolare che già a partire dalla prima violazione delle norme possa scattare la chiusura dei locali, per un periodo crescente che va da 10 a 30 giorni in caso di recidiva. Analogamente, nel caso di violazioni che comportino utilizzo di materiali ed attrezzature (impianti di diffusione sonora per quanto riguarda la musica o arredi per quanto riguarda l’occupazione di suolo pubblico), si procederà al sequestro ma, in caso di recidiva si potrà anche arrivare alla confisca definitiva.I provvedimenti sanzionatori verranno applicati “anche nell'ipotesi che l’esercente venga meno agli obblighi di pulizia, decoro degli spazi esterni all'esercizio e di corretto conferimento dei rifiuti prodotti dall'attività”.In particolare l’ordinanza prevede che alle sanzioni pecuniarie (da 25 a 50 euro, con un minimo di 150 euro per ogni violazione accertata), si applichino le seguenti sanzioni accessorie: 1^ violazione dalla data di pubblicazione del presente provvedimento: Chiusura per 10 giorni dell’attività; 2^ violazione: Chiusura per 20 giorni dell’attività; dalla 3^ violazione: Chiusura per 30 giorni dell’attività. Inoltre, chiunque violi le disposizioni vigenti, sarà soggetto alla sanzione accessoria del sequestro amministrativo delle apparecchiature e/ o strumenti di diffusione dei suoni o di ogni altra attrezzatura utilizzata per l’attività illecita, secondo quanto appresso: 1^ violazione: sequestro amministrativo per 10 giorni delle apparecchiature e/ o strumenti di diffusione dei suoni o di ogni altra attrezzatura a servizio dell’attività illecita, inclusi gli arredi e le strutture con cui sia stata perpetrata l’occupazione - anche parzialmente – abusiva; 2^ violazione: Sequestro amministrativo per 20 giorni delle apparecchiature e/ o strumenti di diffusione dei suoni e/ o dei rumori e/o di ogni altra attrezzatura a servizio dell’attività illecita; dalla 3^ violazione: sequestro amministrativo degli strumenti di diffusione dei suoni e/ o dei rumori e/o di ogni altra attrezzatura a servizio dell’attività illecita e successiva CONFISCA delle stesse. Inoltre, per tutte le ipotesi riscontrate da organi di Polizia di violazione alla normativa tecnico/urbanistica di immobili adibiti ad attività commerciale, gli stessi Organi devono provvedere all'immediata segnalazione al SUAP, all’ASP e al Comando dei Vigili del Fuoco al fine della verifica dell’esistenza delle condizioni di agibilità e della predisposizione degli atti conseguenziali.“Di fronte a comportamenti illeciti, irregolari o illegali – afferma il Sindaco – il Comitato Provinciale ha ritenuto, con la nostra piena condivisione, che sia necessario imporre sanzioni ben più restrittive affinché sia chiaro a tutti che il rispetto delle regole è condizione essenziale perché le attività commerciali possano continuare a svolgersi in un clima di serenità e tutela di tutti gli interessi in campo, primi fra tutti quelli dei residenti e quelli di quegli esercenti che si attengono scrupolosamente alle normative.Credo sia da sottolineare anche che si sia deciso un controllo interforze, segnale importante della collaborazione fra tutte le istituzioni per il contrasto ad ogni forma di illegalità, per il decoro, la sicurezza e la civile convivenza.”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 giu 2019

Quando l’area pedonale rischia di diventare una trappola per i soccorsi

di Fabio Nicolosi

È accaduto nella mattinata di domenica 23 Giugno che alla centrale dei vigili del fuoco di Palermo arrivasse una chiamata per un emergenza in via Amari. Una chiamate come tante che giungono alla centrale operativo, ma a fare notizia è la scena che i soccorsi si sono trovati davanti. A causa di alcuni paletti di delimitazione dell'area pedonale di via Amari, i mezzi non hanno potuto impegnare l'area. I pompieri quindi hanno dovuto tagliare i paletti prima di poter accedere con i mezzi per intervenire. Per fortuna la situazione anomala non ha portato a nulla di grave, ma cosa sarebbe successo se ci fosse stato il rischio di un'esplosione o un incendio grave? Spesso la tempestività dei soccorsi è fondamentale e trovarsi davanti la strada sbarrata avrebbe potuto causare vittime e danni. Siamo da sempre favorevoli alle pedonalizzazioni e alle aree pedonali, ma abbiamo volutamente acceso i riflettori su un episodio che deve far riflettere i tecnici comunali affinché rimanga un episodio isolato e affinché si trovi una soluzione nel minor tempo possibile. L'episodio deve sicuramente far ripensare al modo in cui le aree pedonali vengono "chiuse". Ci aspettiamo tra i commenti che proponiate come soluzione ideale i dissuasori oleodinamici, sicuramente, ma sappiamo già che queste pedonalizzazioni vengono realizzate con spese minime. Bastava forse un catenaccio alla base dei pali? E la chiave? Si perché anche in quel caso la chiave poteva essere un problema e non essere la soluzione migliore. Foto dal gruppo: Amari Cantieri E le altre aree pedonali? Sono sicure o sono anch'esse off-limits anche per i mezzi di soccorso?

Leggi tutto    Commenti 3