Articolo
06 mag 2016

Inquinamento e traffico, nuove misure del traffico in arrivo

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa la qualità dell'aria e i parametri rilevati dall'Arpa. Si prospettano nuove misure di contrasto al traffico privato, oltre al ricorso del Comune al CGA in merito la sospensiva delle ztl da parte del Tar.   Nonostante il miglioramento di alcuni parametri, che portano Palermo ad essere fra le grandi città aree metropolitane italiane con la qualità dell'aria migliore, i parametri rilevati dall'ARPA, l'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente e dalla RAP continuano a destare preoccupazione, soprattutto per la concentrazione di alcuni agenti inquinanti gravemente dannosi per la salute, che nella nostra città sono spesso al di sopra dei limiti di legge. Per questo motivo il prossimo 12 maggio si svolgerà un incontro promosso dalla Regione, con il Comune e l'ARPA, per fare il punto "sulle azioni già adottate o ancora da adottare" per il contrasto dell'inquinamento. Infatti, nonostante il miglioramento complessivo dei parametri registrati dal 2001 ad oggi, molto lavoro resta da fare per ricondurre la qualità dell'aria entro i limiti di rispetto per la salute. A destare maggiore preoccupazione è la concentrazione di PM10 e PM2,5, le cosiddette "polveri sottili" particolarmente pericolose per la salute dell'apparato respiratorio, e quella di biossido di azoto, agente inquinante con effetti irritanti delle mucose e dell'apparato respiratorio. Per entrambi, in modo costante negli anni, nella nostra città si registra un superamento dei limiti di legge o una duratura permanenza entro la soglia di attenzione e pericolo. Per quasi tutti gli inquinanti, il trasporto stradale, ed in particolare quello delle automobili e dei veicoli pesanti, è individuato dall'ARPA come la principale fonte di inquinamento, con una netta prevalenza dei motori diesel fra quelli che producono la maggiore quantità di elementi inquinanti. Il traffico veicolare è infatti responsabile di percentuali che variano dal 10% degli ossidi di zolfo al 74% per gli ossidi di azoto. Relativamente ai cosiddetti "gas serra", il biossido di carbonio e il protossido di azoto, il traffico stradale è responsabile rispettivamente del 58 e del 40 per cento, seguito dagli impianti combustibili per riscaldamento (rispettivamente il 30 e il 22 per cento). Il dato storico (dal 2001 in poi) mostra inoltre che la progressiva introduzione dei veicoli rispettosi della normativa comunitaria (da Euro 1 a Euro 6) e l'introduzione di limitazioni all'uso di combustibili più inquinanti per le navi che sostano al porto e per i mezzi pesanti, ha portato ad avere un'aria migliore in città (con un costante calo degli inquinanti di circa l'1,5% annuo), ma la situazione si è oggi stabilizzata, presentando ancora notevoli criticità. Proprio da qui nasce l'esigenza di interventi per la riduzione del traffico stradale, tanto che la stessa ARPA, arriva a proporre delle soluzioni di breve, medio e lungo termine legate alla forte limitazione del traffico veicolare, con il divieto assoluto di circolazione per i mezzi pesanti in alcune aree della città e, nel lungo termine, l'ampliamento delle Zone a traffico limitato.     Foto: Umbria24.it

Leggi tutto    Commenti 22
Articolo
13 mar 2013

Parco Acqua dei Corsari, intervento della Guardia Costiera

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa della Guardia Costiera di Palermo circa un intervento contro il traffico illecito di rifiuti all'interno dell'area di Acqua dei Corsari. Il Nucleo Operativo di Polizia Giudiziaria della Capitaneria di Porto di Palermo nella giornata dell’11/03/2013, è intervenuto in località ricadente nel Comune di Palermo, c.d. “mammellone” per porre fine ad atti finalizzati alla gestione illecita di rifiuti ferrosi. Infatti, durante sopralluogo congiunto con personale tecnico dell’ARPA Sicilia, i militari intercettavano due persone che, utilizzando un furgone quale mezzo di trasporto del materiale, procedeva ad accendere una serie di focolari al fine di trarre, dalla combustione del materiale ferroso in loro possesso, la sostanza da cui poter ottenete ingente corrispettivo dalla successiva vendita, ossia rame ( c.d. oro rosso). (altro…)

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
26 gen 2013

Parco Acqua dei Corsari, presentata interrogazione in Commissione Ambiente

di Antony Passalacqua

E' stata presentata da parte degli attivisti del "Comitato per il Parco ad Acqua dei Corsari" un interrogazione al Governo Regionale circa la situazione di stallo burocratico che continua a impedire interventi di recupero sull'intera area. Giovanni Trizzino (m5s), presidente della Commissione Ambiente e Territorio, dopo aver ascoltato le ragioni espresse dal comitato (di cui fa anche parte Mobilita Palermo), ha infatti depositato e inoltrato l'interrogazione scritta al Presidente della Regione,  Rosario Crocetta, all'ass. Reg. del territorio e dell'ambiente, Mariella Lo Bello e all'Ass Reg. per l’energia e i servizi di pubblica utilità, Nicolò Marino. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
20 dic 2012

Parco ad Acqua dei Corsari, lettera aperta al presidente Crocetta.

di Antony Passalacqua

Pubblichiamo la lettera integrale che il Comitato per il Parco ad Acqua dei Corsari ha indirizzato al Presidente della Regione Rosario Crocetta.   Si tratta di una ricostruzione accurata dell'intera vicenda,  coi "protagonisti" e gli innumerevoli rimbalzi burocratici fra Regione Sicilia, Arpa e un laboratorio che avrebbe dovuto compiere delle analisi. Da circa un anno, il comitato si batte per rendere definitivamente fruibile l'intera area di Acqua dei Corsari e trasformarla in Parco Urbano. L'Assessore Comunale al Verde, Barbera, si è già espresso ufficialmente a favore. Infine sempre a Barbera , è già stata inoltrata una lettera con la richiesta di pulizia dell'intera area. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
14 ago 2012

Bellolampo: diossine 5 volte oltre i valori di soglia?

di Giulio Di Chiara

L'Arpa avrebbe reso noti ulteriori dati al Comune di Palermo, più approfonditi, circa l'incendio di Bellolampo. Anche se sul sito internet www.arpa.sicilia.it l'ultimo comunicato risale al 4 Agosto, dove non vi sono ancora conclusioni sulle diossine, la notizia è circolata velocemente. Secondo quanto si legge sui quotidiani, venerdì l'Arpa ha diffuso alcuni dati allarmanti secondo i quali tra il 31 luglio e il 6 agosto, i residenti di Boccadifalco sono rimasti esposti a un livello di 550 fentogrammi di diossina per metro cubo, un dato 5 volte superiore al valore guida di 100 stimato per un anno (repubblica.it). Non sono ben noti quali siano e dove si trovino questi dati a cui si fa riferimento, o almeno non sono immediatamente accessibili a guardare l'homepage di ARPA SICILIA, ferma appunto al 4 agosto. EDIT: questo il documento inviato da Arpa al Comune a cui si fa riferimento Relazione dati PCDD_PCDF 10082012-1 (altro…)

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
02 ago 2012

Rogo Bellolampo: ARPA pubblichi i dati rilevati sulla diossina e i rischi per la salute

di Giulio Di Chiara

Ennesimo giorno di incendio a Bellolampo, precisamente il quarto. Si sono susseguiti diversi comunicati sul "vapore acqueo" e sui "non rischi" di quanto sta accadendo nelle montagne intorno a Palermo. L'incendio intanto è sempre lì, così come la nube che sovrasta Palermo da alcuni giorni e la puzza che giornalmente avvolge la città non fa stare per niente tranquilli. L'ARPA, Azienda Regionale Protezione Ambiente, ha nuovamente scongiurato il pericolo di diossina con apposito comunicato ripreso dal comune. Ma un comunicato stampa, quando c'è di mezzo la salute di tantissime persone e un pericolo ben visibile sopra le nostre teste, non ci basta.  (altro…)

Leggi tutto    Commenti 8