Articolo
02 set 2015

Il Parco Cassarà e il grande dubbio della bonifica “inutile”: adesso alziamo la voce

di Giulio Di Chiara

Sembra non ci sia pace per il Parco Cassarà, oramai chiuso da troppo tempo e sempre avvolto da un velo di mistero. Ricorderete il sequestro e la conseguente chiusura dell'area per alcuni ritrovamenti di amianto e altre sostanze potenzialmente dannose. E' già passato più di un anno e non si hanno comunicazioni chiare e certe da parte delle istituzioni che, a onor del vero, non sembrano particolarmente impegnate nel dare risposte ai cittadini, tanti, che attendono con ansia. Qual'è la situazione ad oggi? La bonifica dell'area verde, per intenderci quella che dall'ingresso di Corso Pisani giunge nei pressi del teatro all'aperto, è avvenuta a cura di una ditta che si è aggiudicato l'appalto. L'area del prato e del campo bocce limitrofa a Villa Forni è completamente pulita, semmai fosse stata contaminata. Sottolineamo il "semmai" dato che esiste una nota dell'ASP (ci stiamo adoperando per reperirla), la quale afferma che, a seguito di un sopralluogo congiunto con i tecnici di NOPA, ARPA e Coime avvenuto nel Febbraio 2014, l'area può essere fruita dai visitatori, in quanto non sussistono valori di inquinamento che superano i limiti previsti dalla legge. Un parere tecnico che è stato comunque disatteso dal bando di gara per effettuare la bonifica. Se la nota dell'ASP ribadiva già un anno fa l'assenza di pericoli per le persone, e noi ci crediamo, qual è stato il motivo di effettuare comunque la bonifica ? Mistero. Ricordiamo a beneficio dell'analisi che con il parco ancora aperto, esisteva una piccola recinzione che delimitava un piccolo ritrovamento di amianto, poi rimosso. Sostanzialmente si è protratta la chiusura di quest'area per ripulirla quando evidentemente non ce n'era bisogno. Nessuno magistrato ha dato spiegazioni su questa anomalia. Andiamo avanti. E' di qualche giorno fa un articolo di Repubblica che riportava la notizia della completa riconsegna dei 28 ettari del parco al Comune di Palermo attraverso un'ordinanza della magistratura che, di fatto, concede un anno di tempo a Sala delle Lapidi per effettuare l'intera pulizia dell'area. Non sappiamo come sia stato calcolato questo tempo, ma sta di fatto che anche a parere del Dirigente del Settore Ambiente, Francesco Fiorino, i mesi a disposizione sono veramente pochi. Se il comune disattenderà questa scadenza non è chiaro cosa faranno i magistrati. Ancora mistero. Inoltre, sempre lo stesso Fiorino lancia l'allarme fondi: soprattutto in riferimento all'area ROSSA, serviranno ingenti somme per ripulire il tutto. Cifre a nove zeri per intenderci, che al momento non sono disponibili nelle casse comunali. Va detto che per la bonifica dell'area verde sono stati spesi tra 30 e 60 mila euro. Un goccia nel mare rispetto a quanto previsto per il resto del parco. Cosa succede adesso? La logica vorrebbe che si chieda ad alta voce e subito la riapertura dell'area sana, già oggetto di una bonifica apparentemente inutile. Forse la si poteva aprire già alcuni mesi fa. Il Comune adesso deve alzare la testa e fare la voce grossa per restituire immediatamente un segmento del parco stuprato da tanta burocrazia. Salvo risvolti ulteriori o smentite è arrivato il momento che la società civile scenda in campo e manifesti tutto il suo sdegno per questa vicenda che assume i contorni di un gioco di ruolo, dove procura e magistrati sequestrano e dissequestrano l'area mentre il Comune rimane a guardare inerme. Cosa facciamo, continuiamo a guardare questo siparietto, Leoluca?

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 ott 2014

Festeggiamo insieme i due anni di Parco Uditore

di Fabio Nicolosi

L'Associazione Parco Uditore è lieta di invitarvi domenica 19 ottobre dalle 9.00 alle 19.00 alla Festa per il secondo compleanno di Parco Uditore. Sono giá trascorsi due anni da quando, grazie anche al contributo delle vostre organizzazioni, abbiamo avviato quel processo di cambiamento culturale che oggi ci permette di essere orgogliosi  di festeggiare il secondo anno di vita del terzo parco urbano più grande della città di Palermo. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 set 2014

Parco Uditore, inaugurata la nuova area sgambamento cani

di Antony Passalacqua

Inaugurata lunedì 1 settembre al Parco Uditore l'area Sgambamento cani pubblica più grande della Sicilia. Circa 5.000 mq destinati ai nostri amici a quattro zampe, che potranno finalmente correre, rincorrersi e divertirsi senza guinzaglio. L'area è al suo interno suddivisa in 4 zone distinte, tutte appositamente recintate e munite di cancelletto e fontanella, per garantire agli animali sempre dell'acqua fresca. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
27 giu 2014

Parco Uditore: 29 Giugno 2014 – Festa Del Sole

di Fabio Nicolosi

Il 29 giugno 2014 a Palermo succederà qualcosa di mai visto prima d’ora… Dalle 9 del mattino a mezzanotte: musica, dj set, yoga rave, fitness, capoeira, area food, bar, artigianato, bandstand, raccolta di idee per il parco, secret concert acustico e LA “GUERRA” DI PALLONCINI D’ACQUA PIU’ EPICA DI TUTTI I TEMPI!!! L’ingresso sarà totalmente gratuito Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/1511286915766089/ Ecco il trailer: (altro…)

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 giu 2014

Avviate le analisi sul Parco Cassarà per i ritrovamenti di amianto

di Giulio Di Chiara

Da circa dieci giorni all'interno del Parco Cassarà sono state avviate le analisi sull'intera area previste dal sequestro del magistrato lo scorso Aprile. Infatti  in questi giorni sono stati più volte avvistati i responsabili della ditta che è stata incaricata dal magistrato per svolgere tutte le indagini necessarie a verificare l'eventuale presenza di amianto oltre i rinvenimenti già noti. Foto by Ticonzero (altro…)

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
29 mag 2014

Parco Uditore: i lavori per l’area sgambamento cani più grande d’Italia

di Fabio Nicolosi

Una bella giornata di sole, temperatura estiva...cosa si può fare? Andiamo a fare una passeggiata al Parco Uditore, da sempre in continua evoluzione e che cerca sempre di stupirci con il lavoro e le attività dei volontari. Tanti sono i cambiamenti che vi abbiamo documentato,  e oggi vi raccontiamo cosa e come cambierà  entro metà giugno. Ecco una mappa degli interventi che si stanno realizzando grazie al supporto del Corpo Forestale che ha redatto e aggiudicato un bando proprio per i lavori nelle aree del Parco e che sta seguendo e dirigendo proprio gli stessi: (altro…)

Leggi tutto    Commenti 7
Articolo
14 mag 2014

La magistratura dispone dissequestro temporaneo per il Parco Cassarà ma si attendono le analisi!

di Giulio Di Chiara

Apprendiamo dagli organi di stampa che la magistratura, attraverso un dissequestro a tempo, ha permesso agli operai del Coime di effettuare nella giornata di ieri operazioni di manutenzione all'interno del Parco Cassarà. Il provvedimento arriva per fortuna in soccorso dei prati all'interno dell'area che rischiavano così di degradarsi per l'assenza di manutenzione. E' quasi sicuro che tale provvedimento verrà richiesto con una cadenza pressochè settimanale per consentire una attività costante. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 9

Ultimi commenti