Articolo
16 ott 2020

Parco “Ninni Cassarà” | Aggiudicata la gara d’appalto per l’esecuzione di indagini ambientali preliminari nella “Sub Area Verde”

di Fabio Nicolosi

Si sblocca la triste vicenda del parco comunale "Ninni Cassará" È stata pubblicata ieri sul sito del comune di Palermo la determina dirigenziale n.9765 che stabilisce il possesso, in capo alla Ditta R.T.I. ICPA S.r.l. (P.I. 02862930845) mandataria - AMBIENTE & SICUREZZA S.R.L. (P.I. 02472580790) mandante, aggiudicataria dell’appalto per l’affidamento del “Servizio per l’esecuzione delle indagini ambientali preliminari nella “sub area verde” del Parco urbano “Ninni Cassarà” (CIG: 8217265D95), dei requisiti di cui all’art. 80, D. Lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii. e dell’art. 53, co. 16-ter del D.Lgs. 165/2001; Il termine ultimo per la ricezione delle offerte era scaduto alle ore 11 del 22 maggio. L'ATI si è aggiudicata l'appalto per la migliore offerta con un ribasso del 42,79% da applicare all’importo a base d’asta pari a €. 126.997,14 oltre IVA. La durata del contratto è di mesi 12 (dodici) dalla data di invio del documento di accettazione dell’offerta tramite la piattaforma del Mercato Elettronico della Consip. Adesso non resta dunque che aspettare la consegna delle aree e aspettare l'esito di queste indagini che speriamo possano permettere l'apertura parziale del parco. Ricordiamo che il parco è chiuso da Aprile 2014.

Leggi tutto    Commenti 7
Articolo
07 mag 2020

Parco “Ninni Cassarà” | Pubblicata gara d’appalto per l’esecuzione di indagini ambientali preliminari nella “Sub Area Verde”.

di Salvatore Galati

È stata pubblicata ieri sul sito acquistinretepa la gara d’appalto per l'affidamento del servizio relativo all'esecuzione delle “Indagini ambientali preliminari nella “Sub Area Verde” del Parco Urbano “Ninni Cassarà”. "Se, come crediamo, le indagini riconosceranno che non vi sono più situazioni di rischio nell'area verde - dichiara il sindaco, Leoluca Orlando - contiamo che entro la fine dell'anno si possa finalmente riaprire al pubblico questa ampia porzione del parco, che ne copra circa il 60% della superficie. Speriamo quindi che la seconda area verde della città dopo la Favorita possa finalmente tornare a essere fruibile quanto prima. Soprattutto in un momento come questo, offrire a tutti i cittadini spazi all'aria aperta fruibili in sicurezza è sempre più una priorità". L’affidamento dell’appalto avverrà tramite ricorso al Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (ME.PA) secondo quanto previsto dal Codice dei Contratti Pubblici, attraverso l'emissione di un'apposita RICHIESTA DI OFFERTA APERTA (RdO) all'interno dello stesso Mercato, rivolta ai fornitori abilitati. La Richiesta di Offerta, i suoi dettagli e la documentazione allegata, è visibile su sito acquistinretepa e potrà sottoscrivere l’offerta qualunque concorrente che consegua le necessarie abilitazioni alla categoria oggetto della R.d.O entro i termini di presentazione dell’offerta. Il termine ultimo per la ricezione delle offerte è fissato per le ore 11 del 22 maggio prossimo. Potrà sottoscrivere l’offerta qualunque concorrente che consegua le necessarie abilitazioni alla categoria oggetto della Richiesta di Offerta (R.d.O) entro i termini di presentazione dell’offerta. L'aggiudicazione avverrà con il criterio del minor prezzo, mediante indicazione del ribasso percentuale da applicare all'importo a base d'asta di €. 126.997,14 oltre IVA. Saranno escluse offerte alla pari o in aumento. La durata del contratto viene fissata in mesi 12 (dodici) dalla data di invio del documento di accettazione dell'offerta tramite la piattaforma del Mercato Elettronico della Consip. Tutti i dettagli, la  Richiesta di offerta, la documentazione relativa all’appalto e l’elenco dei documenti richiesti, sono reperibili alla pagina. Si allega il capitolato speciale descrittivo e prestazionale, recante anche due planimetrie (ubicazione delle indagini e ubicazione area di cantiere e viabilità di accesso) e l'elenco dei prezzi. SCARICA

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
18 mar 2016

Il Parco Cassarà in letargo potrebbe essere “svegliato” in vista delle prossime elezioni? La situazione

di Giulio Di Chiara

Volevamo ricordare a voi e a noi stessi che a Palermo c'è un parco immenso attualmente chiuso, intitolato a "Ninni Cassarà" che da anni non ha pace e assiste a continue evoluzioni (in peggio purtroppo). Da diversi mesi non si parla più di tutto questo, nè tra i cittadini nè tantomeno al Comune, che non ha più proferito parola pubblicamente sulla vicenda. Ogni giorno che passa il danno alla città aumenta a dismisura. Allora vogliamo riprendere quanto avevamo scritto tempo fa per rinfrescarci la memoria sugli step amministrativi che questa area verde sta affrontando: approvazione del bilancio comunale in cui devono essere preventivati 600.000€ da destinare alla caratterizzazione dell’area (ottobre 2015) gara pubblica per l’affidamento ad uno studio professionistico che dovrà eseguire le attività di caratterizzazione affidamento incarico e inizio delle attività di caratterizzazione (Gennaio-Febbraio 2016?) termine delle attività di caratterizzazione (in cui verranno coinvolti tecnici del comune, della provincia e dell’ARPA), presumibilmente entro Luglio 2016 A Luglio 2016 scadrà l’affidamento temporaneo dell’area al Comune, affidamento che inevitabilmente dovrà essere prorogato dal procuratore Bando per l’affidamento dei lavori di bonifica Affidamento dell’incarico e avvio dei lavori di bonifica Termine della bonifica e provvedimento del procuratore che sancisce la riconsegna definitiva dell’area al Comune e riapertura del parco. In blu scuro sono evidenziati quei passaggi che dovrebbero essere già avvenuti o sono in fase di realizzazione. Purtroppo questo iter traguarda un tempo stimato indefinibile, vicino all'infinito se consideriamo la burocrazia e la difficoltà nel reperire quantità di fondi (parliamo di milioni di euro) per l'operazione di bonifica. L'unica speranza nel breve, è riposta in una richiesta al procuratore che il Comune di Palermo dovrebbe avanzare per riaprire la parte di parco dichiarata più volte salubre carte alla mano (per intenderci quella adiacente Villa Forni, lato C.so Pisani). Il recente rimpasto di giunta ci viene però incontro, in quanto il nuovo assessore all'ambiente e al verde è Sergio Marino,  ex presidente RAP, sempre presente sui social. Quindi chi meglio di lui può aggiornarci sull'intera vicenda e su quanto riportato in questo reportage? Pertanto invitiamo tutti coloro che abbiano a cuore questa tematica a richiedere risposte al suo account twitter @assessoremarino . La situazione è pessima, aggravata da un'indifferenza generale preoccupante, soprattutto alla luce dell'unica possibilità paventata di riaprire il parco almeno parzialmente in tempi brevi. Certo, ci insospettirebbe che dopo tutto questo inspiegabile silenzio, qualcuno improvvisamente cavalcasse l'onda della sua riapertura casualmente poco prima delle prossime elezioni amministrative, no? Prepariamoci ad aprire gli occhi.

Leggi tutto    Commenti 12
Articolo
08 ott 2015

FOTO | Ecco come si presenta oggi il parco Cassarà

di Fabio Nicolosi

Ecco lo stato del Parco Cassarà con immagini che ritraggono l'attuale area interdetta al pubblico. Non sappiamo bene se i lavori di bonifica sono stati completati e non sappiamo neanche i tempi di riapertura. La scorsa settimana era prevista presso la Circoscrizione una conferenza proprio riguardo novità sul parco, ma che è stata annullata, quindi speriamo che presto ci vengano fornite nuove informazioni Dalle foto comunque sembra che il verde continui ad essere curato. Un vero peccato vedere un parco così grande non accessibile

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
05 gen 2015

Parco Cassarà, al via l’appalto per la bonifica

di Antony Passalacqua

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa la gara per la bonifica del Parco Cassarà. E' stata pubblicata alla fine del 2014 la gara per l'avvio della rimozione dei rifiuti di amianto e della terra contaminata da amianto in una delle aree individuate all'interno del Parco Cassarà. Con questo provvedimento, si avvia il processo di bonifica dell'area, che era stata posta sotto sequestro dalla Procura della Repubblica a seguito del rilevamento di cemento-amianto ed altri componenti inquinanti in diversi punti.   (altro…)

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
11 set 2014

Riapertura Parco Cassarà | Proviamo a fare un’ipotesi stando ai nuovi fatti

di Giulio Di Chiara

Al 144esimo giorno di chiusura del parco Cassarà, siamo tornati volutamente sul pezzo rimbalzando tra un ufficio e l'altro per tenere alta l'attenzione sulla vicenda e soprattutto monitorare la questione che rimane ancora abbastanza complicata. Ci sono delle novità, se non altro una percezione più chiara dei fatti e dei possibili sviluppi che la vicenda tenderà ad assumere nei prossimi mesi. Andiamo con ordine: il parco è sequestrato già da diversi mesi per mano del procuratore aggiunto Dino Petralia e del sostituto procuratore Dott. Clemente che con apposito provvedimento avviano contestualmente delle analisi sull'area. Per fare questo ricorrono  ad Arpa ed a periti individuati dalla stessa procura (incarico per circa 140.000€ a professionisti di Napoli). Nel luglio del 2014 si apprendono i primi risultati, seppur dichiarati parziali, nei quali vengono elencate le tipologie di residui e scorie, già note a chi ha seguito la vicenda. In base alla loro dislocazione, il Parco viene suddiviso in aree (verde, gialla e rossa) per distinguerne la potenziale pericolosità. (altro…)

Leggi tutto    Commenti 13