5 commenti per “
  • punteruolorosso 2614
    12 feb 2021 alle 8:57

    secondo me andrebbero tolte tutte le orlature delle aiuole, ormai divelte dalle radici dei ficus, e ripianato il terreno con dei vialetti in terra battuta e delle orlature leggere o assenti.
    si tratta di un settore rialzato rispetto alla strada. sia la quota rialzata che gli alberi formano una barriera inespugnabile fra la strada e il mare.
    chissà cosa ne sarà in futuro, di quell’area.
    se fossi un urbanista la ridisegnerei completamente.
    eliminerei la complanare del foro italico all’altezza della villa a mare. si tratta di una spianata di asfalto dove prima posteggiavano i pullman, e dove da sempre si raccolgono le prostitute. uno spreco di spazio incredibile in perfetto stile anni ’60. tipo le complanari di viale strasburgo, giudicate troppo strette per il tram, ma ottime per il posteggio in doppia fila.
    sostituirei quella spianata di asfalto con un’estensione della villa a mare.
    poi: creerei un canale navigabile fra la strada e il parco del foro italico. ponticelli e via dicendo.
    oppure: interrerei tutta la strada e ci farei sopra un canale.
    oppure: interrerei tutta la strada ed estenderei il parco fino ai piedi delle mura delle cattive.
    insomma, le associazioni ambientaliste si occupino di avere una visione del verde in città, ma anche della sua fruizione. cento alberi raggiungibili a costo di farsi mettere sotto da auto, camion e motorini non valgono quanto dieci alberi fruibili a piedi e in piena sicurezza.
    via le macchine e i camion dal lungomare, foro italico interrato.

  • Irexia 952
    14 feb 2021 alle 8:07

    Molto d’accordo con quello che scrivi. Al canale (navigabile o no) ho sempre pensato, immaginandolo dove era il fronte a mare originario prima dello sversamento delle macerie delle costruzioni bombardate e distrutte durante la seconda guerra mondiale

  • Orazio 1567
    14 feb 2021 alle 19:30

    Bene, sognare.

    Ritengo prioritaria la riquilificazione della costiera sud, che così com’è è una vergogna che mortifica 1/3 di città.

    Il Foro Italico io lo ridisegnerei completamente a partire dalla scomparsa del traffico passante delle auto che dirotterei in sotterranea, e qui dovrebbero essere i tecnici a farci capire la compatibilità della mia idea con la progettanda circonvallazione a mare sotterranea (tratto foce Orato – Ucciardone). In superficie dovrebbe restare il traffico locale e la linea tranviaria.

    Il canale mi pare opera tanto faraonica quanto simbolica e dalla grande valenza attrattiva (tempo libero e turismo), per conto mio creerei anche una zona dedicata alla balneazione, ma pure qui siano i tecnici a parlare circa la sua fattibilità.

    Si tratterebbe, dopo il tram, di un’altra opera tanto essenziale quanto simbolica id un modo nuovo di intendere gli spazi urbani palermitani.

    Già il prato e il parco della salute sono un primo passo in questo senso, vale la pena crederci.

    P.S.: eviterei lo stile banale delle recenti ristrutturazioni delle aree di Sant’Erasmo, tanto banali quanto mediocri. Lo stile minimalista davanti le mura delle cattive o alla Cala sinceramente lo trovo solo un modo di risparmiare nell’immediato.

    • punteruolorosso 2614
      15 feb 2021 alle 8:21

      alla cala toglierei immediatamente quelle panchine a forma di vivident. ricordo che prima, oltre al puzzo, c’era un cancello che impediva di proseguire in direzione del foro italico. c’erano le vecchie basole, sì. ancora prima c’era il bastione del castello a mare, raso al suolo e sostituito dalle gru e dai capannoni del molo trapezoidale.
      anche alla cala il mare era molto più vicino. adesso c’è una curva a quattro corsie, prima c’era il mare che quasi lambiva le case.
      forse bisognerebbe ritornare a quello, interrando la strada fino all’ucciardone o a viale francia. viabilità locale? sì, ma non su quattro corsie. troppo pericolose da attraversare, troppo inquinanti col loro carico di traffico. basterebbe eliminare la carreggiata lato mare e mettere il doppio senso in quella lato monte. e tutto il resto del traffico andrebbe in tunnel.

      interessanti i lavori al molo trapezidale.

      sant’erasmo: abbiamo già detto quanto siano di scarsa qualità sia i materiali che il disegno del nuovo porticciolo. l’unica cosa positiva è che in effetti la gente ha preso a frequentarlo, ma anche a vandalizzarlo.


Lascia un Commento