6 commenti per “
  • huge 2251
    21 mar 2019 alle 9:13

    Come dire che l’AMAT è un flop perché ci sono una marea di portoghesi… ragionamento che non fa una piega… Belfagor, da dove l’hai copiato questo articolo partigiano?

    • belfagor 592
      21 mar 2019 alle 17:22

      TODARY Palermo
      14/03/2019
      “Multe a gogò, ma pochi pagano: dalla Ztl il Comune ne incassa solo il 19%”

      Che non si tratta di una “ bufala” lo dimostrano le parole del consigliere Susinno di “ Sinistra Comune”: “Resta il dato, allarmante, delle pochissime multe incassate. “Solo il 3% dei sanzionati – conclude Susinno – ha fatto ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto per non aver rinnovato il pass. E in tanti non hanno approfittato della riduzione del 30% per mettersi in regola, lasciando cadere nel vuoto le multe”.

      P.S. Non so dove lei abbia letto che per il fatto che nessuno paga le multe bisogna abolire la ZTL. Voleva solo mettere in evidenza che il Comune di Palermo non è capace di far pagare le multe,
      Purtroppo questa incapacità del comune non si limita solo alle multe ma anche ai vari tributi ( TARI in testa) . L’assessore Gentile denunciava che “ Il 91 per cento dei ristoranti in città nel 2016 non ha pagato la Tari, la tassa sui rifiuti. I bar, invece, nello stesso anno, sono risultati morosi per l’86 per cento” ( da Repubblica Pa 11/09/2019)
      Forse per questo l’assessore Gentile non è stato confermato nella nuova giunta.

  • belfagor 592
    23 mar 2019 alle 6:16

    Il termine “partigiano” viene spesso utilizzato in modo improprio e in senso dispregiativo.
    Secondo il vocabolario “Treccani” partigiano e colui “ che parteggia, chi si schiera da una determinata parte, chi aderisce a un partito, sostenendone le idee, seguendone le direttive, per lo più con spirito fazioso e settario”.
    Con tale termine dispregiativo ( e con altri termini come briganti e banditi) i nazi – fascisti definivano i tanti italiani che combattevano il loro regime . Perciò proprio per questo, durante la guerra di resistenza e nel dopo guerra , il termine “partigiano” fu rivalutato e usato con orgoglio dalle forze e dai partiti antifascisti .
    Credo che nessuno di loro si sarebbe permesso di definire “partigiani” i seguaci e i nostalgici nazi- fascisti .
    Per me è un onore che qualcuno consideri le mie idee “partigiane”. Ma francamente mi considero semplicemente un “uomo libero” .
    Un uomo è libero è colui che non è schiavo delle sue idee e della propria appartenenza politica, cioè colui che ha la capacita di fare critica ed autocritica, e per tale motivo è una persona scomoda. La capacità di ricredersi, di cambiare idea, è propria degli uomini liberi.
    Non è difendendo a tutti i costi qualsiasi stupidaggine della tua parte politica che si dimostra fedeltà ad un’idea o al capo.
    Non è da uomini liberi appiattirsi su posizioni preconcette, negando, offendendo, censurando o argomentando (a volte con affermazioni che non rendono giustizia né all’intelletto di chi scrive, né a quello di chi legge) pur di arrivare a “criminalizzare” le idea dei tuoi “avversari” o semplicemente diverse dalle tue.
    Chi sostiene “acriticamente” un regime, un credo politico e, ancor peggio, un governo o un amministrazione, non sono “partigiani” ma “Servi di partito”

  • belfagor 592
    23 mar 2019 alle 6:27

    Il termine “partigiano” viene spesso utilizzato in modo improprio e in senso dispregiativo.
    Secondo il vocabolario “Treccani” partigiano e colui “ che parteggia, chi si schiera da una determinata parte, chi aderisce a un partito, sostenendone le idee, seguendone le direttive, per lo più con spirito fazioso e settario”.
    Con tale termine dispregiativo ( e con altri termini come briganti e banditi) i nazi – fascisti definivano i tanti italiani che combattevano il loro regime . Perciò proprio per questo, durante la guerra di resistenza e nel dopo guerra , il termine “partigiano” fu rivalutato e usato con orgoglio dalle forze e dai partiti antifascisti .
    Credo che nessuno di loro si sarebbe permesso di definire “partigiani” i seguaci e i nostalgici nazi- fascisti .
    Per me è un onore che qualcuno consideri le mie idee “partigiane”. Ma francamente mi considero semplicemente un “uomo libero” .
    Un uomo è libero è colui che non è schiavo delle sue idee e della propria appartenenza politica, cioè colui che ha la capacita di fare critica ed autocritica, e per tale motivo è una persona scomoda. La capacità di ricredersi, di cambiare idea, è propria degli uomini liberi.
    Non è difendendo a tutti i costi qualsiasi stupidaggine della tua parte politica che si dimostra fedeltà ad un’idea o al capo.
    Non è da uomini liberi appiattirsi su posizioni preconcette, negando, offendendo, censurando o argomentando (a volte con affermazioni che non rendono giustizia né all’intelletto di chi scrive, né a quello di chi legge) pur di arrivare a “criminalizzare” le idea dei tuoi “avversari” o semplicemente le tesi diverse dalle tue.
    Chi sostiene “acriticamente” un regime, un credo politico e, ancor peggio, un governo o un amministrazione, non sono “partigiani” ma semplici “Servi di partito” .

  • Orazio 1125
    23 mar 2019 alle 10:15

    Al giorno d’oggi sembra impossibile discutere su fatti e dati oggettivi e si dimentica il vero significato delle parole adoperate.

    Un fatto riportato come tale diviene “partigiano”.

    Il nobile termine “partigiano” viene adoperato in modo dispregiativo. Ciò è frutto del devastante influsso del ventennio berlusconiano che è passato come un uragano sulla società italiana.

    A mio avviso l’articolo è stupido nella misura in cui individua la ragione della ZTL nella necessità di incassare, i soldi sono solo uno dei motivi. Articolo stupido. Non partigiano. Del resto basta una tastiera per fare il giornalista.


Lascia un Commento