5 commenti per “
  • renard 245
    03 dic 2018 alle 11:48

    Non che cambi molto, ma in realtà, avendo superato i 50.000 voti, ci sono 5.000€ in più a prescindere dalla posizione raggiunta. A parte la quasi certa prima posizione, comunque, con queste cifre non si potrà fare praticamente niente; la cosa più importante è il fatto di aver risvegliato la coscienza dei cittadini e, si spera, degli amministratori, sperando che finalmente si punti concretamente al recupero dell’Oreto.

    • belfagor 524
      04 dic 2018 alle 11:55

      Secondo gli amici di “Salviamo l’Oreto” se manterremo tale prima posizione, avremo a disposizione 75mila euro: 50mila per il primo posto, 20mila per il primo posto di un sito d’acqua, 5mila per avere superato i 50mila voti.
      75mila euro sono tanti però chiaramente insufficienti per risanare tutto il fiume e creare quel parco di cui tanto si parla.
      Attualmente è in discussione una mozione che obbliga il Comune di Palermo a destinare alle riserve naturali e ai parchi della città (Fiume Oreto e Monte Pellegrino) il 20% della tassa di soggiorno. Una cifra che si aggirerebbe a circa 700mila euro l’anno . Certamente sarebbe un ottima base per iniziare a progettare tale parco. Se pensiamo che “Manifesta” che è appena terminata , è costata al Comune di Palermo 3,5 milioni euro ( oltre i 35mila euro dati dall’Assemblea regionale siciliana) francamente se questi soldi fossero stati impiegati per la creazione del Parco dell’Oreto forse ci saremmo trovati ora un parco fluviale che certamente avrebbe attirato molti più turisti.
      Ma forse non è solo una questione di soldi

      • Dahfu 142
        04 dic 2018 alle 19:30

        Comparare i soldi ben spesi per Manifesta con un ipotetico recupero del Fiume Oreto mi pare a dir poco fuori luogo e fuorviante oltre che fazioso. Mi spiace che Lei non riesca quasi mai a vedere il buono che è stato fatto a livello amministrativo negli ultimi anni, culminati con il riconoscimento Unesco, con la nomina di Palermo a capitale italiana della cultura, con l’arrivo di una delle biennali più importanti al mondo qual è Manifesta appunto, con la crescita notevole e visibile del turismo (confermata dai numeri impressionanti dell’aeroporto Falcone-Borsellino). Sono dati oggettivi. Le opinioni personali, invece, in quanto tali sono e restano opinabili. Saluti

  • Orazio 1030
    04 dic 2018 alle 21:27

    Belfagor dai, con Manifesta si parla di cultura contemporanea, non fare come il tipico italiano diffuso che quando sente il termine cultura mette mano alla pistola… :) visto che tu non appartieni a quella schiera di persone.

    L’Oreto è cosa diversa e a mio parere non c’è niente da salvare, al massimo lo puoi ripulire, al massimo puoi recuperare la memoria di quello che era, ma non c’è niente da prendere a fini ricreativi o turistici: ma te lo vedi il turista che si intriga o addirittura mugola di piacere per un ruscello che scorre tra obbrobri urbanistici e piedi di mandarino?

    • punteruolorosso 1972
      05 dic 2018 alle 5:22

      terrei i piedi di mandarino.
      non so quanti soldi ci vorrebbero per rinaturalizzare il luogo.
      il ruscello potrebbe diventare limpido se solo si eliminassero gli scarichi. ricordate tutti la cala. oggi è pulita.
      vanno tolti i rifiuti, creati dei percorsi nella vegetazione, piantati un sacco di alberi


Lascia un Commento