8 commenti per “
  • mdm 328
    19 ott 2018 alle 12:54

    Quindi riepilogando. A settembre dell’anno 2012 il Comune, per contenere i costi dei fitti, decide di lasciare l’immobile in questione senza però aver chiaro dove trasferire uffici ed archivio pertinente. Risultato: l’immobile rimane occupato in attesa di individuazione di un nuovo sito, con il pagamento del relativo canone pari a 357.000 euro annui.
    Dopo più di quattro anni (2016) gli uffici vengono liberati, ma solo parzialmente. La proprietà pretende il completo sgombero dei locali occupati, in quanto il contratto stipulato è unico.
    Allo stato attuale, ossia dopo 6 ANNI, il Comune non è riuscito a trovar posto per i faldoni ancora presenti nel locale, continua a pagare 357.000 euro annui (SOLDI PUBBLICI), e nel mentre gli appartamenti (ormai semivuoti a parte i faldoni) sono stati occupati.
    Basito…

  • sicciaroto 40
    19 ott 2018 alle 14:01

    Bisognerebbe promuovere un’azione di responsabilità a carico degli amministratori pubblici colpevoli di questa nefandezza, condannandoli a risarcire il danno erariale che ne è conseguito.
    Ma questa, forse, è una pura utopia…

  • Orazio 1005
    19 ott 2018 alle 15:08

    Ma in tutto ciò due paroline sul giornalismo qualunquistico “alla Petyx” le vogliamo spendere, al netto ovviamente della condanna dell’aggressione da lei subita?

    Qui ci sono disperati senza casa, qui c’è uno stato (in senso ampio) latitante sul problema, e ci si va a fare belli col cane in nome del formale rispetto di leggi e leggine, ovviamente anche con lo scopo di fare ridere mezza Italia del palermitano che è grezzo, rozzo, colorito ed ignorante.

    No, insomma, ne vogliamo parlare oltre ad andare a cavillare sulla proprietà dell’immobile, sulla locazione, sulla detenzione e sull’immobiliare in liquidazione? E finitela con ‘sto danno erariale se non sapete cos’è… che intere generazioni di funzionari e dirigenti che tirano la carretta nell’interesse collettivo da decenni si sono davvero scassati le palle di sentirvi!

    • peppe2994 3140
      19 ott 2018 alle 16:18

      Se scrivi questo si vede che non hai mai seguito servizi di Striscia. Di Petyx e tutti gli altri.

      L’obiettivo non era quello di denuncia, ma di dar voce alle persone, cosa che Striscia fa da sempre. Tutti gli inviati lasciano parlare le persone. Se seguissi striscia, sapresti qual’è il format in queste circostanze e ti assicuro che hai preso una bella cantonata.

      • Orazio 1005
        19 ott 2018 alle 19:31

        Si di dar voce alle persone, quindi magari mi dirai che è una trasmissione che ha una valenza sociale. E che voci vuoi che escano da persone che abusivamente occupano dei locali? L’effetto che ne deriva qual’è? £’ certo che Palermo fa audience, tutti i drammi di Palermo fanno audience, come dimostrano le fiction sulla mafia ed i suoi boss, però fatta l’audience i drammi restano.

        Magari poi andava agli uffici del Comune, piazzava senza preavviso una telecamera in viso ed un microfono alle labbra di un povero Cristo che lavora lì e finiva di martirizzarlo (passami l’esagerazione, ma è per intenderci).

        Vogliamo capirlo o no che ‘sta situazione poteva avere una sua funzione sociale all’inizio ma adesso è solo un ripetitivo modo di fare audience? Lo spettacolo spontaneo offerto della zotica Palermo?

        Loro fanno audience, salvini fà come sempre lo sciacallo, il sindaco svicola, i vv.uu. e i ps si vanno a prendere le sputazzate e quei poveracci restano senza casa. Questo resta. Una guerra tra poveri.

        E’ la mia sensazione, ovvio, mica una verità.

  • belfagor 514
    20 ott 2018 alle 8:27

    Mi sembra “discutibile “ sostenere , come fanno tanti palermitani “ben pensanti”, che Stefania Petix l’aggressione in qualche modo “ se l’è cercata”.
    Secondo questa logica anche Peppino Impastato e Beppe Alfano la loro uccisione “ se l’erano cercata”.
    Che questi “occupanti” non sono solo dei poveracci lo dimostrano le parole del sindaco :
    ” Circa 7 mesi fa, gli ultimi uffici hanno lasciato la struttura che è stata occupata subito dopo, prima della formale consegna al proprietario”.
    I messi comunali recatisi sul posto per la notifica ( dello sfratto) hanno però constatato che l’immobile era stato sgomberato, salvo poi essere rioccupato dopo poche ore”.
    Cioè qualcuno aveva avvertito questi occupanti dell’ arrivo dei messi comunali. Le case furono velocemente sgomberate per poi immediatamente rioccupate.
    O questi “ poveracci” con i loro poteri mentali prevedono gli eventi futuri o qualcuno li ha informati.
    Chi sa da dove veniva tale “soffiata”. ?
    A questa domanda ha risposto il sindaco Orlando
    “Come già abbiamo sostenuto in diverse occasioni – afferma il sindaco Leoluca Orlando – questa vicenda dimostra che dietro le occupazioni abusive vi è spesso una organizzazione ben radicata, in grado di muovere e far muovere le famiglie al momento giusto e verso gli immobili giusti; una organizzazione che a Palermo ha un nome ben preciso.
    Concordo pienamente con il sindaco, peccato che non ci ha spiegato a chi si riferiva.

  • huge 2221
    20 ott 2018 alle 9:18

    Il problema in questo caso è a monte. E’ semplicemente assurdo che il comune debba affittare degli edifici privati per i propri uffici. 350k l’anno… in 10 anni fanno 3.5 milioni di euro. Con una cifra simili quanti uffici si costruiva il comune???? La verità è che l’incopentenza regna sovrana, e non ci sono mai dei responsabili.
    Quale azienda privata farebbe mai una cazzata simile?
    E immaginate quanti altri milioni di euro vengono buttati dalla finestra in modo simile senza che nessuno faccia o dica nulla. Tanto paga pantalone.


Lascia un Commento