17 commenti per “
  • belfagor 365
    23 set 2017 alle 16:15

    Caro Danyel , c’è una frase dell’articolo che spiega tutto :”Qualche decennio fa anche il centro storico di Salerno era così. Poi arrivò qualcuno che lo sapeva fare davvero e lo trasformò in un gioiellino. Altra pasta, si capisce.”
    Credo che il signore di cui parla l’articolo è un certo Vincenzo De Luca, Se il ” Fatto Quotidiano lo ammette forse effettivamente è stato bravo. Lui si che il sindaco lo sapeva fare.

  • Dahfu 110
    23 set 2017 alle 17:24

    Mi sfugge lo scopo dell’articolo del giornale da voi riportato: denuncia, reportage, faziosità? Ragazzi non mi piace e non condivido questo modus operandi. È solo quella riportata, l’immagine della ns. Città? Non credo proprio. Questi articoli servono solo a sparare nel mucchio e vanno totalmente condannati. Chi ci va appresso poi è un ingenuo. La giornalista , tra l’altro, o ci è o ci fa dato che né la stazione centrale n’è la via oreto vecchia fanno parte del centro storico di Palermo paragonato, pensa tu, a Salerno. Mi viene da ridere. Con tutto il rispetto per il centro storico della città campana. Il problema della “munnizza” in una città delle dimensioni della nostra non può essere risolto a livello locale dato che la materia è di competenza regionale. Dove sono i termovalorizzatori promessi da Cuffaro in poi? Solo realizzandoli e contemporaneamente differenziando con isole ecologiche dove i cittadini possono ottenere un ricavo (Ad esempio col vuoto a rendere) si potrà trasformare in risorsa economica un grosso problema che non viene volutamente risolto dai ns. incapaci politici. Saluti a tutti

  • punteruolorosso 1630
    23 set 2017 alle 18:13

    l’articolo si riferisce a via oreto, che non è stata costruita da orlando, e che in tempi lontani doveva avere una sua dignità. è soprattutto il traffico a renderla selvaggia. la metro del futuro doveva percorrerla, e avrebbe levato un po’ di macchine dalla strada. al momento non vi è previsto neanche un tram. nel libro dei sogni è rispuntata la metro.
    l’articolo è ovviamente di parte, e si limita a fotografare il primo piano dei sacchetti di spazzatura.
    in realtà via maqueda carrabile era come via oreto.
    quanto alla spazzatura, orlando ha denunciato gli interessi mafiosi che vi ruotano intorno. discariche private.
    ecco perché non decolla la differenziata e gli inceneritori non vengono realizzati. su questi ultimi, non so se sono la soluzione finale. altrove hanno incentivato l’importazione di spazzatura da tutta italia perché li si potesse tenere a regime. forse sarebbe il caso di ridurre i rifiuti a monte, eliminando del tutto gli imballaggi non biodegradabili e i sacchetti. il problema rifiuti è ambientale, non di decoro.

  • Palerma La Malata 289
    23 set 2017 alle 20:57

    Il Fatto Quotidiano? Ma che mminchia è sta cosa? Un nuovo programma di Canale 5?
    …Comunque, ragazzi invece di stare attaccati a questo cazzo di smartphone e di computer tutto il giorno voi dovreste farvi delle lunghe passeggiate a piedi senza bici, senza moto, senza auto e in più quartieri possibili.
    Le quantità di munnizza iccata cca e dda, le immagini rozze che si presenteranno ai vostri occhi e il tanfo che colpirà le vostre narici è a livelli vergognosi. Veramente c’è i lanzarisi!

  • fabio77 708
    23 set 2017 alle 22:16

    I problemi trattati nell’articolo esistono e lo sappiamo bene tutti. Ho però l’impressione che la giornalista non ami la città di Palermo e ne parli quasi con disprezzo.

  • punteruolorosso 1630
    24 set 2017 alle 8:59

    i rifiuti sono un problema regionale. al momento abbiamo crocetta. chi ci salverà?
    orlando non può fare molto. la differenziata va spinta al massimo, e finora è stata deludente.
    ci aspettiamo impianti di compostaggio in tutta la sicilia (quelli a biogas sono stati tenuti chiusi e vandalizzati), piattaforme per riciclare vetro, carta, metalli, plastica e tessuti.
    a me del decoro non frega niente, anzi è meglio che la spazzatura si veda, perché tutti ne prendiamo coscienza. dire basta alle plastiche e al petrolio è un problema globale.

    • Palerma La Malata 289
      24 set 2017 alle 12:28

      Mi è piaciuto leggere “è meglio che la spazzatura si veda, perché tutti ne prendiamo coscienza”. Qui qualcuno pensa con la propria mente.
      Munnizza a parte tu accenni al petrolio.
      Gira voce che che nell’Area 51, Nevada, i Militari U.S.A. abbiano costruito, dicono con l’aiuto di razza Aliena, aerei con sistemi di propulsione che non richiedono carburanti. Minchia troppu bbello. Il problema è che gli Americani vogliono mantenere questa conquista, segreta, tutta per se’ e per un loro vantaggio bellico nei confronti di altre nazioni antagoniste.
      Quindi se non sono loro i primi a liberarci dalle auto a petrolio c’è un altissima probabilità che rimarremo in questo monnezzaio globale inquinato e puzzolente ancora per molto tempo.

      • punteruolorosso 1630
        26 set 2017 alle 19:52

        non ho sentito dire degli aerei. certo, l’economia ruota su petrolio e derivati. tutto quello che vediamo diventa subito munnizza.

    • friz 848
      26 set 2017 alle 14:08

      ….perdonami ma perchè Orlando non può fare molto? ….potrebbe fare moltissimo… oltretutto dopo le ultime elezioni Orlando e il PD sono alleati… e Crocetta è stato eletto con il PD….

  • se68 382
    26 set 2017 alle 0:15

    A me invece l’articolo piace e non mi interessa se l’autrice ami oppure odi Palermo.
    La realtà che dipinge della città è proprio quella. E le responsabilità di Orlando ( e dei sindaci precedenti ) ci stanno tutte.
    Ditemi voi se via Oreto, ingresso alla città lato sud, non è proprio così….c’è solo da vergognarsi.
    Salerno è in corso di trasformazione e la gestione urbanistica è affidata a grandi architetti. A Palermo..asfalto nelle nuove strade pedonali , aiuole a forma di stella nei nuovi giardini. progettati da geometri….e degrado sempre più diffuso, tanto per gradire.

  • friz 848
    26 set 2017 alle 14:06

    ….magari mi sbaglio… ma penso che la giornalista, con questo articolo, voglia dire o “gridare” ai politici palermitani: non si può andare avanti così… datevi una mossa… perchè Palermo se fosse ben amministrata potrebbe attrarre molti più turisti… e potrebbe essere una città ricca piuttosto che una città piena di gente che emigra al nord o all’estero…
    Ed io condivido al 100%….
    ….ripeto… magari mi sbaglio…. ma penso che questa giornalista ami Palermo… e proprio per questo motivo non può tollerare l’idea di vederla ridotta in queste condizioni…
    Oltretutto dice e descrive la verità… escludendo il centro storico, molte periferie sono sporche… e tra l’altro, ora che mi fermo a riflettere meglio, anche diverse traverse del centro storico sono in condizioni pietose…
    Un giornalismo di questo tipo è più utile in una città di tanti adulatori e portaborse dei politici…. perchè gli adulatori incoraggiano i politici a continuar con il loro dolce e inutile far nulla… le critiche potrebbero (si spera!) svegliare le coscienze di qualcuno di loro…. forse…. chissà….

  • Dahfu 110
    27 set 2017 alle 15:26

    Ragazzi, al di là delle posizioni personali di ognuno che sono abbastanza note, ribadisco che questo tipo di giornalismo parziale e non corretto nei contenuti non può essere apprezzabile. Caro Friz e l’altro amico addirittura entusiasta: Non si può cedere a piè pari alla faziosità solo perché non vi piace Orlando. Anche sotto Cammarata, che piace tanto a Friz, si osservavano le medesime scene vergognose. Il problema a mio avviso non sarà mai risolto se i nostri cari concittadini continueranno ad evadere la Tari e a scaricare ovunque ingombranti dato che non possono fare una telefonata alla Rap per prenotare il ritiro. Senza differenziata e senza termovalorizzatori e, soprattutto, senza i fondi della Tari, a mio modesto avviso, neppure Superman potrebbe risolvere il problema. Mettici poi sospetti guasti improvvisi ed in massa dei compattatori ed ecco spiegata l’emergenza. C’è chi ci sguazza nell’emergenza. Fare polemiche di parte su questo tema mi pare ridicolo, così come andare appresso ad interpretazioni ipotetiche del pensiero di una giornalista che si è limitata ad esprimere valutazioni personali, parziali ed offensive sulla nostra città senza analizzare minimamente le cause del problema… Fate Vobis…

    • friz 848
      28 set 2017 alle 18:50

      ….Dahfu non sono in alcun modo fazioso… sono imparziale nei confronti di Cammarata e Orlando… infatti il primo non ho mai votato, e il secondo (Orlando) l’ho votato circa 5 anni fa… ma con il senno di poi ho compreso di avere sbagliato a votarlo… oggi non voterei nessuno dei due, ma se proprio dovessi scegliere, sceglierei Cammarata perchè aveva mosso passi concreti per realizzare la Matropolitana… opera in seguito congelata e bloccata da orlando… ma credimi sono pronto a ricredermi, ma voglio vedere fatti concreti, non fumo… ma ovviamente se nei prossimi 5 anni Orlando ci verrà a dire che la costa sud è stata rilanciata solo perchè magari hanno dato ad amici e parenti in concessione i lidi sarò il primo a criticarlo… e non mi accontento neanche degli investimenti dei privati, voglio vedere che il comune investe, e che lo faccia bene… per rilanciare la costa sud, come giustamente dice Se68, ci vuole ben altro che dare in concessione i lidi ai privati… e mi da anche fastidio che dicano che hanno fatto grandi cose per il parco della Favorita… altro che Central Park, non hanno fatto nulla…
      Spero che prima o poi possa diventare sindaco a Palermo una persona che abbia una sensibilità artistica… che sappia riconoscere l’importanza del BELLO…. e sarebbe una buona cosa per questa città avere come sindaco un architetto… ma non uno qualunque, uno bravo….
      Buona serata a tutti!

  • se68 382
    27 set 2017 alle 18:13

    dahfu,
    l’articolo in realtà non parla esclusivamente della “munnizza”..ma di una condizione generale di degrado della città che mi pare evidente al di là della fede politica , pertanto, non capisco quale sia la scorrettezza nei contenuti di cui parli.
    Quello della munnizza a me pare poi argomento residuale, privo di importanza, mi spiego: facciamo finta che d’incanto sparisca dalle strade..allora? asfalto, d’incanto, a posto? marciapiedi degnamente pavimentati? scempi urbanistico-architettonici risolti? arredo urbano degno di una città civile?
    Il tema per me è: la bruttezza diffusa e relativo degrado diffuso di questa città, problemi difficilmente risolvibili e che necessitano di una forte volontà politica ( che non vedo) per dare una svolta architettonico-urbanistica a questa città che, per me, ancora si lecca le ferite del sacco.. altro che capitale della cultura. La “munnizza” è facilmente removibile, da domani..
    Non riesco ad accontentarmi delle novità, se pur positive degli ultimi anni. Pedonalizzare il centro storico ad esempio, è cosa sacrosanta, ma non puoi utilizzare l’asfalto o questi pseudoarredi..io mi sento profondamente offeso e umiliato quando vedo certe cose, sia che le faccia orlando o cammarata o pincopallino.
    Per me articoli come questo, invece, scuotono le coscienze.. anche se magari leggendolo potrebbe fare andare di traverso l’arancina a qualche palermitano convinto di vivere nel più bel posto del mondo..

    • danyel 387
      27 set 2017 alle 18:44

      Bravo se68 … sei arrivato dove volevo che si arrivasse quando ho postato l’articolo! Contrariamente a quello che dice dahfu, credo che invece BISOGNA POLEMIZZARE, e anche TANTO … per smuovere le coscienze, come dici tu, per far comprendere le condizioni disastrose in cui versa la nostra città …. ma a tutti i livelli … La spazzatura, con cui conviviamo da anni e anni ormai (ci siamo abituati, diciamolo, o c’è o no c’è, chi ci fa più caso!?!) è solo uno dei tanti “elementi” che attanagliano questa città …. E tutto il resto? Strade che non vengono pulite o spazzate ordinariamente, marciapiedi e asfalto delle strade in condizioni disastrose, ruderi sparsi qua e là per la città (case sventrate, mostri architettonici abbandonati, muriccioli cadenti di chissà quale epoca) e inglobati dai grandi palazzi costruiti negli anni 60, 70 e 80, arredo urbano da far ridere i polli … Solo perché hanno pedonalizzato qualche strada, siamo capitale della cultura? E dove sono le infrastrutture degne di questo nome, che assolutamente vanno fatte in una città che si “autodefinisce” europea”? …. Ripeto, le pedonalizzazioni vanno fatte, è importante … ma che senso ha camminare per Corso Vittorio Emanuele, se poi, a due passi da lì, sotto Palazzo dei Normanni, ci sono le montagne di spazzatura lasciate dagli ambulanti del mercatino del rubato di Ballarò … che è ancora lì, eh (Orlando non se ne doveva occupare?) .. che senso ha illuminare i monumenti Unesco della città, se poi tutt’intorno, a mò di cornice, c’è il degrado più totale? … Potrei continuare all’infinito

    • Dahfu 110
      27 set 2017 alle 18:45

      Gentile pacato amico,
      la scorrettezza e parzialità dell’articolo è evidente perché se si va in qualsivoglia grande città come la nostra si troveranno facilmente macroscopiche brutture architettoniche e/o urbanistiche. Limitarsi a scrivere un articolo solo su questo evidenziando esclusivamente il negativo, che pure c’è e nessuno lo nega, senza approfondirne le cause a mio avviso non è buon giornalismo. Si tratta di mere opinioni personali e come tali vanno considerate. Ribadisco, peraltro, che i toni sono alquanto offensivi e non mi va giù il concetto del tutta un’erba un fascio. Palermo è molto di più di quella descritta, con i suoi limiti e le sue contraddizioni. Ho avuto la fortuna, come molti di coloro che scrivono su questo sito, di poter viaggiare molto e ti dico che Palermo è davvero una bellissima città con tante potenzialità inespresse e sta a noi riempirla di contenuti. Disprezzo totalmente il lassismo dei ns. Politici ma mi pare sin troppo facile fare un articolo su quanto sia brutta via Oreto vecchia (sono cresciuto da quelle parti e la conosco benissimo) senza spingere il naso e gli occhi sul bello che magari vi è poco più in là. Non dimentichiamo mai cosa fosse questa città soltanto 25 anni fa e cosa è oggi. È stato un lungo e difficile percorso anche se sono d’accordo che ci sia tantissimo da fare. Non posso accettare, tuttavia, il disprezzo sprezzante di chi viene e giudica con sguardo arrogante senza sapere o, ancora peggio, sottacendo che le nostre strade conoscono anni di storia e sofferenze…

  • se68 382
    28 set 2017 alle 15:51

    Dahfu, (mi pare di capire che ti sia offeso..ma l’arancina di traverso non era rivolta a te) ascolta, anche io ho viaggiato…certo, le periferie di tutte le metropoli sono squallide, ma trovare i palazzoni anonimi, elencali, con zero qualità architettonica, in pieno centro…bè non so dove tu sia stato, ma questa è prerogativa di Palermo e di poche altre città.
    Vedi, a Palermo è accaduta una cosa che in altre città non si è verificata. Ricordi il sacco? ricordi le demolizioni delle ville liberty? e relative discariche di sfabbricidi lungo la costa sud? se tu vai ai piedi di questi mammelloni sai che cominciano a spuntare, grazie all’erosione del mare pezzi di balconi liberty, mattonelle liberty? ti sembra normale che una città non abbia coscienza di questo, e sembra avere dimenticato quello che è successo.
    Tempo fa andai , speranzoso, al comizio di tale Nuti del M5stelle. Il comizio si tenne in piazza Croci, proprio alle spalle dell’area di Villa Deliella. Bè, il suddetto candidato a sindaco della nostra città non spese nemmeno una parola su quel luogo, simbolo del disastroso contributo apportato dalla mafia sull’urbanistica e architettura di Palermo. Inutile dire che tornai a casa sconfortato..non sapendo di nuovo per chi votare.
    La devastazione è ancora lì, perchè noi palermitani abbiamo deciso di non decidere su cosa fare di quel luogo, lo sappiamo solo nascondere dietro una coltre di cartelloni pubblicitari. Ecco, noi palermitani facciamo finta di vivere nel posto più bello del mondo ( il sole, il mare, l’arancina) Per me Palermo è brutta, perchè al di là delle meraviglie architettoniche del passato, nell’era contemporanea non ha ancora saputo o voluto risolvere gli scempi delle zone nuove, della costa sud, delle periferie, etc, etc. Orlando addirittura esulta sul fatto che la costa sud è stata dichiarata balneabile…Il sindaco ideale della mia città avrebbe iniziato un percorso di vero risanamento urbanistico e architettonico tramite concorsi di progettazione o quant’altro. Ecco, per me una città bella è quella che ha la forza e la volontà di migliorarsi, di aspirare alla bellezza. E qui non vedo nulla di tutto ciò.


Lascia un Commento

Ultimi commenti