Articolo
16 apr 2018

AMAP | Martedì 17 Aprile interruzione idrica alla sottorete Libertà

di Fabio Nicolosi

L'AMAP informa che, martedì 17.04.2018 dalle ore 8:00 alle ore 20:00 circa, per un intervento di manutenzione improcrastinabile, sarà sospesa l'erogazione nella sottorete 5 "Libertà"- delimitata dalle vie: Imperatore Federico, Generale A. Di Giorgio, Lazio, Alpi, Umberto Giordano, Emanuele Notarbartolo, Duca della Verdura, piazza C. Giachery, Cristoforo Colombo, Comandante S. Gulì, piazza Acquasanta, Belmonte, Cardinale M. Rampolla, Pietro Bonanno, M. L. King. L'erogazione idrica sarà riattivata a fine intervento e si normalizzerà nelle 24 ore successive, salvo imprevisti. Per qualsiasi informazione si potrà telefonare al numero 091279111 (risponditore automatico) o al numero verde 800-915333 / 800-050911 (esclusivamente da telefono fisso). Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 apr 2018

Verde pubblico, abbattimenti e nuovi alberi: i numeri ufficiali

di Mobilita Palermo

Palermo - E' un tema attuale quello dell'abbattimento  degli alberi in città e del verde, e che nelle ultime settimana ha suscitato tanto sgomento con il taglio del ficus al Foro Italico. Abbattimento che si rese necessario a causa dell'analisi V.T.A. (valutazione stabilità dell'albero) che evidenziò  un grave pericolo di stabilità. Tante le proteste che si levarono, tanto lo sgomento, altrettante le strumentalizzazioni da parte chi privo di competenze tecniche. A seguito di questo episodio, negli ultimi giorni è circolato in rete un elenco di presunti abbattimenti con elencate le strade e la tipologia di alberi interessati. Abbiamo voluto approfondire la vicenda e oggi siamo nelle condizioni di poter pubblicare il documento ufficiale che certifica i nuovi tagli ma anche le nuove piantumazioni. Abbattimenti già in corso, altri già effettuati negli scorsi mesi e quantificati in 247 alberi, ma che si rendono necessari  da indicazione esame V.T.A. Ma c'è di più. Le nuove essenze arboree che dovranno compensare gli abbattimenti, verranno messe a dimora a partire dal prossimo autunno. Inoltre i numeri: circa 5.066 nuove essenze arboree che incrementeranno il patrimonio verde in città grazie ai progetti del cosiddetto Patto per il Sud. Segue elenco delle aree oggetto degli interventi. Ci segnalano inoltre che alcune piantumazioni sono in corso in via Libertà in prossimità di piazza Vittorio Veneto. Ringraziamo il consigliere comunale C. Amella per il documento. Foto copertina: V. Dardanoni Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 24
Articolo
13 apr 2018

“La Domenica Favorita”, ritornano le domeniche senza traffico

di Antony Passalacqua

Palermo - Gioco, Sport e Cultura. Sono questi  i temi che animeranno la seconda edizione de “La Domenica Favorita”, presentata oggi a Villa Niscemi alla presenza del sindaco Leoluca Orlando, del  vice sindaco Sergio Marino, di Nicola Tricomi, presidente del Comitato organizzatore, di Marco Lampasona, fondatore del Comitato e promotore dell’iniziativa e di Fabio Corsini responsabile del Cerimoniale del sindaco. Saranno quattro le domeniche dedicate alla manifestazione che si svolgerà con numerose attività per grandi e piccini all’interno del Parco della Favorita.  Si parte il prossimo 15 aprile per proseguire il 22 aprile e poi il 6 ed il 13 maggio.  L’edizione del battesimo della manifestazione lo scorso anno ha visto la partecipazione di circa 50 mila palermitani e turisti. Anche per questa seconda edizione sono state coinvolte le principali istituzioni, enti ed associazioni private ed è stato realizzato un palinsesto con oltre 30 attività culturali, ludiche e sportive dalle ore 8 alle ore 15 di ogni domenica. Il programma ufficiale dell’intera manifestazione può essere visualizzato collegandosi al sito www.ladomenicafavorita.com In occasione di queste quattro domeniche di programma, l’amministrazione comunale ha destinato 5 aree a parcheggio posizionate agli ingressi del Parco della Favorita oltre la Fiera del Mediterraneo lato Caserma Cascino. Il traffico veicolare sarà chiuso dalle ore 8 alle ore 15.00. All’interno del Parco, inoltre, sono stati organizzati dei bus navetta oltre a stazioni di bike  sharing e rastrelliere per le bici. Amat introduce il servizio con biglietto unico per muoversi tutto il giorno. Previsto anche il taxi collettivo gestito da Auto Radio TAXI e Coop Trinacria presso le stazioni di piazza Castelnuovo, Politeama, De Gasperi, Valdesi Mondello, Mondello paese con costo corsa di 2 euro per movimenti all’interno della città e di 4 euro tratta Palermo/Mondello (minimo 4 persone) Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 apr 2018

Un cittadino ad AMAT: “un cicloparcheggio a Lolli?”

di Giulio Di Chiara

Nell'ottica del trasporto intermodale, riportiamo la proposta di un nostro lettore che si rivolge ad AMAT relativamente al servizio di Bike Sharing: Oggi ho deciso di scrivervi per chiedervi di essere portavoce di una piccola istanza che moltissime persone chiedono da molto tempo. Per chi lavora o abita in centro città la stazione Lolli rappresenta un ottimo sistema di collegamento tra la periferia e il centro (oltre ad essere oggi l’unica fermata metro “Palermo centro”); un importantissimo tassello di quel progetto intermodale tanto decantato. Per queste ragioni non riesco a capire come proprio in questo sito non sia presente un Cicloparcheggio del bikesharing! La presenza del Cicloparcheggio potrebbe ad esempio permettere di raggiungere gli uffici e le attività commerciali, presenti anche in ZTL, in pochissimi minuti. Insomma come spesso accade si riflette poco su quelli che possono essere considerati i punti strategici per creare davvero intermodalità. Vi ringrazio per avermi ascoltato e spero che possiate aiutarmi in questa piccola battaglia. La Stazione Lolli è in effetti la fermata di trasporto su rotaia più vicina al centro cittadino e dispone di spazi abbastanza ampi per accogliere un ciclo parcheggio. Non sappiamo se AMAT abbia in precedenza valutato questa ipotesi e contattato RFI per cercare un'intesa sugli spazi. Ad ogni modo proveremo a inoltrare questa ipotesi a chi di competenza. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
12 apr 2018

Via Palinuro | Realizzati i marciapiedi

di Fabio Nicolosi

Era il 5 Ottobre 2017 quando vennero consegnato i lavori di completamento della via Palinuro, nel tratto che va da via Galatea a via Mondello, all’impresa CONDOR srl di Borgetto, aggiudicataria della gara. Il progetto è inserito nel Programma Triennale OO.PP. approvato con Delibera di C.C. n. 265 del 04/11/2014. L’infrastruttura, progettata dagli uffici dell’Area Tecnica della Riqualificazione Urbana, consentirà di garantire il nuovo collegamento tra Valdesi e Mondello, permettendo in tal modo di giungere alla pedonalizzazione della passeggiata a mare. L’ampio innesto su via Mondello funzionalizzerà il primo tratto di via Aiace, la cui realizzazione è prevista dal piano RUIS.   L’opera cofinanziata dal Dipartimento Regionale delle Infrastrutture e dei Trasporti e dal Comune di Palermo dovrà essere realizzata in circa 240 giorni, decorrenti dalla data del verbale di consegna dei lavori. Attualmente si sta lavorando per la realizzazione dei marciapiedi e dei rami fognari e per le linee del GAS Metano, il prossimo step riguarderà la fondazione stradale ed il manto stradale. In merito ai ficus presenti ai margini dell'area di cantiere, per evitare di abbatterli, è stato proposto di espiantarli e trasferirli. Bisogna verificare fattibilità e costi. Ringraziamo Ferdinando C. e Astrid A. per le foto: Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
12 apr 2018

A19 Palermo Catania | Chiusura notturna tra giovedì 12 e venerdì 13 in entrambe le direzioni tra Trabia e Termini Imerese

di Mobilita Palermo

Anas comunica che dalle ore 23 di giovedì 12 alle ore 4 di venerdì 13 aprile l’autostrada A19 “Palermo-Catania” rimarrà chiusa, in entrambe le direzioni, tra il km 19,700 (svincolo di Trabia) e il km 26,600 (svincolo di Termini Imerese). Il provvedimento si rende necessario per consentire al gestore elettrico di eseguire la ritesatura della linea di media tensione, in attraversamento aereo sopra l’autostrada, in corrispondenza del km 23,660. Durante la chiusura dell’autostrada, tutti i veicoli in transito potranno utilizzare il percorso alternativo costituito dalla strada statale 113 “Settentrionale Sicula”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 apr 2018

Porto di Palermo | Saranno demoliti i silos

di Fabio Nicolosi

Il porto di Palermo inizia la sua rivoluzione. Dopo il dissequestro del molo Vittorio Veneto e la ripresa dei lavori alla stazione marittima sarà la volta dei silos. Ben 22 silos ospitati sul molo Piave verranno demoliti insieme ad un piccolo fabbricato ad essi adiacente per aumentare la potenzialità dello stesso. Qualche mese fa, si era pensato a realizzare un grosso graffito come quello realizzato al porto di Palermo per migliorare l'aspetto estetico degli stessi. Vi erano stati dei contatti tra Ente Porto e gli artisti che dovevano realizzarli, ma poi tutto si è arenato, probabilmente perchè essendone prevista la demolizione in tempi brevi si è preferito non spendere fondi in tempi di magra. Adesso è tutto pronto. Il progetto è stato redatto e approvato, il bando di gara è stato pubblicato, non resta che attendere l'esisto dello stesso e l'inizio dei lavori. Il termine ultimo per la presentazione delle offerte è fissato per il 17/04/2018 alle ore 10:00 L'importo dei lavori è di 925.185,73 euro. I lavori avranno una durata di 80 giorni dalla data del verbale di consegna dei lavori. I lavori di demolizione procederanno con cautela e con ordine, dall’alto verso il basso e saranno condotti in maniera da non pregiudicare la stabilità delle strutture di base prima del completamento delle demolizioni. Durante le lavorazioni per motivi di sicurezza saranno previsti, sul perimetro dell’area, delle recinzioni, zavorrate ed ancorate al suolo, dotate di rete metallica idonea a contenere eventuali detriti che venissero proiettati verso l’esterno dell’area di cantiere. Il materiale di demolizione non deve essere gettato dall’alto, ma deve essere calato a terra con mezzi idonei. Al fine di ridurre il sollevamento della polvere durante i lavori di demolizione, le strutture da demolire saranno irrorate con acqua. La demolizione sarà effettuata per parti di strutture e sarà vietata la demolizione per rovesciamento. La sequenza di demolizione, illustrata negli elaborati grafici, rappresenta le diverse fasi lavorative. Il progetto esecutivo di demolizione è assoggettato alle prescrizioni dettate dal D. Lgs 81/2008 e specificamente i lavori sono disciplinati alla sezione VIII dell’Allegato 6, artt. dal n. 150 al n. 156. Le tipologie di demolizioni previste sono la “Demolizione Controllata” e la “Demolizione Meccanica”. La scelta di tali tipologie è dettata per le finalità da perseguire: contenere i tempi di esecuzione dell’intervento; ridurre le criticità e gli imprevisti in corso d’opera; minimizzare i costi legati all’impiego di mezzi, attrezzature e manodopera; garantire la sicurezza e la tutela dei soggetti che vengono coinvolti attivamente e passivamente nella demolizione; accessibilità e avvicinamento dei mezzi meccanici preposti all’intervento di demolizione; ottimizzare le operazioni di smaltimento dei materiali provenienti dalle demolizioni. Il progetto esecutivo di demolizione è stato preceduto da sopralluoghi che hanno consentito di rilevare l’esatta geometria della struttura e la presenza di materiali non strutturali da rimuovere prima dell’avvio delle operazioni connesse alla demolizione. Altresì le operazioni di indagine hanno interessato l’area circostante identificando la disponibilità di spazi operativi, a contorno dei silos, per l’organizzazione del cantiere, individuando: la presenza, nelle immediate vicinanze, di manufatti da salvaguardare; la presenza dei sottoservizi pubblici (rete elettrica, telefonica, idrica, fognante); l’area da recintare per l’impianto del cantiere; l’area per l’accesso e movimentazione mezzi meccanici; l’area per il deposito temporaneo degli sfabbricidi e materiali ferrosi; e per il posizionamento: dell’autogru per la demolizione controllata; del cestello per l’avvicinare gli addetti a quota per operazioni di demolizione; dell’escavatore UHD con braccio fino a 30 m. e con pinza frantumatrice per la demolizione meccanica; del sistema di abbattimento delle polveri; dei canali convogliatori per la rimozione delle macerie. La demolizione dovrà procedere avendo accortezza di rimuovere, passo passo, gli anelli del silos e tenendo presente di contenere e minimizzare lo spostamento del baricentro delle masse durante lo svolgimento delle operazioni di demolizione. Prima delle operazioni di demolizione sarà cura dell’impresa rimuovere tutte le parti non strutturali e le parti divelte, connesse ai silos mediante utilizzo di appositi attrezzi e canali convogliatori. Tecniche di demolizione Le tipologie di demolizioni previste sono la Demolizione Controllata e la Demolizione Meccanica. La scelta di tali tipologie ha lo scopo di contenere i tempi ed i costi di esecuzione, di ottimizzare le operazioni di recupero/smaltimento dei materiali, nonché di garantire la massima sicurezza e tutela dei soggetti coinvolti nella demolizione. Demolizione controllata La demolizione controllata sarà eseguita, come evidenziato nelle tavole grafiche, nelle parti superiori dei silos e dovrà procedere attraverso l’utilizzo di apposita sega a disco diamantato nel modo seguente: Perforazione degli anelli dei silos; Inserimento dei profilati HEA nei fori già predisposti; Fissaggio dei profilati HEA alle funi dell’autogru; Taglio delle pareti dell’anello del silos con sega a disco diamantato; Sollevamento dell’anello e la discesa dello stesso in apposita area del cantiere e/o caricati sui mezzi di trasporto per il conferimento in discarica. Gli operatori, nella fase della demolizione controllata, raggiungeranno il piano di lavoro mediante il cestello per il sollevamento delle persone, muniti di idonea imbracatura anticaduta con connettore e cordino in modo tale da operare sempre in trattenuta. Demolizione meccanica A completamento della decostruzione della struttura degli anelli, seguirà la demolizione meccanica nella restante parte della struttura dei silos mediante escavatore UHD, con braccio di 30 m e con pinza frantumatrice, il quale provvederà ad effettuare, in modo ordinato e nella stessa sequenza, la frantumazione delle restanti parti della struttura, avendo cura di sgombrare, sollecitamente, il campo di lavoro dai materiali provenienti dalla frantumazione. La demolizione meccanica dovrà essere eseguita con l’ausilio di escavatore UHD, con braccio di 30 m e con pinza frantumatrice, assistito da un autocarro e da una minipala per l’allontanamento dei detriti dal cantiere, un sistema di cannoni nebulizzatori per l’abbattimento delle polveri. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 5

Ultimi commenti