Segnalazione
05 set 2018

AMAT | Un servizio navetta pessimo rovina la stagione balneare di Mondello

di Mobilita Palermo

Buonasera, volevo segnalarvi una situazione spiacevole che naturalmente ha macchiato la nostra città in modo negativo. Nella giornata di domenica 12 agosto mi sono recato nella spiaggia dello stabilimento balneare "la Torre" insieme a degli amici russi. Abitando a un chilometro dalla piazza di Mondello decidiamo di andare a piedi e utilizzare le navette gratuite. Una volta arrivati alla piazza di Mondello finalmente ne passa una e decidiamo di prenderla e arriviamo così a mare. Intorno alle 13 il mio amico russo mi spiega che voleva tornare a casa a prendere un pallone e io gli suggerisco allora di aspettare l'84 così da arrivare subito. Non l'avessi mai fatto! Siamo stati 40 minuti ad aspettare la navetta ovviamente sotto una pensilina ma con 35°C! Io, mortificato dal momento che frequenza riportata sui tabelloni è di 10 minuti, non sapevo che pesci prendere. Lui naturalmente mi ha detto "facevamo prima ad andare a piedi". Una volta sulla navetta chiedo spiegazioni al conducente che replica dicendo:"C'è solo una navetta". Chiedo allora a voi di MobilitaPalermo, all'Assessore ai trasporti e naturalmente al Sindaco, che immagine può dare e quale ricordo può lasciare a un turista una situazione come quella descritta? E'forse questa civiltà? Cultura? A questo punto vi suggerisco di rimuovere un servizio inutile, perché tale si definisce qualcosa che si attende invano con speranza. Vi do anche un consiglio: utilizzate queste tre navette (una per linea) per ampliare il parco mezzi e i conducenti per aumentare le corse su linee disagiate e fornire così un'impressione positiva piuttosto che far fare a quei bravi cittadini che tentano di promuovere mobilità sostenibile e tutto ciò che di buono dovrebbe esserci in una città, che non vive soltanto di cultura lasciata dalle dominazioni precedenti, la solita misera figura. Un cittadino

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
04 set 2018

Ripristino capolinea alla stazione centrale della linea amat 209

di giuseppelogiudice81

Salve a tutti, sono il Sig. Giuseppe Lo Giudice, cittadino Palermitano residente nella zona periferica di Belmonte Chiavelli, gentilmente chiedo a carattere d’urgenza il ripristino del vecchio capolinea della linea N° 209 AMAT alla Stazione Centrale di Palermo, facendomi portavoce di questa proposta per far ottenere un beneficio a molti abitanti della mia zona e di quella limitrofa che fanno uso dei mezzi di trasporto urbani. Da poco più di 2 anni  AMAT S.p.A. ha provveduto a modificare la tratta della linea 209 che attraversa i quartieri di Belmonte Chiavelli e S. Maria di Gesù, spostando il capolinea e facendo terminare il percorso dei bus al Parcheggio Oreto. In questa petizione popolare chiedo: al Comune di Palermo nella persona del Sig. Sindaco di Palermo, Dott. Leoluca Orlando, all’assessore alla mobilità del Comune di Palermo Sig.ra Iolanda Riolo, al Presidente della Commissione Urbanistica di Palermo Sig. Giovanni Lo Cascio, al Presidente della III Circoscrizione del Comune di Palermo Sig. Antonino Santangelo, al Sig. direttore generale dell’azienda di trasporti AMAT S.p.A. di rivedere tale provvedimento, ripristinando il percorso precedente, nell’interesse maggiore di tutti gli utenti colpiti ingiustamente da questa decisione. Le modifiche apportate sono del tutto illogiche e sono causa di numerosi disagi agli utenti della linea, per i motivi espressi di seguito: Gli utenti, ovvero la maggior parte delle persone anziane e degli studenti che sono diretti in centro città,  avevano precedentemente la possibilità di arrivare direttamente alla Stazione Centrale, oggi invece sono costretti ad utilizzare e prendere al Parcheggio Oreto altri mezzi già molto affollati  per raggiungere la Stazione Centrale, costringendo così gli utenti a fare tanti cambi di mezzi e ad allungare i conseguenti tempi di attesa che sono interminabili, che riguardano non solo l’arrivo del bus che effettua poche "corse "ma anche i minuti in cui il mezzo sosta al capolinea, per non parlare del problema "traffico" che da sempre caratterizza la zona della via Oreto, ed ora più che mai dal momento che, con questi nuovi percorsi, quasi tutte le linee prendono da lì.  I cittadini e soprattutto residenti di queste zone periferiche sono stanchi e indignati perché si ritrovano raccolti sui marciapiedi , già dalle prime ore del mattino per andare a lavoro o recarsi a scuola, ma anche all’ora di pranzo sotto il cocente sole d’estate o la pioggia ed il freddo in inverno senza un adeguato riparo nei luoghi d’attesa dei bus che sono inadeguati, a differenza di altri capolinea cittadini periferici strutturalmente più idonei (come il parcheggio Basile) non tenendo conto anche della disorganizzazione di questa nuova stazione di capolinea dei bus, dove non c’è nessun punto d’informazione né possibilità di poter acquistare i biglietti. Diciamo allora tutti insieme "no"!!! all'isolamento dei collegamenti nelle periferie!! Vi prego gentilmente di dare la giusta risonanza a questa mia proposta e di condividerla il piu' possibile evitando che venga messa a tacere.. Vi ringrazio anticipatamente per un eventuale vostro riscontro ed interessamento.

Leggi tutto    Commenti 2    Proposte 0
Segnalazione
26 mar 2018

Anello Ferroviario | I disservizi di un pendolare che utilizza le fermate “Imperatore Federico” e “Giachery”

di silvercult

Desdero segnalare sulla base della mia personale esperienza, la vergognosa gestione delle stazioni della "metropolitana" di Palermo, nello specificvo delle stazioni Federico e Giachery. Elenco i problemi: Personale totalmente assente (nell'arco di un mese solo una volta ho visto personale in garitta sia a Federico che a Giachery) A federico nell'arco temporale  da gennaio 2017 al 22 febbraio 2018 solo 8 volte la scala mobile ha funzionato Sempre a Federico nello stesso arco di tempo solo 19 volte l'ascensore ha funzionato Le due stazioni sono spesso sporche e abbandonate. Desidero inoltre fare alcune considerazioni: E' pressocchè impossibile per un utente effettuare segnalazioni o reclami. I siti sono disordinati e mal gestiti e danno l'idea di voler rendere complessa la possibilità di reclamare, ma anche di usufruire facilmente dei servizi offerti ) Presso la stazione Federico è stato installato un nuovo ascensore. I lavori sono durati oltre 4 mesi e l'ascensore non è ancora entrato in servizio. Non ho riscontrato alcuna sorveglianza sui lavori. Lascio a Voi qualunque deduzione in merito. La stazione Giachery è sede di un suimpatico signore che alloggia in una comoda sedia di plastica bianca tra due tornelli dismessi. Tale signore oltre a sembrare essere l'unico vero padrone e gestore della stazione abbandonata svolge saltuariamente anche l'attività di posteggiatore della stazione. Mi domando infine che azienda è quella che è molto accorta a fare pagare il biglietto ( il personale al controllo sui treni c'è e lavora ), ma che non sorveglia le stazioni e i lavori, non facilita il cittadino e non lo assiste nei servizi che dovrebbe offrirgli, non controlla impianti ed il proprio personale o lo utilizza solo per garantire i propri introiti, Vi sarò grato se vorrete attenzionare tali mie segnalazioni. Distinti saluti

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Segnalazione
22 nov 2017

AMAT | Il lento declino del Tram?

di france

Mi son ritrovato dopo qualche mese ad utilizzare il tram , avevo fatto l'esperienza di utilizzare questi mezzi dall'inizio, dall'inaugurazione a qualche mese dopo. Il tram n° 3  dal CEP alla stazione impiegava dai 12 a 13 minuti, sembrava efficiente, si vedevano anche  i controllori ed i mezzi filavano che erano un piacere, mi sentivo  fiducioso che a Palermo ci fosse qualcosa di così moderno e pubblico. Si parlò anche di aumentare le vetture così da diminuire i tempi delle partenze ma fino ad adesso non c'è questa speranza. Da qualche giorno per scendere in centro città, io che lavoro a Carini, ho nuovamente utilizzato per un paio di volte il tram. La situazione è completamente diversa: tempo CEP Notarbartolo 23 minuti, la vettura rimane  in coda agli incroci con i semafori spenti, peggio delle auto, nessun controllore, stazione e percorso molto sporchi. Per andare  e ritornare dal CEP a Piazza Massimo , per ritirare il pacco paga della Maratona di Palermo, ho impiagato due ore piene (solamente 10 minuti nello stand per il ritiro pacco). Vorrei che qualcuno mettesse la faccia per spiegare questa involuzione in un opera che deve essere veloce e utilizzabile, si faccia in modo che  il personale Amat come del resto anche i Vigili Urbani debbano sentire l'esigenza della funzionalità nelle cose pubbliche, un mezzo come il tram non può partire dalla stazione ed sentirci a posto solamente perchè arriva a destinazione.

Leggi tutto    Commenti 19    Proposte 0
Segnalazione
10 nov 2017

E’ troppo chiedere agli autisti dei bus di rispettare gli orari di partenza?

di guglielmo

Credo fortemente che i mezzi pubblici debbano essere utilizzati quanto più possibile (lasciando a casa l'auto)! Oggi l'ennesimo disservizio. Uso frequentemente l'app moovit per controllare partenze e percorsi con i mezzi pubblici. Oggi ero al terminal del 704 di piazza Francesco Crispi (piazza croci). L'autobus è partito con 9 minuti di ritardo rispetto all'orario indicato su moovit (corrispondente anche a quello indicato su google maps),  non mi sembra di andare fuori strada se capisco che l'autista è partito in ritardo! In totale ho aspettato il bus 35 minuti (mentre la frequenza sulla carta di 1 bus ogni 20'). Ma come posso avere fiducia nell'uso dei mezzi pubblici se per spostarmi devo impiegare ore intere su una giornata che ne fa solo 24?? Per fortuna posso scegliere e questo mi induce a prendere l'auto. In questo caso le difficoltà economiche dell'amat non c'entrano nulla (l'autobus c'era e l'autista pure!!!). Quando riuscirà l'AMAT a far rispettare almeno gli orari di partenza???

Leggi tutto    Commenti 4    Proposte 0
Segnalazione
07 apr 2017

Amat | Disservizi sulla linea 3?

di Viajero Solitario

Salve, come mai non trovo nulla al riguardo dei disservizi  sulla linea 3 del tram? Da qualche tempo una corsa su 3 è sostituita da una navetta bus che fa il percorso extra binari fino a piazzale Giotto. Non permette di prendere in coincidenza le altre due linee (2 - il primo parte 15' dopo l'arrivo alla fermata Castellana - e 4 - nessuna fermata in coincidenza -). Parlando con gli autisti dicono le cose più diverse: chi dice che stanno facendo manutenzione a rotazione tra i vari tram e ne tolgono uno. Chi dice che un tram è guasto. Sta di fatto che ogni volta non trovo un tram in partenza dal Cep e tantomeno da Notarbartolo (bisogna prendere la 2 o la 4 che porta ad Einstein-Giotto e aspettare dall'altro lato della carreggiata la navetta). È normale una situazione del genere? Nessuna info sul sito dell'amat? Gli utenti lasciati ignari e senza info? Poi si meravigliano della disaffezione al mezzo pubblico. Nemmeno uno straccio di comunicato che non permette di organizzarsi.

Leggi tutto    Commenti 5    Proposte 0
Segnalazione
04 lug 2016

Amat | Linea 628: Causa lavori la linea effettua un percorso diverso

di Fabio Nicolosi

Causa lavori di scavo in Via Tommaso Natale nel tratto compreso fra via Fabio Besta e Piazza Tommaso Natale, la linea 628 dal 24/06/2016 effettua la seguente deviazione di percorso: – direzione Sferracavallo: pervenuta in Via San Lorenzo- a dx Via Fabio Besta – a sx Via Lanza di Scalea – Piazza Bolivar – Via Nicoletti – inversione di marcia altezza ex Coca Cola - Via Nicoletti – a dx V. Partanna Mondello – P.zza Mandorle – a dx P.zza Tommaso Natale - segue n.p. - direzione Stadio:pervenuta in P.zza Tommaso Natale – a sx Piazza Mandorle – Via Partanna Mondello – a dx Via Nicoletti – Piazza Bolivar – a dx Via Lanza di Scalea – a dx Via Fabio Besta – a sx Via San Lorenzo – segue n.p.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0

Ultimi commenti