Articolo
01 mar 2021

Collegamento fra le vie Tritone e Nicoletti, parere favorevole dalla Regione. Il progetto passa al Consiglio comunale

di Mobilita Palermo

Si è conclusa favorevolmente la Conferenza di servizi regionale relativa all'acquisizione dei pareri relativi al collegamento fra le vie Tritone e Nicoletti, nella zona di Sferracavallo. Ne dà comunicazione il Rup del progetto, dopo aver ricevuto dalla Regione il parere favorevole relativo alla tutela del sito della Rete Natura 2000 "Capo Gallo". Una volta formalizzata la chiusura della Conferenza di servizi, gli uffici trasmetteranno il progetto al Consiglio comunale per la discussione e l’approvazione del progetto definitivo in variante allo strumento urbanistico. "Un passo importante - commentano il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore all'Urbanistica Giusto Catania - per la realizzazione di un'opera che darà respiro alla mobilità in quella zona della città, decongestionando il traffico nella borgata. Un intervento particolarmente sentito nella borgata i cui residenti sono stati molto partecipi. Un obiettivo, cui l'Amministrazione ha lavorato in termini progettuali anche per tenere nel giusto conto tutte le necessità legate al territorio e, appunto, alla vicinanza con un'area di particolare pregio naturalistico". Rimane ancora in stand-by il collegamento tra via Sferracavallo e la fermata del passante ferroviario che potrebbe sicuramente ridurre ulteriormente i mezzi in transito alla borgata favorendo invece gli spostamento via ferrovia.

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
23 feb 2021

FOTO | Raddoppio Ogliastrillo – Castelbuono: i lavori iniziano ad entrare nel vivo

di Fabio Nicolosi

La pandemia rallenta gli aggiornamenti fotografici, ma non i lavori per fortuna. Il cantiere della Toto Costruzioni presso Ogliastrillo (Cefalù) procedono e dopo l'estate l'azienda ha assunto di tecnici e operai per supportare il maggiore carico di lavoro necessario nei prossimi mesi/anni. Rispetto all'ultimo aggiornamento di Giugno 2019 i progressi sono ovviamente notevoli. È stata realizzata la palificata interrata in paratia con la faccia lato valle a vista da cui partirà la talpa che qualche giorno fa è stata presentata alla stampa Sono in corso di realizzazione due capannoni che saranno utilizzati per la produzione dei conci. Nelle prossime settimane sarà ultimato lo sbancamento e realizzata la sella di lancio della TBM. Ringraziamo Saro Di Paola per le foto: Nelle scorse settimane è stata presentata una procedura di valutazione di impatto ambientale proprio riguardante le terre di scavo della gallerie che saranno in parte utilizzate per rinaturalizzare aree nel territorio di Collesano. La valutazione è in corso e ci auguriamo che possa presto ricevere il benestare per evitare ulteriori ritardi nei lavori. Il nostro reportage però riguarda anche gli altri cantieri attivi L'imbocco sul versante opposto della galleria Sant'Ambrogio che era previsto si realizzasse con una grande talpa del diametro di oltre 13 metri e che sarebbe dovuta imbucare nei pressi della stazione di Castelbuono Oggi il progetto rivisto prevede che la galleria venga realizzata col metodo tradizionale. Sono stati già realizzati circa 250 metri Dal lato della stazione di Castelbuono sono stati realizzati circa 300 metri Il vallone "Mazzatore", il luogo della operazione impossibile: la roto-traslazione di "Cefalina", la talpa che, dopo aver realizzato la canna Ogliastrillo - Carbone, era previsto si reimbucasse per realizzare la canna Carbone - Ogliastrillo della galleria Cefalù. Oggi invece si prevede che la talpa dopo aver scavato la prima canna verrà smontata e riportata ad Ogliastrillo per realizzare la seconda È stato, anche, realizzato il sottopasso della SS286, che collega la SS113 con Castelbuono. Sono stati realizzati anche 300 metri circa della galleria d'emergenza, cosiddetta finestra Sant'Ambrogio, della omonima galleria Castelbono - Fiume Carbone Purtroppo non siamo in grado di fornirvi i dettagli sul cronoprogramma.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2021

ANELLO FERROVIARIO | Per la riapertura di piazza Castelnuovo bisognerà attendere ancora il 13 Marzo

di Fabio Nicolosi

E' stata pubblicata sul sito del comune l'ordinanza n°147 del 17 febbraio 2021 che proroga l'ordinanza dirigenziale n°1047 del 30/11/2020 che disciplina la chiusura di piazza Ruggiero Settimo, nel tratto compreso tra via Turati e via Ruggiero Settimo, e di piazza Castelnuovo (parte alta) La nuova ordinanza chiarisce quali saranno le fasi che porteranno alla progressiva riapertura di piazza Castelnuovo, restituendo quasi totalmente la piazza e la viabilità ai cittadini. I lavori che dovevano concludersi a fine febbraio 2021, saranno quindi prolungati di un paio di settimane. La prima fase è la Fase 0 che descrive lo stato di fatto. Entro il 28/02/2021 si avvierà la fase 1 dove sarà restituita parzialmente area 6.4 (area tra via Amari e via Ruggero Settimo) e sarà pavimentata in calcestruzzo (cls) Entro il 09/03/2021 si avvierà la fase 2 che prevede la sostituzione delle recinzioni fonoassorbenti con recinzioni trasparenti L'ultima fase, la terza, sarà valida dal 10 al 13 Marzo e avvierà il completamento della pavimentazione in asfalto di tutte le aree e la restituzione all'amministrazione comunale, ad eccezione di piccole aree Le aree che rimarranno ancora di cantiere saranno quelle in cui saranno previste le scale e l'ascensore, la rampa S.Oliva e l'area di accesso alla rampa necessaria per l'ingresso e l'uscita dei mezzi per lo scavo della fermata e della galleria Ringraziamo Umarell 2.0 e Claudio per la foto

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2021

Viabilità | Ponte Corleone: dalla prossima settimana si procederà ad un restringimento della carreggiata

di Fabio Nicolosi

Dalla prossima settimana si procederà ad un restringimento della carreggiata del ponte Corleone in entrambi i sensi di marcia, lasciando percorribile la parte centrale di ciascuna campata. Lo stabilisce una nuova ordinanza firmata oggi dal sindaco Leoluca Orlando. Come già previsto, il transito sarà comunque inibito ai veicoli con massa superiore a 27 t e il limite di velocità sarà di 30 km/h. Saranno, infine, chiusi al transito pedonale i due marciapiedi sino al ripristino delle barriere di protezione. Tali limitazioni si rendono necessarie per poter svolgere alcune verifiche delle strutture e programmare alcuni interventi di manutenzione. In particolare, in base anche ad una relazione fornita dal Comando provinciale dei VV.F. cui il Comune si era rivolto a novembre, le verifiche e gli interventi riguarderanno fra le altre cose l’individuazione delle cause che hanno determinato la formazione di irregolarità del manto stradale presenti in corrispondenza dei giunti e delle spalle; lo svolgimento di un controllo dello stato di tutti i giunti; una ispezione sullo stato delle sezioni cave degli archi al fine di escludere eventuali infiltrazioni di acqua piovana; il controllo del manto dei marciapiedi e dello stato delle protezioni e delle ringhiere. Con una nota inviata al capo dell'Area tecnica e al responsabile dell'Accordo quadro per la manutenzione di ponti e cavalcavia, il cui contratto è stato sottoscritto la scorsa settimana, il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore Maria Prestigiacomo "anche in considerazione della valenza dell’infrastruttura in oggetto sia per la mobilità ordinaria sia per l’eventuale mobilità in situazioni di emergenza di Protezione Civile, hanno invitato a utilizzare tale accordo per i primi interventi di manutenzione, oltre che ad utilizzare le risorse residue di precedenti contratti. Abbiamo dato alle funzioni dirigenziali le istruzioni perché si proceda ad utilizzare tutte le risorse già disponibili per effettuare gli interventi minimi indispensabili - dichiarano - e contiamo al più presto di completare l'accordo con l'ANAS per avvalercene per un intervento di manutenzione complessiva".

Leggi tutto    Commenti 39
Articolo
10 feb 2021

Il progetto | Tram su via Roma: occasione di riqualificazione e rilancio?

di Mobilita Palermo

Continuiamo il nostro " tour" sul progetto di ampliamento delle nuove linee tranviarie. Tracciati, fermate, rifacimento aree pedonali e svincoli sulla Circonvallazione e alberature. Oggi affrontiamo il tracciato della nuova tranvia su via Roma nel tratto piazza Giulio Cesare-via Cavour. La tratta A inizierà il proprio tragitto dall'attuale terminale di via Balsamo ed entrare su via Roma. I binari scorreranno lungo la parte centrale della carreggiata. > Giunta all'incrocio con via Cavour, i fasci di binari si sdoppieranno: il binario di andata proseguirà in direzione Stadio attraverso le vie Dalla Chiesa-Marchese di Villabianca-del Fante. Il binario di ritorno è quello che provenendo da via Libertà proseguirà su via Ruggero Settimo e via Cavour, riconnettendosi quindi con via Roma. Qui di seguito i prospetti della fermata Santa Cecilia L'intero elenco delle fermate relativo alla linea A. I capolinea saranno rispettivamente ubicati in via Balsamo e di fronte il polo ospedaliero di Villa Sofia. E i particolari sulla pavimentazione di via Roma e della sede tranviaria. Si, perché è prevista l'intera pedonalizzazione di via Roma e di alcune piazze adiacenti ad essa quali Piazza Butera, Piazza Due Palme, Piazza Borsa. Qui le caratteristiche delle varie pensiline che si differenzieranno in base allo spazio urbano dove si inseriscono. Da prevedere aree di carico/scarico merci per i fornitori delle varie attività commerciali anche in prospettiva della modifica al Piano Commerciale eliminando il limite vessatorio per gli spazi commerciali dei 200 mq. E' un occasione di rilancio per via Roma? Siamo certi che il lettore potrà farsi un proprio libero giudizio. C'è fame di informazione, quella vera e non di interpretazioni. Ma continuiamo a ripeterlo:  la comunicazione istituzionale è praticamente assente.  

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
01 feb 2021

Manutenzione dei ponti e cavalcavia da febbraio il via ai lavori

di Fabio Nicolosi

Riportiamo il comunicato stampa del comune di Palermo circa la firma dopo un anno del contratto quadro per la manutenzione dei ponti e cavalcavia. Il contratto era stato aggiudicato a Febbraio 2020 e solo dopo un anno lo stesso sarà finalmente formalmente consegnato all'impresa vincitrice che si è aggiudicata i lavori. Non è minimamente tollerabile un ritardo di un anno per delle opere che hanno estrema urgenza di essere effettuate. Occorre sicuramente trovare chi è responsabile di tali ritardi e provare a porre rimedio. Sarà firmato il prossimo 9 febbraio il contratto quadro per la manutenzione dei ponti e cavalcavia, all'interno del quale sono previsti i lavori che riguardano anche il sottopasso di via Crispi. Ne dà notizia l'assessore Maria Prestigiacomo che sottolinea che proprio quello di via Crispi sarà fra i primi interventi, essendo il progetto dell'intervento già pronto. Venerdì mattina intanto operai del Coime su disposizione del vicesindaco hanno effettuato la messa in sicurezza dell'area, dove a causa del vento, alcune barriere di protezione erano cadute. L'Amap è intervenuta per la verifica e manutenzione delle pompe di sollevamento del sottopasso che servono ad evitare allagamenti della depressione.

Leggi tutto    Commenti 11
Articolo
28 gen 2021

Porto di Palermo | In vendita i bacini galleggianti da 19.000 tpl e 52.0500 tpl

di Fabio Nicolosi

L'autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale ha pubblicato un bando di gara per la vendita dei bacini galleggianti da 19.000 tpl e 52.000 tpl, siti nel porto di palermo, di proprieta’ della Regione Siciliana. Data scadenza è fissata per il 22 febbraio 2021 entro le ore 10:00:00 L'importo a base d'asta e' di € 3.077.750,00 (di cui € 1.036.750,00 per il bacino da 19.000 TPL ed € 2.041.000,00 per il bacino da 52.000 TPL). Il criterio di aggiudicazione e' quello del miglior prezzo di vendita. Sono ammesse sia offerte al rialzo che al ribasso. Nel caso di offerte di pari importo si procederà con un'ulteriore gara al rialzo tra coloro che hanno presentato offerte uguali, considerando come prezzo a base d'asta l'importo delle predette offerte. Per quanto riguarda le offerte al ribasso, l'AdSP valuterà l'adeguatezza delle stesse e si riserva la facoltà di non procedere alla vendita qualora le offerte (al ribasso) presentate non siano ritenute congrue. Breve descrizione: Il bacino da 19.000 tpl ha un peso totale di 7250 tonnellate. Costruito nel 1952, è stato utilizzato per l'ultima volta in occasione dell'immissione della nave SNAV Campania il 26/08/2011, da quella data il bacino non è stato piú utilizzato Il bacino da 52.500 tpl ha un peso totale di 15.000 tonnellate. Costruito nel 1957, è stato utilizzato per l'ultima volta in occasione dell'immissione della nave SNAV Sardegna il 05/11/2008, da quella data il bacino non è stato piú utilizzato Da quello che si può leggere nella perizia allegata al bando di gara i due bacini sono in pessimo stato e i costi per il risanamento sono assolutamente sconsigliati, pertanto l'unica strada percorribile è quella della vendita per poter liberare spazi e sopratutto ampliare gli spazi a disposizione dei cantieri navali

Leggi tutto    Commenti 4