Articolo
07 giu 2017

Grandi Stazioni: cominciano le rifiniture del nuovo terminal bus

di Andrea Baio

Notevoli progressi sono stati fatti nell'area di cantiere di Grandi Stazioni, nonostante il recente aggiornamento. Il nuovo terminal per bus urbani ed extraurbani prende forma ogni giorno di più. E' andata avanti la posa dei sottoservizi, con l'installazione di pozzetti e tubi. Per quanto riguarda le rifiniture estetiche, si è posata la pavimentazione nel primo tratto di marciapiede perimetrale alla nuova rampa di accesso da via Fazello per le auto dirette al futuro parcheggio. Nello specifico, la pavimentazione è la stessa utilizzata per piazza Cupani: pietra lavica etnea. C'è da dire che l'effetto è molto gradevole, peccato solo per la bizzarra scelta di posare le lastre a raggiera in corrispondenza delle curve, creando un effetto "fisarmonica" un po' anti-estetico a mio avviso. Com'è inoltre possibile notare dalle immagini, è stata inserita la terra all'interno della vasca adiacente la rampa, la quale sarà adibita a spazio verde. Chiarito il dubbio riguardo la pensilina del terminal passeggeri: dal rendering sembrava che la copertura riguardasse l'intero complesso, mentre in realtà la pensilina è installata esclusivamente sul perimetro dell'edificio. Anche qui, l'effetto che si prospetta è abbastanza gradevole, speriamo in un'adeguata scelta dei materiali di copertura. E' stato inoltre delineato il perimetro dell'area pedonale che circonderà il terminal, la quale sarà pavimentata con le stesse lastre di cemento pigmentato. Infine, è stato ultimata la posa dell'isolante e della pavimentazione sul tetto. Una volta terminati i lavori, verrà asfaltata l'intera area. I bus accederanno da via Fazello, in corrispondenza dell'ingresso più largo adiacente la rampa auto, per poi fare il giro in fondo e uscire dall'altro varco in corrispondenza del binario 10. Vi lasciamo a qualche immagine Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
07 giu 2017

Scuole chiuse: al via programma di interventi di riqualificazione durante la stagione estiva

di Mobilita Palermo

Con l’approssimarsi della stagione estiva, l’Ufficio Edilizia Scolastica, dell’Area Tecnica della Riqualificazione Urbana e delle Infrastrutture ha stilato un programma di interventi da effettuare nelle scuole e negli asili nido cittadini durante la chiusura per le vacanze. I tempi di avvio dei lavori, che partiranno dalla prossima settimana e che dovranno comunque concludersi entro l'inizio dell'anno scolastico 2017/18, sono stati concordati con i dirigenti delle singole scuole. Saranno interessati i seguenti edifici: Plesso Ugo dell’I.C. A Ugo - via Arculeo, n. 39 per l’adeguamento servizi igienici per il trasferimento delle sezioni di materna e rimozione, ripristino intonaci in distacco, revisione copertura, riparazioni impianto termico ed elettrico. Palestra Garibaldi dell’I.C. Rapisardi-Garibaldi - via delle Croci, n. 5 per l’esecuzione degli interventi necessari per restituire l’edificio alla sua funzione. Si prevede in particolare, il rifacimento del locale docce, l’esecuzione di verniciature e tinteggiature interne, la revisione dell’impianto elettrico e la sostituzione degli elementi obsoleti, la sostituzione delle porte interne degli spogliatoi, la riparazione e la tinteggiatura di alcuni infissi esterni, la collocazione della pellicola di sicurezza da applicare sui vetri non ‘anti infortunistici’, la revisione e la manutenzione delle attrezzature sportive fisse esistenti, la pulizia e la lucidatura dei lambris e degli elementi lapidei interni, la collocazione di un pavimento sportivo in legno chiaro prefinito e preverniciato con vernice ad alta resistenza e la tracciatura dei campi di gioco. Plesso Mattarella dell’I.C. Di Vittorio - via Di Vittorio n. 7, per l’impermeabilizzazione della copertura e il ripristino di intonaci esterni. Plesso Natoli dell’I.C. Di Vittorio - Corso dei Mille n. 1486, per l’impermeabilizzazione della copertura, il ripristino intonaci esterni e il rifacimento servizi igienici. Plesso A. Agostino dell’I.C. Sperone-Pertini - via Sacco e Vanzetti n. 42, per l’impermeabilizzazione della copertura, il ripristino intonaci esterni e la messa in sicurezza della cancellata. Plesso Nazario Sauro della D.D. Nazario Sauro - via Amedeo D’Aosta n. 20, per l’impermeabilizzazione della copertura, il ripristino intonaci esterni e interni e revisione servizi igienici. Plesso Altarello II UDE -via Carlo del Prete per messa in sicurezza e ripristini intonaci esterni per la fruizione degli spazi esterni. Plesso Vittorio Emanuele III dell’I.C. Vittorio Emanuele III-Paulsen – via C. Terranova n. 93, per ripristino intonaci esterni interni e revisione servizi igienici. Plesso Paulsen dell’I.C. Vittorio Emanuele III-Paulsen – piazza Cardinale Carpino n.3/5, per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi non strutturali. Plesso Bentivegna dell’I.C. San Lorenzo Florio - via S. Lorenzo n. 85, per la manutenzione dell’impianto elettrico. Plesso Astorino dell’I.C. San Lorenzo Florio - via Astorino n. 21, per la manutenzione dell’area giochi esterna. Plesso Manzoni dell’I.C. Manzoni-Impastato via F. Parlatore n. 56, per la manutenzione dei servizi igienici. Asili nido Santangelo, Aquilone, Morvillo, Papavero, Topolino e Pellicano per interventi di adeguamento finalizzati alla manutenzione di impianti elettrici, impianti idrici – antincendio e termici, oltre che all’efficientamento energetico dei manufatti con particolare riferimento agli infissi esterni, oltre ad aspetti distributivi e di carattere igienico sanitari. Plesso Orestano Materna della D.D. Orestano - via S. Ciro n. 48, per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi non strutturali. Plesso Setti Carraro dell’I.C. Uditore Setti Carraro - via Tiepolo n.4, per lavori di manutenzione straordinaria e adeguamento. Palestra Sciascia dell’I.C. Sciascia - Via De Gobbis n. 13, per il consolidamento strutturale. Plesso Valverde dell’I.C. Rita Atria - via Valverde n.1, per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali. Plesso Whitaker e plesso Pascoli della D.D. Gabelli - Via Zisa n. 17, per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali. Plesso Ferrara dell’I.C. Amari Roncalli Ferrara - P.zza Magione n. 1, per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi non strutturali. Plesso Maritain della D.D. Raciti - Largo Gibilmanna – per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi non strutturali. Plesso Bonfiglio dell’I.C. Colozza Bonfiglio - via Imera nn. 145/147 per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali. Plesso Verga dell’I.C. Nuccio Verga - p.zza dell'Origlione n. 10 per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali. Plesso Turrisi Colonna dell’I.C. Turrisi Colonna, p.zza Gran Cancelliere n. 1 per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali. Plesso Collodi della D.D. Alcide De Gasperi - via Briuccia civ. 89 per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali. Plesso Falcone dell’I.C. Montegrappa Sanzio - via E. Basile civ.170 per lavori finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali. Plesso Bonanno dell’I.C. Mantegna Bonanno – via Pitrè, pavimentazione sportiva della palestra. Plesso Borsellino dell’I.C. Mantegna Bonanno – piazza Pietro Micca, pavimentazione sportiva della palestra. Scuola Media don Milani, I.C. Sferracavallo – via Tacito, manutenzione ordinaria degli interni e degli infissi. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Proposta
06 giu 2017

Nuova rotonda in Via Nicoletti?

di Mobilita Palermo

Spesso mi trovo a passare in via Nicoletti di fronte all'ex stabilimento Coca Cola. L'inversione a U in direzione Palermo e` un punto molto pericoloso, perche` le auto che arrivano da Sferracavallo o dallo svincolo dell'autostrada viaggiano ben oltre i 50 km/h del limite. Il problema e` accentuato per coloro che facendo inversione devono poi andare verso Tommaso Natale in quanto devono tagliare la strada a chi proviene da Sferracavallo. Inoltre questi ultimi non rispettano l'obbligo di tenersi a destra per consentire alle auto che fanno inversione a immettersi nel flusso del traffico. A mio avviso sarebbe utile una rotonda all'altezza della confluenza con via Partanna Mondello e accanto all'Elenka. In questo modo la rotonda puo` servire a fare inversione a U o a immettersi facilmente sulla strada vecchia verso Tommaso Natale, inoltre la rotonda rallenta in maniera naturale il traffico in entrambi i sensi, e questo rende piu` sicuro quel tratto di strada.

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
01 giu 2017

Piazza Cupani: posata la nuova pavimentazione

di Andrea Baio

Come previsto dal progetto Grandi Stazioni, in questi giorni è stata posata la nuova pavimentazione di piazza Cupani. La copertura è costituita da lastre di cemento pigmentato, mentre le aiuole con il verde storico sono state delimitate da muretti in pietra di Billiemi. Si procederà come prossimo step all'installazione dei nuovi pali per l'illuminazione. Il vuoto che si verrà a creare in corrispondenza degli ex servizi igienici interrati, ad oggi in disuso e che verranno tombati, sarà delimitato attraverso una seduta continua di traccia curvilinea. L'aspetto estetico della nuova piazza è sicuramente migliore rispetto a prima, tuttavia l'intervento da l'impressione di essere piuttosto modesto in considerazione di una riqualificazione generale. Per quanto riguarda invece il progetto Grandi Stazioni nel suo complesso, non ci risulta comprensibile come non si sia minimamente pensato di intervenire all'interno della stazione stessa, dove ad esempio al momento è posto un pavimento in gomma assolutamente antiestetico. Attendiamo il termine dei lavori, nella speranza che non si tratti dell'ennesima occasione mancata per creare qualcosa di bello. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
30 mag 2017

Aeroporto Falcone Borsellino | In sostituzione i proiettori delle torri faro del piazzale aeromobili

di Fabio Nicolosi

Sono cominciate le operazioni per l'installazione dei proiettori a Led delle torri faro nel piazzale aeromobili. Saranno montati in tutto 70 nuovi proiettori (il progetto ne prevede 120) a basso consumo di energia in dieci torri faro (in tutto sono 19). L'importo complessivo dell'appalto è pari a 238.968,04 € per una durata di 45 giorni utili ad ultimare i lavori. Ad aggiudicarsi il bando è stata la 2G CONSULTING SRL - PALERMO - in avvalimento con il Consorzio Stabile Real Italy S.c.a.r.l. Si otterrà un risparmio dei consumi di circa il 70%: invece degli attuali 100 kw per dieci torri, con i nuovi proiettori a Led il consumo di energia scenderà a 31 kw. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
26 mag 2017

Numerare le uscite in Viale Regione ? C’è qualcosa! Ecco la risposta dell’Ufficio Traffico

di Giulio Di Chiara

Ricordate la proposta discussi qui su Mobilita relativa alla numerazione delle uscite lungo Viale Regione Siciliana, per agevolare e razionalizzare i flussi veicolari? Avevamo mandato l'articolo all'Ufficio Traffico, che ci ha prontamente risposto con questa nota, che riportiamo: Si fa riferimento alla vs. mail di pari oggetto del 02/5/2017, assunta al ns. prot. n. 652367 del 03/5/2017. Preso atto dei contenuti della stessa, si vuol evidenziare che al lettore attento non può sfuggire che il vigente Piano Generale del Traffico prevede nella "Relazione tecnica: Progetto" al cap. 7.2.10 un apposito intervento sulla segnaletica d'indirizzamento nel viale Regione Siciliana. L'intervento previsto fonda sulla realizzazione di uno studio sulla nuova segnaletica di indirizzamento nella circonvallazione di Palemo, già curato dall'Ufficio Traffico, che si propone di fornire agli utenti della strada, tramite la segnaletica di indicazione, informazioni necessarie per la corretta e sicura circolazione, nonché per l'individuazione di itinerari, località, servizi ed impianti stradali, nonché una precisa identificazione alfà-numerica a ciascuno degli svincoli e dei varchi di collegamento tra le carreggiate centrali e laterali della circonvallazione. [...] Il PGTU pertanto prevede la redazione di un apposito "Piano di Dettaglio", il cui progetto possa essere realizzato nel più breve tempo possibile, anche per successivi stralci fùnzionanti, prevedendo una tipologia di segnale di indicazione posto sopra la carreggiata di marcìa, che si ritiene possa costituire una soluzione ottimale per la segnaletica di indicazione lungo il viale Regione Siciliana, da estendere successivamente negli altri più importanti assi stradali della città. È altresì opportuno informare che gli uffici del traffico già nel 2005 hanno redatto un'apposita documentazione progettuale al riguardo, che oggi andrebbe solo verificata/aggiornata, verificando se sussistano le risorse e le condizioni che fin qui hanno frenato la realizzazione dell'intervento. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
25 mag 2017

ZTL, ciclabilità, aree pedonali, infrastrutture: il bilancio finale dell’assessore Giusto Catania

di Giulio Di Chiara

La sindacatura volge al termine e le elezioni sono oramai prossime. Come ogni anno, è tempo di bilanci sui temi che trattiamo giornalmente.  Prima di lanciarci in valutazioni personali, cogliamo l'occasione di un'intervista all'assessore alla mobilità Giusto Catania per conoscere il suo punto di vista, il suo bilancio di questi 5 anni di attività al Comune di Palermo. L'intervista è stata rilasciata al portale "muoversi in città", dal quale abbiamo tratto il testo seguente. Una piccola premessa prima di lasciarvi alla lettura: difficilmente leggerete ammissioni o autocritica, ci sembra alquanto scontato soprattutto in fase di campagna elettorale. Vi invitiamo a leggere tra le righe, qualcosa si evince, ad esempio sul tema della ciclabilità. Abbiamo letto recentemente che a Palermo si sta progettando e discutendo un’estensione delle reti tramviarie. Quali sono i progetti attivati? Quali possibilità concrete di realizzarla? Da dicembre 2016 abbiamo quattro nuove linee tramviarie: si tratta delle prime 4 della città di Palermo. Abbiamo in progetto l’estensione di tale rete, che è già stata finanziata in buona parte con i fonti del “Patto per Palermo”. È un progetto che si trova già in una fase avanzata, perciò esistono concrete possibilità riguardo alla sua realizzazione. Per una parte di essa sarà indetto un concorso. Stiamo parlando di reti tramviarie molto importanti per la mobilità della città perché la loro connessione permetterà di collegare le due stazioni principali di Palermo: stazione centrale e Notarbartolo, le aree centrali con nuove periferiche fino ad arrivare al collegamento con l’intera rete con la Cittadella Universitaria, e a coprire le zone turistiche e balneari di Mondello e Serracavallo. Di fatto il completamento della rete servirà in maniera quasi capillare l’intero territorio urbano. Rispetto al TPL, le reti tramviarie sono state un successo per i cittadini? Le reti sono state un successo: sono molto apprezzate dai cittadini palermitani, basti pensare che la rete tramviaria che abbiamo già in esercizio collega alcune aree periferiche con il centro della città (in particolare con le due stazioni principali: centrale e Notarbartolo). Questo collegamento non solo è piaciuto molto ai cittadini (sul grado di soddisfazione l’Amministrazione ha dei numeri convincenti), ma ha reso meno isolate le zone di periferie di Palermo (il tram viene usato moltissimo nelle ore di punta, permettendo quindi un buon collegamento tra periferia e centro urbano). A Palermo, dopo molte polemiche e ricorsi, la ZTL è finalmente partita a ottobre: un primo bilancio? Quali valutazioni ha al riguardo della sua attuazione? Abbiamo finalmente la ZTL con un bilancio positivo: nonostante le iniziali polemiche, che sono ormai una prassi quando si apporta un cambiamento così importante, abbiamo avviato il più grande piano di pedonalizzazione della storia di questa città. Negli ultimi tre anni di mandato, abbiamo fatto 140.000mq di nuove aree pedonali: una svolta straordinaria. Abbiamo avviato la pedonalizzazione di strade e piazze storiche della città, con l’obiettivo di valorizzare i monumenti che oggi è possibile visitare andando a piedi da Teatro Massimo alla Cattedrale. Perché parliamo di bilancio positivo? Abbiamo effettuato due monitoraggi del funzionamento e degli effetti della ZTL, dai quali è risultato un notevole abbattimento del traffico veicolare e un miglioramento della qualità dell’aria, addirittura con un abbattimento, in alcune giornate, fino al 50% delle emissioni delle polveri sottili nell’aria. Difatti, sta iniziando ad essere apprezzata dai palermitani e dai tanti commercianti che all’inizio non la vedevano di buon occhio. Paradossalmente, oggi chiedono di ampliare la limitazione al traffico veicolare privato, quindi un’estensione della ZTL. Un cambio culturale che è stato difficile intraprendere, ma che ci sta dando grandi risultati e soddisfazioni. Rimanendo sulla ZTL: quando entreranno in funzione i varchi telematici in via di sperimentazione? Per i varchi telematici, stiamo aspettando il via libera dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che ci ha chiesto un chiarimento su alcuni varchi di penetrazione (in particolare, per la zona dell’Ospedale dei Bambini che avevamo lasciato libera al transito per consentire ai cittadini di accedere con facilità a questa zona). Avendo apportato delle modifiche al piano iniziale, il Ministero ci ha chiesto dei chiarimenti ai quali già abbiamo risposto e siamo solo in attesa della risposta definitiva per attivare i 30 giorni di pre-esercizio. Abbiamo attivato le prime cinque telecamere e sono previsti 12-13 varchi, con fonti di finanziamento del “PON Metro” già presenti. Nel frattempo, tutto il servizio è stato affidato all’AMAT – azienda pubblica del trasporto urbano – che gestirà tutto il servizio, mentre con la Polizia Municipale abbiamo posizionato le postazioni e avviato il primo monitoraggio. Siamo pronti! L’Amministrazione ha ampliato le aree pedonali: quali sono e quali hanno funzionato? In quelle aree, ricche di monumenti riconosciuti patrimonio dell’umanità, fino a poco tempo fa le macchine vi parcheggiavano a pochi centimetri. Abbiamo liberato dalle macchine tutte le piazze storiche della città. L’inizio era stato caratterizzato dalle “isole pedonali” che ora Palermo non ha più, bensì è dotata di percorsi interamente pedonali (il collegamento delle numerose isole è stato effettuato a favore di un percorso pedonale che colleghi buona parte del centro storico della città). Siamo impegnati, anche nell’attuale campagna elettorale, per far sì che questo processo non si arresti ma anzi il nostro obiettivo è quello di ampliare le aree pedonali investendo ancora di più sulle piazze storiche e sugli assi centrali della città. Uno studio che stiamo conducendo mostra come gli assi centrali già siano colmi di pedoni, mentre prima erano saturi di veicoli e inquinamento. Stiamo, infatti, valutando di togliere la corsia ciclabile da via Maqueda perché non è compatibile con la massa di pedoni che attraversa la strada centrale. Sulla bicicletta, come in tutte le città del Sud, siamo indietro: cosa è stato fatto in questi anni e quali progetti ci sono per il futuro? Ad essere sinceri, probabilmente sul ciclabile abbiamo fatto un investimento più culturale che infrastrutturale, nel senso che abbiamo sottratto spazio dedicato alle macchine per destinarlo alle biciclette. Anche per problematiche relative alle risorse, non abbiamo apportato cambiamenti, anche dal punto di vista estetico ed infrastrutturale, che potessero essere apprezzate dai cittadini. Tuttavia, abbiamo scelto di compiere un investimento culturale: infatti, oggi si può arrivare dalla città di Palermo alla Borgata marina di Mondello in bicicletta, attraverso la pista ciclabile che si trova all’interno del Parco della Favorita. Ci interessava dare un segno anche culturale all’operazione. Inoltre, abbiamo in progetto di ampliare la pista ciclabile, tramite i fondi “PON Metro”, investendo anche sulla realizzazione di piste più visibili e sicure, protette, per i ciclisti. Sicuramente, grazie anche a questo investimento culturale, abbiamo riscontrato un aumento del numero di biciclette nella città di Palermo: ad esempio, sugli spostamenti casa-lavoro, la percentuale è aumentata dal 1% al 5-6%, (dati ancora bassi, ma che sono segno di una crescita). Un altro dato interessante riguarda il bike sharing: le ciclo stazioni previste dall’investimento sono 37, e ad oggi già ne abbiamo posizionate 25, per un totale di 420 biciclette. Così facendo, diventeremmo la terza flotta di bike sharing in Italia. Tutto questo partendo da zero. Riguardo al car sharing a Palermo è avanzata l’installazione da parte di AMAT anche con veicoli elettrici: quali sono i dati per l’utilizzo? Pensate di autorizzare anche il servizio free floating di operatori privati? Stiamo acquistando nuove automobili, dato che sono registrati quasi 5.000 abbonati, quindi abbiamo necessità di nuovi veicoli. Inoltre, abbiamo già messo a disposizione dei cittadini dei car sharing elettrici, con 27 veicoli, che danno un importante contributo alla flotta del servizio. Tutto il servizio di car sharing, bike sharing, ZTL, è gestito dall’azienda pubblica AMAT ed è per noi un vanto nonché una scelta strategica da parte dell’amministrazione che, così facendo, può pensare di mantenere il carattere pubblico dei servizi. Anello ferroviario di Palermo, che è un investimento di RFI di FS, ha avuto molti stop, qual è la situazione odierna? Quali i tempi di conclusione dei cantieri? Per quanto riguarda l’anello ferroviario procediamo tra stop and go che tuttavia non dipende assolutamente dall’amministrazione comunale, bensì dalle vicende giudiziarie dell’azienda TECNIS, che sono andate a compromettere il buon andamento dei cantieri. Alcune parti dei lavori sono state completate, e c’è indubbiamente un ritardo rispetto al cronoprogramma (il completamento del cantiere era previsto entro la fine 2018). Purtroppo, non possiamo prevedere una stima di fine lavori in quanto, nonostante il nuovo avvio dei lavori, è l’azienda che deve presentare il nuovo cronoprogramma. Il Comune di Palermo ha approvato il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile? In realtà non abbiamo previsto un unico PUMS (Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile), bensì abbiamo previsto tutta una serie di Piani di attuazione del PGTU (Piano Generale del Traffico Urbano ) che nel complesso rappresentano il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile. Difatti, in esecuzione al PGTU, abbiamo previsto: il Piano delle aree pedonali, il Piano della mobilità ciclistica ovvero della Mobilità dolce, il Piano del trasporto pubblico locale, il nuovo Piano dei bus turistici, il Piano del trasporto extra urbano. Pertanto, l’insieme di questi Piani rappresenta il PUMS per la città di Palermo. Può farci un bilancio dei suoi anni di mandato da assessore alla mobilità? Quali i progetti con cui il Sindaco Orlando si candida a governare la città sul fronte della mobilità/mobilità sostenibile? Si potrebbe riassumente tutto in una parola: continuare. Continuare ad ampliare la vivibilità della città, le aree pedonali, le piste ciclabili. Oggi abbiamo in progetto quasi 47km di piste ciclabili, e ne abbiamo già realizzati 37 nei tre anni di mandato. Continuare e migliorare l’utilizzo delle aree pedonali, l’investimento sulle infrastrutture, con la realizzazione della rete tramviaria. Il bilancio di questo mandato è assolutamente positivo, sono tre anni che mi occupo di mobilità e credo di aver dato un contributo al miglioramento della città. Basterebbe andare in giro per la città di Palermo e vedere il grosso investimento compiuto sulla mobilità sostenibile. Quindi, non posso che essere soddisfatto e l’obiettivo è quello di continuare con questa visione di città. Speriamo che i palermitani apprezzino anche nella cabina elettorale. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 46