Articolo
16 apr 2019

Decathlon addio? Fake news…?

di Mobilita Palermo

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa del Comune di Palermo circa la notizia su un possibile abbandono della Decathlon a Palermo. Palermo - Con riferimento ad alcuni articoli di stampa circa la possibilità di insediamento in città di un punto vendita della catena Decathlon, si ritiene utile precisare che la pratica in oggetto è pervenuta al SUAP a metà di ottobre dello scorso anno e non ‘oltre due anni fa’, come erroneamente riportato. La stessa pratica è tuttora in fase di analisi, in considerazione della complessità tecnica, della necessità di individuare le aree a verde e destinate al parcheggio, indispensabili per la struttura e, soprattutto, in considerazione delle vicende giudiziarie dell’immobile ancora sotto sequestro. Risulta, poi, del tutto destituita di fondamento la notizia secondo cui il Comune avrebbe ‘scoperto solo dopo due anni’ che la zona interessata sarebbe classificata come B2, visto che la stessa è indicata nel PRG come ZTO D1. Ulteriori approfondimenti istruttori sono, inoltre, in corso da parte degli uffici, a seguito di notizie di stampa circa lo scioglimento e la liquidazione della Abate Group S.p.a. e ai provvedimenti disposti dalla sezione fallimentare del Tribunale di Catania". Lo dichiara l’assessore al SUAP, Leopoldo Piampiano.

Leggi tutto    Commenti 4
Proposta
15 apr 2019

Rimodulazione della linea del tram “E”

di eduardo1964

Noi dell' Associazione Aiace Palermo, siamo sempre stati CONTRARI nella tratta finale della linea "E", sia nel vecchio progetto, che da via Lanza di Scalea andava verso piazza Bolivar fino allo sfiocco per via dell' Olimpo-via Mattei-Galatea e ritorno, ma anche a questo nuovo progetto, in quanto, ancora una volta, viene favorito lo Zen e Mondello, lasciando isolata la borgata di Partanna Mondello. Siamo invece stati sempre FAVOREVOLI, alla tratta in questione, che dopo avere attraversato viale Strasburgo, via Lanza di Scalea, servendo anche lo Zen, fino allo sfiocco di piazza Bolivar, anzichè proseguire su via dell' Olimpo, entrare su via Aiace, e rimodulare la tratta "E". Con il Completamento di via Aiace, opera strategica per Partanna e in un opera se ne realizzerebbero due, in modo che il tram, intercetterebbe una percentuale maggiore di residenti arrivando lo stesso al parcheggio Galatea e Palinuro come capolinea. Il resto, concordo con il signor Claudio Nicosia, servire il resto della tratta E, senza la necessità di martoriare un territorio già gravato con allagamenti e criticità legate al sottosuolo. Strade ormai ben definite diventerebbero oggetto di inevitabile snaturamento urbano, con non indifferenti aggravi economici, anzichè essere utilizzati in altre risorse, come quella dell' inesistente rete della raccolta delle acque reflue e tante altre opere prioritarie rispetto al tram che rimane un' opera importante, ma dopo la realizzazione di tutte le opere primarie che non esistono e attese da 50 anni.... Spero che il sindaco e la giunta ne tengano conto ed accolgano la nostra richiesta come Associazione Aiace e quella dei residenti i quali ne godrebbero maggiormente del servizio, senza rischiare come sta succedendo nella tratta del tram di viale Regione Siciliana, circa le difficoltà gestionali, in un calcolo costi benefici. Via dell' Olimpo è una arteria già servita e definita nelle opere è ha poche abitazioni nella tratta prevista nella linea E, a parte gli impianti sportivi che possono essere serviti con bus navetta senza gravare con costi aggiuntivi....

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 apr 2019

Viale Regione Siciliana da due a tre corsie. È un provvedimento necessario?

di Fabio Nicolosi

Viale Regione Siciliana ai sensi della classificazione funzionale di Palermo (d.d. n° 19 del 08/03/2016) viene definita come strada urbana di scorrimento, categoria D per il C.d.S. La strada è composta da due carreggiate centrali per senso di marcia a loro volta divise in due corsie con una larghezza totale di 4,5 metri circa, con una banchina pavimentata di 3 metri circa. Il provvedimento in via sperimentale è stato emanato dall’ufficio traffico il 28 Aprile 2017 con numerazione 609, e autorizzava la realizzazione della terza corsia di marcia, dallo svincolo Belgio allo svincolo Bonagia (tranne ponte Corleone e in alcuni punti all’altezza delle uscite o entrate). L’ordinanza non è mai stata applicata perché l'assessore Riolo non ha ritenuto fosse prioritaria, adesso torna nuovamente in voga proprio per mano dall'autore della stessa, l'assessore Catania. Col nuovo assetto, la corsia d’emergenza passerà da quattro a 2,5 metri, poi ce ne sarà una limitrofa (quindi a destra) da 3,5 metri per i mezzi pesanti, gli autobus e i taxi e infine due ordinarie, da tre metri l’una, per tutti gli altri veicoli. Ma è legale? Secondo il C.d.S. la larghezza minima della corsia di marcia è di 3,25m, mentre qui si parla di due corsie da 3m l'una che non rispetterebbero i requisiti minimi di legge. Inoltre sempre il C.d.S. non prevede alcuna corsia d'emergenza. È chiaro che non è accettabile che per due anni si siano trascurate la segnaletica verticale e orizzontale, lasciando al libero arbitro l'interpretazione delle corsie e autorizzando la totale anarchia di chi ha utilizzato la strada. Ma siamo sicuri che tale provvedimento sia necessario? La realizzazione di un'ulteriore corsia potrebbe anche non portare i benefici sperati. Gli uffici comunali sono dotati di un programma per simulare i flussi di traffico e ci piacerebbe conoscere le analisi effettuate che rispecchino i vantaggi del passaggio da due a tre corsie. Tra le misure prioritarie invece vi sarebbero l'eliminazione dei due semafori di via Perpignano e piazzale Giotto, migliorati gli svincoli di ingresso e uscita dalla corsia centrale, installati dei pannelli a messaggio variabile per migliorare la comunicazione di eventuale incidenti o rallentamenti. Visti i tempi che si prospettano per la realizzazione dei lavori (4 mesi), sarebbe necessario chiedere se è giusto ripristinare la strada allo stato pre-ordinanza ed effettuare un'approfondita analisi per capire se la nuova ordinanza sia valida, non violi articoli del C.d.S. e sia realmente necessaria.

Leggi tutto    Commenti 31
Articolo
09 apr 2019

Viabilità | A29 Palermo-Mazara del Vallo: Martedì 9 Aprile chiusa la corsia di sorpasso in direzione palermo

di Fabio Nicolosi

Nella giornata di domani, martedì 9 aprile, saranno ultimati gli interventi di ripristino agli impianti elettrici, danneggiati in seguito a furti di cavi di rame, a servizio dei pannelli a messaggio variabile delle gallerie “Sferracavallo” e Isola delle Femmine” lungo l’autostrada A29 “Palermo-Mazara del Vallo”. Tra le ore 9:30 e le ore 16:00 sarà pertanto necessario istituire un restringimento di carreggiata in direzione Palermo, con chiusura della corsia di sorpasso, dal km 3,300 al km 2,250. Tali interventi, inizialmente previsti per la fine di marzo, erano stati rinviati a causa delle condizioni meteo non favorevoli e pertanto, salvo cambiamenti climatici, saranno effettuati nella giornata di domani. Al fine di prevenire l’azione criminale e il vandalismo sugli impianti stradali e autostradali, Anas ha in corso investimenti per 60 milioni di euro a livello nazionale, di cui un terzo è destinato alla Sicilia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 apr 2019

Impianto di depurazione di Acqua dei Corsari | Aggiudicata la gara di servizio di direzione dei lavori e dell’esecuzione dei lavori di realizzazione

di Fabio Nicolosi

Con il provvedimento n. 31 del 1 aprile 2019 il commissario straordinario unico depurazione ha assegnato a R.T.I. SERING INGEGNERIA SRL la procedura di gara aperta in modalità telematica per l'affidamento del servizio di direzione dei lavori e coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione per l’intervento “adeguamento e potenziamento dell’impianto di depurazione di Acqua dei Corsari” con un ribasso del 44,523%. Stabilito quindi chi si occuperà di direzione lavori, con il provvedimento n. 33 del 3 aprile 2019 il commissario straordinario unico depurazione ha assegnato a EMIT Group Ercole Marelli Impianti Tecnologici S.r.l. la procedura di gara per l’affidamento della progettazione esecutiva e dell’esecuzione dei la vori di realizzazione del progetto definitivo “adeguamento e potenziamento dell’impianto di depurazione di Acqua dei Corsari” con un ribasso economico del 10,000% e temporale del 20,000%. Adesso occorrerà attendere circa 4 mesi per l'inizio dei lavori, due mesi saranno necessari per la redazione del progetto esecutivo e altri due per l'approvazione dello stesso. Ma perchè il progetto è cosi importante? Il carico in termini di abitanti equivalenti serviti attualmente è valutato in un valore compreso tra 200.000 e 230.000 AE ma l'impianto può reggere fino a 440.000 AE. Il nuovo impianto in progetto sarà dimensionato per una potenzialità di trattamento pari a 880.000 AE nella configurazione definitiva con tutta la rete dei collettori della città di Palermo completata. Parliamo quindi di una potenzialità dell'impianto di 2 volte superiore. Cosa prevede l'intervento? L'intervento prevede di lavorare su cinque aree distinte tra loro: 1 - Comparto pretrattamenti e deodorizzazione: • Realizzazione ripartizione su condotta in arrivo; • Realizzazione grigliatura grossolana - fine (tempo asciutto); • Potenziamento sollevamento iniziale; • Realizzazione terza linea di dissabbiatura; • Realizzazione nuovo biofiltro. 2 - Comparto biologico esistente: • Adeguamento vasche esistenti di ossidazione biologica; 3 - Comparto disidratazione fanghi: • Realizzazione vasche di post-ispessimento statico; • Realizzazione comparto di disidratazione meccanica; • Realizzazione stoccaggio fanghi disidratati. 4 - Comparto grigliatura e digestione fanghi: • Realizzazione comparto grigliatura fanghi; • -\deguamento e potenziamento della digestione anaerobica dei fanghi; • Realizzazione nuovi digestori primari. 5 - Nuovo comparto biologico: • Realizzazione nuovo comparto di ossidazione biologica; • Realizzazione nuovi sedimentatori secondari; • Realizzazione trattamento di disinfezione UV; • Realizzazione comparto Ultrafiltrazione UF. Opere accessorie: • Adeguamento gruppo elettrogeno; • Demolizione strutture non inserite nel ciclo depurativo; • Revisione e collocazione gruppo antincendio; • Revisione e adeguamento impianto elettrico; • Sistemazione dell'area e viabilità.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
27 mar 2019

AMG ENERGIA | Riparati 35 proiettori del Pala-Mangano

di Fabio Nicolosi

Un delicato intervento di manutenzione ordinaria è stato definito dagli operatori di AMG Energia Spa al PalaMangano per la revisione e sostituzione dei proiettori. Altre due attività, che hanno consentito il ripristino all'incirca di 160 punti luce, sono state completate nella zona di Sferracavallo-Tommaso Natale e in quella compresa fra le vie Einaudi e De Gobbis, nel quartiere San Filippo Neri, con la riparazione di due differenti guasti su circuiti di media tensione. Al PalaMangano gli operatori dell'unità operativa manutenzione impianti di bassa tensione di AMG Energia hanno proceduto alla revisione e contestuale sostituzione di lampade e proiettori sopra la tribuna e della prima file esterna campo. Il delicato intervento è stato eseguito, laddove possibile, con l'ausilio di un mezzo dotato di cestello e braccio mobile, che è stato necessario utilizzare con la massima apertura, per raggiungere gli apparecchi da sostituire e in modo da evitare qualsiasi contatto del mezzo pesante con il parquet ammortizzato dell'impianto sportivo. Sono state utilizzate anche scale, nel massimo rispetto delle normative di sicurezza. Sono stati riaccesi in tutto 35 proiettori. Altri due interventi di manutenzione ordinaria sono stati eseguiti a Sferracavallo-Tommaso Natale e nel quartiere San Filippo Neri: sono stati riparati due guasti presenti sui circuiti di media tensione denominati rispettivamente Manderino/Tritone/Sferracavallo1 ed Einaudi/De Gobbis1: complessivamente sono stati riaccesi all'incirca 160 punti luce. "Le nostre attività sono molteplici e differenziate – spiega Mario Butera, amministratore unico di AMG Energia – dalle riparazioni dei guasti sugli impianti di pubblica illuminazione alla gestione e manutenzione degli impianti interni di strutture sportive come il PalaMangano che richiedono interventi fatti con accorgimenti particolari. La nostra azienda e le nostre professionalità sono al servizio della città". E' in programma nei prossimi giorni la prosecuzione della riparazione di un guasto su uno dei due circuiti che alimentano gli impianti di Bonagia, denominato Airone/Sanfilippo/Troina2. Un primo intervento è già stato effettuato in modo da consentire il funzionamento dell'illuminazione a punti luce alternati: la definizione delle attività consentirà di riaccendere circa 80 punti luce.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 mar 2019

FOTO | Anello ferroviario: in conclusione i lavori di palificazione in Area 5

di Fabio Nicolosi

Era il 5 Maggio 2018 quando in questo articolo annunciavamo la chiusura di Area 5, l'area del cantiere dell'anello ferroviario compresa tra via Roma e via Principe di Scordia. A distanza di 11 mesi, sembra che i lavori di realizzazione dei pali per la successiva realizzazione del solettone sono in via di conclusione. Da cosa si deduce? Dal fatto che una delle due trivelle è in fase di smontaggio. Ricordiamo che da progetto era previsto che in 404 giorni i lavori in area 5 fossero totalmente conclusi, dalla cauterizzazione allo scavo della trincea. Ad oggi ci troviamo a 330 giorni circa e bisogna ancora realizzare il solettone di superficie, riaprire la strada e iniziare lo scavo della galleria artificiale. A rallentare i lavori sicuramente le problematiche legate all'azienda titolare dell'appalto in amministrazione giudiziaria e che è con i conti in rosso, oltre che bloccati. Ringraziamo Giuseppe N. per le foto:

Leggi tutto    Commenti 5