Articolo
11 mag 2017

BIMBIMBICI Palermo 2017

di fiabpalermo

Come ogni anno FIAB organizza BIMBIMBICI. Quest'anno si svolgerà in contemporanea con CYCLOPRIDE. Tutte le attività si svolgeranno a Piazza Castelnuovo, a partire dalle ore 9. Grazie alla collaborazione con realtà associative del territorio, il programma di quest'anno è ricco e davvero divertente. Partecipazione gratuita. Iscrizione obbligatoria a fini assicurativi PROGRAMMA BIMBIMBICI: Evento FB: BIMBIMBICI Palermo 2017 FB Partecipazione gratuita. Iscrizione obbligatoria. Bicicletta propria, caschetto. FMI- DIPARTIMENTO EDUCAZIONE STRADALE ore 9:00: Attività di educazione stradale con simulazione per educare i bambini al corretto uso della bicicletta su strada. Percorsi con birilli e cartelli stradali. PALERMOBIMBI ore 10.30-11.30: laboratorio creativo in cui i bambini potranno personalizzare e decorare la propria bicicletta. ore 11.30: mini-tour con caccia al tesoro per le famiglie al centro storico. L’iniziativa è rivolto alle famiglie con i bambini che non possono ancora affrontare il tour grande alla favorita. Su prenotazione scrivendo a : info@palermobimbi.it o via messaggio/telefono al 328 4950728. attività gratuite saranno inoltre distribuite alcune multe “simboliche” che i bambini potranno applicare agli automobilisti che si comportano in maniera non corretta. PALMANANA ore 10:00: Laboratorio "Come diventare un esploratore del mondo" a cura della coop. Palma Nana. Per chi non avesse a disposizione una bicicletta, vi consigliamo un elenco di noleggiatori, partner di Bimbimbi e Cyclopride: Social Bike Palermo: 328 284 3734- Discesa dei Giudici 21 Sicicla: 091 580891, Via Onorato, 8A (anche per bambini dai 6 ai 12 anni) Velotour: 091 508 5525, via Francesco Crispi 86 Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 mar 2017

Donne e cicloturismo: A lezione con Ale Fox

di fiabpalermo

FIAB Palermo Ciclabile conferma il suo impegno sulla diffusione della cultura del cicloturismo in Sicilia e lo fa patrocinando anche il terzo incontro degli aperi-workshop "Lezioni di Cicloturismo" organizzato da ASD Social Bike, Associazione Ciclabili Siciliane e Velotour. Durante l'incontro, che si terrà venerdì 31 marzo alle 19.00, presso il Magneti Cowork di via Emerico Amari 148 a Palermo, la cicloviaggiatrice siciliana Alessandra Nicosia (Ale Fox) racconterà perché ha deciso di coniugare la normale vita di una trentenne con le avventure dei viaggi in bicicletta in solitario intorno al mondo. Tasmania, deserto Australiano, deserto in America del nord, greenway Londra-Parigi, Islanda. Queste alcune delle avventure che Alessandra ha affrontato e durante le quali ha dovuto imparare a montare una tenda, riparare la bicicletta, difendersi dagli animali selvatici, orientarsi in loghi sconosciuti. Alessandra è l'esempio lampante che la storia sta già cambiando, oltre alla tenda, nel suo bagaglio porta un valore importantissimo. Muoversi è un'attività fondamentale per il genere umano a prescindere dal sesso di appartenenza e lei lo fa nel modo più intenso, sotto il sole del deserto australiano, nella foresta di Tasmania o fra i ghiacci d'Islanda, sempre decisa, pedalata dopo pedalata oltre ogni pregiudizio. Evento Fb: Lezioni di cicloturismo 31 Marzo Segui Ale Fox su Youtube: AleFoxonYoutube Seguici su: www.fiabpalermociclabile.org Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaPA/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mar 2017

Aiutateci a trovare l’ufficio biciclette a Palermo

di fiabpalermo

Sapevate che a Palermo esiste un ufficio biciclette? Un attimo, forse è meglio fare un passo indietro; sapete cos’è un ufficio biciclette? Proviamo a spiegarlo prima di tornare alla domanda iniziale. L’ufficio biciclette (da ora UB) è una struttura interna all’amministrazione comunale che si prefigge lo scopo di aumentare l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto privato realmente alternativo all’uso dell’auto. Per raggiungere questo obiettivo mette in campo azioni di promozione e comunicazione, nonché collabora con uffici tecnici fornendo contributi specialistici per una corretta definizione delle infrastrutture e delle “facilities” per ciclisti. La Commissione Europea ci ha ricordato al proposito che: "sul piano organizzativo, la creazione di una unità biciclette è una condizione sine qua non per lo sviluppo di una politica ciclistica realistica ed efficace.” E infatti un UB serve in ultima analisi a “ricordare” ad ogni livello decisionale che esiste la bicicletta. Solo per fare un esempio pratico: l’UB potrebbe intervenire nel caso in cui vengano eseguiti dei lavori su una strada interessata da una pista o percorso ciclabile; l’UB potrebbe valutare che il percorso potrebbe essere migliorato o semplicemente attenzionare (vigilare) sul ripristino delle condizioni di sicurezza e qualità post lavori. Come minimo, l’UB comporta comunque la designazione di un coordinatore presso l'amministrazione che dovrà ricordare la dimensione della bicicletta (a tutte le scale della città: dal gradino alla grossa arteria di comunicazione veicolare) e fungere da “persona-risorsa” a tutti i livelli dell'amministrazione comunale (politico, decisionale, esecutivo e di controllo) e in tutti i servizi che trattano, direttamente o indirettamente, la mobilità in bici (urbanistica, ambiente, lavori pubblici, finanze, insegnamento e gioventù, polizia, trasporti ecc.). In chiave ottimale questa persona dovrebbe essere un/una ciclista, o comunque qualcuno che riceverà una bicicletta di servizio di qualità da usare nel quadro delle sue funzioni o per recarsi al lavoro. A partire da questo livello minimo di organizzazione, si può rafforzare l'importanza dell'unità bicicletta o potenziarla in diversi modi secondo le specificità della città e le possibilità. Ad esempio, si dovranno obbligatoriamente presentare tutti i progetti al coordinatore, oppure l'approvazione del coordinatore sarà resa obbligatoria per tutti i progetti in materia di urbanistica, trasporto e lavori pubblici. Il coordinatore potrà essere affiancato da una segreteria. Si deve aggiungere che non andrebbero create le condizioni per cui “controllore” (UB) e “controllato” possano coincidere in quanto come chiaro, questo vanificherebbe la stessa esistenza dell’UB. Si potranno anche designare collaboratori fissi a tempo pieno e parziale presso gli uffici di urbanistica e lavori pubblici e designare membri dell'unità bicicletta presso altri servizi interessati e presso la polizia. Tutti devono essere ovviamente favorevoli alla bicicletta o, meglio, usarla essi stessi ogni giorno o nel tempo libero. A questo livello, il funzionamento dell'unità può diventare estremamente completo (calendario di lavoro e di riunioni, approvazione obbligatoria di tutti i progetti di urbanistica e lavori pubblici con l'unità bicicletta, potere di iniziativa, bilancio di funzionamento proprio dell'unità bicicletta in materia di relazioni pubbliche, eventualmente bilancio d'investimento proprio o accantonamento di una percentuale del bilancio dei lavori pubblici, meccanismi di consultazione dei gruppi di ciclisti ecc.). Adesso che abbiamo fatto una bella scorpacciata di nozioni, torniamo a noi, cioè a Palermo: bisogna sottolineare che a differenza del Mobility Manager non esiste in Italia una normativa che determini la costituzione di un Ufficio Biciclette presso i Comuni. Al momento esiste solo una raccomandazione (quella buona, non pensate male) della Commissione Europea - DG Ambiente contenuta nel “libro arancio” Cycling: the way UFFICI BICICLETTE, UNO STRUMENTO PER PROMUOVERE LA MOBILITÀ DOLCE AGENDA 21 75 ahead for town and cities, pubblicato anche in Italiano dal Ministero dell’Ambiente con il titolo Città della bicicletta, città dell’avvenire. Da quanto detto si comprende che l’istituzione dell’UB manifesta una aperta volontà dell’amministrazione di indirizzare la propria azione verso la mobilità ciclabile. Ebbene a Palermo l’ufficio biciclette esiste da molti anni (chi scrive non è riuscito a reperire la delibera di istituzione) ma non se ne percepisce la presenza (alla luce delle prerogative citate sopra), non ha un sito, non convoca riunioni e non palesa la sua azione nei confronti della cittadinanza. Visto il momento storico di “cambiamento culturale” e facendo tesoro della buona volontà dell’amministrazione che lo ha istituito riteniamo che sarebbe il caso di una rifondazione di questo ufficio (coinvolgendo il tessuto associativo della città) restituendolo alla sua prerogativa istituzionale cioè una “porta” che il cittadino sa di trovare sempre aperta sui temi trasversali della ciclabilità urbana. Siamo convinti che ciò non possa che giovare al cambiamento; voi cosa ne pensate? fonti: sito FIAB sull’argomento (www.fiabpalermociclabile.it), testo di agenda 21 locale, sito del comune, articoli di Mobilita Palermo vari;

Leggi tutto    Commenti 9