Articolo
14 mar 2018

Nuovamente chiusi i sottopassi su Viale Regione Siciliana

di Mobilita Palermo

Non ci basta l'asfalto degradato, le buche, i guard rail deformi e la segnaletica mancante o fatiscente.  Viale Regione Siciliana sforna sempre problemi, quasi sempre dettati dalla cattiva amministrazione e dall'assenza di manutenzione, come al solito. In questo caso parliamo di sottopassi, creati ai tempi per consentire l'attraversamento pedonale di questa strada che di fatto funge da divisore tra due parti di città: negli anni sono sempre stati oggetto di inaugurazioni, chiusure, manutenzioni, atti vandalici, iniziative poi finite male. Sull'intero asse, solo alcuni sopravvivono in condizioni di normalità, dovuto ad un flusso maggiore di gente durante la giornata che in qualche modo scongiura bivacchi, writers e atti vandalici (viale Ss. Mediatrice e via Sardegna su tutti). Gli altri sono delle caverne maleodoranti e poco sicure, spesso al buio dove non consiglieremmo il transito nemmeno al peggior nemico. Il comune in questi anni ha fallito, non ha dimostrato di saperli /volerli gestire. Dunque che fare? Anche qui, sono rimbalzati progetti vari su sovrappassi da realizzare così come accaduto ad esempio con il progetto tram. Ma l'asse è lungo, servono molto più attraversamenti e le altre progettazioni sono in alto mare. Nel frattempo questi bunker del degrado continuano a peggiorare la loro condizione, richiedendo poi interventi straordinari.... ma per chi? Quindi la domanda è: perchè il Comune non li chiude definitivamente? Almeno tutti quelli totalmente abbandonati e quindi poco fruiti. Potrebbero avere un'altra destinazione d'uso o richiedere la collaborazione di altri soggetti per mantenerli operativi e decorosi? Voi cosa fareste? Intanto vi lasciamo alla segnalazione della Quartiere Villa Tasca: Per ragioni di sicurezza sono stati chiusi i sottopassi di Viale Regione Riciliana altezza via Altofonte e altezza Via Gustavo Roccella. Il provvedimento era stato più volte richiesto dal Consiglio della IV Circoscrizione per salvaguardare la pubblica incolumità. Nel mese di ottobre, infatti, dopo un sopralluogo congiunto con i responsabili dei varisettori, si era verificata la pericolosità dei due sottopassi oggi chiusi e la mancanza di igiene e sicurezza in quelli altezza Via Mediatrice e Via Portello. Adesso auspichiamo che al più presto possibile vengano effettuati i lavori di messa in sicurezza necessari per la riapertura dei due sottopassi chiusi e vengano bonificati quelli di Via Mediatrice e di Via Portello che versano in condizioni igieniche precarie.Vigileremo affinché vengano rispettati gli impegni assunti dall'amministrazione comunale. Questo il Comunicato della IV Circoscrizione. OK, abbiamo chiuso i sottopassi, ma la domanda che sorge spontanea è una: che senso ha effettuare una bonifica se si sa per certo che nessuno potrà assicurare la vigilanza, e, molto presto, si ritrasformeranno in veri immondezzai? Vogliamo cominciare a mettere qualcuno di guardia in pianta stabile, affinché non solo venga mantenuto il decoro, ma anche la sicurezza dei luoghi, sia per chi deve vigilare sia per chi deve percorrere tali spazi? Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
13 mar 2018

FOTO | Riaperte le piazze Giulio Cesare e Cupani

di Salvatore Galati

Qualche mese fa vi avevamo descritto i lavori che avrebbero interessato Piazza Giulio Cesare e Piazza Cupani. Le due piazze sono state pavimentate con un basolato di pietra lavica. Piazza Giulio Cesare: La piazza è stata pavimentata con pietra lavica e sono stati installati i pali dell'illuminazione pubblica in stile liberty, e sono stati collocati i nuovi cestini getta carta. Naturalmente è stata fatta una potatura alle aiuole, che non veniva fatta dalla chiusura dell'area. Cosi abbiamo una piazza riqualificata e si da una bella immagine alla zona della Stazione Centrale ed è cosi un biglietto da visita per i turisti, dato che quest'anno "invaderanno" la città per l'anno della Capitale della Cultura Italiana. Piazza Cupani: Questa piazza ha la stessa pavimentazione di quella descritta precedentemente. Anche essa ha i pali della luce pubblica in stile liberty e sono stati collocati i cestini getta carta. Inoltre qui sono stati sostituiti i zoccoletti perimetrali che contengono la terra delle aiuole e sono state piantate nuove essenze arboree. Nel perimetro della Stazione Centrale, come ad esempio all'uscita del capolinea del tram oppure in varie aiuole spartitraffico e altri marciapiedi perimetrali, sono stati collocati dei lampioncini in stile classico, da rendere la stazione più accogliente e suggestiva. Vi chiediamo, non sarebbe il caso di riqualificare i marciapiedi perimetrali e la altre aiuole? Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
09 mar 2018

Verde | Abbattuto il Ficus al Foro Italico, ma perché?

di Fabio Nicolosi

EDIT 2: Alleghiamo anche il comunicato stampa diramato dal comune: Stamattina gli operai del Settore Verde sono intervenuti per l'abbattimento urgente di un albero al Foro Italico dal quale si erano staccati dei grossi rami e che a seguito di verifica da parte dei tecnici è risultato in imminente pericolo di crollo. L'albero, un "ficus elastica" presentava infatti una profonda fessurazione che ne minava la stabilità. Il dirigente dell'Area Verde, ha scritto alla Sovrintendenza per i Beni Culturali affinché si possa concordare quale specie mettere a dimora nei prossimi giorni. Il sindaco Orlando ha espresso plauso per la tempestività dell'intervento "Pur nel dispiacere che l'abbattimento di un albero comporta, questa azione ha permesso di prevenire che si ripetessero tragedie ed incidenti come quelli accaduti nel 2009 e nel 2013 proprio al Foro Italico. Mi augurio che presto avremo indicazioni dalla Sovrintendenza per poter mettere a dimora un nuovo albero adatto al contesto del Foro Italico". EDIT: É giunta la risposta del Prof Giuseppe Barbera che riportiamo per correttezza di informazioni: Vogliamo vederci chiaro e capire quale siano stati che hanno portato all'abbattimento di uno degli alberi che rappresentava il Foro Italico. Non abbiamo competenza in materia, ma dalle foto non pensiamo che l'albero fosse malato, ne tantomeno fosse pericoloso. E se lo fosse stato, sarebbe stato sufficiente tagliare qualche ramo piuttosto che l'intero albero. Un vero mistero... Aiutateci voi a capire e ad avere risposte dall'ufficio verde e giardini, unico responsabile di questo scempio. Foto di copertina di Elvira Dragonia Vernengo Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 25
Segnalazione
09 mar 2018

La scomparsa delle campane del cartone nella seconda circoscrizione

di genio

Buongiorno, scrivo per denunciare l'improvvisa quanto inquietante scomparsa delle campane per la raccolta della carta nella zona sud della città che va dallo Sperone fino ad Acqua dei Corsari e Pomara. Abitando lì, e facendo la raccolta differenziata, non riesco a conferire la carta raccolta da più di due mesi. L'unica campana rimasta è vicino a villa d'Amato, ma, rendendomi conto che vanno scomparendo anche le campane di Romagnolo e dintorni, mi aspetto che anche questa si dissolva nel nulla. Ho scritto alla RAP, la quale non ha mai risposto e forse non ne avrà mai intenzione. Spero che questa situazione, condivisa con mobilita, smuova le acque.

Leggi tutto    Commenti 1    Proposte 0
Articolo
09 mar 2018

Decoro e bellezza 2019, ma le pensiline sono ancora lì

di Mobilita Palermo

Parliamo di decoro e di programmazione delle attività e lasciamo la parola a questo utente che ci ha inviato questo sfogo in privato: Ma possibile che Piazza Verdi c'e' ancora una Pensilina Amat e nessuna la rimuova ? Oltre che il tabellone delle fermate e anche le cabine Enel (che nelle città' civili vengono interrate) . Questo fa' capire le capacita' ed efficienza di questa amministrazione di professoroni cultori della bellezza(????????) e dell'estetismo e della cultura. Davanti al Teatro Massimo di Palermo sembra una bazar, oltre alle solite bancarelle di extracomunitari abusivi ovviamente. Accogliendo lo sfogo, comprensibile, occorre far notare come questo tratto di via Maqueda sia pedonale per gran parte della giornata e destinata a diventarla h24. L'apposizione dei blocchi in cemento ha ulteriormente fortificato questo segmento pedonale, tanto che anche i mezzi pubblici hanno deviato i loro percorsi. Dunque l'osservazione è lecita: nell'anno della "Capitale Italiana della Cultura", davanti il principale simbolo della cultura palermitana, è tollerabile che marciapiedi e strade siano ancora "invase" da strutture vecchie o fatiscenti che cozzano tremendamente con la bellezza della piazza e del teatro? Nello specifico, le pensiline AMAT non servono più a nulla, mentre i venditori abusivi si muovono come le onde del mare sulla battigia, avanti e indietro in base alla posizione dei vigili. Poi vanno registrati quei venditori ambulanti che "asssistono" (diciamo così) piccoli animali, i quali vengono adagiati al di sopra delle panchine e lungo il marciapiede. Chiaramente nulla contro i piccoli amici, ma sicuramente anche questa è una forma di arbitrarietà che nessuno regolamenta o monitora. Siamo già in pieno 2018 e tutto sembra proseguire in perfetto "old style". Vediamo se AMAT o chi di competenza al Comune, ad esempio, saranno in grado di rimuovere il superfluo a breve.. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 6
Proposta
07 mar 2018

Un cordolo per la sosta selvaggia all’incrocio via m. stabile – via p. aragona

di Luca Brandaleone

Buongiorno Comunità, Oggi volevo presentarVi una proposta circa l'incrocio via M. Stabile / Via. P. Aragona, dove purtroppo molti miei concittadini hanno l'abitudine di sostare sulle zebrature orizzontali, riducendo invariabilmente la visibilità delle macchine provenienti da ambo le due strade. Come potete vedere in alto, questa è la situazione attuale che si viene a verificare giornalmente, spesso a causa di coloro che spendono la loro pausa pranzo in bar/ristorantini limitrofi, spesso per la (solita) ineducazione  tutta palermitana. In basso, invece, la Via Porto Salvo, da satellite, dove sono stati installati dei cordoli per evitare (giustamente) la sosta selvaggia che caratterizzava il weekend in quella zona. Da ciò che si evince non solo in foto ma anche passandoci quotidianamente, la proposta qui avanzata ha dato buon esito, annullando o riducendo drasticamente tale fenomeno. Alla luce di ciò, volevo proporVi l'installazione di cordoli che delimitino la zebratura orizzontale - dove ricordo sia vietato sia il transito sia la sosta - perché possa cessare questo fenomeno dilagante e rendere la viabilità un po' meno caotica di quanto già non lo sia in tutta la città. Se qualcuno dovesse avere una controproposta, commenti il post, in modo tale da renderCi parte attiva della Città. Grazie dell'attenzione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 feb 2018

Il mercato ortofrutticolo sporca, dentro e fuori dal recinto

di Giulio Di Chiara

Per una volta non parliamo di tempi di attesa, che sappiamo già essere un problema atavico del nostro sistema di trasporto urbano, ma di decoro e dignità, soprattutto nell'area del mercato ortofrutticolo. Chi ha sbirciato qualche volta l'interno di questo recinto dove ogni giorno centinaia di persone vendono e acquistano generi dell'ortofrutta, si sarà reso conto di uno spazio sporco e disordinato. Da diversi anni si parla di un possibile trasferimento di questo polo commerciale ma ad oggi è rimasta tutta propaganda elettorale. Ciò che fa specie è la sporcizia che improvvisamente spunta anche nei marciapiedi limitrofi, laddove si dovrebbe camminare o attendere l'autobus, come nel caso dello scatto. Un vero schifo, giusto per dare il peso alle parole. Non è la prima volta che segnaliamo il degrado di via Monte Pellegrino, soprattutto nel tratto iniziale e limitrofo al mercato. Chi sporca? Sebbene sia appurato che diversi commercianti abusivi vendano la propria merce al primo spazio utile sulla strada, la prassi dell'immondizia sul marciapiede richiama altra immondizia. Oltre a quella lasciata dall'abusivo si aggiunge quella di residenti e passanti che si sentono autorizzati a incrementare i cumuli come se ci fosse una discarica autorizzata. Il livello dei suppellettili è talmente incredibile che sembra un bazar. Nel caso della foto, anche l'AMAT dovrebbe alzare la voce perchè ne va delle percezione di un servizio deficitario e già ampiamente screditato dai cittadini. Chi è la causa di questo male? Le persone sporche e maleducate, oppure chi dovrebbe porre rimedio con interventi e sanzioni? Sicuramente è un concorso di colpe, ma davvero immaginiamo una città dove ci sia un controllore per ogni cittadino? Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo

Leggi tutto    Commenti 3

Ultimi commenti