22 mag 2020

La passerella pedonale di piazza Marina parzialmente distrutta


Ci hanno segnalato queste foto di Giuseppe G. che ringraziamo per il prezioso contributo.

Era il 1 Agosto 2019 quando veniva pubblicato proprio nel nostro blog il comunicato stampa relativo alla passerella appena realizzata in piazza Marina.

Seppur nel comunicato si parlava di passerella provvisoria ci auguravamo di non tornare a scrivere cosí recentemente su questo argomento.

Invece ci troviamo costretti a dare evidenza pubblica dello stato in cui tale passerella si ritrova.

Dalle foto si notano dei veri e propri buchi nella pedana, sopratutto in corrispondenza dell’incrocio, causati probabilmente da auto che hanno invaso la passerella in fase di manovra o svolta.
Si nota anche la lamiera zincata rivolta verso la strada, elemento molto pericoloso per l’incolumità degli utilizzatori della sede stradale

Sembra che siano stati già effettuati dalla data di consegna tre interventi di manutenzione straordinaria e lo si può notare anche dal diverso colore delle tavole di legno installate, segno che si erano già verificati episodi di danneggiamento.

Riteniamo necessario un intervento del comune che salvaguardi la passerella e la sua importante rilevanza nei confronti del maestoso ficus macrophylla. Un intervento che sia risolutivo e non la solita pezza temporanea.

 


Ficus macrophylla Villa Garibaldificus piazza marinapiazza Marinarestyling ficusrestyling piazza marinavilla garibaldi

15 commenti per “La passerella pedonale di piazza Marina parzialmente distrutta
  • Metropolitano 3907
    22 mag 2020 alle 12:10

    Ohh. Per passerella pedonale avevo inteso quelle sospese. Figuratevi, non le farà neppure sul Viale Regione, figuriamoci se esistono in città nelle strade comuni. Ad ogni modo si deve sistemare perché potrebbe ferire qualcuno.

  • matteo O. 175
    22 mag 2020 alle 12:49

    Ma non si può semplicemente eliminare quei posti auto che si vedono nella foto e trasformarli in marciapiede? e nell’attuale marciapiede estendere invece la villetta e quindi il terreno… evitando di ingabbiare l’albero

    • punteruolorosso 2405
      23 mag 2020 alle 10:29

      si può fare, a costo di mantenere la recinzione. cioè creare un’aiuola al di qua della recinzione, al posto del marciapiede. la recinzione non si può toccare perché è monumentale (disegnata da ernesto basile, se non sbaglio). non occorre levare i posti auto, il ficus non ha bisogno di tutto il marciapiede, solo di quel pezzo dove ora c’è la pedana.

    • Irexia 851
      23 mag 2020 alle 11:23

      punteruolorosso mi ha anticipato, la cancellata è storica sì, e non si può toccare, tra l’altro credo che sul muro, non ricordo se sul lato che guarda lo Steri o su quello opposto, c’ è un segno che indica dove fu ucciso Joe Petrosino.
      Sono d’accordo con punteruolorosso anche nell’ipotesi della soluzione scritta, cioè di togliere soltanto le basole del marciapiede e solo là dove occorre lasciare al Ficus centenario lo spazio necessario per il suo sviluppo.
      C’est plus facile! ;)

  • belfagor 738
    22 mag 2020 alle 17:59

    Abbiamo espresso in quell’occasione le nostre perplessità su tale intervento . Siamo stati criticati e accusati di “aizzare il branco per raccogliere consensi” ( sob!!!!).
    Purtroppo , il tempo ci ha dato ragione ,
    Questa amministrazione non ha ancora capito che tutte le opere hanno bisogno di manutenzione, il caso della passerella di Sferracavallo è un esempio.

    • Orazio 1410
      22 mag 2020 alle 21:28

      Ricordi male. Infatti (solo tu, a meno che il tuo sia stato plurale maiestatis) avevi scritto criticando i tempi lunghi di realizzazione di lavori semplici. Riporto il tuo post di allora:

      ” 13 ago 2019 alle 9:54

      “Si sono conclusi i lavori di sistemazione dell’area di Piazza Marina antistante al Ficus secolare”
      In parole povere hanno recintato il marciapiede e messo una pedana in legno. E per fare questo ci hanno impiegato diversi mesi.

      E qualcuno (non io) ti ha dato quella risposta. Ma sebbene non io l’avrei mai postata ho condiviso la risposta che hai avuto.

      Occorre manutenzione, condivido. Anche quella è semplice da realizzare. Pretendiamola.

      • belfagor 738
        23 mag 2020 alle 7:36

        Caro Orazio, hai correttamente riportato le mie perplessità . Dopo tanto tempo avevano fatto un intervento “provvisorio ” che dopo meno di un anno è “parzialmente distrutto”.
        Soltanto il prof. Barbera ha parlato di “ passerella provvisoria” mentre il sindaco e l’assessore Giambrone non mi sembra abbiano accennato a questo, anzi.
        Nell’ articolo del 13/agosto/2019 si parlava di “ piano di manutenzione periodica” da attuare .
        Tale piano è stato stilato ?
        Quanto tempo dovrà passare per un eventuale intervento definitivo?
        Ho forse chiedere ciò è un modo per “aizzare il branco per raccogliere consensi”
        So bene che anche tu condividi il fatto che in questa città la manutenzione delle opere pubbliche è fondamentale.
        Purtroppo da noi la manutenzione “ non è una priorità : questo caso insieme al caso della passerella di Sferracavallo o del sottopassaggio di via Crispi ne sono un esempio lampante

        • punteruolorosso 2405
          23 mag 2020 alle 10:32

          forse hanno usato la stessa tecnica di sferracavallo. forse la pedana non va bene, è troppo fragile e va sostituita. come dice matteo, sarebbe meglio creare un’aiuola al posto del marciapiede. prima o poi si dovrà fare, perché le radici crescono.

        • Orazio 1410
          23 mag 2020 alle 19:25

          Certo occorre manutenzione perchè senza manutenzione una buca larga quanto un granello diventa una voragine.

          Credo il problema sia legato a queste fallimentari società (RAP, Reset) che hanno imbarcato disoccupati e nullafacenti e che nessuno riesce a far non dico produrre, ma solo lavorare bene..

  • danyel 648
    23 mag 2020 alle 12:24

    Ecco .. tanto per cambiare. Questa povera città è in mano a degli incompetenti: come ce ne possiamo liberare?

    • peppe2994 3448
      23 mag 2020 alle 22:26

      Nessuna incompetenza, solo inciviltà. Una piattaforma leggera e traspirante tutela l’integrità e lo sviluppo dell’apparato radicale. Se gli incivili al volante ci salgono con macchine e furgoni c’è ben poco da fare se non recintare tutto, ma sarebbe esteticamente un disastro, considerato che la recinzione originale della villa non si può toccare.

      • danyel 648
        26 mag 2020 alle 10:52

        Ma dai, inutile … mi spieghi qual è l’utilità di questa pedana … per di più anti-estetica al massimo?

  • moscerino 315
    26 mag 2020 alle 0:26

    Ma visto che alla base di tutto c’è la salvaguardia dei cittadini e del ficus macrophylla, perché non realizzare un progetto di riconformazione del giardino di Piazza Marina e spostando di pari misure confini e marciapiede?

    • punteruolorosso 2405
      26 mag 2020 alle 5:52

      appunto, si può allargare il giardino verso lo steri rinunciando a un pezzo di marciapiede. lla piazza è comunque pedonalizzata. il nuovo marciapiede potrebbe prendere il posto della passerella, mentre dall vecchio marciapiede si potrebbero togliere le basole, realizzando un’ampia aiuola al di qua della cancellata, che rimarrebbe dov’è. l’aiuola non andrebbe recintata, servirebbe solo a consentire lo sviluppo del ficus.
      se poi si vuole fare qualcosa di più coraggioso, si può spostare in avanti la cancellata, fino al limite dell’attuale marciapiede, e fare un nuovo marciapiede dove oggi c’è la passerella. una cosa del genere creerebbe delle asimmetrie nel disegno della villa.
      la cancellata è comunque destinata ad essere abbattuta dal ficus. è solo questione di tempo.


Lascia un Commento