29 feb 2020

AMAT | La linea 234 costretta a cambiare percorso a causa di continui atti di teppismo


Si comunica che la linea 234 in via provvisoria e sperimentale a far data dal 01/03/2020, a causa dei continui atti di teppismo, che si sono verificati frequentemente nel quartiere Medaglie D’oro da parte dei ragazzi, contro i nostri mezzi aziendali in transito, effettuerà il seguente percorso:

PARCHEGGIO ORETO (Capolinea) – carreggiata laterale valle V.le Reg. Siciliana – V. Albiri – a dx V. Troina – a sx V. Dell’Airone – V. dell’Usignolo – V. Villagrazia – a dx per carreggiata lato valle V.le Regione Siciliana – svincolo Brasa – Via E. Basile – a dx V. Lussorio Cau – V. Roccella – a sx V. Marini – a sx V. Crisafulli – a dx V. G.le V. Artale – a dx Via E. Basile – a sx immissione corsia preferenziale contromano altezza via Solarino – uscita corsia e prosecuzione su via E. Basile carreggiata di sx – C.so Tukory – V. Giorgio Arcoleo – a sx V. Salamone Marino – V. Pisacane – a dx V. Marinuzzi – a sx V. Errante – V. Fazello – P.zza G. Cesare – STAZIONE CENTRALE (Capolinea di transito) – C.so Tukory – corsia preferenziale contromano via E. Basile – Via E. Basile – inversione di marcia al varco a monte del parcheggio Basile – a dx V. Solarino – V. Marini – a dx V. Roccella – a dx Reg Siciliana valle – Cavalcavia E. Basile – carreggiata laterale monte V.le Reg. Siciliana fino a Ponte Corleone – Ponte Corleone – immissione nella carreggiata laterale monte V.le Reg. Siciliana – Via V. Moneta – V. dell’Ermellino – carreggiata laterale monte V.le Reg. Siciliana – a sx cavalcavia Perrier – Orsa Minore – a dx V. Oreto – a dx Reg. Siciliana – PARCHEGGIO ORETO (Capolinea


amatamat linea 234amat palermoautobus palermobus palermocomune palermolinea 234teppismoteppismo palermo

6 commenti per “AMAT | La linea 234 costretta a cambiare percorso a causa di continui atti di teppismo
    • peppe2994 3465
      29 feb 2020 alle 23:17

      No. Non è questo il punto.
      Qui come allo Sperone parliamo di bambini, tutti sotto i 14 anni. Bambini che si trovano in contesti familiari difficili. Niente di nuovo, purtroppo.

  • belfagor 758
    01 mar 2020 alle 7:14

    A causa dei continui atti di teppismo, che si sono verificati frequentemente nel quartiere Medaglie d’oro, l’AMAT risolve il problema…. deviando la linea 234.
    Comprendiamo tale decisione drastica dell’azienda ma non è certo la soluzione.
    Ghettizzare ancora di più un intero quartiere con tanti problemi e con scarsa presenza di servizi e di verde pubblico e con la totale assenza di controlli da parte della polizia municipale e dello Stato non è la soluzione.

    In un articolo del QdS. It , del 2013, dal titolo significativo “Benvenuti in zona Medaglie d’oro dove l’abusivismo è ormai di casa” si descrive il quartiere abitato da “ cittadini omertosi e intimoriti, anche per la totale assenza di controlli da parte dei vigili. Anarchia totale:
    “Accanto all’Istituto comprensivo Raffaello Sanzio un pezzo di marciapiede è stato recintato da ignoti, che vi hanno collocato galline ruspanti, anatre e una capretta… si tollera l’imposizione del bulletto di turno ma, ancora peggio, si riscontra la totale assenza delle autorità competenti (in particolare la Polizia municipale), che non fanno nulla per rimettere a posto le cose…..Alcuni passanti e abitanti della zona sono stati richiamati dalla curiosità di sapere perché stavamo scattando le fotografie e qualcuno, timidamente, quasi di nascosto, ha ammesso di non voler esprimere apertamente il proprio dissenso contro i “proprietari” del recinto, persone residenti in zona che hanno fatto intendere di non temere nessuna censura…..tale situazione documenta il solito sfregio perpetrato da alcuni residenti nei confronti di un quartiere, Medaglie d’oro, tra i più trascurati dal punto di vista dei controlli e della pulizia del territorio. Basti pensare alla villa pubblica di via Verdinois, attesa da più di vent’anni e oggi costituita soltanto da qualche albero piantumato qua e là.”.
    L’articolo si conclude con l’amara costatazione che “ quella appena descritta è una cultura sbagliata, quella del silenzio e dell’omertà, che la città non ha alcun bisogno di esportare. E per uscire fuori da tutto ciò serve per prima cosa la vicinanza delle istituzioni, a partire dagli agenti della Polizia municipale, che devono presidiare il territorio facendo sentire i cittadini tutelati.”

    P.S. L’articolo è stato pubblicato nel lontano 2013 . Da meno di un anno era ritornato a Palazzo delle aquile il sindaco Orlando, dopo 12 anni di amministrazione Cammarata.
    Non sappiamo se in questi 7 anni le cose siano cambiate ma temiamo che la situazione è rimasta la stessa.
    COMPLIMENTI!!!!

  • punk87 9
    01 mar 2020 alle 11:04

    C’è molta discrepanza con i commenti. intanto nel quartiere medaglie d’oro è stato descritto come San Filippo Neri non è così, poi c’è il discorso che a Brancaccio Norman rotonda la 212 viene presa di mira dai teppisti picciriddi avvallati dagli adulti avvolte, quindi dovrebbe cambiare percorso e andarci da via cirrincione e ponte giafar e poi e poi proseguire dritto? Ma intanto quando la prendo devo stare attento alle pietre che tirano. Per quando l’abusivismo li è vero tutti abusivi sono le case recintate e x magazzini ma intanto il comune avvalla tutto questo dunque di cosa ci lamentiamo a fare? Il parco verdinois esiste dunque il verde c’è. La soluzione dei vigili visto che al nostro caro sindaco ci interessa futtiri picciuli con la cavolata nella ztl nattorna gli interessa quei varchi li, e la polizia municipale sta li e non sarebbe soluzione anche operchè prenderebbero legnate questa b gentaglia, ci vorrebbe la volante bo militari ha presidiare giorno e notte quel punto li, e poi dovrebbero stradicare alla radice quei abusivi che fanno ciò che gli pare e piace, ma al comune non gli interessa fare tutto questo, quindi siamo sempre al punto di prima. Per quanto la 234 io nemmeno più a Falsomiele la farei rientrare e fare il percorso dritto da l parcheggio oreto sino al ponte, perchè anche li onestamente.

  • Irexia 875
    01 mar 2020 alle 22:53

    Chi c’ha perso sono i cittadini della zona. Sarebbe il caso che si instaurasse un dialogo tra popolazione e Amministrazione attraverso la Circoscrizione, bisognerebbe cominciare un percorso per la legalità, o almeno, provarci…

  • punteruolorosso 2431
    02 mar 2020 alle 9:15

    la zona è vicina all’università, ai potenziali parchi d’orleans e oreto e alla futura linea tram che porta alla stazione. quindi le idee per la zona non mancano, vanno solo realizzate. la cancellata del parco d’orleans è una sciocchezza, lo divide dal resto della città, dal parcheggio basile e dall’università, dalla quale non esiste neanche un accesso. una volta bonificato il parco, abbatterei la cancellata e ne farei un tutt’uno con viale delle scienze e con il parcheggio basile. e invece no. si continuano a fare delle cose scollegate l’una dall’altra, perché ognuna di queste cose dev’essere protetta dall’altra, voltare le spalle all’altra. un tipico esempio sono palermo e il suo mare. due città diverse, quella al di là della recinzione del porto e quella di via crispi. l’unico modo per far risollevare medaglie d’oro è unirla al suo contesto urbano e naturalistico. distruggere il ghetto è facile, basta fare il tram, creare percorsi pedonali verso le fermate, i parchi e l’università, fare una pista ciclabile da medaglie d’oro alla stazione. costo: 50 milioni di euro.


Lascia un Commento