22 apr 2019

Raddoppio ferroviario Cefalù Ogliastrillo – Castelbuono: visita tecnica in cantiere


Giovedi 18 Aprile si è tenuta una visita tecnica, al cantiere per la realizzazione della Finestra di Sant’Ambrogio, nell’ambito del raddoppio ferroviario Cefalù Ogliastrillo – Castelbuono, linea Palermo – Messina.

Hanno partecipato al sopralluogo il Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Gianfranco Miccichè, l’Assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, l’AD di Toto Costruzioni Alfonso Toto e l’AD e DG di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) Maurizio Gentile.

I lavori iniziati nel 2016 sono stati interrotti, a detta dell’AD di Toto Costruzioni, a causa di alcune posizioni contrastanti sul progetto.

A seguito quindi di numerosi riunioni tenute a Roma, si sono apportate delle modifiche che hanno finalmente dato il via libera al proseguimento dei lavori.


Ringraziamo Saro per le foto:


Il cantiere

La Finestra, lunga circa 750 metri, servirà sia per aprire due fronti di scavo della galleria Sant’Ambrogio, lunga 4,15 km, sia per garantire in fase di esercizio un’uscita di sicurezza dalla galleria ferroviaria.

Tale galleria è parte integrante degli interventi per il nuovo tracciato, circa 13 km, che è interamente in variante rispetto alla linea storica e prevede la realizzazione di altre due gallerie: Cefalù (6,87 km) e Malpertugio (180 m).

L’intera opera, per un investimento complessivo di circa 500 milioni di euro, è il proseguimento del raddoppio già in esercizio fra Cefalù Ogliastrillo e Fiumetorto e consentirà di migliorare le performance della linea Palermo – Messina con un incremento della capacità di traffico e, quindi, della regolarità e puntualità del servizio di trasporto. Sarà più semplice collegare, così, le località a vocazione turistica della costa nord della Sicilia con la città di Palermo e l’aeroporto di Punta Raisi. Tra i lavori in programma anche la soppressione di sette passaggi a livello, a beneficio di un traffico automobilistico più scorrevole senza le interferenze costituite dagli incroci strada/ferrovia.

Il completamento dei lavori è previsto nel 2023.


a19anas spaantomar spaarea industriale termini imereseassessorato trasporti regione siciliacampofelice di roccellacefalù 20 scarlcomitato mobilita palermocomune cefalùcomune di campofelicecomune di lascaricomune termini imereseferroviaferrovie dello statoitaltunnel spalascarimobilita sicilianuove infrastrutture sicilianuove opere palermopizzarotti spaprovincia di palermoraddoppio ferroviario pa-meraddoppio fiumetorto ogliastrillorfirfi spastazione

4 commenti per “Raddoppio ferroviario Cefalù Ogliastrillo – Castelbuono: visita tecnica in cantiere
  • Metropolitano 3681
    23 apr 2019 alle 0:46

    …cioè per la nuova galleria sotto viale Delle Alpi scavata con la talpa manca ancora l’armamento tecnologico. RFI deve fare un altro appalto per mettere il binario e le catenarie li dentro ?
    E comunque 2023 per la fine dei lavori è un ritardo allucinante per il raddoppio Cefalù-Castelbuono, infatti inizialmente era previsto per il 2013. poi rinvii su rinvii. Ci vorrebbe un decreto “sbloccacantieri” che vieta le azioni legali o l’ostruzionismo (non le proteste in se, protestare è un diritto) per quanto concerne un’opera pubblica, sia da parte di singoli cittadini che da parte delle istituzioni. A Cefalù è finita come per Viale Delle Alpi per quanto riguarda il passante ferroviario di Palermo. Uno schifo totale !! Poi in Viale Delle Alpi non hanno più realizzato la fermata Lazio della metro A. Spero non succederà la stessa cosa con la nuova fermata di Cefalù.

  • peppe2994 3380
    23 apr 2019 alle 10:05

    Progetto bellissimo e fondamentale. A parte il grande beneficio del collegamento aeroportuale diretto, anche la profonda riqualificazione della stazione di Cefalù, che vedrà liberarsi tanto spazio da adibire a giardino, costituisce una grandissima occasione di crescita. Nonché la sua posizione, che resterà a due passi sia dal mare che dal centro storico favorendo al massimo i flussi turistici.

    E’ vero, al solito sono serviti tempi eterni, ma questa volta ci siamo. Io passo spesso di lì e dopo anni di sconforto nel vedere la finestra Carbone ed il torrente Malpertugio disboscati e sventrati in attesa della burocrazia, è stato un piacere constatare, ieri, come abbiano già dispiegato una moltitudine di mezzi.

    Consoliamoci prendendo atto che la ditta è la Toto costruzioni, cioè non il primo che passa e puntualmente fallisce, ma dei professionisti al livello mondiale. Giusto per capirci, quelli del viadotto Ritiro a Messina, della variante dell’A1, del terzo valico e delle commesse in tutto il mondo.
    Ci sono ottime possibilità che l’opera venga realizzata senza intoppi.

    E poi, l’attuale assessore alle infrastrutture,Marco Falcone, sta sbloccando più cantieri lui, di tutti i suoi predecessori messi insieme.

  • Metropolitano 3681
    25 apr 2019 alle 13:28

    Dici ? Per il momento è preferibile sospendere le proprie illusioni. Riprenderemo ad illuderci non appena vedremo almeno operai all’opera, dal vivo o con delle fotografie. Soprattutto per quanto riguarda le opere ancora oggi incomplete.


Lascia un Commento