15 ott 2018

Corso Tukory | Corsia preferenziale o parcheggio ricreativo?


Palermo – Corso Tukory è fra le strade che certamente rappresentano l’icona del traffico automobilistico palermitano: la doppia fila. E alzi la mano chi non è mai transitato da qui “ammirando” la sosta selvaggia lungo la corsia preferenziale.

Sappiamo con certezza che verrà ripristinato il cordolo nel tratto fra l’ingresso al mercato Ballarò e Porta S.Agata., proprio per salvaguardare le corse dei bus. Ma a nessuno in via Dogali è mai venuto in mente che le auto in sosta (quasi sempre le stesse), possano appartenere a qualche commerciante? Di conseguenza c’è la piena consapevolezza dell’impunità  nel violare sistematicamente il C.d.s.

Constatiamo inoltre che da dieci anni che lamentiamo e documentiamo questi fatti, nessuno ha mai saputo risolvere il problema.

 

 

 

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Foto scattate da un autobus di Amat


amatcomando via dogaliCORSO TUKORYSegnalatisosta selvaggia palermoVIGILI URBANI PALERMO

9 commenti per “Corso Tukory | Corsia preferenziale o parcheggio ricreativo?
  • filotramviaria 235
    15 ott 2018 alle 10:16

    Fra S.Antonino e Ballaro’ NON COMANDA IL SINDACO, non comanda la Legge, comanda la mafia dei commercianti ai quali tutti ubbidiscono.Quindi E’ INUTILE SCRIVERE ARTICOLI perche’ la situazione non cambiera’ MAI perche’ NON DEVE CAMBIARE.

    • pierfra63 21
      15 ott 2018 alle 11:13

      Assolutamente d’accordo! Anarchia più totale dentro e attorno al mercato. La doppia fila sistematica, la zona rimozione e il divieto di sosta che nessuno rispetta, la corsia preferenziale dall’inizio della via fino al mercato sempre invasa, automobili parcheggiate a canis penis e vendita di tutto da un po’ di tempo anche su Corso Tukory senza ritegno! Controlli zero, quindi che andiamo cercando?

    • fabio77 761
      16 ott 2018 alle 9:09

      Il tram non risolverà un bel niente, se la gente continuerà ad essere prepotente e maleducata ed il comune e le forze dell’ordine non prenderanno seri provvedimenti repressivi.

      • unaltronicola 98
        17 ott 2018 alle 7:32

        Risolverà proprio nel senso di prendere seri provvedimenti repressivi. Col tram fermo ad aspettare i porci comodi dell’automobilista la rimozione sarà giocoforza.
        Naturalmente per le prime settimane ci saranno sempre degli “eroi” che posteggeranno comunque, ma tenendo un carro attrezzi sempre pronto e magari una pattuglia della polizia si toglieranno il vizio.
        Naturalmente mettere le barriere sarebbe la miglior cosa.

  • belfagor 516
    16 ott 2018 alle 6:40

    Purtroppo Corso Tukory non è solo una delle “ icone” dei problemi del traffico automobilistico palermitano
    La doppia fila lungo la corsia preferenziale è uno dei tanti problemi di tale importante arteria..
    Su questa via sorge da anni il “pittoresco”. mercatino “dell’illegalità”. Tra le vie dell’Albergheria e anche davanti al museo Gemmellaro, ogni giorno decine di ambulanti collocano la propria merce, spesso frutto di ricettazione, come i vari blitz delle forze dell’ordine hanno più volte dimostrato.
    Tempo fa il Comune cerco di “regolarizzarlo” ma senza grandi risultati.
    Ma c’è anche la situazione della Villetta “Gianfranco Vitocolonna”. Come riportato da un articolo su “ LIVE SICILIA” la villetta è ormai diventata non solo una discarica ma anche un dormitorio. Le aiuole sono diventati ricettacolo di divani, coperte, piumoni, e …tanta immondizia.. E della targa in marmo dedicata al prefetto Gianfranco Vitocolonna, collocata sulla lapide due anni fa, non c’è più traccia: forse è in vendita nel vicino “mercatino”. Inoltre ci sono dei tubi d’amianto che,nonostante le segnalazioni dei cittadini, rimangono tranquillamente a loro posto: Come sostiene un residente : “Percorrere la villetta è rischioso per la propria salute: l’aria è diventata irrespirabile perché viene utilizzata come bagno pubblico, i cassonetti sono strapieni perché utilizzati dagli ambulanti del mercatino e anche fare passeggiare il cane è diventato impossibile”.
    Lo scorso anno la cura della villetta era stata affidata ai privati, con risultati modesti, ma da quando è tornata al Comune la situazione è peggiorata e la villetta è di nuovo tornata a essere “terra di nessuno” .
    In questa situazione credo che “l’impunità al codice della strada” sia l’ultimo problema di Corso Tukory.


Lascia un Commento

Ultimi commenti