26 lug 2018

Passante Ferroviario | Iniziati i lavori di scavo della fossa d’estrazione della TBM “Marisol”


A pochi metri dallo svincolo di Via Belgio, si sta provvedendo a scavare la fossa d’estrazione della TBM “Marisol”

La talpa che sta scavando la galleria tra la stazione di Notarbartolo e la fermata De Gasperi – Belgio, sarà occupata ancora per qualche settimana.

Al momento si trova a pochi metri dalla sua collocazione finale e cioè dalla fossa d’estrazione che la riporterà all’aria aperta, dopo aver scavato nel sottosuolo per oltre 2km.

La fossa al momento viene scavata con l’ausilio di due scavatori e la terra caricata su un cassone mobile che svuota la terra sui vari camion.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In superficie si sta preparando un cordolo su cui verrà collocata la gru a cavalletto che permetterà di tirare fuori dalla fossa i vari pezzi del macchinario che verrà disassemblato

21lug18belgiofossa

L’utilizzazione della gru a cavalletto richiede anche una cabina elettrica appositamente collocata per permettere di ricevere la grande quantità di energia necessaria al suo funzionamento.

24lug18belgiocabina

Ringraziamo giovanni75 per gli scatti

Sicuramente il completamento di questi lavori avverrà entro fine estate e si spera di potervi trasmettere in un evento l’arrivo e l’estrazione del grosso macchinario.

Come sempre, vi terremo aggiornati anche sulla riapertura al traffico commerciale della linea per Punta Raisi.

Si attende comunicato ufficiale da parte di Trenitalia e pertanto le date che ad oggi circolano sul web sono semplicemente ipotesi non confermate.


bucade gasperifossa d'estrazionemarisolmobilita palermopassante ferroviarioPASSANTE FERROVIARIO DI PALERMOraddoppio ferroviario palermo punta raisiscavoSegnalatitbm marisoltbm palermotreno aeroportotreno falcone borsellinotreno palermotreno palermo aeroportotreno punta raisitunnelvia belgiovia monti iblei

14 commenti per “Passante Ferroviario | Iniziati i lavori di scavo della fossa d’estrazione della TBM “Marisol”
  • pittonic 51
    26 lug 2018 alle 8:58

    è possibile ipotizzare che la linea per l’aereoporto (a singolo binario sigh) verrà aperta a estrazione della Talpa avvenuta?

    • filotramviaria 195
      26 lug 2018 alle 9:09

      Nei giorni scorsi si e’ letto e si e’ anche sentito parlare un Ingegnere delle ferrovie, che dal 9 agosto torneranno i treni sul passante per fare le prove tecniche; Se tutto andra’ bene, si e’ letto sempre ,che dal 10 settembre verra’ riattivato il servizio sull’intero passante Roccella – Punta Raisi.
      Oggi sto leggendo che sono tutte fesserie: per cui aspettiamo e vediamo che succede.Questa storia e’ diventata una gran pagliacciata.

      • bottarisali 113
        26 lug 2018 alle 10:47

        Amunì, non ti agitare! Hanno cominciato i lavori nel 2008.
        20-30 anni di tempo per fare le cose glieli devi dare!

    • Salvo 10
      26 lug 2018 alle 12:45

      In base a recenti informazioni, l’attuale intervento della “talpa” riguarda esclusivamente la seconda linea.
      La linea, per la quale è stata anticipata la percorrenza dal prossimo 9 agosto, in atto è completa ed usufruibile dalla Stazione Notarbartolo all’ Aeroporto; essendo attualmente in funzione la linea Stazione Centrale-Stazione Notarbarolo si può quindi affermare che si può andare dalla Stazione Centrale all’Aeroporto (e viceversa) soltanto su un unico binario. Ipotizzo inoltre che, non essendo tuttora pronte e definite le Stazioni intermedie (Belgio, Francia,,etc) rimarranno usufruibili soltanto le Stazioni attualmente attive.

  • rasputin 159
    26 lug 2018 alle 10:14

    La talpa (TBM) ha finito di scavare la nuova galleria sotto quella preesistente e sta continuando in parallelo a questa, ma su livelli diversi fino a giungere alla fossa d’estrazione che si può vedere nella prima foto sotto il titolo dell’articolo. La tratta per l’aeroporto potrebbe fin da ora partire ma come si è già detto da parte delle Ferrovie si devono fare le prove tecniche per poi attivare il servizio passeggeri.

  • rasputin 159
    26 lug 2018 alle 10:22

    Comunque a singolo binario sarà da Palermo C.le a San Lorenzo, da qui a Punta Raisi è tutto a doppio binario.

  • sicciaroto 37
    26 lug 2018 alle 11:34

    Finché non si risolverà il problema di vicolo Bernava , il passante ferroviario resterà sempre un’opera incompiuta
    A proposito, ci sono novità su questo tema ?
    Quanto tempo , ancora, ci vorrà per ultimare gli espropri e , quindi, ricominciare i lavori su questa tratta ?

    • huge 2202
      26 lug 2018 alle 21:57

      Il problema purtroppo non sono gli espropri, ormai completi da un po’ di mesi, ma il fatto che i lavori di completamento della galleria sono stati stralciati dall’appalto corrente (a causa del contenzioso tra SiS e RFI) e dovranno essere riappaltati in futuro. Solo le demolizioni dovrebbero essere rimaste parte dei lavori in corso.

      • Metropolitano 3324
        01 ago 2018 alle 14:05

        Pazzesco. Il segmente piu trafficato dell’intera linea ancora a singolo binario !
        Come se la canta il governo gialloverde su questa problematica del completamento dell’opera sapendo che il ministro Toninelli vuol potenziare i trasporti regionali ?

  • maikko 107
    31 lug 2018 alle 15:21

    Scusate l’ignoranza estrema, chiedo venia in anticipo… ma quali sono le fermate del passante che non vedranno mai la luce?

    • filotramviaria 195
      31 lug 2018 alle 23:02

      Al momento non apriranno IMERA-PAPIRETO per i fatti di via Bernava; via LAZIO, a quanto si dice neppure iniziata; poi CAPACI e’ incompleta e quindi inutilizzabile.Per le altre non ci dovrebbero essere problemi.Comunque speriamo che davvero il 9 agosto inizino le prove e a settembre ,un mese dopo, riprenda il servizio passeggeri per Punta Raisi e Terrasini. Se poi manca qualche stazione pazientiamo…………
      Ovviamente rimangono fantascienza le stazioni PORTO e POLITEAMA del prolungamento Giakeri – Politeama,perche’ parlare di “chiusura dell’anello” e’ ormai barzelletta.

  • Metropolitano 3324
    01 ago 2018 alle 17:58

    Non potrebbero banalizzare la circolazione fino a Notarbartolo, invece di San Lorenzo, una volta finiti gli scavi con la TBM ?

  • Metropolitano 3324
    02 ago 2018 alle 13:22

    Voglio dire rendere incondizionata la circolazione di numerosi treni su un senso per ogni binario senza variazioni FINO A NOTARBARTOLO, una cosa semplice. Se abbiamo due binari, con la banalizzzazione diamo per scontata la circolazione in un senso sempre sul binario pari e nel senso opposto sempre sul binario dispari (e mai il contrario) invece di precedenze e doppi sensi su un singolo binario, con complicazioni evidenti. Il doppio binario arriva eccome a Notarbartolo, malgrado si vuol attivare tutto il raddoppio per ora incompleto. Invece RFI vorrebbe banalizzare la circolazione solo fino a San Lorenzo. Ergo probabilmente nonostante il doppio binario da San Lorenzo Colli a Notarbartolo, in questa tratta si continuerà a circolare a binario unico con conseguenti incroci e precedenze. Invece sarebbe meglio da Notarbartolo a Punta Raisi, in attesa che completino l’intero raddoppio.


Lascia un Commento