20 giu 2018

AMAT | Autobus a fuoco, fortunatamente nessuna conseguenza


A fuoco un autobus a gasolio nella zona di Borgo Novo, intorno alle ore 14 di ieri, le fiamme si sono propagate nella parte posteriore, dove è alloggiato il motore.

Il bus era fermo a capolinea, durante il cambio dell’autista, dove improvvisamente si è scaturito l’incendio che grazie al tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco hanno domato l’incendio, sul posto sono arrivate due squadre dei VVF con APS (Auto Pompa Serbatoio) e due autocisterne d’acqua ABP (Auto Botte Pompa) da 8 e 14 mila litri.

Sono ancora in corso le indagini per accettarne le cause.

Prima che inizino i primi paragoni con le vicende di Roma e Milano, sottolineiamo che questo è stato un episodio sporadico.

I mezzi Amat sono “anziani”, ma vengono curati con molta attenzione da parte del personale AMAT presente nelle officine, che con le poche risorse a disposizione fa i miracoli.

L’Amat ha già fatto in modo di comprare nuovi mezzi, entro l’anno ne arriveranno più di 80 che andranno proprio a rimpiazzare il parco auto.


a fuocoamatautobusautobus a fuoco palermoautobus urbanobus urbanocapolineafermatafermatefiammefuocomobilita palermoSegnalativigili del fuoco

Articolo successivo

4 commenti per “AMAT | Autobus a fuoco, fortunatamente nessuna conseguenza
  • filotramviaria 236
    20 giu 2018 alle 8:40

    Sono convinto anch’io che sia un caso sporadico: ricordo infatti che dal 1966 (inizio dell’AMAT) fino ad ora non mi pare sia mai accaduto un fatto del genere.In qualita’ di studioso e ricercatore dei trasporti,dai documenti risulta che ai tempi della S.A.I.A. si incendio’ un autobus linea 12 nel 1952 e un altro linea 25 barrata verso il 1960,anche in quelle occasioni nessun danno ai passeggeri. Molto prima invece nel 1931 un tram della S.S.I.E. linea 8 ,prese fuoco in corso Calatafimi e purtroppo ci furono 8 morti e numerosi ustionati: in quel caso la colpa fu di un passeggero che portava 8 contenitori di pellicole cinematografiche e un bidone di acetone. I tram di quell’epoca erano a cassa in legno.
    Non c’e’ nessun paragone da fare con Roma,dove ogni giorno un autobus prende fuoco ,e per me si tratta di evidente sabotaggio non so da parte di chi e a che scopo.

    • unaltronicola 98
      20 giu 2018 alle 12:46

      Beh dai, il sabotaggio è sempre possibile ma non mi sembra così evidente. Può sempre capitare un errore o un insieme di casi sfavorevoli per cui il veicolo finisca col prendere fuoco, anche se si fanno i controlli.
      In ogni caso la situazione di Roma è una roba diversa.

  • lumilit 46
    20 giu 2018 alle 12:35

    L’incendio del tram della linea 8 a cui fa riferimento avvenne il 20 settembre 1945, non prima del 1931

  • SERPICO 11
    21 giu 2018 alle 18:48

    Ma si, sicuramente si tratta di un caso isolato.E’ vero che nel parco mezzi dell’AMAT ci sono autobus ormai vecchiotti ma sono una piccola minoranza.L’azienda in questi mesi ha rimodernato i propri mezzi con autobus nuovi e moderni e come afferma Fabio Nicolosi ne arriveranno altri 80. Il caldo afoso non e’ ancora arrivato ma sicuramente avranno influito molto anche le temperature non proprio fresche di questi giorni, soprattutto la mattina.Comunque, un altro rottame ce lo siamo tolti dalle scatole.Per fortuna che era parcheggiato senza passeggeri all’interno.


Lascia un Commento