09 mag 2018

TRAM | Il nuovo percorso della linea Stazione centrale – Stadio con la pedonalizzazione di via Roma


Vi abbiamo annunciato il vincitore del concorso internazionale del sistema tram di Palermo.

Le linee che interesseranno la nostra città consentiranno di unire le linee esistenti con il centro città.

In questo articolo vi descriviamo la linea che collegherà la Stazione Centrale con lo Stadio.

Questa linea sarà il prolungamento della linea uno, uscendo dal capolinea attuale, proseguendo per via Roma a doppio binario fino in via Cavour. Da qui in poi la linea si sdoppierà. Il binario direzione stadio proseguirà per la cosiddetta via Roma Nuova, arrivando in fondo alla via Marchese di Roccaforte, passando per piazza Leoni e via del Fante, raggiungendo la piazza Alcide de Gasperi. Da questa piazza, il binario farà il giro completo della rotonda, per consentire l’inversione di marcia, proseguendo dritto per viale Croce Rossa, via Libertà, via Ruggero Settimo, via Cavour e ritornando su via Roma a doppio binario.

Quali sono le novità di questa tratta?

Anzitutto la pedonalizzazione di via Roma, che consentirà la creazione di ampi marciapiedi e di godere di un viale alberato. In secondo luogo vedremo una vera e propria pista ciclabile bidirezionale su via Libertà e finalmente si pedonalizzerà anche via Ruggero Settimo.

Come sarà questa linea?

La linea in questione sarà assolutamente free, cioè senza barriere e senza catenaria, per una questione puramente estetica. Vi starete chiedendo: “Ma allora le linee esistenti saranno incompatibili con quelle nuove?” Assolutamente negativo. Le vetture utilizzate sono di tipo bimodale, cioè con batteria e con pantografo, così da essere utilizzabili in qualsiasi tracciato.

E infine una panoramica sulle fermate della linea:

tram

Per completezza di informazione, va precisato che questa non è la progettazione definitiva. Il progetto infatti potrà subire delle modifiche a seguito delle attività di analisi da parte dello studio incaricato.

Nei prossimi articoli vi mostreremo il dettaglio delle altre linee. Rimanete sintonizzati.


Ti potrebbe interessare anche:


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:  Sito internet: http://palermo.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA  Instagram: https://www.instagram.com/mobilita.palermo/  Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


#vogliamoiltramamatamat palermobombardiercommissione giudicatrice tram palermocomune di palermoconcorrimilinea stazione stadiolinea tram 5mobilita palermonuove linee tramorari trampatto per palermopedonalizzazionepercorsi trampiattaforma dibattito tramrete tranviaria palermoSegnalatiStadioTramtram palermovia cavourvia libertàvia romavia ruggero settimo

Articolo successivo

78 commenti per “TRAM | Il nuovo percorso della linea Stazione centrale – Stadio con la pedonalizzazione di via Roma

Comment navigation

  • Normanno 343
    11 mag 2018 alle 10:01

    Riguardo catania io rilevo due differenze a) il debito di catania supera il miliardo di lire quello di Palermo è di circa 350 milioni (il triplo), si terrorizza l’opinione pubblica per un debito maturato di 10 milioni, ma Palermo come debito procapite è la grande città (più di 500 mila abitanti) meno indebitata d’italia b) Palermo è nata capitale mondiale con gli arabi,i normanni e gli svevi di Federico II (1100-1300); Palermo è stata e sarà sempre una capitale nonostante i mafiosi , i panormosauri e quelli che al posto del tram vogliono mettere gli autobus elettrici,Catania è nata un paese ed è diventata un grande paese, ma resterà sempre e solo un paese di dimensioni variabili.Riguardo il tram il progetto è meraviglioso ho dei dubbi solo se lo faranno veramente cosi (anche per motivi economici) o resterò deluso dalla realizzazione e inoltre tra quanti anni potrò andare in tram al centro a godermi il centro storico di Palermo

    • Orazio 964
      11 mag 2018 alle 14:38

      Qui hai sparato fesserie enormi, a parte i dati del debito che credo siano veri. Quasi quasi rimpiango quello del derby.

      • Normanno 343
        11 mag 2018 alle 15:43

        Forse sei tu che non conosci bene la storia di palermo e della sicilia.Palermo ha un patrimonio artistico notevole perchè è sempre stata capitale,con molti palazzi nobiliari nel centro storico perchè è una città nobile:Quello che è mancato a Palermo è stato il passaggio da nobiltà a borghesia imprenditoriale.Con l’eccezione di Florio, che comunque non era palermitano, non abbiamo avuto una classe borghese imprenditoriale che prendesse il posto della nobiltà palermitana e che si confrontasse con il mercato con le regole del libero mercato.Certamente il binomio intimo mafia-regione sicilia hanno nel periodo 1950-1993 fortemente limitato lo sviluppo di imprenditori palermitani che investissero a palermo ma era anche più comodo lavorare con i soldi sicuri dell’europa che con i soldi incerti del mercato.Anche oggi se qualcuno mi chiede di dire un imprenditore palermitano io non so rispondere perche anche i commercianti (non grandi imprenditori industriali) come migliore o spadafora hanno chiuso.Per questo abbiamo zamparini friulano come presidente del palermo,perchè se fosse un imprenditore palermitano, il palermo sarebbe ancora in lega pro.Catania da questo punto di vista è sempre stata più avanti di Palermo.Un città meno nobile meno capitale ma con una borghesia plebea e imprenditoriale abbastanza sviluppata tanto che una volta la chiamavano la milano del sud

        • Orazio 964
          11 mag 2018 alle 18:23

          Conosco entrambe le realtà come le mie tasche, e non solo quelle due.

          Mi riferivo alla definizione di “paese” in contrapposizione a “capitale” mentre sarebbe stato corretto parlare di “città” in contrapposizione a “capitale” o anche (se considerato l’hinterland annesso direttamente a Catania) “metropoli” in contrapposizione a “capitale”.

          • Normanno 343
            11 mag 2018 alle 19:54

            Io comunque non facevo riferimento alle dimensioni (numero di case o numero di abitanti) perchè allora è chiaro che Catania è una città medio grande e non un paese ,facevo riferimento alla struttura urbanistica prendendo a riferimento le capitali europee,con centri storici pedonalizzati e con ampi viali esterni che diano il senso della grandezza della città tanto per intenderci la nostra via libertà,la via Roma,via Amari,via marchese di villabianca eccetera. A catania, in cui ho vissuto per due anni per motivi di lavoro all’inizio degli anni novanta, non ricordo nè un ampio centro storico pedonale nè ampie strade alberate dove camminare, ma tante strade o stradine interconnesse con rari sensi di apertura.Poi questo non vuol dire che a Catania si viva male e,, come ho sottolineato in altre cose importanti (imprenditoria) Catania è sempre stata avanti a Palermo, non è un caso che i traffici aerei per Palermo siano soprattutto turistici o istituzionali, e a Catania ci sia anche una componente affari rilevante.Concludo dicendo che per me Palermo è l’unica citta del sud Napoli compresa, che se non ci fossero i panormosauri,se si facesse tutto quello che previsto per i trasporti e per le pedonalizzazioni potrebbe diventare una città europea, certo non una metropoli, come Bordeaux o Lione per dire due nomi .

        • friz 1129
          11 mag 2018 alle 18:31

          ….a Palermo è mancata una classe politica all’altezza della sua Grande Storia…. Perchè fino all’inizio del 1900 nascevano a Palermo piazze stupende, teatri stupendi, opere pubbliche di un certo livello ed invece al giorno d’oggi si fanno cose banali tipo la pedonalizzazione di Piazza Borsa? Perchè nei secoli passati a Palermo nascevano parchi bellissimi e al giorno d’oggi il comune sembra incapace di produrre parchi di un certo livello? Perchè altre città in giro per il Mondo fanno opere pubbliche straordinarie e noi nella Palermo di orlando sembriamo incapaci di creare la Grande Bellezza? Come siamo finiti in questo Medioevo?
          ….a mio avviso abbiamo la colpa di aver eletto gente non all’altezza… gente che vola basso…
          …..anche nel Pessimo e deludente periodo Fascista fu fatto molto di più per Palermo di quanto fatto nella Palermo di orlando… almeno in quel periodo furono realizzati i tempietti della musica, il tribunale, il palazzo delle poste… insomma, anche durante una pessima dittatura, fu fatto qualcosa di buono… ma con orlando….beh….lasciamo perdere… chiunque è sincero con se stesso non può che darmi ragione…

          • francescovozza 138
            14 mag 2018 alle 10:19

            Periodo fascista?
            Ah..ora ho capito…era una battuta, senza ombra di dubbio!

          • punteruolorosso 1910
            15 mag 2018 alle 11:08

            amico friz, nel periodo fascista volevano radere al suolo l’orto botanico e piazza marina per farci la via del porto larga 36 metri. bella, no? e anche ballarò doveva essere trasformato in un grande stradone. la cala doveva diventare quadrata, con un ponte per il nuovo porto…
            ma nel ’39 è iniziata la guerra e non se ne fece piè niente.
            o tu sei come miss italia che vorrebbe tornare a vivere nel ’42?
            miss italia ama gli sventramenti, si sa.

        • Orazio 964
          12 mag 2018 alle 8:29

          Preciso invece che Catania ha un impianto urbanistico da grande citta’, basato sugli assi disposti a “zeta rovescia” voluti dai progettisti della ricostruzione post-terremoto del 1697 (vie Garibaldi e V. Emanuele, via Etnea, via Umberto e che Catania ha alcuni assi di attraversamento nord sud (via Etnea e viale Vittorio Veneto + via Liberta’) ed est – ovest (i viali) e questo non parlando di tangenziale e della relativa ciabilita’ di collegamento che e’ molto efficiente..
          Quanto alle pedonalizzazioni Catania e’ partita prima ma e’ molto indietro rispetto a Palermo.

          • Orazio 964
            12 mag 2018 alle 8:32

            Era una risposta a Normanno.

  • friz 1129
    11 mag 2018 alle 10:48

    Dahfu…. Buongiorno… ti ho scritto miliardi di volte che non ho mai votato per Cammarata e mai nella vita ci voterei perchè ha fatto una marea di stronzate…. però te lo ripeto…. mi limito a dire che Cammarata non ha fatto solo stronzate, ha fatto anche tante cosa utili e avrebbe voluto realizzare la metropolitana poi bloccata dal tuo orlando… detto questo, pur non essendo un fan di Cammarata, dico che è stato molto più utile per Palermo di quanto lo sia stato il sindaco Orlando, ed abbastanza evidente… infatti purtroppo Orlando si è rivelato alla lunga un pessimo sindaco… dico “purtroppo” perchè vivo a Palermo… dopo se ci vogliamo raccontare le favole e dire che Orlando sta facendo bene…. allora possiamo pure dire che anche la Raggi sta facendo cose straordinarie a Roma… e che in fondo Adolf Hitler era una bravo ragazzo….
    P.S. ….ad ogni modo…. contento tu… scusa l’ironia… :)
    P.S.2 ….lo so che anche tu ami Palermo, e la cosa ti fa onore…. ma il problema è che tu ti accontenti delle briciole… ed è sbagliato…. ripeto per l’ennesima volta…. Palermo merita molto, molto, molto di più di sta gente! ….gente che è solo capace di abbassare continuamente l’asticella….

  • Orazio 964
    12 mag 2018 alle 19:17

    Personalmente ho impiegato un po’ di tempo a studiare le foto progettuali ed ho desunto che quello proposto è un piano organico che parte dalla realizzazione delle tramvie ma che con l’occasione rigenera il tessuto urbano su cui incide.

    Ad esempio ho visto che c’è un’idea progettuale che mira a dissolvere il bubbone di piazzale Einstein nel contempo aumentando la fruibilità di verde pubblico ben oltre l’attuale parco Uditore.

    La mia proposta è di finirla con le sterili polemiche tram-si-tram-no, poiché una società che continua a mettere in discussione scelte già fatte non cresce e non migliora e di mobilitarci tutti in modo costante e permanente affinchè le opere vengano realizzate presto e nel migliore dei modi, cioè con un occhio costantemente rivolto alla bellezza ed alla vivibilità a misura umana.

    Già stiamo scontando tutti sulla nostra pelle i capricci di qualche centinaio di mal qualificati soggetti che hanno costretto ad interrare il passante anche dove non ce ne sarebbe stato bisogno. Se gli stressi, che vivono poi in dei dormitori, avessero dedicato maggiore attenzione alla vivibilità di quei luoghi a quest’ora avremmo avuto un passante funzionante a due binari e magari loro in cambio avrebbero rigenerato gli orribili posti in cui vivono.

    • punteruolorosso 1910
      13 mag 2018 alle 10:13

      chi si oppone a questo progetto è un nemico della città. quelli che lo vorrebbero fare fallire sono dei falliti essi stessi.

  • Normanno 343
    13 mag 2018 alle 12:05

    La cose importanti per le tre nuove linee del tram sono due :1) Fare esattamente quello che compare nel rendering e nel progetto anche dal punto di vista estetico ( altrimenti ci hanno illuso) 2) Fare il prima possibilmente, tenendo conto tutte le problematiche connesse.A tal riguardo i fattori che incidono sui tempi di effettiva realizzazione sono molteplici purtroppo, ma io vorrei fare una riflessione su due di essi; Le tre linee partono tutte insieme dal punto di vista della progettazione e della realizzazione?Sarebbe opportuno dare una priorità alla linea Stazione-Piazza De gasperi perchè è quella che determina un’effettiva trasformazione del centro storico e lo renderà europeo e inoltre perchè scaricherà tutti gli autobus 101,102,806 che potrebbero essere utilizzati in periferia migliorando la qualità del servizio là dove ora è più carente,l’attuale 806 partirebbe dallo stadio sino a mondello e viceversa.Seconda considerazione, per ridurre i tempi è necessario fare tutti molta attenzione nella fase del bando per la realizzazione (momento spesso trascurato dall’opinione pubblica perchè si da tutto per scontato in positivo). E’ fondamentale che il committente (l’amministrazione comunale) abbia un potere enorme sul fornitore agendo su fideussioni,divieti di subappalto, penali da applicare da fare impallidire un usuraio in caso di ritardo dell’opera.Questo restringerà sicuramente il numero di aziende disponibili a eseguire l’opera, ma visto che abbiamo fatto un bando internazionale per la progettazione, facciamone uno anche internazionale per la realizzazione dell’opera,facciamolo fare ai cinesi,agli arabi,agli americani, ai turchi basta che lo facciano bene e nei tempi previsti.A tal proposito divieto assoluto a far partecipare aziende direttamente o indirettamente collegate con le fsi o aziende che non abbiamo un capitale sociale solidissimo come tecnis anche in subappalto.Il problema del passante e dell’anello è anche che il bando lo fece il mitico sindaco Cammarata (amato da qualcuno in questo sito) che ha messo il committente in posizione di assoluta inferiorità nei riguardi del fornitore.Mai più lo spero.

  • vicchio65 74
    13 mag 2018 alle 12:58

    Il progetto è molto interessante. Non vedo la soluzione proposta per il ponte Calatafimi, che credo sia un elemento critico della tratta Notarbartolo-Bonagia. L’incrocio è già oggi un delirio, e potrebbe peggiorare con l’attraversamento del tram. E’ poi una situazione specifica, in quanto non si può pretendere (come è giusto fare in centro) una pedonalizzazione della zona…
    Mi manca qualcosa? l’intero progetto dove si può trovare?

  • francescovozza 138
    14 mag 2018 alle 10:57

    La cosa importante sarà l’insieme delle interconnessioni con il passante.
    Intanto i lavori di restyling della stazione Orleans continuano: Venerdì hanno terminato di installare la nuova illuminazione E il risultato è molto gradevole e moderno.
    Ho scattato alcune foto, per chi volesse approfondire:
    http://www.metropalermo.co.nf/foto/IMG_20180510_173657%5b1%5d.jpg
    http://www.metropalermo.co.nf/foto/IMG_20180510_173712.jpg
    http://www.metropalermo.co.nf/foto/IMG_20180514_082529.jpg

  • francescovozza 138
    14 mag 2018 alle 10:59

    Intanto i lavori di restyling della stazione Orleans continuano
    La cosa importante sarà l’insieme delle interconnessioni con il passante
    Intanto, anche se nessuno lo nota, i lavori del passante vanno avanti.
    Venerdì ad Orleans hanno terminato di installare la nuova illuminazione; il risultato è molto gradevole e moderno.
    Ho scattato alcune foto, per chi volesse approfondire:
    http://www.metropalermo.co.nf/foto/IMG_20180510_173657%5b1%5d.jpg
    http://www.metropalermo.co.nf/foto/IMG_20180510_173712.jpg
    http://www.metropalermo.co.nf/foto/IMG_20180514_082529.jpg

  • friz 1129
    15 mag 2018 alle 16:34

    Punteruolorosso… no, direi che non sono come miss Italia… il periodo fascista non mi piace…
    ….ho semplicemente detto che una SCHIFOSA e REPELLENTE Dittatura come quella fascista, in fin dei conti ha arricchito Palermo di diversi monumenti… e almeno sotto questo punto di vista vedo il Fascismo superiore allo SQUALLIDO PERIODO ORLANDIANO… che pur non avendo i difetti del fascismo, è il Nulla Assoluto… riscontro nel periodo orlandiano l’incapacità di creare il Bello… figurati che sono fieri del “restayling” di Piazza Borsa… mediocrità elevata al cubo…
    Vorrei vedere Palermo proiettata nel Futuro, ma se proprio devo scegliere tra il medioevo di orlando e il Fascismo… ti dico che malgrado in teoria sono di sinistra preferisco il fascismo… ed ho detto tutto… :) …ma concordo sul fatto che in entrambi i casi si parla di preistoria….
    P.S ….ovviamente se i fascisti avessero raso al suolo l’Orto Botanico sarebbe stata una cazzata… ma se devo scegliere tra il Restyling di Piazza Vittorio Veneto voluto dai fascisti (realizzato da Basile) e il “restayling” di piazza Borsa voluto da orlando…. scelgo tutta la vita il restayling voluto dai fascisti… è decisamente più ambizioso e molto meno banale…
    ….e forse ho trovato l’aggettivo giusto… la Palermo di orlando è BANALE… nessuna ambizione… l’unica cosa per cui passerà alla storia orlando è quella di avere creato una marea di precari e poi di averli lentamente regolarizzati… appesantendo oltremodo le casse comunali… in altre parole ha fatto il contrario esatto di quello che hanno fatto la Lombardia e Milano, che pur essendo ricche, hanno nei decenni passati ridotto il personale per risparmiare soldi….
    P.S.2 ….non so perchè, ma ho notato una cosa anomala… forse mi dovrei preoccupare quando mi chiamate “amico friz”… spesso capitano frecciatine… :)
    Buon pomeriggio Punteruolorosso… ti stimo malgrado tutto… malgrado la pensiamo in maniera radicalmente diversa su alcuni argomenti…. :)

  • vicchio65 74
    19 mag 2018 alle 14:01

    Anzitutto, ringrazio Orazio per aver messo a disposizione l’intero progetto.
    Ottimo lavoro con intuizioni intelligenti; speriamo solo di vederlo realizzato….
    Mi delude purtroppo la soluzione per il ponte Calatafimi, dove si è limitato a tracciare una linea retta…E’ l’ennesima prova che per Corso Calatafimi non c’è niente da fare? Quanto meno, l’avrei fatta passare al livello interrato e previsto un ascensore per la fermata Calatafimi…sulla base del progetto lo svincolo (che dovrebbe essere raso al suolo e il progettista fustigato in sala mensa!!!) diventa ancora di più un delirio! Se l’auspicio è quello di ridurre il traffico all’incrocio, ricordo sempre che le auto (e i camion) che arrivano lì provengono da tante zone, spesso lontane, e vanno lontano…quante di queste possono essere sostituite con il tram? Si pensa ad un’alternativa sull’asse mare-monti? Abbiamo chiuso via Palmerino, via De Blasi e sono diventati un deserto, se l’idea fosse chiudere anche Corso Calatafimi taglieremmo in due la città. Rendere il ponte ancora più intasato di adesso è un’idea suicida!


Lascia un Commento