19 ott 2017

Da snodo per la viabilità a discarica: la bretella sud di Brancaccio è un fallimento


Prima di lasciarvi alla segnalazione dell’utente R.Ales, vogliamo invitarvi a cliccare su questo link. E’ la raccolta degli articoli legati alla bretella e allo svincolo, che non ha mai visto la luce e che paga, manco a dirlo, anni di crisi e fallimenti burocratici, ancora in atto. Un’opera che avrebbe dovuto risolvere un grande snodo della viabilità sud di Palermo e che invece fa parlar di se solo per l’incompiutezza e lo sdegno dei cittadini.

Sdegno che trova sponda in queste parole:

La bretella autostradale sud di Brancaccio, è diventata una MEGA DISCARICA a cielo aperto. Eppure doveva essere una strategica bretella autostradale la quale, avrebbe dovuto agevolare l’ingresso diretto verso il centro commerciale Forum Palermo, riducendo drasticamente il traffico caotico presente in questa zona.
Si direbbe che al danno è seguita la beffa, ma visti questi rifiuti, direi che alla beffa segue il DANNO…AMBIENTALE!

Il comune almeno, si adoperi con un intervento straordinario, a risolvere il problema per questo sfoggio di degrado in una periferia già fortemente penalizzata e molto spesso abbandonata a se stessa.

20171009_181710_resized


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


bretella viale regione sicilianasvincolo brancaccio

12 commenti per “Da snodo per la viabilità a discarica: la bretella sud di Brancaccio è un fallimento
  • belfagor 372
    19 ott 2017 alle 8:07

    Il 25/04/2017 il GDS pubblico questo articolo

    Forum Palermo, c’è l’accordo: via libera agli svincoli autostradali

    Si va verso il completamento delle bretelle di collegamento autostradali con Brancaccio, lato mare, rimaste incompiute dopo il fallimento della impresa a seguito di una informativa antimafia poi rivelatasi senza fondamento.
    È la notizia principale che porta con sé la chiusura dell’accordo fra il Comune e la «Multi Veste Italy 4 srl». La società, con sede a Milano, che a suo tempo realizzò il centro commerciale Forum, ha infatti accettato la proposta di transazione avanzata dall’amministrazione e che chiude una causa che poteva costare al bilancio di Palazzo delle Aquile qualcosa come 5 milioni di euro.

    Sono passati ben 6 mesi da tale “fantomatico” accordo è la situazione è rimasta immutata, anzi è peggiorata. Infatti la bretella di Brancaccio si è trasformata in una discarica. Eppure basterebbero solo 5 mesi di lavoro per completare le due bretelle lato mare, con un grande beneficio sulla viabilità della zona.

  • fabio77 715
    19 ott 2017 alle 9:24

    Questo svincolo incompleto, abbandonato e ridotto ad immondezzaio abusivo, rappresenta la madre di tutte le vergogne palermitane.
    Se ne parla ormai da oltre un decennio, con periodici annunci di svolte epocali, che , come dice giustamente belfagor, cadono dopo qualche settimana nel nulla cosmico.
    Penso non ci sia bisogno di aggiungere altro, le immagini parlano da sole. Rimane tanta amarezza per tutte le potenzialità inespresse, per quello che questa città potrebbe essere e non è.

  • phrantsvotsa 465
    19 ott 2017 alle 10:37

    Che il comune non faccia molto per questi problemi nessuno lo può negare.
    Maaaa….i palermitani? Nessuno ne parla? Possibile che ogni spazio poco frequentatato debba diventare una discarica? La mancanza di senso civico dei palermitani non ha limite…Il panormosauro è fermo alla preistoria!

    • Gr.685 7
      19 ott 2017 alle 14:19

      Il palermitano ha le sue colpe come tuti i cittadini di qalunque città del mondo quando manca, come in questo caso, il controllo del territorio da parte dell’amministrazione comunale.

  • marco_m 1
    19 ott 2017 alle 11:12

    Secondo me questo svincolo non lo faranno mai perché mal visto dalla piccola lobby di commercianti (in parte anche abusivi) che sorgono intorno al porticciuolo della bandita. Se ci fate caso tutta la viabilità porta li. Quel tratto della via messina marine non è evitabile, a meno di volersi sobbarcare un giro più lungo.

  • Metropolitano 3236
    19 ott 2017 alle 13:46

    Ma la colpa non la dovete dare ai commercianti che non hanno voce in capitolo. La colpa la diamo al Sindaco che non favorisce alcun contributo per aprire questo svincolo (forse per dare spazio alle esigenze egoistiche personali dei commercianti, non si sa). E’ il Comune che sbaglia, a lasciare tutto in sospeso per decenni !

  • cirasadesigner 1013
    19 ott 2017 alle 16:58

    A giudicare dalla foto di Google heart questo svincolo o meglio il suo tracciato esiste giè dalla fine degli anni 90, quindi fatto qualche calcolo sono 20 anni che si discute di un opera che si dovrebbe fare in poche settimane… Ma come vogliamo definire questa cosa se non una tragedia amministrativa. La stessa cosa, per non farci mancare nulla nelle vicinanze di un CC succede tra Capaci e Carini per l’assenza di un ponte sul torrente Ciachea… CHE VERGOGNA!!!!!

    • Orazio 796
      19 ott 2017 alle 21:17

      Peccato che tu abbia precisato, se no sarebbe arrivato quello che avrebbe scritto che la bretella l’ha fatta Orlando quando aveva 15 anni in previsione di poter tener su i calzoni e poi quando ha capito che si trattava di bretella stradale e non da pantaloni l’ha abbandonata al suo destino. :)

      Mentre Cammarata la voleva trasformare in cintura ma le sinistre e soprattutto i verdi non gliel’hanno consentito. :)

      • belfagor 372
        20 ott 2017 alle 7:15

        Nessuno ha mai detto che la colpa è solo di Orlando ma certamente anche lui ha le sue responsabilità.
        Dello Svincolo Brancaccio si cominciò a parlare fin dal lontano 1996.
        Qualche anno dopo, credo nel 2005 ( sindaco Cammarata), si iniziarono i lavori ma furono quasi subito interrotti.
        Il 10/12/2008 ( sindaco Cammarata) sembrò che finalmente i lavori riprendevano, allora si disse che in 14 mesi l’opera sarebbe stata ultimata. Nella realtà , anche a cause non da imputare al Comune, tale promessa non fu mantenuta.
        Il 13/06/2012 ( sindaco Orlando) l’assessore Liborio Giuffre annuncia solennemente: “Stiamo cercando di capire come si può fare, in modo che a settembre( 2012) venga aperto. Manca solo un 5% dei lavori per poter riaprire la rampa dello svincolo lato nord”
        Ma la cosa non era così semplice. Infatti pochi mesi dopo e precisamente il 20/09/12 ( sindaco Orlando), in occasione della conferenza “Palermo: mobilità e trasformazioni urbane” l’Ing. Salfi dell’Ufficio Traffico del Comune di Palermo illustrò la situazione fino a quel momento.Era stato rescisso il contratto con la De.Mo.Ter. Entro la fine dell’anno avrebbe dovuta essere bandita la nuova gara d’appalto per il progetto stralcio lato mare. Questo stralcio era già finanziato. I lavori per il completamento dell’opera, secondo quanto riferito dall’Ing. Salfi, avrebbero richiesto complessivi 8 mesi. Perciò , se tutto andava bene, lo svincolo di Brancaccio, lato mare, sarebbe stato inaugurato entro l’estate 2013. Chiaramente ciò non accadde.
        Il 6/03/2014 ( sindaco Orlando) fu pubblicato sulla LA SICILIA il seguente articolo :
        “Sembra essere ripartito l’iter amministrativo che porterà all’apertura dell’ormai incompiuto svincolo autostradale presso il CC Forum a Brancaccio” il sindaco Orlando parlò di una nuova convenzione e di un accordo con la “Multi Veste Italy”. Le due bretelle lato mare sarebbero realizzate a spese del centro commerciale “ FORUM”, invece le due lato monte sarebbero state realizzate dal Comune utilizzando fondi della Regione.”
        Nella realtà le cose non erano così chiare, come sosteneva il sindaco.
        Il 14 Settembre 2014 ( sindaco Orlando) esce un articolo dove si parla di un incontro tra la commissione attività produttive del Comune e la società proprietaria del centro commerciale “ FORUM” e di un accordo raggiunto.
        L’ 11/02/2016 , il consigliere comunale di maggioranza del Mov.139, Tony Sala cercò di fare un minimo di chiarezza:
        “Sono ormai trascorsi quasi due anni da quando si era trovata una soluzione per completare gli svincoli di Brancaccio sulla A19. C’è stato anche il tempo per inaugurare il sistema tramviario ed aprire la stazione Roccella del passante ferroviario. Ma degli svincoli ancora nulla…….Mi sono domandato, quindi, come mai tutto si è fermato”
        Il sindaco Orlando non rispose ma al suo posto l’assessore Catania disse che “tale opera non era più prioritaria”
        Il 25/04/2017 ( sindaco Orlando) il GDS pubblico questo articolo
        “Forum Palermo, c’è l’accordo: via libera agli svincoli autostradali”

        Come vede , signor Orazio, le responsabilità vanno divise tra chi in questi anni ha governato questa sfortunata città.

        • Metropolitano 3236
          20 ott 2017 alle 9:20

          Se fosse stato fatto a Catania, questo svincolo esisterebbe con tutti gli ingressi ed uscite aperti. Mentre a Palermo gli aspiranti politici non sanno fare altro che gli scaricabarile, per nascondere la voglia di non far cambiare niente. Sono anni che aspetto che almeno un accesso sia aperto, specie quello direzione Trapani in ingresso, per poter tornare a casa evitando giri assurdi e di dover passare per il quartiere di Brancaccio ogni volta che vado via dal centro commerciale. L’Assessore Catania andrebbe arrestato per aver ostacolato il completamento di quest’opera importante comportando danni erariali preoccupanti per il Forum PA stesso.
          A proposito, ne sapete niente di Ferrandelli che vuole si riconsideri la mobilita’ sostenibile rinunciando al tram e alle ZTL specie dopo aver speso tanti soldi ed esserci adeguati alle altre città d’Italia ??? Un autentico capra imbecille questo personaggio, paragonabile ai grillini.

        • Orazio 796
          20 ott 2017 alle 14:40

          … mi commuove essere appellato “signor” in un forum :) però potrebbe trovare altre forme per esprimere distanza.

  • sornione47 20
    23 ott 2017 alle 11:48

    Quando i cittadini sono “civili” le Autorità non hanno bisogno di intervenire, Quando i cittadini sono “incivili e indisciplinati e insofferenti alle regole” in una parola “se ne fottono”, allora le Autorità devono essere inflessibili e presenti sul territorio sempre (come lo sono alcuni personaggi che richiedono il pizzo) e, forse, dico forse, i cittadini capiranno con chi avranno a che fare e, forse, dico forse, diventeranno un poco più civili.


Lascia un Commento