22 ago 2017

A Palermo cresce il numero di morti in strada: 11 in più rispetto al 2015


E’ stato da poco pubblicato il rapporto ACI-Istat per l’anno 2016: nel 2016 si sono verificati in Italia 175.791 incidenti stradali con lesioni a persone che hanno provocato 3.283 vittime (morti entro il 30° giorno) e 249.175 feriti.

Secondo l’elaborazione Istat, nel territorio comunale di Palermo lo scorso anno si sono verificati 2.195 incidenti, che hanno causato 25 morti, 11 in più rispetto al 2015.

Sondaggio Istat

INCIDENTI STRADALI E VITTIME PER CATEGORIA DELLA STRADA NEI GRANDI COMUNI ITALIANI. Anni 2016 e 2015, valori assoluti, tasso di mortalità stradale per 100.000 abitanti, variazione percentuale 2016/2010 [ACI-Istat]

Ma cosa si può fare per diminuire il numero di morti?
Un provvedimento che diminuisce drasticamente il numero di morti in strada è la riduzione della velocità massima consentita sulle strade comunali a 30 km/h: a Parigi il 90% delle strade si percorre a non più di 30 km/h, New York da alcuni anni sta portando avanti il piano “Vision Zero”, nessuna vittima in strada.
Quando il limite di velocità dei veicoli passa da 50 a 30 km/h si ha una notevole riduzione dello spazio di arresto ed un aumento del raggio del cono visivo del conducente del veicolo. Questo indirizzo progettuale è adottato in molte città europee e non solo, proprio perché è risultato il modo più efficace per aumentare la sicurezza per i pedoni ed i ciclisti, ridurre le morti su strada, incrementare il grado di sicurezza e vivibilità e diminuire l’inquinamento acustico nella città.
Gli utenti della strada più vulnerabili sono infatti i pedoni. Le principali barriere alla mobilità pedonale sono i bassi livelli di sicurezza pedonale percepita, le carenze infrastrutturali (sovrappassi stradali, larghezza marciapiedi), mancanza di continuità degli itinerari pedonali e inadeguatezza degli attraversamenti.
Laddove non è possibile intervenire mediante la riduzione della velocità, poiché la tipologia di strada non lo consente, occorre agire nella messa in sicurezza della strada con interventi ugualmente efficaci.

Occorre aumentare anche le campagne di sensibilizzazione e girare per le scuole insegnando l’educazione stradale ai bambini piccoli


Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Palermo i nostri canali:

 Sito internet: http://palermo.mobilita.org
 Fanpage: https://www.facebook.com/Palermo.Mobilita/
 Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/31938246679/
 Twitter: https://twitter.com/MobilitaPA
 Canale Telegram: https://t.me/mobilitapalermo


incidentalitàmobilita palermomortirapporto aci istatSegnalatisicurezza stradale

2 commenti per “A Palermo cresce il numero di morti in strada: 11 in più rispetto al 2015
  • Effettivo 168
    23 ago 2017 alle 19:15

    A Palermo in pochissimi rispettano le più elementari regole stabilite dal codice stradale di cosa vogliamo parlare???

  • Alessandro Catalano 12
    26 ago 2017 alle 13:49

    Ma a che serve parlare inutilmente quando NESSUN palermitano rispetta la segnaletica?
    Basta mettersi nelle rotonde di fronte il Velodromo, oppure in quella di via Orsa Minore per vedere che nessuno rispetta lo STOP, cosi come nelle altre strade.
    E cmq lasciateli correre, a loro la Panini presto dedicherà un album con le figurine. Mi è stato detto che se non salgo su una moto di grossa cilindrata, non posso capire l’ebbrezza della velocità. Però capisco il valore della mia vita.


Lascia un Commento