16 mar 2017

Canile Municpale: entro metà Aprile via ai lavori


Dopo campagne per l’adozione, anni di battaglie, sembra intravedersi la luce in fondo al tunnel.
I lavori già promessi un anno fa non erano partiti proprio a causa degli animali, che non si sapeva dove collocare durante i lavori.
E’ stato quindi pubblicato un bando dove chi avrebbe adottato un animale avrebbe ricevuto anche dei soldi per agevolare e velocizzare le operazioni.
Tra le altre note negative, il canile negli ultimi anni è andato avanti grazie alle associazioni di volontari che giornalmente si prendono cura degli animali.
Da un comunicato stampa del comune di Palermo è stato dichiarato che entro il 22 Marzo termineranno le attività di svuotamento delle gabbie del canile municipale e potranno essere avviati i tanti attesi lavori che permetteranno una vita e una gestione migliore alla struttura da anni, con gravi carenze.

Cala il silenzio più assoluto sull’altro canile di via Bonafede.


Ecco il comunicato stampa:

Cominceranno entro la metà di aprile i lavori di ristrutturazione e manutenzione straordinaria del canile municipale di via Tiro a Segno.
Si concluderanno, infatti, entro il 22 di marzo le attività di svuotamento della gabbie e di trasferimento degli ultimi cani rimasti presso altre strutture temporanee, idonee a offrire spazi adeguati per gli animali.
“In questi giorni – spiega il capo area Gabriele Marchese – stiamo completando la sistemazione di gabbie temporanee presso l’ex mattatoio comunale, dove ciascun animale avrà uno spazio pari a circa il doppio di quello attualmente disponibile in via Tiro a Segno”.
Terminato lo svuotamento, entro pochi giorni necessari per verifiche tecniche e amministrative, i lavori saranno consegnati alla ditta che si è aggiudicata l’appalto.
“Finalmente – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – si avvia a soluzione un problema annoso e grazie a questi lavori, uniti alla programmazione di nuove strutture intercomunali, in collaborazione con il Comune di Monreale, ci apprestiamo a dare risposte alle esigenze
sanitarie e di vivibilità del territorio e degli animali”.

Un invito a non cadere in quelli che appaiono tentativi di lucro sulla buonafede degli animalisti viene rivolto da Marchese ai cittadini. “Ci è stato segnalato – dice – che ancora una volta, con l’approssimarsi della soluzione dei problemi del canile, alcuni sedicenti animalisti
lanciano campagne di raccolta fondi di cui è dubbia la destinazione finale. Invitiamo tutti coloro che hanno a cuore il benessere degli animali a non foraggiare tali attività lucrative, segnalando comportamenti poco trasparenti alle Forze dell’Ordine”.


cani randagicanilecanile municipale palermocanile palermomobilita palermorandagirandagi palermoSegnalati

Un commento per “Canile Municpale: entro metà Aprile via ai lavori
  • comitatobonafederussia 1
    17 mar 2017 alle 16:53

    Il Comitato “Bonafede Russia” da sempre nell’interesse della Comunità civica e degli animali custoditi nel canile di via Bonafede, chiede alle Istituzioni una soluzione immediata all’annosa questione del canile abusivo che nasce già nel lontano 2008 e che si trova a meno di 90 metri dalle residenze civili.
    Il Sindaco e le istituzioni ad esso connesse dicono a parole di voler fare squadra con i cittadini, ad oggi, purtroppo non hanno risolto la problematica, mantenendo la situazione di grave degrado attuale. Nonostante le comunicazioni delle Autorità Sanitarie Competenti, le condizioni rilevate, non rispettose dei requisiti minimi previsti dalla normativa vigente e cogente, riconducono ad una seria riflessione sull’operato del Comune di Palermo.
    E’ inaccettabile chiudere gli occhi davanti ad una situazione così grave e non fare quanto nei propri poteri e nei propri obblighi per ristabilire le condizioni di legalità e di sicurezza per la salute pubblica che sono diritto inalienabile dei cittadini e degli animali.
    Il modo di agire tenuto finora dall’Amministrazione comunale dimostra la totale assenza delle Istituzioni sul territorio e il mantenimento di uno status quo fuori da ogni interesse appartenente ad una logica razionale e ossequiosa delle leggi attuali.
    Ancora più doloroso per i cittadini è la constatazione della totale indifferenza da parte di una certa fetta della comunità giornalistica. Apprezziamo e ringraziamo vivamente chi riesce a riportare i fatti per la loro oggettività e nella piena libertà pubblicistica che dovrebbe sempre contraddistinguere la divulgazione di fatti o cose che riguardano tutta la comunità.
    Grazie quindi ai redattori di MobilitaPalermo per aver dato la possibilità di parlare di questo problema e delle questioni ad esso connesse.


Lascia un Commento