23 feb 2017

FOTO e VIDEO | Rap sperimenta Nuphalt, un macchinario per ripristinare l’asfalto


Rap in via sperimentale sta provando una nuova macchina per ripristinare e rigenerare l’asfalto ammalorato in alcuni tratti stradali di Palermo.
Ieri mattina operai del dipartimento manutenzione strade di Rap afferenti alle squadre volanti di emergenza hanno lavorato assieme ai tecnici della casa produttrice del mezzo, in via Roma per testare la nuova macchina ad alta tecnologia innovativa che dovrebbe riuscire a ripristinare asfalti ammalorati, coprire a regola d’arte buche pericolose creatasi da agenti meteorologici avversi come abbondanti piogge, o da riparazioni effettuate non a dovere.
La macchina può essere utilizzata per singoli interventi o per realizzare contigue rappezzature riuscendo a convertire il bitume esistente degradato con opportuni trattamenti ed integrazioni di materia in asfalto di alta qualità.
Le riparazioni effettuate con questa macchina risultano esteticamente gradevoli e garantiscono lunga durata ma soprattutto non determinano alcun impatto ambientale in quanto si adopera lo stesso asfalto senza ricorrere ad operazioni di scarifica e trasporto a rifiuto.
Le vie interessate dalle prove oltre via Roma anche Corso Dei Mille, via Michele Cipolla, Gian Filippo Ingrassia.

“Continua lo sforzo della Rap – dichiara il presidente della Rap Roberto Dolce – per ricercare modalità innovative nell’erogazione dei propri servizi, l’esito delle sperimentazioni ci conferma la bontà del percorso intrapreso che con l’ausilio di questa tecnologia consentirà di garantire ottimizzando risorse umane, strumentali e riducendo l’impatto ambientale( assenza di smaltimento) di migliorare la sicurezza delle nostre strade”.

Sulla scorta dei test, una volta compiuta la sperimentazione l’azienda valutata l’economicità complessiva si riserva di procedere all’acquisizione di tale macchinario nel numero e con le modalità più opportune per le finalità connesse all’erogazione di un servizio di maggiore qualità erogata e percepita.


asfaltoNuphaltrapriasfaltarerigenerare asfaltoripristinare asfalto

4 commenti per “FOTO e VIDEO | Rap sperimenta Nuphalt, un macchinario per ripristinare l’asfalto
  • Giulio Di Chiara 70683
    23 feb 2017 alle 9:15

    Ho paura delle sperimentazioni, perchè al 98% non hanno seguito a Palermo.
    Il risultato è sicuramente migliore di tanti rattoppi fatti a mano da alcuni operatori. Non riesco a capire se tempi e costi di realizzazione dell’intervento sono in linea con le disponibilità dell’amministrazione.

  • giacomo176 27
    23 feb 2017 alle 11:49

    Se il risultato è quello che si vede nelle foto, esteticamente gradevoli queste riparazioni non lo sono affatto, anzi, mi sembrano molto simili ai rattoppi a cui siamo abituati a Palermo da tempo immemore. Spero tuttavia che l’innovazione consista nel garantire riparazioni rapide e magari a costo ridotto.

  • Lio 178
    23 feb 2017 alle 14:54

    su youtube già anni fà ho visto un video di un camion atrezzato per riparare l’asfalto in maniera quasi totalmente automatica, in pochi minuti e con un solo adetto che fa tutto manovrando un baccio meccanico, lo usano in germania e il risultato è più che ottimo, su questo ho le stesse perplessita di giacomo176….

  • bottarisali 39
    24 feb 2017 alle 17:34

    Chi usa spesso la moto o la bici a Palermo sa bene qual’è lo stato pietoso dell’asfalto del 90% delle strade Palermitane.
    Nel video vediamo che l’autista del furgone è seduto a destra quindi è quasi sicuro che il video è stato girato in Gran Bretagna: tutt’altra storia e tutt’altra gestione delle strade.
    La macchina Nu-Phalt può essere utile nelle strade, nelle città e negli stati dove le buche sono rare e sparse ma non potrà mai essere una soluzione per Palermo: una sola macchina (se RAP ne ha acquistata una) impiegherebbe secoli per risistemare tutte le strade della città. In alternativa servirebbero dozzine di macchine da sparpagliare in lungo e largo a Palermo. Troppo costose per RAP. Entrambi casi difficilmente realizzabili.
    Scommetto quindi che questo esperimento che si concluderà come un fallimento.


Lascia un Commento