09 gen 2017

Recupero via Schioppettieri, quali prospettive?


Via Schioppettieri oggi è una stradina di collegamento fra C.so Vittorio Emanuele e l’area pedonale di Discesa dei Giudici, a pochi passi dall’Itinerario Unesco. La strada ricoperta da basole, è praticamente nel pieno degrado, fra una discarica abusiva, una cabina abbandonata Enel e parcheggio selvaggio. Qui di seguito vi riportiamo la lettera dell’associazione Caravan Serai, un laboratorio creativo che, fra i tanti obiettivi, ha quello del recupero degli spazi urbani quali la strada su cui ricade la propria sede.


 

 

Il montaggio fotografico che alleghiamo riguarda il profilo stradale della via Schioppettieri dal civico 19 (sede dell’Associazione CaravanSerai Palermo) al civico 29; si tratta della porzione di strada interessata dalla proposta di realizzazione di un corridoio pedonale delimitato da fioriere e/o panchine. Come è purtroppo ben visibile attualmente, oltre alle autovetture spesso parcheggiate in sosta selvaggia (che rendono difficoltoso e talvolta impossibile l’accesso ai locali dell’associazione), è presente un prefabbricato metallico apparentemente in disuso (ci risulta essere adibito alla fibra ottica, anche se pare non essere utilizaato da tempo da nessun operatore), che creando uno spazio angusto e nascosto, diventa ambiente adatto all’accumulo di rifiuti e altro . 

Lo spazio è caratterizzato inoltre dal deposito di sfabbricidi vari, rifiuti e resti organici, nonchè di oggetti ingombranti di varia natura oltre a numerosi cassonetti accanto cui vengono depositati spesso rifiuti ingombranti . 

Rileviamo pertanto, congiuntamente alla maggior parte degli abitanti del quartiere (con cui ci siamo ripetutamente confrontati e con cui apriremo a breve nei nostri spazi un tavolo di discussione e scambio di idee per il miglioramento e la cura del quartiere), la necessità di realizzare nel più  breve tempo possibile il suddetto corridoio pedonale (di cui è stato già dato parere positivo dall’assessore Catania e dall’assessore Marino), nonchè quella di una bonifica dell’area (in particolare nelle vicinanze della struttura per la fibra ottica e dei cassonetti) da parte della azienda RAP.

Segnaliamo inoltre che dal 18 al 23 gennaio la nostra associazione ospiterà la residenza dell’artista serba Edvina Romanovic Hudeckova e del ceco Ivan Milenković. La residenza fa parte delle azioni del progetto di rigenerazione urbana Piezo, avviato e portato avanti dall’associazione CaravanSerai durante tutto il 2016. Il progetto si propone di promuovere la cura dello spazio urbano attraverso azioni artistiche con il coinvolgimento diretto della comunità residente e tramite il patrocinio gratuito del Comune.

Durante la residenza verranno prodotte opere (di arte visuale e istallazioni) che potranno essere esposte nello spazio urbano; attualmente l’idea è di intervenire anche nel cubo metallico, riducendone l’impatto esteticamente sgradevole e fonte di degrado. Naturalmente è necessario dapprima ridurre il rischio sanitario attualmente esistente e verificarne la sicurezza e la non pericolosità a causa della tensione elettrica.

Associazione Caravan Serai

 

 

A CaravanSerai va il nostro supporto, e faremo leva verso gli organi competenti affinchè possa essere recuperata e riqualificata questa parte strada, oggi decisamente abbandonata. Segue reportage fotografico che testimonia l’attuale stato di degrado.

 


comune di palermoSegnalatisocial bike palermounescovia schioppettieri palermo

2 commenti per “Recupero via Schioppettieri, quali prospettive?
  • friz 756
    09 gen 2017 alle 17:45

    ….certo è un peccato che sia ridotta in quel modo… ma purtroppo Palermo è piena di strade ridotte in quelle condizioni… Ad ogni modo, per pensare ad un vero rilancio del centro storico palermitano, ogni singola strada appartenente alla parte storica della città dovrebbe essere curata come se appartenesse al centro di Roma, al centro di Parigi, o al centro di Milano, al centro di Vienna…etc….etc…..

  • punteruolorosso 1573
    10 gen 2017 alle 6:52

    soluzioni: pedonalizzare completamente la strada e istituire la raccolta differenziata. dove non arrivano le macchine, non c’è neanche la spazzatura. togliere i cassonetti e il cubo metallico. complimenti all’associazione


Lascia un Commento