26 nov 2016

MAPPA | ZTL: Nuovi varchi di accesso ai parcheggi


Durante la conferenza stampa di venerdì 25 Novembre sono stati presentati dal sindaco Orlando e dall’assessore Catania non solo i dati sull’inquinamento, ma anche le nuove soluzioni per migliorare la tanto chiacchierata ZTL.


Dalla prossima settimana saranno concessi piccoli accessi ad aree di parcheggio.
Le auto potranno entrare e uscire solo dallo stesso accesso (quindi senza procedere all’interno della Ztl) in via Rao, che porta alla Magione; in piazza Giulio Cesare; in corso Tukory a destra prima di Porta Sant’Agata; in via Mongitore; che consente l’accesso alla scuola Nuccio e al parcheggio; il doppio senso in via Bonello dal Mercato delle Pulci a via Gioeni, per raggiungere la Cattadrale; in via Filippone per andare a Sant’Anna al Capo; dalla Cala verso il Castello di San Pietro (al conservatorio); dal Foro Italico alla Kalsa.
Un modo come un altro per garantire anche l’accesso al mercato di Ballaro’, al Capo ma anche alla Cattedrale, al Cassaro o alla Kalsa. In totale 400 posti in più. “Piazza Marina non e’ compresa – dice il sindaco – se mettessimo una zona franca al centro, vanificheremmo la Ztl”.

Ecco alcune mappe fornite dal comune che aiutano a capire gli itinerari consentiti:

Per quanto riguarda invece i flussi veicolari e l’inquinamento atmosferico i dati sono stati raccolti da 20 tecnici dell’Ufficio Mobilità del Comune, su circa 50 sezioni stradali monitorate dall’inizio dell’introduzione della Ztl, in particolare il 9, il 10, il 15, il 16 ed il 17 novembre.
Confrontando i flussi stradali dello scorso aprile, all’interno della ZTL e nella fascia oraria 7.30/8,30, cioè quella di maggiore affluenza di traffico veicolare dell’intera giornata, il flusso automobilistico è diminuito in media del 30%, dato che sostanzialmente è uguale al flusso registrato nelle strade ai margini dell’area del provvedimento ed in quelle limitrofe.

In particolare, il dato percentuale tocca quota 50% all’incrocio via Roma/corso Vittorio Emanuele, che è uno degli incroci cittadini più frequentati.
Dalle otto del mattino in poi, cioè dall’orario di entrata in vigore del provvedimento, la media di diminuzione del flusso veicolare aumenta fino al 35%.

Il dato è positivo anche per le strade ai margini dell’area della ZTL. Il più importante è stato registrato alla Cala, direzione Porto (fascia oraria 7.30/8.30) dove il flusso d’entrata in città diminuisce fino al 30%. In questa zona si rileva un aumento in media del 20% del flusso veicolare in via Crispi, lato monte.
Anche in questa zona, dopo l’entrata in vigore del provvedimento, dalle ore 8 in poi il flusso diminuisce in media tra il il 15 ed il 20%.

Il trend della diminuzione del flusso veicolare nella fascia 7.30/8.30 è confermato anche nelle strade esterne ala ZTL, con una quota del 10% di autovetture in meno; ad esempio, in Corso dei Mille, via Oreto e via Mariano Stabile, dato che sostanzialmente si conferma anche dopo le otto del mattino.

Dall’introduzione della Zona a Traffico Limitato è positivo anche il dato sull’inquinamento atmosferico. Anche in questo caso, confrontando i dati prima e dopo l’introduzione del provvedimento, si registra un miglioramento generale. Nella fascia oraria 7.30/8.30 si registra una abbattimento di circa il 50% di ossido di azoto che da 1.33 kg/ora si riduce a 0.64. Il dato statistico, in partcolare, registra un abbattimento del 15% nell’incrocio via Roma/corso Vittorio Emanule e del 20% di media ai margini dell’area interessata al provvedimento.
Sempre nella ZTL e sempre nella fascia di maggior flusso veicolare dell’intera giornata (7.30/8.30) il tasso di anidride carbonica si abbatte fino al 65%, cosi come si abbatte del 45% il dato del PM10 (Particolato). Per i tre specifici fattori (ossido di azoto, anidride carbonica e particolato) la media generale di riduzione dopo le otto del mattino si attesta mediamente intorno al 50%.

Ecco le tavole che sono state mostrate e redatte:

Questi dati però a nostro avviso tengo conto solo della zona strettamente a ridosso della ZTL, ignorando per esempio che gran parte degli utenti hanno preferito fare giri più larghi dalla zona a traffico limitato andando così a sovraccaricare arterie come Viale Regione Siciliana e altre arterie non interessate dai rilevamenti interessati.

Speriamo che i provvedimenti messi in atto possano terminare le polemiche che soprattutto nei primi giorni hanno caratterizzato questo provvedimento che ricordiamo, se ben sfruttato, potrebbe essere un occasione d’oro per tutti i cittadini, non solo per i residenti del centro storico.


area parcheggiono parcheggino ztlparcheggi palermoparcheggioparcheggio giulio cesarestazione centrale palermoufficio elettoraleZTL

6 commenti per “MAPPA | ZTL: Nuovi varchi di accesso ai parcheggi
  • Sfakias 27
    26 nov 2016 alle 12:28

    Penso che questi parcheggi e varchi siano molto utili. Vorrei anche far notare che, senza il traffico di via Roma, il 101 impiega appena 15 minuti dalla Stazione a via Notarbartolo, rivelandosi estremamente pratico.

  • fabio77 700
    26 nov 2016 alle 15:06

    Sulla diminuzione del traffico all’interno della ztl, nessuno poteva avere dubbi. Per usare un eufemismo, mi lasciano invece alquanto perplesso i dati relativi alle vie perimetrali, in merito alle quali, a prescindere dai dati sciorinati, ho l’impressione, percorrendole quasi quotidianamente, che la situazione si sia ulteriormente aggravata.
    E’ inutile nascondersi dietro un dito: vanno effettuati urgentemente correttivi al traffico: è assurdo ad esempio, riversare il traffico da corso Tukory in salita verso via Basile, su piazza Indipendenza che è già satura di suo.
    E’ altresì assurdo non creare una rotatoria in quella bolgia di incrocio tra corso Re Ruggero, via Basile e corso Tukory.

  • Lio 174
    26 nov 2016 alle 15:45

    a me sembrano le solite cifre snocciolate a casaccio solo x tirar fuori un risultato positivo,
    intanto come detto alla fine dell’articolo nn si tiene conto dei dati di inquinamento del resto della città
    poi si paragona questo periodo iniziale di ZTL ai dati dello scorso aprile, ma secondo quale logica???

    • huge 2134
      26 nov 2016 alle 16:32

      Sarà il periodo pre-ZTL con i dati d’inquinamento peggiori, in modo da massimizzare le differenze e dare l’impressione che i dati siano migliori di quel che sono in realtà… questi i miei due cents

  • Binario 80
    27 nov 2016 alle 0:29

    Hanno utilizzato un software (Visum) per simulare i dati sull’inquinamento; ma dicono vero? Mah!

  • peppe2994 2798
    27 nov 2016 alle 10:41

    Quando fanno queste cose da bambini mi fanno un po’ sorridere quelli del comune.

    Prendono dei dati a caso e li propinano al pubblico. La cosa grave e che le persone ci credono.

    L’unico modo per rilevare l’effettiva diminuzione dell’inquinamento è una centralina apposita, che manca, ed infatti ci ritroviamo di fronte a metodologie che mi rifiuto di commentare.

    Ma è peggio per loro, perché ci sono momenti che non passa una macchina. Sono convinto che l’inquinamento sia diminuito ben più di quanto prevedono.

    La ZTL è una cosa positiva, ma io voglio gli autobus e sicuramente non in centro, perché per convincere le persone a lasciare la macchina a casa, prima devono arrivarci ai confini della ZTL, ovvero un viaggio della speranza linea 1 esclusa che funziona con efficienza Svizzera.


Lascia un Commento

Ultimi commenti