02 nov 2016

Webforum – intervista col sindaco Orlando: inviate le vostre domande!


L’11 novembre 2016 andremo in onda su questo sito (e sulla pagina facebook) con una video-intervista di Mobilita Palermo assieme al sindaco Leoluca Orlando.

Oggetto del dibattito sarà la mobilità urbana a 360 gradi. Parleremo di tram, metropolitana, viabilità, ztl, piste ciclabili, e tutto ciò che concerne i trasporti pubblici e privati. Saranno presi in considerazione punti di forza e criticità delle soluzioni adottate, e di quelle da adottare in futuro.

Come già avvenuto in passato, vi invitiamo caldamente a inviare le vostre domande nei commenti sottostanti l’articolo (IMPORTANTE: non verranno prese in considerazione domande poste attraverso facebook o altri canali).

Le vostre domande verranno successivamente selezionate dal team di Mobilita Palermo, per poi essere poste direttamente al sindaco, compatibilmente con il tempo a disposizione.

Siamo sicuri che parteciperete in tanti, come sempre. Proprio per questo non possiamo garantire che tutte le domande verranno accolte. Dove possibile, il team di Mobilita Palermo proverà ad accorpare le domande simili. Non vi resta che sbizzarrirvi; si tratta di un’ottima occasione per analizzare nel dettaglio ciò che sarà la mobilità palermitana, e quali sono i programmi in vista delle prossime elezioni amministrative.

Un invito a tutti: evitiamo domande banali o eccessivamente generiche. Crediamo che l’occasione sia utile per cercare risposte a precise tematiche.

Buona partecipazione!

 


comune di palermodirettaleoluca orlandomobilitamobilita palermoSegnalatiwebforum

66 commenti per “Webforum – intervista col sindaco Orlando: inviate le vostre domande!

Comment navigation

  • friz 883
    04 nov 2016 alle 8:51

    ….non voglio indagare sul perchè in campagna elettorale Lei (Orlando) aveva detto che si sarebbe impegnato per fare il Parco della Favorita ma poi infine non lo abbia fatto…. mi interessa piuttosto avere una risposta relativa alla viabilità di quella zona…. Infatti spesso avete detto che avreste voluto fare della favorita qualcosa di simile a Central Park…. Ma voi pensate che sia possibile vedere Central Park a New York o magari Villa Borghese a Roma tagliate da una strada come quella che attraversa il cuore della Favorita?
    ….il precedente sindaco, giustamente, aveva ipotizzato di mettere quella strada sotto terra…. Voi che ne pensate?
    …..alcuni dicono che questo non si possa fare perchè la favorita è una riserva naturale e quindi non può essere interessata da lavori simili… io dico che è impossibile che la strada che attraversa la favorita risulti come riserva naturale…non si è mai vista al mondo una strada cittadina considerata riserva naturale….. penso piuttosto che la riserva sia a destra e a sinistra di quella strada….e quindi, di conseguenza, credo sia possibile mettere sotto terra la strada che da Mondello porta a Palermo…. ovviamente solo nel tratto che taglia il cuore della Favorita…. a mio avviso un tale provvedimento sarebbe l’ABC per creare un VERO PARCO DELLA FAVORITA….. parco che purtroppo, ad oggi, 4 novembre 2016, non esiste….

  • Roberto1 517
    04 nov 2016 alle 16:22

    Malgrado i proclami e promesse, Palermo continua ad ere sporchissima. Come mai questa amministrazione continua a fallire su questo versante? Come mai non si avvia una seria campagna di sensibilizzazione prima e di repressione dopo della diffusa inciviltà di alcuni cittadini?

  • belfagor 371
    05 nov 2016 alle 5:13

    Signor sindaco, è mai possible garantire il servizio pubblico di trasporti con solo 150 autobus ( Genova , il servizio viene garantito con 500 mezzi, moderni) e con un servizio tranviario che opera al di fuori del centro città e sotto utilizzato dagli utenti ? Tra l’altro molti di tali autobus sono euro 0-1-2, e perciò non solo sono vecchi ma anche inquinanti. Inoltre gli autisti sono insufficienti, tanto che avete stabilizzato alcuni lavoratori della RESET e mandati a guidare tali autobus. Probabilmente, forse a causa dell’inesperienza di tali autisti , in questi giorni diversi autobus sono stati coinvolti in incidenti abbastanza gravi.

  • gnazzino70 93
    05 nov 2016 alle 8:27

    Sig. Sindaco ancora qualche domanda:
    1) ha mai provato ad andare dalla stazione centrale a Mondello in autobus?
    Visto il numero ridicolo di bus in circolazione e i percorsi delle linee ‘superstiti’ al suo piano di riorganizzazione direi che no, non lo ha mai fatto
    2) dato che le piace tanto realizzare piste ciclabili (?) sui marciapiedi ha mai percorso in bici il tratto di marciapiede che va dalla Statua fino all’incrocio con via Notarbartolo? non sa di cosa parlo giusto?

  • friz 883
    05 nov 2016 alle 9:37

    Sig. Sindaco ancora qualche riflessione…e qualche domanda:
    …..a mio avviso Lei ha vinto le scorse elezioni perchè molti le hanno creduto quando diceva di voler fare una GRANDE PALERMO…. ma io le faccio presente che nelle GRANDI CITTA’ (New York, Londra, Parigi etc) quando si realizza un’opera architettonica pubblica, anche la più insignificante, si coinvolge sempre qualche GRANDE ARCHITETTO….in altre parole in quelle città la prima cosa che si fa è questa: “ci si chiede chi sarà l’ARCHITETTO!!!!”…. e in quelle città l’ARCHITETTO è spesso famoso…. Io posso capire pure che si voglia puntare in certi casi ad architetti di talento che potrebbero anche essere sconosciuti, ma una cosa è certa, per una grande opera pubblica OCCORRE SEMPRE UN’ARCHITETTO…. magari anche sconosciuto, ma ci VUOLE… DOVE VOGLIO ARRIVARE???
    …..MI HA COLPITO MOLTO UNA VOSTRA DIMENTICANZA…. INFATTI NEL CARTELLO CHE INDICA I LAVORI VICINO IL PORTO DELL’ANELLO FERROVIARIO NON E’ INDICATO IL NOME DELL’ARCHITETTO…. CI SONO I NOMI DEGLI INGEGNERI, CHE NON CONOSCO MA CHE SARANNO SICURAMENTE BRAVI, MA LA COSA STRANA E’ CHE PER UN’OPERA DI QUELLE DIMENSIONI NON COMPARE IL NOME DELL’ARCHITETTO… ovviamente sarà una svista perchè è ovvio che per opere di quel tipo una GRANDE CITTA’ coinvolge almeno un’architetto, infatti mi rifiuto di pensare che come si faceva negli anni del sacco di Palermo, ancora oggi l’ingegnere civile fa anche da architetto……..e non voglio neanche pensare che se ne siano occupati gli architetti del comune, che magari sono bravissimi, ma probabilmente non hanno dimestichezza con progetti simili…..e in ogni caso vi siete dimenticati di inserirli nel cartello….. e quindi arrivo alla domanda:
    Chi è l’architetto che ha disegnato l’anello ferroviario?
    Seconda domanda: Come mai nel 2016 realizzate un anello ferroviario a binario unico? Perchè risparmiare proprio per il doppio binario? Questo anello non sembra superato ancora prima di vedere la luce?
    Terza domanda: …..Come mai avete trovato i soldi per finanziare un’opera obsoleta (l’anello ferroviario) e non una MAL ultramoderna e disegnata da un grande architetto?
    Quarta domanda: Quando realizzate un opera a Palermo vi domandate quale sarà il suo impatto estetico? O magari per voi la Bellezza è qualcosa si secondario e superfluo?????

  • punteruolorosso 1639
    05 nov 2016 alle 9:51

    a quando l’apertura del parco di acqua dei corsari?
    la riapertura del parco cassara’?
    svincolo perpignano, ponte corleone, eliminazione del semaforo giotto tramite cavalcavia?

    svincolo francia, tunnel circonvallazione porto per liberare via messina marine, via crispi e via sampolo dal traffico pesante.

    interramento del foro italico e tunnel sotto la cala?
    piste ciclabili in sede separata?

    spostamento del mercato ittico?

    rimodulazione dell’area del castello a mare e del molo trapezoidale?

    creazione di un parco costiero da sant’erasmo ad acqua dei corsari, sulla traccia di quanto fatto a romagnolo e ad acqua dei corsari?

    riapertura della passerella a mare di romagnolo?

  • punteruolorosso 1639
    05 nov 2016 alle 9:53

    abbattimento dell’ecomostro della zotta a sferracavallo?
    creazione di un affaccio panoramico nella parte alta di via plauto?
    pedonalizzazione delle piazze di sferracavallo e mondello?

    • belfagor 371
      06 nov 2016 alle 5:03

      Caro punteruolorosso , condivido tutte le tue domande. Peccato che almeno il 99% di tali opere erano state promesse durante la campagna elettorale del 2012. Potrei sbagliarmi ma non credo che nessuna di tali promesse è stata mantenute. Ecco perché, caro punteruolorosso, sono scettico sulle promesse del nostro sindaco.

  • friz 883
    05 nov 2016 alle 12:45

    ….ovviamente condivido molte delle domande fatte da Punteruolorosso nei tre precedenti commenti…. ma vorrei approfondire due dei punti da lui affrontati….punti riguardanti zona cala/foro italico e via Messina marine….
    ….di certo sono molto favorevole al tunnel sotto la cala e all’idea di mettere sotto terra la strada del foro italico….così come mi sarebbe piaciuta tantissimo l’idea di creare un canale artificiale in quella zona… un pò stile naviglio milanese dove far passare piccole barche a motore o a remi…. e il precedente sindaco sembrava essere d’accordo…. ma Lei, Orlando, che ne pensa????
    ….ma ora parliamo di via Messina marine…. purtroppo quella via, malgrado vicino le passi il tram, continua ad essere iper trafficata, e in alcuni orari del giorno ci sono più ingorghi di certe strade di Calcutta…. Lei, Orlando, non ritiene che se ci fossero almeno 2 o 3 fermate di una qualche futura metro lungo quella via finalmente potrebbe essere eliminato il problema ingorghi??? E se le fermate fossero 5 o 6 in teoria non si potrebbe pensare anche di rendere totalmente pedonale tutta via Messina Marine?

    • belfagor 371
      06 nov 2016 alle 5:27

      Caro friz, teoricamente sono d’accordo con te, però rendere, in questo momento, pedonabile Via Messina Marine, mi sembra una proposta utopica. Ti ricordo che Via Messina Marine , insieme alla Circonvallazione, sono i soli assi viari d’ingresso e di attraversamento della città, da sud a nord. Li ci vuole una capacità progettuale e tanti soldi. Un ipotesi è quella espressa dall’amico punteruolorosso, cioè quello del Tunnel sotto il Foro italico. Però, francamente, non credo che l’attuale sindaco, abbia le capacità e la volontà politica per progettare un opera di tal genere. Rimaniamo con i piedi per terra. Ci basterebbe cominciare a risanare la Costa sud, il Borgo e il Porticciolo di Sant’Erasmo e il Foro Italico , completare lo svincolo di Brancaccio e costruire un nuovo Ponte sull’oreto ( la continuazione di Via dei picciotti).

      • friz 883
        06 nov 2016 alle 8:15

        Ciao Belfagor…. riconosco di non essere stato troppo chiaro, ma mi ripropongo di rimediare subito…. sono al 100% d’accordo con te quando dici che ad oggi sarebbe utopia (ed io aggiungo la parola FOLLIA) chiudere al traffico via messina marine….ma il mio era un discorso teorico riguardante un’ipotetico futuro in cui (si spera) ci sarà ALMENO una seria e vera linea Metro che attraverserà l’intera città, dalla punta di via messina Marine fino a Mondello…..e a quel punto, se si prevedessero 5/6 fermate di quella ipotetica metro su via messina marine, e con altri interventi in quella zona, allora si potrebbe anche pensare di pedonalizzare la via….ma qui si parla di FUTURO, non di PRESENTE…… e OVVIAMENTE quando mi riferisco a questa ipotetica linea metro non sto parlando del passante ferroviario…. sia chiaro, non ho nulla contro il Passante ferroviario (opera certamente utilissima), ma è evidente che il passante non è una Metropolitana…

  • lazzaro 1
    06 nov 2016 alle 13:29

    Sig. Sindaco,
    le parole sono bellissime, ma i tempi per le parole sono terminati. La città di Palermo è stata da secoli il fulcro del commercio nel bacino del mediterraneo, ma nel tempo tutto ciò è venuto a cessare per le politiche adottate. Detto questo, desidero che Lei dia una risposta da cittadino e non da titolare del Comune di Palermo: Il nostro centro storico è fra i più belli nel mondo per le caratteristiche dei popoli che ci hanno dominato e proprio per questo la rinascita della città di Palermo può avvenire solo se il Comune ricerca azioni e proposte mettendole a confronto con le esperienze di altri paesi, dove tutto è conformato all’ordine e all’attuazione di meccanismi. Personalmente sono un fautore della chiusura del centro storico, proponendo un commercio solido attraverso tour prestabiliti, soprattutto per i turisti per la visita dei monumenti, utilizzando mezzi elettrici di ultima generazione, e-bike, e l’utilizzo di carrozze con trazione a cavallo, mezzo caratteristico a Palermo. Ciò è attualizzabile anche per i cittadini che sono presi dall’individualismo e che utilizzano sempre più il proprio mezzo a motore endotermico. E’ auspicabile, quindi, avviare uno stile di vita diverso per la viabilità che sia una mobilità sostenibile. La strategia innovativa e vincente si potrà realizzare solo se si conseguono concretamente servizi innovativi validi e funzionali dove il cittadino formato e indirizzato, impari ad utilizzare i mezzi pubblici elettrici, rispettando il valore concreto del territorio. Per attuare ciò, le istituzioni dovranno sensibilmente impegnarsi al fine di avviare processi di innovazione che nel tempo daranno le soluzioni sperate. L’avvio della pedonalizzazione e la cessazione delle auto endotermiche nel centro storico, e nel tempo anche nelle periferie, è un atto civico ed è la civilizzazione attesa che condurrà a un ritorno economico per tutte le fasce sociali, soprattutto quelle commerciali. Ritengo utile sottolineare che l’istituzione Comune deve essere l’amico vicino e fidato del cittadino. Palermo, per la sua azione storica, nel concreto può contribuire a generare benessere nel territorio solo dando vita a innovazione, nel rispetto delle future generazioni. Il Consiglio Comunale di Palermo cosa intende fare per tutto ciò nel concreto?

  • friz 883
    09 nov 2016 alle 14:26

    Già prima che lei, Orlando, ridiventasse sindaco, cioè circa 5 anni fa, era molto difficile parcheggiare a Palermo… ma negli ultimi 5 anni la situazione è anche peggiorata….infatti sono aumentate le zone blu e sono stati eliminati molti posti per parcheggiare lungo certe zone in cui è passato il tram…. quindi in definitiva sono diminuite molte zone in cui poter parcheggiare gratuitamente….. ma ora andiamo alla domanda: Se la sente di promettere che i parcheggi che nasceranno a Palermo in futuro saranno tutti GRATUITI??? …..e ovviamente vorremo una promessa SERIA ED IMPEGNATIVA… non vorremmo le solite prese in giro da periodo elettorale….in altre parole non vorremmo promesse da mercanti….o promesse da politici in periodo elettorale….
    …a mio avviso si dovrebbe invogliare la gente a parcheggiare la macchina e poi usare i mezzi pubblici…ma se parcheggiare la macchina significa dover spendere 7 euro per 7 ore, in certi casi la gente preferisce usarla quell’auto anche quando magari potrebbe in alternativa usare il treno o l’autobus….


Lascia un Commento