23 giu 2016

I pullman turistici potrebbero sostare in una fermata abusiva: ecco dove e perchè


Ben 9 sono le linee bus che transitano giornalmente dalle pensiline Amat di piazza Giulio Cesare, con vetture e passeggeri che si susseguono freneticamente senza sosta.

Da qualche mese capita di vedere adesso i pullman turistici privati (rosso e giallo) far “regolare” fermata proprio sulla pensilina esterna. La foto che pubblichiamo ritrae infatti un pullman del servizio City Sightseeing che effettua sosta per salita psseggeri.

E’ abbastanza anomalo e inusuale, se non fosse per il fatto che sul marciapiede opposto (!?) sono posizionate apposite paline segnaletiche (il colore distingue la compagnia) riportanti i percorsi. In pratica il turista legge le indicazioni sulla palina, ma deve attraversare la strada per poter prendere il bus per i tour cittadini. Un paio di autisti Amat ci hanno confermato che non potrebbero fare fermata proprio perché le pensiline sono di uso esclusivo dei bus Amat.

Pullman che fra l’altro sono di intralcio ai bus urbani in quanto hanno tempi di imbarco/sbarco passeggeri notevolmente più elevati rispetto ad un normale autobus.Non è stato nemmeno possibile visionare alcuna ordinanza dell’Ufficio Traffico sul sito web del Comune di Palermo.

Ma a questo punto è lecito porgersi un interrogativo circa l’effettiva regolarità delle fermate, e se esiste reale autorizzazione dell’Ufficio Traffico che consenta tutto ciò.

 


amatcomune di palermopensilinepullmanSegnalatiTurismo

7 commenti per “I pullman turistici potrebbero sostare in una fermata abusiva: ecco dove e perchè
  • danyel 311
    23 giu 2016 alle 12:56

    E’ possibile che gli autisti dei pulman turistici non sappiano che nel marciapiede opposto vi sono le apposite fermate? Mi sembra strano …

  • Lio 174
    23 giu 2016 alle 13:03

    credo sia xche il bus ha l’ingresso a destra quindi accosta sulla destra x nn far stare i passageri che devono salire esposti alla strada

  • marcus 157
    23 giu 2016 alle 15:27

    Ritengo che l’osservazione di Lio sia più che lecita; essendo l’ingresso del bus lato DX non possono fare salire in mezzo alla strada

    Inoltre, mentre nella corsia centrale (appena verificato) delle 3 davanti la stazione è indicato che l’accesso è riservato ai mezzi Amat, nella corsia più a SX (quella dove fermano i bus turistici) non è indicato nulla.

    A mio parere, stando così la segnaletica, la corsia centrale è riservata AMAT che probabilmente è anche la proprietaria delle pensiline (che però essendo posizionate su suolo pubblico non possono discriminare chiunque voglia sostarvi sotto, utente Amat o meno) mentre la corsia più a SX (quella in questione) è per altri bus, ivi inclusi quelli turistici

  • fabio77 661
    23 giu 2016 alle 21:12

    Mah, mi sa che ognuno si ferma dove vuole… d’altronde, girando l’angolo, si possono ben vedere gli autobus extraurbani stare fermi in via Balsamo, nonostante tanto di cartelli che indicano il divieto di sosta con rimozione..

  • peppe2994 2727
    24 giu 2016 alle 9:11

    la pensilina interna è ad uso esclusivo AMAT. Quella lato esterno è strada pubblica.
    Non c’è assolutamente nulla di male nella sosta in quel punto, e comunque la pensilina può ospitare due bus, quindi quello dell’AMAT al massimo si mette dietro.

  • monchey 89
    28 giu 2016 alle 9:17

    Tutte queste compagnie private di trasporto turistico (a mio avviso al momento sono 3, che fano tutti lo stesso percorso) sono troppe!! Il comune diversi mesi fa aveva indetto una procedura di rilascio autorizzazione a tutti gli interessati ad esercitare tale servizio in via sperimentale: la prima e per diversi anni è stata la city sightseeing che aveva i monoplio. Ora è una giungla! Paline di diverse compagnie ovunque e che non diversficano le tratte! Certo che la segnaletica era a cura della ditta interessata ma una regolamentazione il comune doveva predisporla…

  • monchey 89
    28 giu 2016 alle 9:18

    Tutte queste compagnie private di trasporto turistico (a mio avviso al momento sono 3, che fano tutti lo stesso percorso) sono troppe!! Il comune diversi mesi fa aveva indetto una procedura di rilascio autorizzazione a tutti gli interessati ad esercitare tale servizio in via sperimentale: la prima e per diversi anni è stata la city sightseeing che aveva i monopolio. Ora è una giungla! Paline di diverse compagnie ovunque e che non diversificano le tratte! Certo che la segnaletica era a cura della ditta interessata ma una regolamentazione il comune doveva predisporla…


Lascia un Commento