26 mag 2016

Sacchi neri appesi agli alberi: ecco come Mondello si prepara alla stagione balneare..


La passeggiata domenicale ci ha consentito di percepire in anteprima il piano di gestione rifiuti e decoro che verrà messo in scena, ancora una volta, nella borgata marinara di Mondello. Qualcosa che ha del rivoluzionario e che ci lascia dormire sonni tranquilli.


 

Anche quest’anno era impossibile prevedere che con l’avvento del caldo e delle belle giornate, Mondello sarebbe stata presa d’assalto dai palermitani e che orde di bagnanti avessero normalmente prodotto chili e chili di rifiuti tra panini con le panelle e brioches con il gelato. Per superare la criticità dei cestini perennemente pieni e strabordanti, per i quali non si riesce mai a programmarne uno svuotamento ad intervalli orari come nel resto del globo, sono stati apposti (non sappiamo da chi) decine e decine di sacchi neri per la nettezza urbana su qualsiasi supporto che ne consentisse l’ancoraggio: pali, alberi, rami, ringhiere…

Un grande escamotage per combattere la disorganizzazione, per il quale sono stati indetti concorsi di decoro urbano tra i professionisti del settore. L’impatto visivo è emozionante, decine di turisti si fermavano a fotografare queste novità in materia di rifiuti. Il nero lucido dei sacchi specchiava le onde del mare caraibico di Mondello, per la gioia dei bambini.

In tutto questo, vogliamo rassicurarvi sul fatto che anche questi sacchi sono stati riempiti in pochissimo tempo e le cartacce pregne di gelato e le lattine hanno strabordato anche lì.

Tornando più seri, la superficialità con cui anche quest’anno tali  problemi siano stati ignorati ci lascia senza parole. Siamo portati a pensare che questa soluzione possa essere un tentativo dei commercianti locali di arginare le grossi lacune amministrative con dei tentativi amatoriali di ridimensionare il problema dei rifiuti. Precisiamo che i sacchi  erano presenti anche laddove erano co-presenti i cestini, semmai qualcuno pensasse che si trattasse di soluzioni provvisorie lungo i cantieri della società Italo-Belga.

Se invece non fosse così, e quindi sia stato il Comune di Palermo a posizionare questi rudimentali cestini negli “appositi” alloggi, allora non abbiamo di che commentare. Semplicemente ci prepariamo a tutto.

Ci piacerebbe che qualcuno, alla lettura di questo articolo, ci potesse fornire ulteriori delucidazioni su queste iniziative che mirano a fare di Palermo una città turistica…


cabine mondellocomune di palermodecoro urbanoFavoritaindignazionelitoralemondellomonte pellegrinopallavicinopartanna mondelloraccolta rifiuti palermospiagge libere

23 commenti per “Sacchi neri appesi agli alberi: ecco come Mondello si prepara alla stagione balneare..
  • fabio77 708
    26 mag 2016 alle 8:53

    Come deturpare in pochi secondi, tanta bellezza che il buon Dio ci ha donato!
    E’ l’eterna lotta tra la bellezza naturale e la grascia umana (che dalle nostre parti vince sempre).
    Naturalmente la grascia, come peste implacabile, colpisce dappertutto, non solo la natura, ma anche le bellezze architettoniche. Ancora mi ricordo con sgomento, com’era ridotta piazza San Domenico, quando è stata (dis)organizzata la sagra dello street food… sembrava una piccola Bellolampo in centro città.

  • La Maglia Rosanero 53
    26 mag 2016 alle 9:06

    Questo insieme alla ormai inconcepibile riottosità nel RIFARE LA PAVIMENTAZIONE del lungomare…. VOGLIO SENTIRE ALLE PAROLE DEL PRIMO CITTADINO LE MOTIVAZIONI PER LE QUALI DA ANNI NESSUNO ABBIA MAI PENSATO DI RIFARE IL MARCIAPIEDE…… voglio capire cosa li ostacola!!!!

    • fabio77 708
      26 mag 2016 alle 10:04

      Come diceva il mio ex titolare (attribuendo questa massima a Mao Tse Tung): “Le cose si possono fare o non fare: è più facile e comodo non fare niente”. Si riferiva evidentemente a quei soggetti, ai quali i piccioli a fine mese entrano lo stesso a prescindere dalle cose fatte.

  • Alessandro Baol 225
    26 mag 2016 alle 9:10

    non posso crederci… se è stato il Comune allora ogni commento è superfluo… se non è stato il Comune allora i sachci andrebbero rimossi e multati gli ideatori…

  • maurino 7
    26 mag 2016 alle 10:37

    bisogna fare multe serie e vigilare ai tanti schifosi ed ignobili che sporcano la spiaggia con bottiglie e quant altro.

  • mdm 314
    26 mag 2016 alle 11:13

    Siamo in trepidante attesa della conferenza stampa del Comune per il “piano straordinario di svuotamento cestini di Mondello”.
    In attesa, ammiriamo questa geniale soluzione, sperando che il genio artistico che l’ha ideata (Comune? Negozianti? Italo-Belga?) si palesi a tutti noi.

  • Lio Settantasei 174
    26 mag 2016 alle 11:51

    quel marciapiede rientra nella concessione di proprietà della cosidetta società italo-belga, mai visto qualcuno del comune lavorarci solo operai della sociertà, probabilmente anche i rifiuti vengono gestiti da loro e nn dalla rap…

  • belfagor 365
    26 mag 2016 alle 11:56

    Ma quale “criticità” dei cestini perennemente pieni e strabordanti, ma quale inefficienza della RAP, quello che i turisti e i cittadini hanno potuto assistere è stato un grande evento artistico. Come tutti sanno il nostro sindaco e il nostro assessore alla cultura sono dei grandi estimatori dell’arte contemporanea di “ rottura”. Nello scorso Festino , la gente assistette ammirata a una performance del grande artista Hermann Nitsch,. Cibi, fluidi corporei, sangue e interiora d’animali squartati che venivano mostrati al pubblico in modo macabro, scomposto, alienante e imprevedibile. Di fronte alle proteste dei soliti “animali ignoranti” i moltissimi ammiratori di Nitsch , definirono tali critici come “fanatici ultranimalistiveganambientalisti”. Gli alberi adornati di sacchetti d’immondizia sono un modo intelligente per superare i nostri limiti intellettuali e le nostre fissazioni . La pulizia della strade , lo svuotamento dei cestini , la raccolta differenziata, i marciapiedi e le strade senza buche sono dimostrazione di un pensiero vecchio e superato. Il nostro futuro e la nostra ricchezza è la “ munnizza”. Ecco perché gli alberi, come anche le strade, devono essere adornati e ricoperti di rifiuti .

  • se68 382
    26 mag 2016 alle 12:02

    Circa un mese fa sono stato in spiaggia un sabato mattina..c’erano cumuli di munnizza e turisti che praticamente la scansavano per potere passeggiare. Non vi dico la vergogna che ho provato. Peccato che ho dimenticato di documentare tale scempio con opportune foto.
    Ma la cosa più grave come osservato dalla Maglia Rosanero è un altra. La rinuncia inspiegabile a realizzare un lungomare dignitoso con una pavimentazione degna e non con l’attuale misero battuto di cemento scalcagnato…
    Vuoi vedere che adesso rifanno tutto con gli obsoleti quadrotti di cemento, come hanno già fatto in varie zone della città?
    E’ indegno e scandaloso e offensivo intervenire in questo modo..ma qua tutti tacciono a partire dall’Ordine degli Architetti…

  • huge 2138
    26 mag 2016 alle 14:10

    Non può essere stato il comune. Sicuro.. Loro sono impegnati a progettare la sostituzione dell’arenile con uno stupendo strato d’asfalto nero per creare una grande piazza per Mondello!

  • peppe2994 2833
    26 mag 2016 alle 15:45

    Comunque davanti alla mole enorme di persone che affollano Mondello, il problema non è solo la mancanza di adeguata raccolta. La verità e che ognuno dovrebbe portarsi dietro la spazzatura che produce

    • Pietro 248
      26 mag 2016 alle 15:51

      Si. Ho capitopeppè. Ma dai. Non scherziamo. Io mi metto in tasca di tutto. E grazie al cielo io non fumo. Ma la verità è che ci vogliono i cassonetti (magari racchiusi fra tre paretine, anche semplici incannucciati) e il servizio di raccolta e gli spazzini. Punto.

  • peppe2994 2833
    26 mag 2016 alle 15:51

    Comunque davanti alla mole enorme di persone che affollano Mondello, il problema non è solo la mancanza di adeguata raccolta. La verità è che ognuno dovrebbe portarsi dietro la spazzatura che produce per poi buttarla nei contenitori sparsi per la città. E’ un discorso di educazione. Io a Mondello non sono mai stato a mare, e mai ci andrò. Tutto questo mi fa troppo schifo. E’ un’esclusiva di Palermo, perché fuori città cose del genere non si vedono frequentemente, e mai di questa portata.

    Ci vuole una campagna per insegnare l’educazione e multe a valanga. Tutto qui.

  • La Maglia Rosanero 53
    26 mag 2016 alle 16:05

    Ho letto in un commento che il marciapiede lato mare è in concessione alla ITALO BELGA??? Mi viene da piangere….quindi fino al 2020 non possiamo sperare di vedere un lungomare dignitoso a Mondello??

    • Pietro 248
      26 mag 2016 alle 16:07

      Mmm … E chi lo sa … chi lo terrebbe meglio. Se un’azienda … o il comunque …

      • La Maglia Rosanero 53
        26 mag 2016 alle 16:17

        Scusa fino ad adesso e da non so quanti decenni è sempre stato in mano alla ITALO BELGA e non ricordo da quando sono nato (33 anni) un miglioramento del lungomare…ho visto solo interventi sul verde e 4 paletti di legno a delimitare le aiuole…per il resto..appena c’è un minimo di pioggia il marciapiede diventa impraticabile..se no a costo di infangarti le scarpe….. Se permetti…preferisco che lo abbia in gestione il Comune…almeno so con chi prendermela e non rassegnarmi al fatto che la ITALO BELGA non faccia nulla per mancanza di soldi…li proprio non ci puoi fare nulla se non rassegnarti e attendere che la concessione finisca senza rinnovo alcuno.

        • Pietro 248
          26 mag 2016 alle 16:26

          Ma nooo. Aspetta. Sono d’accordo con te. Ero solo un po’ polemico nel dire che in ogni caso tutti gli altri marciapiedi della città non è che siano poi splendidi. Ma sono d’accordo con te. Ci mancherebbe.
          Anche, non avendo idea comunque di quanto marciapiede sia in conslcessione non mi viglio sbilanciare. Ma cmq penso sia solo quello di fronte allo stabilimento balneare. Mica tutto il lungomare. O no?
          Non so.

          • La Maglia Rosanero 53
            26 mag 2016 alle 16:50

            Ecco sarebbe il caso… che i nostri amici di Mobilita Palermo indaghino su chi ad oggi detiene la concessione del lungomare mondelliano…e poi dopo aver assunto questa informazione…se possibile andare al contrattacco in modo tale che vengano fatti i lavori di risanamento entro la prossima estate 2017

  • katet 144
    26 mag 2016 alle 22:00

    Non penso sia stato il comune (rap) a mettere sacchi. Lunedì sono stato a Mondello e la rap ha collocato i cestini nuovi (uguali a quelli già presente in molte zone del centro). Penso più a qualcun altro, e magari chissà qualche privato (chioschetto) o qlc abusivo che vende bibite e snack.
    X redazione mobilita: a che eravate a Mondello qlc domanda a qlc di italo belga o commercianti la potevate fare =D

  • medoro 132
    27 mag 2016 alle 13:22

    Aldilà dei disservizi del comune, basterebbe che ognuno si riportasse a casa (o la buttasse nel primo cassonetto vuoto che incontra per strada) la propria immondizia invece di lasciarla sulla spiaggia e/o sui marciapiedi. E’ proprio uno sforzo così immane? Eggià, significherebbe essere civili ed educati… non sia mai!


Lascia un Commento