17 feb 2016

VIDEO e FOTO | Ecco il reportage dell’ inaugurazione di Lolli e della visita all’ACC di Palermo


E’ stato un intenso pomeriggio quello che ieri ha seguito l’inaugurazione di Lolli e Guadagna.
Abbiamo visitato l’ACC di Palermo e successivamente tramite treno ci siamo recati a Lolli. Per motivi probabilmente di tempo da programma era prevista anche la sosta a Guadagna, ma il treno si è semplicemente fermato pochi secondi per ripartire alla volta di Lolli.
A Lolli insieme al presidente della regione Crocetta e del ministro alle infrastrutture e trasporti Delrio è stato tagliato il nastro simbolico di inaugurazione della fermata.

Al momento tra Palermo C.le e Giachery sono in movimento? 29coppie di treni al giorno con frequenza 30’ dalle 6.06 alle 20.05
Tutti i treni effettuano servizio nelle nuove fermate di Lolli e Guadagna, ad eccezione di 4 coppie che in prima fase non fermano a guadagna

Ma andiamo alla descrizione di dettaglio delle fermate:

Fermata Maredolce

Realizzata in superficie, posizionata fra Brancaccio e Bivio Oreto sulla bretella ferroviaria che collega le linee Palermo – Messina e Palermo – Trapani/Punta Raisi, è attrezzata con:

  • due banchine lunghe 125 metri, coperte per circa 52 m con pensilina;
  • un sottopasso di collegamento delle due banchine;
  • fabbricato tecnologico;
  • impianto di illuminazione (marciapiedi, vani scala, rampe per persone a ridotta mobilità e con disabilità e parcheggio antistante);
  • parcheggio pavimentato per complessivi 20 posti auto, di cui 3 per persone a ridotta mobilità.

Al momento la fermata non è ancora operativa in quanto si attende che vengano attivati dei treni che da Cefalù o Termini by-passino la Stazione Centrale per dirigersi direttamente verso Palermo Notarbartolo.
Probabilmente ciò avverrà a fine 2016 quando verrà riattivata la tratta Palermo Notarbartolo – Aeroporto Falcone Borsellino

Fermata Guadagna

Guadagna realizzata fra Palermo Centrale e Notarbartolo, sulla linea Palermo – Trapani/Punta Raisi è interrata e articolata su due livelli:

  • due accessi indipendenti sui marciapiedi di Via Fichidindia, attrezzati con scale fisse e ascensori per raggiungere le banchine della fermata;
  • due banchine interrate lunghe 125 metri, realizzate in unica galleria artificiale.

Fermata Lolli

Posizionata fra Palermo Centrale e Notarbartolo, sulla linea Palermo – Trapani/Punta Raisi, si sviluppa su quattro livelli, di cui tre interrati. Realizzata in una zona centralissima di Palermo, in corrispondenza della omonima antica stazione (non più in esercizio) a poche centinaia di metri da Piazza Politeama.

I livelli sono così distribuiti:

  • area esterna pavimentata e munita di impianto di illuminazione da cui si accede alla scala di ingresso alla fermata ed al blocco ascensori;
  • androne di ingresso, al primo livello interrato (quota – 5,30 m) da cui con scale fisse, scale mobili e ascensori si raggiungere quota – 11 m dove c’è la banchina del binario. A quota -17,80 m è ubicata la banchina del binario che sarà attivato nel 2017, a conclusione dei lavori della galleria Giustizia-Lolli.

Tra le critiche che dobbiamo fare c’è quella di non aver prevista alcuna rastrelliera per le bici nonostante l’ampio spazio libero, ma sopratutto la mancanza dell’emettitrice automatica di biglietti! Fondamentale per una fermata così centrale. Fortunatamente entrambi i problemi sono risolvibili in ben poco tempo.

Ecco un video che mostra gli attuali lavori e che cita alcuni dati significativi di questa importante opera da oltre 1,1 miliardi di euro:

Ed ecco una carrellata di fotografie da noi realizzate:

Tra le novità da segnalare vi è la nuova nomenclatura della fermata Imera che si chiamerà Imera – Papireto proposta da noi nel lontano 2011 e non più Giustizia.


accacc ferrovieacc palermoacc trenitaliafermata guadagnaguadagnalollimetropolitana palermomobilita palermonuova stazione lolliorari guadagnaorari lollipalermo accpassante ferroviario palermostazione Lollitrenitaliatrenitalia acc

22 commenti per “VIDEO e FOTO | Ecco il reportage dell’ inaugurazione di Lolli e della visita all’ACC di Palermo
  • katet 144
    17 feb 2016 alle 9:21

    Infiniti complimenti alla redazione di mobilita palermo!!!!
    Una domanda: è prevista la presenza di capo-stazione in queste nuove stazioni?

      • katet 144
        17 feb 2016 alle 11:05

        Thx. Non è mai stata presa in considerazione la possibilità di collocarli invece per motivi di sicurezza e controllo della stessa?

    • Fabio Nicolosi 48079
      17 feb 2016 alle 11:43

      Non è necessario, perché la fermata è telecontrollata. Dalla sala di controllo, di cui sopra vedete alcune immagini, è possibile conoscere in tempo reale cosa accade, un operatore è anche abilitato a parlare tramite speaker con la stazione stessa per esempio annunciando un problema

  • fabio77 661
    17 feb 2016 alle 10:07

    E’ necessario battere il ferro mentre è caldo, aprendo quanto prima un tratto ancorchè breve che bypassi la Stazione Centrale, ad esempio da Notarbartolo a Bagheria, e che preveda la fermata in tutte le stazioni intermedie.
    Si deve rendere fattibile, funzionale e conveniente per il cittadino l’offerta del trasporto pubblico in sostituzione del mezzo privato.

  • se68 368
    17 feb 2016 alle 17:32

    vista oggi la stazione lolli:
    premesso che all’esterno credo vi siano soluzioni architettoniche all’altezza della situazione ( lucernario e corpo ascensori) all’interno, inspiegabilmente tutto crolla…in particolare le pareti trattate ad intonaco, come in una qualsiasi abitazione civile e soprattutto il controsoffitto e illuminazione in stile conad, sono veramente dettagli patetici. Chiedere spiegazioni no? Sbagliano di grosso quelli che ritengono secondari gli aspetti estetici…allora nelle città europee normali curano questi aspetti così, per autolesionismo..anche perchè un muro bianco e un controsoffitto di questo tipo, oltre ad essere orrendi, non sono affatto funzionali ma piuttosto precari e, presto ce ne renderemo conto.

    • Pietro 248
      17 feb 2016 alle 18:00

      Io non sono nemmeno in città … ma già solo al vedere le foto mi vien quasi la depressione! … :( E per carità, non voglio offendere nessuno, anche se il mio commento precedente ho magari un po’ esagerato in merito ai murales … ma ripeto … è tutto desolante … e tutto FATTO MALISSIMO, alla siciliana nel peggiore stile PROVINCIALE che si possa mai immaginare. Non serviva Renzo Piano per fare le cose come si deve. Bastava molto, molto, infinitamente meno … eppur tuttavia … … … basta. Mi taccio, che è meglio … :(

  • peppe2994 2727
    17 feb 2016 alle 23:09

    Sarebbe il caso di aggiungere nell’articolo, una notizia fondamentale.
    La fermata non è terminata. Hanno fatto quel che sono arrivati a realizzare per l’inaugurazione con il ministro, sono sicuro che piano piano arriverà tutto.
    Esempio, se in punta di piedi foste andati oltre il divieto, al binario chiuso avreste notato un bellissimo cladding con tonalità di blu. Sicuramente arriverà tutto a suo tempo.

    Io personalmente la trovo molto elegante come fermata. Il bianco non sta male.

  • fabio77 661
    18 feb 2016 alle 12:59

    Anche la fermata Guadagna non è completa. Stamattina c’erano gli operai. Dei tre ingressi, due sono ancora chiusi.
    Mi lascia perplesso l’intonaco bianco usato sia all’interno, sia per le pareti delle scale esterne; temo che duri davvero poco.

  • se68 368
    18 feb 2016 alle 15:40

    peppe2994,
    il bianco è elegante si, ma le pareti intonacate vanno bene in un appartamento, non in una stazione della “metropolitana” . Vatti a guardare le stazioni progettate da Alvaro Siza a Lisbona…anche lì è stato usato il bianco…ma in modo corretto ( piastrelle)
    Spero che tu abbia ragione, che la fermata non sia terminata e che controsoffitto, pareti bianche, neon ingabbiati in zanzariere, siano opere provvisorie, altrimenti è inspiegabile che si adoperi un linguaggio da supermercato di periferia….ed è incomprensibile a mio parere non chiederne ragioni a chi di dovere.

  • Giuseppe Marco Badami 1
    18 feb 2016 alle 23:14

    Oggi volevo prendere il passante a Lolli, ma non ho trovato modo di acquistare il biglietto. C’è modo per acquistarlo online, dato che i tabacchi sembrano ancora sprovvisti?

  • Salvatore Vacante 2
    19 feb 2016 alle 17:45

    Al di la degli aspetti estetici, sicuramente molto importanti, vorrei sapere da dove si può accedere alla fermata Lolli. Capisco che c’è ancora il cantiere, ma prevedere ora un unico accesso da piazza Lolli significa che vengono tagliati fuori o costretti a fare un giro allucinante tutti i passeggeri provenienti dalla parte alta di via Dante, dalla via Parlatore e dalla via Malaspina a cominciare dall’ex passaggio a livello. non sarebbe il caso di aprire subito dei passaggi provvisori?

  • piopas 2
    19 feb 2017 alle 15:49

    Quanti ingressi prevede la stazione Lolli?
    è previsto un ingresso dalla via Filippo Parlatore
    all’altezza di via Inveges?
    grazie

    • Palerma La Malata 230
      19 feb 2017 alle 20:43

      piopas,
      l’ingresso da Via Filippo Parlatore/Via Inveges è già stato proposto da qualche utente su questo sito.
      Sarebbe molto utile a tantissime persone e studenti ma come sappiamo a Palermo mancano le orecchie per ascoltare.

    • omega 120
      20 feb 2017 alle 12:15

      concordo con Pio che l’ingresso da via Parlatore sarebbe un’ottima cosa per gli indigeni, se realizzato in tempi pre-geologici/pre-biblici


Lascia un Commento