12 feb 2016

Aumentate del 40% le multe della Polizia Municipale. Annuo nuovo, abitudini vecchie!


Apprendiamo questi numeri dal Giornale Di Sicilia.
Sembra infatti che vi sia stato un aumento del 40% rispetto all’anno precedente delle multe da parte della Polizia Municipale.
Vi riportiamo le parti più interessanti dell’articolo:

L’infrazione più ricorrente? Auto in sosta vietata
Prima il fischio, poi la contravvenzione e infine la solita frase: «Che fa concilia?».
Una scena sempre più ricorrente sulle strade cittadine.

Ad annunciarlo, ai microfoni di Ditelo a Rgs, è il vice comandante della Polizia Municipale Luigi Galatioto. «Soste vietate, eccessi di velocità, auto in doppia fila, c’è di tutto insomma – spiega il vice comandante della polizia municipale – nel 2015 la crescita è stata notevole.

Bisogna dire che sono diminuite le sanzioni sulla circonvallazione dove prima erano più frequenti».

Il centro cittadino e le zone dove si concentrano con maggiore densità uffici ed attività commerciali sono quelle dove la polizia municipale ha elevato più sanzioni.
Non mancano all’ appello le contravvenzioni per sosta in doppia fila che si collocano al primo posto tra le violazioni più frequenti, seguite da soste in zona rimozione, soste in curva e soste su marciapiedi ed attraversamenti pedonali.

Le auto in doppia fila, multate nel 2015, sono circa 29.846, più del doppio, rispetto al 2014, quando ammontavano a 12.611.

Grazie allo street control nel 2015 sono state rilevate 33.462 sanzioni e rispetto alle 26.913 realizzate nel 2014 si è registrato un aumento di 6.549 sanzioni. Insomma un incremento pari al 24,33% rispetto all’anno precedente.

Altra bestia nera per gli automobilisti della città sono i divieti di sosta. Solo nello scorso anno, sono state rilevate 187.401 sanzioni, un incremento del 6,48% rispetto alle 175.373 del2014.

Sono invece circa 16.000 le auto multate per sosta sui marciapiedi, nel 2015, rispetto alle 8.678 del 2014.

Durante lo scorso anno, sulle strisce pedonali sono state sanzionate circa 13.866 auto, un aumento del 10% circa rispetto al 2014. Insomma, crescono le infrazioni e fioccano le multe.


doppia filamulte palermomunicipale palermopolizia municipale palermoSegnalatisostasosta palermovigili palermo

16 commenti per “Aumentate del 40% le multe della Polizia Municipale. Annuo nuovo, abitudini vecchie!
  • mediomen 1137
    12 feb 2016 alle 12:24

    Non è che si veda in giro questo gran senso di ritorno alla legalità, sarà che la gente non paga le multe e continua a fregarsene o sono solo dati propagandistici.

  • Lio Settantasei 174
    12 feb 2016 alle 13:01

    questo successone delle multe si deve sopratutto alle auto con lo street control, in pratica sono auto che girano e fanno le foto alle auto posteggiate male, in divieto di sosta o in doppia fila e poi mandano il verbale a casa, un sistema utile solo a battere cassa che nn da nessuna utilità al traffico, in alcuni casi anche se c’è qualcuno dentro l’auto fanno la foto e via senza neppure dire si levi!!!

    • Saro Panormo 57
      12 feb 2016 alle 14:45

      Sono d’accordo con te: il traffico permane anzi direi che spesso proprio la municipale contribuisce con le auto dello street controll che rallentano per fare le foto e non si fa nulla per prevenire e mantenere così le strade sgombre dalla doppia fila che intralcia. Fuori tema vorrei fare una piccola nota su un fatto che ho verificato diverse volte: spesso cammino nell’area pedonale di via maqueda perchè abito in zona e spesso ho notato le auto della municipale ferme per il controllo degli accessi con il motore acceso, passo e ripasso e l’auto sta sempre con il motore acceso. Alla faccia delle polveri sottili, si pedonalizza per ridurre anche il tasso d’inquinamento e loro lì tranquilli con il motore acceso per riscaldarsi d’inverno e rinfrescarsi d’estate. Complimenti vivissimi !!!

      • sanso 38
        12 feb 2016 alle 19:55

        Non per cosa ma ci stai tu al freddo sette ore o sotto il pico del sole d estate??

    • Orazio 760
      12 feb 2016 alle 15:35

      Lo street control è invece un deterrente efficace perché colpisce quei fenomeni assai dannosi alla circolazione, tipo la sosta “un secondino solo” che di solito venivano perdonate.

      Quanto al cosiddetto “fare cassa” si tratta di espressioni che non meritano commento, ma purtroppo tipiche di un modo assai strano di pensare, come se il comune dovesse giocare a perdere o come se, peggio ancora, si rinunciasse al valore della sanzione, che invece è fondante di ogni società civile.

      Prima di scrivere espressioni del genere, riflettete, va bene che il degrado culturale è di moda, ma non datevi per vinti senza combattere!

    • sanso 38
      12 feb 2016 alle 19:59

      Ahahahah si levi… ma stiamo scherzando?multa diretta anche perché se lo fai spostare ti fa fissa gira l angolo e ritorna dove era prima….

  • angrollo 5
    12 feb 2016 alle 15:41

    Non vedo menzionate multe per chi parla al cellulare. Sono passate di moda? Di sicuro la pratica non è passata di moda. Per dirne una, oggi ho visto un autista di uno dei nuovi scuolabus dell’amat che controllava il cellulare mentre era alla guida!
    Si stima che guidare con il cellulare sia la causa del 40% degli incidenti con esiti fatali (http://www.noicompriamoauto.it/magazine/sicurezza-in-auto/. )
    Ma mi rendo conto che questa è una lotta senza speranza, perchè chi più chi meno, ma lo fanno tutti, e piuttosto che un mea culpa, l’atteggiamento di tutti – anche dei più “progressisti” – è del tipo “scagli la prima pietra chi non ha peccato…”.

  • Fulippo1 1343
    12 feb 2016 alle 15:46

    In parte è vero che lo street control, non sia completamente efficace. Per quanto sia secondo me necessario l’utilizzo, andrebbe affiancato da un opera più minuziosa nelle zone con più alto rischio di infrazione, da un continuo servizio di educazione dei vigili, che oltre a multare se necessario gli automobilisti, redarguiscano verbalmente i trasgressori.
    Perchè sembra scontato, ma tantissimi trasgressori, grazie anche ad un sistema passato (e chissà anche presente) di compravendita di patenti, non sanno neanche di stare trasgredendo il codice della strada.

    • Lio Settantasei 174
      13 feb 2016 alle 1:05

      le corsie di emergenza esistono solo nelle autostrade forse le confondi con le corsie preferenziali, sono 2 cose estremamente diverse di fatti se in autostrada viaggi nelle corsie di emergenza si prevede il ritiro della patente, in città x le preferienziali solo una multa

      • fabio77 706
        13 feb 2016 alle 14:54

        Sia come dici tu. Ciò che volevo sottolineare è che l’articolo non accenna minimamente a multe comminate a tutti quei vastasoni che ogni giorno vediamo sfrecciare in terza corsia lungo la Circonvallazione.

  • giuseppe83 80
    12 feb 2016 alle 17:32

    Infatti…ma è possibile richiedere con forza che si prendano provvedimenti per tutti coloro che si sentono furbi e puntualmente si piazzano in corsi preferenziali o di emergenza…fanno una rabbia incredibile, per chè sono l’esempio pratico di come il “furbo” può prevaricare chi rispetta le regole facendola franca. Quello dell’auto in corsia di emergenza/preferenziale è davvero un soppruso che non merita alcuno sconto!!

  • Salvio Stracelaga 1
    12 feb 2016 alle 17:56

    Se i dati sono reali sono contento.
    Tuttavia noto che i controlli della Polizia municipale sono assai inferiori, se non inesistenti, già nelle semiperiferie della città.
    Inoltre condivido quanto affermano alcuni, che cioè i VV.UU. dovrebbero avere maggiore contatto con gli autori delle infrazioni e provvedere maggiormente e con immediatezza rispetto agli ingorghi del traffico. Temo infatti che questo “street control” sia per loro assai comodo. Così, però, si sanziona il cittadino, ma non lo si educa al rispetto del Codice della strada.

  • Guarino1 183
    12 feb 2016 alle 20:16

    Consoliamoci pensando che saranno entrate in più nelle casse del comune… magari contribuissero a rendere le strade meno dissestate…


Lascia un Commento