02 gen 2016

Nuovi percorsi dei bus: mappa, tragitti, frequenze


Al via il nuovo piano della rete urbana bus Amat a Palermo. Un piano che attendevamo da anni e che oggi, vista l’introduzione della nuova rete tranviaria, porta inevitabilmente a revisionare l’attuale servizio gommato. Anche determinato, come ammesso sullo stesso piano, dai tagli alle risorse finanziare in ambito nazionale e regionale.

Dal 1 gennaio infatti sono state effettuate le sospensioni di determinate linee bus lì dove le strade sono interessate dal transito della tranvia e in altre zone effettuati degli accorpamenti eliminando numerosi “tratti comuni”. La riorganizzazione delle linee prevede pertanto una produzione chilometrica programmata pari a 15.350.000 Km annui al lordo dei trasferimenti da e per le rimesse e di quelli perduti per varie motivazioni (traffico, guasti, etc.). Le linee passano complessivamente da 87 a 53 più le linee notturne e navette per un numero di vetture compreso fra 200 e 250 vetture.

Altro dato interessante riportato nel piano sono i chilometri persi nel primo semestre 2015. Quelli persi per il traffico hanno un’incidenza di poco superiore al 7% rispetto a quelli programmati e di quasi il 31% sul totale dei chilometri perduti. Potenziamento delle linee revisionate tramite le vetture sottratte alle linee sospese, utilizzo di 200 vetture nella fascia oraria 06:00-21:00 oltre a 14 vetture per i servizi notturni e 8 vetture per le navette.

Ma ecco i punti salienti dell’intero piano:

La linea 806 diventa stagionale estiva con servizio dal 1 maggio al 30 settembre. Resterà attiva tutto l’anno la linea 606 che partirà dal nodo Stadio.

Scompare il capolinea di piazza Sturzo, con il decentramento di alcune linee che facevano capolinea alla Stazione Centrale a favore del nuovo nodo presso la rotonda Oreto.

Potenziata la 101 che passa da 16 a 20 vetture con frequenza ogni 4′, e che di fatto rivestirà il ruolo di una metropolitana di superficie e che verrà intercettata da tutte le altre linee dirette verso il centro.  Sostanzialmente non si ritroverà nel suo stesso tragitto linee come la 102 (fermerà a piazza Castelnuovo), la 103 (da piazza J.Lennon a piazza XIII Vittime), la 107 (sempre da spola fra lo Stadio e la Stazione Centrale ma passando dal Foro Italico e via Duca della Verdura) e la 122 che verrà sospesa. Il tutto farebbe immaginare un sostanziale aumento della velocità commerciale. Complessivamente saranno 25 le vetture fra 101 e 107 che attraverseranno l’intero centro città da sud verso nord e viceversa. Una nota positiva è la variazione di percorso della linea 108 che terminerà di fare il mega giro da via Volturno verso piazza S. Francesco di Paola (rimanendo spesso bloccata in quest’ultima piazza), proseguendo invece diritto verso via Cavour, via Roma, Castelnuovo e percorso normale.

La 102 farà da spola fra la Stazione Notarbartolo e piazza Castelnuovo (ritorno da via I.Carini), mentre la 118 manterrà il capolinea presso il parcheggio Basile limitando l’itinerario alla Stazione Notarbartolo. Sarebbe stato preferibile mantenere il collegamento fino al suo originario capolinea Francia dato l’attuale blocco sulla linea ferroviaria per Punta Raisi.

Alla Stazione Centrale scomparirà la sosta di molte linee bus in funzione soprattutto della presenza del capolinea tram, trasferendo i capolinea al nuovo nodo presso la rotonda Oreto. Sospese le linee 211-220-221-225-227-250. Le linee periferiche (Borgo Ulivia, Falsomiele, Bonagia, Chiavelli, S.M. di Gesù, Conte Federico) convergeranno presso il parcheggio Oreto. Da qui troveranno potenziate le linee per la Stazione Centrale quali la 237 (tramite via Oreto) e la 234 tramite viale Regione Siciliana, via Basile e corso Tukory.

Novità anche al nodo Basile con invariati i percorsi delle linee 309-327-389 mentre vengono sospese le linee 305-318-365-368. La linea 304 eseguirà il giro in senso orario fra piazza Indipendenza, Basile, Regione Siciliana, Pisani. Una sorta di circolare interna. Viene istituita la linea 307 che collegherà il nodo con Borgo Nuovo. Anche qui notiamo il mantenimento delle linee 309 e 389 quando potevano benissimo essere accorpate o pensare a un collegamento da Est a Ovest prolungandola fino a Porta Felice.

Al nodo Emiri (parcheggio di via Nina Siciliana) si attesteranno le linee 422 (Borgo Nuovo) 442 (Uditore) con percorsi modificati; la 462 (Baida) rimane invariata mentre vengono sospese le linee 440 e 475. Da qui gli utenti potranno prendere le linee 106 (direzione Stadio-Libertà), la 124 (Politeama) o la linea 3 tram in direzione Notarbartolo.

Il nodo di piazzale J. Lennon come quello della Stazione Centrale, è interessato dall’attraversamento delle line tranviarie 2-3: condividono il percorso in comune su via L. Da Vinci, fra via Castellana e piazza Einstein garantendo un passaggio di vetture ogni 5′-10′. A queste si aggiungono quelle della linea tram 4. Rimangono invariate le linee 529-534-544, la 513 viene modificata. Vengono sospese le linee 501-516-540-548.

Modifiche anche al nodo Stadio: invariate le linee 603-625-628-675, modificate le 614-616-619-645 mentre vengono sospese le linee 615-644-662-677. Vengono istituite le linee 606 e 612 con l’intento di modificare rispettivamente le linee 806 (Mondello) e 812 (Montepellegrino) che così limiteranno il proprio tragitto allo Stadio. La linea 806 sarà attiva solo d’estate.

Queste le sostanziali modifiche in ciascun nodo. Si parla nel complesso di sospensioni di linee, ben diverso dalle soppressioni; il che farebbe prevedere ulteriori modifiche nelle prossime settimane anche perché per determinati itinerari, si rischia di prendere più di 2 bus. Servirebbero delle mappe da distribuire agli utenti presso i nodi, con specifiche sui nuovi orari. Non si rischia inoltre un sovraccarico della linea 101? Sperando che siano tutti autosnodati, è il caso di aggiungere altre vetture? A primavera arriveranno 18 nuovi bus dato che è già stata espletata la nuova gara di fornitura.

Il Comune come al solito pecca in comunicazione e inevitabili saranno i disagi nei primi giorni di attuazione del nuovo piano, e auspichiamo il ripristino delle informazioni alle fermate in tempi celeri. Ancora una volta ribadiamo la necessità di ripristinare il biglietto integrato Amat-Trenitalia, fondamentale in un sistema integrato di trasporti come il nostro. Al piano verrà accompagna l’istituzione di apposite bus vie in importanti arterie e il divieto di transito per i pullman in centro città.

Vi invitiamo a scaricare la mappa delle nuove linee, mentre  qui troverete i percorsi dettagliati.

All. 4 - La rete e i nodi


amatautobusBUScomune di palermopiano rete amattagliZTL

51 commenti per “Nuovi percorsi dei bus: mappa, tragitti, frequenze

Comment navigation

  • Giulio Di Chiara 70642
    03 gen 2016 alle 11:58

    C’è da ricordare che tale piano è stato presentato con il solito asterisco sotto che diceva che è passibile di modifiche dopo qualche mese di prova. Già in questo post si sono raccolte tante indicazioni ma sarebbe l’ora che l’AMAT cominciassero a prendere provvedimenti in cui credono, senza lasciare sempre questa porta aperta per tornare indietro.

  • alvarezlimao 149
    03 gen 2016 alle 12:53

    Il 534 e il 422 costituiscono attualmente dei doppioni dei tram. Ripristinare la 440? La 534 con partenza da via Paladini, assieme a una navetta che vada all’Ospedale Cervello ( potrebbe essere la 529) è un primo passo verso l’integrazione bus tram e la centralità dei nodi periferici. Con l’apertura del passante la linea 529 Paladini -Ospedale Cervello -Lazio diventa un’importante asse di collegamento.

    • Salvo68 70
      03 gen 2016 alle 14:52

      In realtà la 422 e la 462 non sono doppioni del tram perché percorrono via Evangelista di Blasi e fanno capolinea al Parcheggio Emiri. Sono in parte d’accordo per la 534. Riguardo la 529, il percorso attuale va bene, mentre andrebbe istituita una navetta Borgo Nuovo – CEP – Ospedale Cervello. Ovviamente con la conclusione dei lavori del Passante e l’auspicabile biglietto integrato trano-bus-tram tutta la rete AMAT andrà rivista.

  • giuseppe70 60
    03 gen 2016 alle 22:26

    Avendo letto i cambiamenti delle linee degli autobus ed il potenziamento dei mezzi, oggi ho avuto la felice idea di recarmi in centro in autobus. Premetto che abito in via Mater Dolorosa. Arrivo alla fermata di via Pallavicino, perché penso di avere maggiori possibilità, per raggiungere l’interscambio dello Stadio e poco dopo transita un 544; non lo prendo perché attendevo un autobus che mi portasse direttamente allo Stadio, ma dopo 15′ di attesa ne ripassa un altro di 544, ed a questo punto mi decido a prenderlo, pensando di scendere in v.le Strasburgo angolo vi De Gasperi e fare i circa 600 metri per raggiungere lo Stadio a piedi. Così ho fatto ed alla fermata del 101 dopo circa 5′ scarsi e’ passato un autobus che mi ha portato in centro. Fino a qui’ poco male, al ritorno ho vissuto una vera odissea. Facendo il percorso al contrario, aspetto circa 10′ per l’arrivo del 101 ( alcuni utenti sull’autobus mi hanno detto di avere aspettato in via Roma 1 ora) che paragonare ad un carro bestiame e’ dire poco. Rimaniamo bloccati sulla corsia laterale di via Libertà a causa del traffico ed una volta arrivato allo Stadio l’unica linea che mi portava in via Mater Dolorosa era il 616. In sintesi partito da dal Politeamaalle ore 20:00 sono arrivato a casa alle 21:15. È’ tollerabile che si impieghi così tanto tempo per raggiungere da una zona periferica il centro? Scambiando quattro chiacchiere con gli autisti, anche loro erano concordi che il piano di razionalizzazione delle linee fa acqua da tutte le parti. Io ad esempio mi sono accorto oggi sulla mia pelle che la soppressione della linea 615 e lo spostamento della 704 (unica linea che da Pallavicino portava direttamente al centro) ha notevolmente peggiorato il servizio. È’ vero che oggi è un giorno festivo e ci sono meno mezzi Amat in circolazione, ma se il buongiorno si vede dal mattino…, non oso immaginare cosa ci sarà alla riapertura delle scuole, considerando che dietro via Mater Dolorosa c’è un istituto superiore molto frequentato. E meno male che le zone periferiche da questo piano dovevano essere meglio collegate senza in che condizioni saremmo stati?

  • Antony Passalacqua 165891
    04 gen 2016 alle 2:11

    Senza biglietto integrato Trenitalia-Amat, si rischia di pagare cari gli spostamenti in città. A maggior ragione in un sistema come il nostro che si basa sullo scambio di di più mezzi.

  • ilgirovago 1
    04 gen 2016 alle 16:08

    Nell’ articolo manca un riferimento alla modifica del percorso del 704 che da Croci- Pallavicino diventa Francia- Politeama passando per via Dante

  • Nino965 11
    04 gen 2016 alle 20:55

    Questa mattina ho utilizzato tram e bus 102 per andare in centro: lo scambio a Notarbartolo tra tram e bus è stato quasi immediato ed il servizio è risultato molto comodo. Spero che si faccia al più presto il biglietto integrato AMAT Trenitalia per l’ulteriore potenziamento del servizio. Tra l’altro, sentiti i numeri di questi giorni riguardo biglietti venduti e passeggeri trasportati dal Tram, non sarebbe conveniente anche per Trenitalia intercettare questo flusso?

  • fabio77 666
    05 gen 2016 alle 9:34

    Senza approfondire gli aspetti di merito di questo nuovo piano bus, peraltro già ampiamente analizzati negli interventi precedenti che hanno messo in chiaro la marginalizzazione di larga parte delle periferie della città, vorrei sottolineare in questa sede il disastro informativo connesso alla mancata adeguata pubblicizzazione dei nuovi orari. Cittadini ed utenti lasciati allo sbaraglio più assoluto. Lo stesso sito dell’Amat funziona a singhiozzo e non riporta nè la mappa nè gli orari delle linee. Una situazione a dir poco deprimente ed incresciosa. Dalle stelle del tram si è passati in poche ore alle stalle del trasporto bus in caduta libera. E’ così che si vogliono incentivare le forme di mobilità alternative ai mezzi privati?

    • Fabio Nicolosi 48122
      08 gen 2016 alle 9:56

      Purtroppo il sito Amat sta migrando i server e quindi è lento e spesso irraggiungibile, dovrebbe tornare tutto normale tra qualche giorno :)

  • fabio77 666
    05 gen 2016 alle 9:39

    Una curiosità: a quanto pare, l’attuale piano bus è stato messo a punto non in questi ultimi giorni ma addirittura oltre sette mesi or sono: l’allegata cartina riporta infatti la data del 26 maggio 2015.

  • Salvo68 70
    05 gen 2016 alle 11:21

    Alcune proposte di modifica dei percorsi dei bus:
    103 Giotto – P.pe Palagonia – Malaspina – Houel – Turrisi – Volturno – P.za Verdi – Via Cavour – Via Roma – Stazione C.le
    108 limitazione del percorso a Parcheggio Basile e creazione di due navette per l’Ospedale Civico da P.za Indipendenza (tramite via Filiciuzza – Vespri – Lodato e ritorno a P.za Indipendenza) e Parcheggio Basile
    118 prolungamento fino allo Stadio e abolizione del 704
    111 ripristino con modifica percorso: P.le Giotto – Via L. Da Vinci – Via Duca della Verdura – V. Marchese di Villabianca – Via Autonomia Siciliana – Fiera e viceversa (con semplificazione del 721)
    122 ripristino con variazione di percorso: da Corso Finocchiaro Aprile per Corso A. Amedeo – Tukory – Stazione e viceversa
    210 da S. Maria di Gesù ritorno per corsia laterale lato monte V.le Regione – V. Orsa Minore – v. Oreto – Stazione
    212 spostamento capolinea a Roccella-Forum, dove istituire una linea Express che percorra la circonvallazione e faccia capolinea al nodo Stadio, toccando così i nodi Basile – Emiri – Giotto e navette per la Zona Industriale Brancaccio e Sperone
    237 prolungamento per viale Regione – via B. Chiavelli – via Orsa Minore – via S. Maria di Gesù – via Paratore – via Oreto e abolizione 209
    241 spostamento del capolinea al Parcheggio Basile
    246 prolungamento fino a Villaggio S. Rosalia ed abolizione del 234
    304 ripristinare il vecchio percorso
    440 ripristinare la linea cambiando però il percorso: Parcheggio Basile – via Pitrè – P.za Micca – V. San Martino – Via Ruffo – Baida – Via Baracca – Boccadifalco – Via Pitrè – Parcheggio Emiri
    442 Parcheggio Emiri – Piazza Camporeale – Via Noce – Via N. Sauro – V.le Regione – P.le Giotto (per Uditore c’è la linea 513 che potrebbe essere modificata nel percorso e incrementata)
    462 da via alla Falconara per via dei villini – via Castellana (fino all’ex capolinea del 501) e viceversa con modifica del 534 (da e per Baida senza deviazioni)
    614 Stadio – Via Duca degli Abruzzi – Via Mater Dolorosa – Via Venere – Via Mattei – Partanna e viceversa
    616 Stadio – Via Duca degli Abruzzi – V.le Resurrezione – Via Patti – V.le Olimpo – Via Nicoletti – Barcarello
    645 Stadio – Via Duca degli Abruzzi – Via Castelforte – Via Atlante – Via Apollo – Marinella e viceversa
    721 P.za Croci – Via Duca della Verdura – Via Montepellegrino – Via Bonanno – Salita Belmonte – Via Ammiraglio Rizzo – Via Montepellegrino – Via Duca della Verdura – Croci

  • alvarezlimao 149
    05 gen 2016 alle 14:10

    La 118 prolungarla allo stadio, abolire la 704 e la 104 ( sostituirla con il prolungamento della 309-389 fino a piazza Marina,e transito per via Roma con fermata ex capolinea 234, a questo punto la 109 non deve più transitare da piazza indipendenza assicurando un collegamento express fra il parcheggio Basile e la Stazione Centrale.La 108 con capolinea al parch.Basile giunta a via Cavour svoltare x via Crispi- via E.Amari-Politeama e percorso normale fino al parch.Basile. La 246 prolungarla x il parch.Basile abolendo la 234. La 106 partenza da via Camarina (ex capolinea 704) Mater Dolorosa -Duca degli Abruzzi -Stadio -Marchese di Villabianca-Libertà -R.Settimo-Cavour-Roma-Dalla chiesa -Marchese di Villabianca fino a via Camarina. La 103 dal posteggio Giotto percorre come 134 via Parisio-Via R.Montuoro-Noce-Camporeale-Dante-R.Settimo-Cavour-Roma-Turati-Dante-Noce-N.Sauro-R.Siciliana -Giotto. Il tratto Perpignano Camporeale percorso dalla 442. La linea verde dal parcheggio Basile proseguire come attuale 104

  • Angelo64 143
    05 gen 2016 alle 15:13

    Ragazzi, non dimentichiamo la logica dei numeri di linea: la prima cifra indica il “nodo” di partenza, tranne “1″ che indica il collegamento tra due o più nodi. Se i percorsi non rispettano più questa regola, tanto vale abolire la prima cifra e semplificare i numeri.

  • Irexia 662
    06 gen 2016 alle 11:27

    In questi giorni ho provato la tratta 731 per andare in pieno centro: devo dire che il servizio è stato soddisfacente, mi chiedo se l’efficienza durerà anche quando via Amari sarà preda del traffico tentacolare della città che riprende i suoi ritmi, spero di sì.
    Proporrei di attivare la fermata di piazza Sturzo del 101, che da lì passa, ma non si ferma: se nodo deve essere…
    Biglietto unico: una priorità.
    In effetti le informazioni sulle modifiche sono scadenti, sulle pensiline non si potrebbero mettere degli avvisi sulle nuove tratte o, poichè è tutto suscettibile di modifica, non si fa nulla in tal senso? Perchè, poi, non elaborare un’app sulle tratte e le frequenze di percorrenza dei mezzi?

  • Marco Lo Cascio 1
    07 gen 2016 alle 20:04

    Abito per sfortuna mia (ma la zona mi piace) a Partanna Mondello. Vedo che hanno eliminato la 615, ma la 614 rimane con una frequenza pari a 16 minuti, cioè quella (mai rispettata) di prima (il che mi lascia molto poco sperare). Mentre la 645 (unica alternativa) permane con SOLE due vetture e ben 33 minuti di attesa.
    Posso dire che è una merda?????

  • Andrea Di Piazza 5
    08 gen 2016 alle 9:33

    ragazzi scusate ma la mappa è troppo piccola, ne esiste una scaricabile di dimensioni maggiori? altra domanda: ma l’AMAT ha previsto la rimozione fisica delle fermate soppresse?

    • fabio77 666
      08 gen 2016 alle 9:37

      Clicca col pulsante destro sulla mappa e poi riclicca su “Apri link su un’altra scheda”


Lascia un Commento