23 ott 2015

I giardini della Zisa resi inaccessibili


A quasi due anni dalla riapertura, i cancelli del giardino continuano a rimanere socchiusi rendendo difficile o peggio impossibile l’accesso a disabili, anziani e passeggini. Il tutto mentre, i motorini continuano a circolare liberamente per il giardino mettendo a rischio la sicurezza dei fruitori inclusi i bambini che frequentano l’asilo Whitaker che ha l’accesso all’interno del giardino stesso.

Ne approfitto per segnalare che la pavimentazione del giardino in terra battuta in molte parti è ormai deteriorata e necessità di un intervento di manutenzione.

Cordiali Saluti

CPicone


beni culturalicastello zisacomune di palermogiardini della zisazisa

17 commenti per “I giardini della Zisa resi inaccessibili
  • fabio77 687
    23 ott 2015 alle 12:42

    Così si gestisce il Patrimonio dell’umanità a Palermo. Se lo viene a sapere l’Unesco sono guai.

  • fabio77 687
    23 ott 2015 alle 12:44

    La foto dei motorini che scorrazzano in primo piano con la Zisa sullo sfondo è di una tristezza assoluta.

  • fadel 184
    23 ott 2015 alle 13:46

    l’unesco tempo 1 anno ed espelle palermo dalla lista per mancanza di tutela. lo sta facendo per firenze (stesso motivo, il degrado),, l’ha già fatto con dresda (espulsa per altri motivi). cmq no n mi stupirei se i controlli mancano perchè la municipale fa un po’ quella che faceva a sanremo (segnarsi presente al lavoro, possibilmente in mutande, ed andare a fare altro) http://i.huffpost.com/gen/3570912/images/o-ASSENTEISMO-SANREMO-facebook.jpg

  • fadel 184
    23 ott 2015 alle 13:57

    se venisse fuori che i controlli manchino perchè la municipale faccia quello che facevano i colleghi di sanremo

  • Luca S. 129
    23 ott 2015 alle 14:11

    E’ veramente desolante vedere lo stato di abbandono di questa citta’, anche quando qualcuno ci consegna un riconoscimento cosi’ importante come l’UNESCO.
    Altrove in Sicilia hanno fatto di questo riconoscimento uno strumento di richiamo turistico eccezionale, creando una vera e propria ricchezza economica a lungo termine e sostenibile.
    Che vergogna. Non meritiamo nulla, ne’ come cittadini ne’ come elettori di questa dirigenza politica che dovrebbe mettere in campo tutte le possibile tutele di questo patrimonio.

    • Irexia 662
      24 ott 2015 alle 11:32

      No, Luca, non devi pensare così, non devi abbatterti! Io ritengo, invece, di essere degna di parchi verdi e ben curati, io so riconoscere il bello e lo so apprezzare e rispettare e sono sicura lo sia anche tu, che infatti rimani disgustato per lo stato in cui si trova la “nostra” Zisa, come tutte le persone per bene ed oneste, alcune delle quali si ritrovano su questo blog! Non dobbiamo perdere la stima di noi stessi nè abbassare l’asticella delle nostre, giuste e sacrosante, pretese di civiltà, pena la nostra trasformazione in sudditi passivi privi di diritti, aspirazioni e sogni! Forza e coraggio!

  • seesopento 5
    23 ott 2015 alle 15:06

    Mi sono lamentato proprio l’altro giorno con il custode, e mi ha risposto spiegandomi la situazione che è imbarazzante. In poche parole, è da solo (da poco tempo sono in due, perchè un custode del cassarà è stato trasferito qui) e non è neppure un custode, ma un semplice impiegato che fa del suo meglio per fare rispettare le regole anche se non è la sua mansione, non riuscendoci. L’unico momento nel quale vi è un minimo di ordine, mi diceva, è quando girano gli agenti armati della KSM. Il problema principale è che vi sono quattro entrate non sorvegliate, bisognerebbe mettere dei box con i custodi che impediscono l’entrata a chi non ha i requisiti. Altro grosso problema sono i cani, che per regolamento potrebbero entrare soltanto se al guinzaglio e soltanto al di fuori delle aiuole. E ovviamente avviene tutto il contrario. Per ora la situazione è indecente: motorini che scorrazzano indisturbati, ragazzini che fumano erba tranquillamente, altri che tirano pietre nell’adiacente edificio in disuso e alle lampade (ormai quasi tutte rotte, come potete vedere anche in foto), cani che litigano tra di loro anche violentemente, terreno che a causa delle piogge crea fiumiciattoli e quindi la “sabbia” si riversa in strada. Uno schifo.

  • carini villagrazia luis 19
    23 ott 2015 alle 15:36

    Perché non ci sono i custodi all’ingresso con tutte le persone che lavorano come precari, credo che non sia difficile recuperarne alcuni per questo servizio…..

  • Mr.Head 242
    23 ott 2015 alle 20:35

    Comunque, dalle foto sembra un giardino degno di un quartiere popolare… squallido, sporco, abbandonato a se stesso… dove può succedere di tutto senza che nessuno si accorga di niente!

  • punteruolorosso 1573
    23 ott 2015 alle 21:54

    comunque questo giardino è stato progettato male. troppo cemento, e allora sì che i imotrini si trovano autostrade davanti. la colpa è di chi ha fatto il progetto e di chi (cammarata) lo ha approvato. troppe poche e striminzite piante. profusione di marmi e calcestruzzo, fontane progettate male (ecco perché non funzionano).
    il monumento, inoltre, risulta inaccessibile dal giardino. bisogna attraversare i dammusi, poi una gabbia, poi un cancello…
    è stato progettato il giardino senza tenere in nessun conto l’accessibilità alla zisa.
    detto ciò: il comune dovrebbe mettere dentro a una delle strutture una stazione dei carabinieri, della municipale o di qualsiasi forza armata. sorveglianza giorno e notte.
    ma come non provare schifo per questi delinquenti anche minorenni che imbrattano e ammorbano di gas l’unico giardino del quartiere? noi possiamo prendercela col comune, ma in quale altra città del nordafrica si vedono queste cose?
    fermateli e tagliategli le palle. è bello prendersela con il sindaco, quando quattro pidocchi tengono in ostaggio intere fette di città.

  • punteruolorosso 1573
    23 ott 2015 alle 22:22

    forse il giardino, ordine pubblico a parte, andrebbe modificato architettonicamente, onde renderlo meno indecente dal punto di vista estetico.

  • phrantsvotsa 462
    27 ott 2015 alle 15:39

    In p.zza Ingastone, accanto alla chiesa c’è un vecchio edificio abbandonato; in origine una scuola elementare e per un breve periodo un ambulatorio medico, ora in totale abbandono, pericolante e con coperture in amianto.
    Perchè non ristrutturarla e farci una bella caserma di carabinieri o polizia di stato o al limite municipale? Tutta la zona sarebbe più sorvegliata e si potrebbe tenere più sott’occhio il disastrato castello della Zisa.
    Progettato malissimi e costruito anche peggio…e su questo siamo tutti d’accordo. Ma adesso il problema principale e il mantenimento del decoro. Nella grande spianata di fronte l’ingresso le moto corrono a velocità sostenuta..a volte ho visto perfino delle auto posteggiate al centro. Il parco è pieno di fanghi locali adolescenti che fanno di tutto, i proprietari per bene di cani neanche si avvicinano, visto che ci sono pittbull ed altre razze potenzialmente pericolose, condotti da ragazzetti di 12 o 13 anni.
    Il parco è completamente abbandonato, come del resto tutto il quartiere, che fino a prova contraria, è meta di turismo anche in questo periodo.
    La Zisa è un quartiere totalmente dimenticato dal comune. Il punto è solo questo!


Lascia un Commento