18 lug 2015

Un desiderio sul tram: nuova linea da Castello Zisa a Castello a Mare


Molto si è discusso sull’opportunità di istituire nuove linee tram o di metropolitana su questo sito. Io sono tendenzialmente favorevole al mezzo sotterraneo perché ha una maggiore capacità di carico, perché è più veloce, perché non subisce conseguenze negative in situazioni come scioperi, o incidenti stradali in cui i mezzi privati coinvolti possono finire sulle rotaie, perché non ha alcun impatto estetico…
Tuttavia non si può negare che il tram può avere un suo perché: costa meno di una metropolitana (ma più di una corsia preferenziale di un bus ordinario), è silenzioso, non emette fumi tossici perché va ad energia elettrica (certo poi, però la stessa energia elettrica non è necessariamente ottenuta con fonti rinnovabili…).
Ritengo allora che si possa pensare al tram come un mezzo che possa collegare la città dal mare alla montagna, mentre da est ad ovest sia più adatta la metropolitana per percorrere anche tratte più lunghe ma a velocità più sostenute.
Ecco la mia idea: collegare il castello a mare con il castello della Zisa, soprattutto nell’ottica del percorso arabo-normanno riconosciuto dall’UNESCO, passando per il teatro Massimo. Perché non un normale bus? Perché il percorso attraverserebbe zone altamente trafficate in cui una normale corsia preferenziale non basterebbe a garantire tempi di percorrenza sufficientemente affidabili, cosa fondamentale per un turista, soprattutto se di quello da crociera che rimane in città poco tempo. Ma non dimentichiamo che anche il cittadino palermitano ha diritto a veder rispettato il proprio tempo: potrebbe servire per raggiungere in tempi brevi il mercatino di porta Carini, o il Tribunale per chi viene dal mare.
Questo il tragitto: il tram partirebbe proprio a fianco del Castello a Mare e percorrerebbe via Cavour, lato Prefettura per intenderci. Costeggerebbe il teatro Massimo tagliando il marciapiede (di gusto orrido e che potrebbe così rinnovarsi) dove sostano i taxi e passando tra le palme che là sorgono. In via Volturno passerebbe costeggiando la sede dell’AMAP e proprio davanti porta Carini, quindi non restringendo in questo caso, il traffico veicolare, e poi, ritagliando gli enormi marciapiedi, giungerebbe e attraverserebbe la piazza Vittorio Emanuele Orlando che in origine doveva avere un’orangerie, ma che in realtà è una colata di marmo e cemento. Si immetterebbe, quindi, in corso Finocchiaro Aprile fino Via Imera, che percorrerebbe fino in via Costantino Lascaris e da lì passerebbe per via contessa Giuditta (strada molto ampia in cui il tram potrebbe viaggiare al centro della carreggiata facendo da spartitraffico), dritto dritto fino alla Zisa, accanto alla quale c’è anche lo spazio per una piccola stazioncina dei tram.
Non so quantificare la distanza del percorso, lascio a chi più esperto questo compito e chiedo il parere a tutti i fruitori del sito: che ne dite?

 

Tragitto tram

Tragitto tram


castello a marecastello della zisateatro massimo palermoTram

39 commenti per “Un desiderio sul tram: nuova linea da Castello Zisa a Castello a Mare

Comment navigation

  • alvarezlimao 153
    19 lug 2015 alle 17:23

    Linea del tutto inutile . Bisogna puntare sulla MAL da via Oreto a Mondello. Tornando ai tram sarebbe interessante prolungare da Notarbartolo a via Amm. Rizzo passando per via duca della verdura -dei cantieri- Don Orione-via A.Rizzo. Bisogna costruire il trasporto su rotaia nelle periferie

  • Salvo68 72
    20 lug 2015 alle 9:17

    Alla buona proposta di nuova linea di tram, per valorizzarne la valenza turistica, apporterei la seguente modifica: giunto in via Volturno il tram dovrebbe girare per Via di Porta Carini, girare per Piazza Capo, proseguire per via Cappuccinelle, immettersi in via Papireto e quindi per via Lascaris fino al castello della Zisa

  • Salvo68 72
    20 lug 2015 alle 18:42

    Ovviamente la mia e’ una proposta provocatoria per sottolineare che l’utilità per i turisti non può essere una condizione sufficiente per progettare un’opera pubblica, ma bisogna innanzitutto verificare l’impatto sulla mobilità quotidiana (anche. se il tram in corso Olivuzza farebbe giustizia di tanti comportamenti vergognosi di automobilisti e commercianti)

    • Irexia 675
      21 lug 2015 alle 10:17

      Anch’io penso che corso Finocchiaro Aprile dovrebbe essere un po’ regolato, al momento è il caos più totale e secondo me la situazione danneggia questa zona di “shopping”.
      No, non sarebbe soltanto a servizio dei turisti: pensa a chi deve andare in tribunale o dal giudice di pace, chi deve andare al teatro Massimo (magari lascia l’automobile fuori dal centro e poi raggiunge il teatro col tram), chi deve andare al Capo, ma anche chi abita nelle zone toccate da questa linea!
      Fermo restando che è prolungabile, come ho letto da altri commenti…

  • bevi38 33
    20 lug 2015 alle 21:29

    Proposta da respingere.
    Assurdo far passare il tram accanto al teatro massimo.
    Assurdo tagliare gli alberi di via Volturno.
    Assurdo pensare che il pavimento della piazza VE Orlando resista al nuovo carico.
    Assurdo annullare il mercato di corso Olivuza e via Imera.
    Nel centro della città si costruiscono solo metropolitane……studiando bene i percorsi per non finire ammollo.

    • Irexia 675
      21 lug 2015 alle 10:13

      Perché trovi assurdo farlo passare accanto al teatro Massimo? E’ un monumento del primo ’900, epoca i cui i tram c’erano eccome!
      L’obiezione sulla capacità di carico della pavimentazione di piazza V.E.Orlando si può superare prevedendo una leggera deviazione, ma ritengo che un mezzo pubblico che porti al tribunale sia molto utile.
      Il mercato di corso Finocchiaro Aprile non credo verrebbe annullato, anzi! Ci sarebbe un mezzo che porterebbe i clienti proprio là davanti al negozio!
      No, al centro storico non vorrei vedere, e sentire soprattutto, alcuna metropolitana! Andrebbe benissimo una rete di trasposto pubblico tutto intorno (anche sotterraneo) e al suo interno minibus, elettrici, che lo attraverserebbero in lungo e in largo potendo passare anche attraverso alcuni vicoli.

  • basilea 594
    21 lug 2015 alle 9:58

    Secondo bevi 38 il tram accanto al teatro massimo sarebbe assurdo…..invece le CARROZZE FETIDE e IL PISCIO DEI CAVALLI sempre accanto al teatro massimo SONO COSE DELIZIOSE…..MA MI FACCIA IL PIACERE !!!!! Il tram migliorerebbe anche quella zona ! a VIENNA i tram sostano davanti il teatro dell’opera !!! ma quella e’ una Nazione civile,altro che noi !!!

  • bevi38 33
    21 lug 2015 alle 21:24

    E vero che all’inizio del ’900 il Tram c’era, ma la sede stradale non veniva stravolta.
    A Palermo, per motivi di sicurezza, si è scelto di proteggere i binari con due muretti sovrastati da due inferriate,
    questa soluzione è già mal digerita in zone come il corso dei Mille, la via Balsamo e la parte bassa di via Leonardo da Vinci.
    accanto ad un monumento come il teatro Massimo sarebbe un pugno nell’occhio.
    Se il problema è il piscio o la cacca dei cavalli, basta pulire bene e con maggior frequenza.

    • aledesign 58
      22 lug 2015 alle 3:38

      Infatti se mai dovesse concretizzarsi quelle barriere sarebbero la prima cosa in assoluto da adeguare al contesto (almeno spero)

  • Pietro 248
    31 mag 2016 alle 0:50

    Eh, ragazzi … Però dei mezzi perpendicolari all’asse di via Libertà/Maqueda CI VOGLIONO.
    Ok, magari magari non passando proprio sulla piazza VE Orlando (o forse si, bisogna vedere cove inizia il tetto e il vuoto, ma una via anche alternativa si trova). E poi …
    Ovvio che gli alberi di via Volturno NON si toccano.
    Però la proposta non è strampallata. ANZI. C’è pure il parcheggio degli Emiri là vicino. Che andrebbe collegato! Per me opzioni simili sono molto valide. Nè mi sembra tutto sto gran sacrilegio far passare un po’ di tram sul fianco sinistro del teatro Massimo. Sarebbe anche bello passarci e guardarlo in pace da dentro il tram.
    Poi ovvio…
    Anche io preferisco DI GRAN LUNGA la MAL …
    Ma anche un po’ e un po’ non mi dispiace. Anzi! Certo, non se si esclude la MAL. NO. La MAL prima di tutto!
    E poi … Serve tutto e di più! Anche tanti tram!


Lascia un Commento