21 apr 2015

A19, quale futuro per le infrastrutture della Sicilia?


La frana che ha interrotto drasticamente la A19 ha spezzato la Sicilia in due. Ci si è resi conto improvvisamente di come la Sicilia sia sottosviluppata riguardo le infrastrutture dei trasporti. Dalla ferrovia alle strade. Tutto è un colabrodo. E non ci dite che non si sapeva. Ma come al solito è meglio non scoperchiare le pentole bollenti in questa meravigliosa terra, fino a quando non ci scappa il morto, cosa che per fortuna e per puro caso stavolta non è avvenuto.

Cede pilone autostrada, sopralluogo per riapertura A19

 

C’è chi esulta per la probabile attivazione di un collegamento aereo tra Palermo e Catania, con la ciliegina di Comiso.
Ben venga. Ma facciamo due semplici calcoli:

Per arrivare all’Aeroporto di Punta Raisi servono mediamente 45 minuti, nelle rari condizioni di normalità. Bisogna utilizzare un mezzo pubblico, Bus o treno ( fino a Luglio, poi neppure questo…). Arrivare almeno un’ora prima per espletare le operazioni di imbarco. Poi 20 minuti di volo, altrettanti per le operazioni di sbarco e altri 15-20 per dirigersi verso Catania, con mezzi pubblici. Se poi bisogna pagare il parcheggio auto a Punta Raisi o a Catania, il gioco non vale più la candela.

Come tempistica “aerea”, sorvolando i costi, crediamo sia più opportuno puntare sul ferrato. Torniamo a ringraziare l’Assessore, Trenitalia ed RFI per aver accolto immediatamente il nostro invito all’attivazione di corse speciali tra Palermo e Catania.

Ringraziamo ancora per aver anticipato già dal primo Maggio il piano su cui stavamo lavorando come Comitato in sinergia con Trenitalia per l’Istituzione di 7 coppie di treni tra Palermo e Catania e la netta riduzione dei tempi di percorrenza.

Chiediamo come miglioramento del servizio la possibilità di acquisto online e sul treno del biglietto sui treni da/per Catania.

Ma intanto cosa si farà della A19? Tra bretelle e promesse di ricostruzione, voli e treni veloci, critiche e accuse reciproche, i pendolari pagano le conseguenze.

Chiediamo che l’eventuale istituzione di voli “speciali” e di treni “speciali” non cancelli la ricostruzione totale ed immediata della A19, oltre ad un piano serio sulle infrastrutture in Sicilia.

Temiamo le cose provvisiorie... Sappiamo bene che in Sicilia nulla è più definitivo delle cose provvisiorie. Vigileremo attentamente che ciò non accada!!!

Intanto chiediamo alle autorità competenti di accogliere le nostre proposte.

Cordiali saluti
Giacomo Fazio
Presidente Comitato Pendolari Sicilia
Ciufer


biancobretellacomitato pendolari siciliaferrovie siciliagiacomo faziogiovanni pizzoinfrastrutture siciliamobilita palermoorlandopalermo - cataniaregione sicilianaryanairscillatoviadotto himeravolo palermo catania


Lascia un Commento